Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 8 agosto 2013

aspI consigli Asp contro il supercaldo

.

L’ASP (Azienda Sanitaria Provinciale) di Caltanissetta ha preparato un opuscolo contenente suggerimenti per mantenere una buona salute nonostante le elevatissime temperature di questo periodo, allo scopo di prevenire i rischi per la salute derivanti dalle ondate di calore.

Insomma si tratta di un insieme di linee guida, molto utili che sarebbe molto utile distribuire nelle sale di attesa dei medici, nelle farmacie e nei luoghi pubblici più frequentati, nonchè nei servizi sociali comunali.

allarmeIntanto cominciamo col dire quali sono gli allarmi che devo spingere, in particolare gli anziani e i bambini, a consultare un medico:

  • SETE INTENSA E SENSO DI NAUSEA
  • DEBOLEZZA
  • SENSO DI SVENIMENTO
  • CONFUSIONE MENTALE
  • DOLORE AL TORACE
  • TACHICARDIA (battiti più veloci con affanno)
  • TEMPERATURA DEL CORPO ELEVATA

Basta per allarmarsi qualcuno di questi sintomi, non bisogna aspettare di averli tutti!

1500Il depliant pieghevole dell’Asp si sofferma poi sul comune COLPO DI CALORE, dà anche un Numero Verde a cui ci si può rivolgere, il 1500.

I sintomi di allarme sono:

  • malessere con pelle sudata e fredda
  • ipotensione (pressione bassa)
  • nausea. vomito
  • svenimento.

Vediamo cosa bisogna fare:

  • trasportarlo in ambiente fresco e ventilato, sdraiarlo e coprirlo con coperte,
  • spugnature con acqua fresca (non gelata!)
  • dargli da bere acqua, se è cosciente
  • se incosciente chiamare il 118.

Ecco alcuni consigli per ridurre gli effetti nocivi contro le ondate di calore con temperature troppo elevate. Bisogna dire che una persona colpita non sta male subito, in genere passa da 1 a 3 giorni prima che compaiano i primi sintomi allarmanti. Le previsioni in futuro dicono che il fenomeno delle ondate di calore a causa dei cambiamenti climatici, è destinato a durare con gravi rischi per la salute di tutti, ed in particolare per anziani, neonati e bambini (da 0 a 4 anni); e malati cronici.

imagesCA2DLYHJCome ti puoi proteggere dal caldo fuori casa?

  • Evita di uscire tra le 11 e le 18,
  • Indossa indumenti leggeri di tessuti naturali (cotone e lino) e usa creme solari ad alta protezione,
  • In auto uso le tendine parasole.
  • Non lasciare l’auto al sole con a bordo persone.

Come ti puoi proteggere dal caldo dentro casa?

  • Schermare le finestre esposte al sole
  • Mantenere l’aria condizionata tra 24 e 26 gradi
  • Utilizzare ventilatori mai diretti sulla persona
  • Aerare l stanze nelle ore più fresche.

imagesCANWK3MKPiù esposte sono le persone più anziane in particolare quelle che soffrono di malattie cardiovascolari o respiratorie croniche, ipotensione, insufficienza renale e malattie neurologiche, vulnerabili anche le persone ipertese e i cardiopatici; e quelle non autosufficienti perché dipendono dagli altri per regolare l’ambiente e l’assunzione di liquidi. Particolare attenzione va rivolta ai bambini, più soggetti a disidratazione.

Contro le ondate di calore è anche importante l’alimentazione:

  • Bevi molta acqua anche se non hai sete (gli anziani non avvertono più la sete come si deve)
  • Non bere alcolici e superalcolici
  • Fai spuntini leggeri durante la giornata, peferibilmente frutta, verduta e pesce.

Questo articolo potrà essere ripubblicato (anche modificato) in occasione di altre ONDATE DI CALORE

Read Full Post »

Simbolo comunemente usato per tenere lontano il malocchio è la mano di Fatima, la figlia prediletta del profeta Maometto

85ff8-fatima

La mano di Fatima

.
La leggenda racconta che Fatima, stava preparando la cena quando arrivò il marito Alì in compagnia di una bella e giovanissima concubina.
Fatima ne fu addolorata al punto che si confuse nei movimenti e mise la mano nell’acqua bollente; era talmente dispiaciuta e assorta nei suoi pensieri, che non sentì alcun dolore, ma Alì accortosi si gettò su di lei urlando per salvarla.
Da allora la mano di Fatima divenne un simbolo di serietà e autorevolezza.
Si ritiene inoltre che la raffigurazione della sua mano o del numero cinque abbiano un effetto analogo al protendere metaforicamente le dita contro il malocchio, pronunciando le parole khamsa fi ainek(cinque nel tuo occhio)

Read Full Post »

Dopo le vibrate proteste di un intero villaggio e alcuni quartieri contro la musica  tutto volume fino a notte fonda, il sindaco emette un’ordinanza per consentire notti tranquille

Ecco le nuove regole per intrattenimenti a suon di musica

di c. l.)
.
Il sindaco Peppuccio Vitellaro ha messo a punto una ordinanza per la regolamentazione della materia riguardante gli intrattenimenti nei locali pubblici. Un provvedimento che «intende conciliare la tutela della quiete pubblica con la necessità di fornire maggior comfort e servizi alla clientela che frequenta i locali cittadini».

imagesCAK00XNIIn base all’ordinanza, per intrattenimenti musicali sotto le 100 persone, si possono effettuare dal vivo tramite comunicazione da trasmettere in duplice copia al Comune di Milena almeno tre giorni prima dell’evento. Alla documentazione va allegata la previsione di impatto acustico, redatta da un tecnico abilitato o dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà se le emissioni di rumore non sono superiori ai limiti stabiliti dalla legge e il nulla osta della Siae o impegno a provvedere entro i termini di legge.

Per intrattenenti musicali superiori a 100 persone, invece, occorre la richiesta all’Ufficio tecnico comunale del parere della Commissione di Vigilanza sui locali di pubblici spettacoli. Sono escluse dall’applicazione di tale ordinanza le attività di diffusione di musica nell’ambito di feste patronali, sagre, fiere, manifestazioni organizzate e/o patrocinate dal Comune. L’ingresso a questi spettacoli dovrà essere gratuito.

L’orario nel periodo invernale (dall’1 ottobre al 31 maggio e solamente nei giorni del venerdì, sabato, festivi e prefestivi) è sino alle ore 24, mentre nel periodo estivo (dall’1 giugno al 30 settembre) fino alle ore 1,00.

spettroLe sanzioni previste partono da 50 a 500 euro oltre all’immediata interruzione di ogni attività di intrattenimento. In caso di particolare gravità o di seconda violazione nello stesso anno solare, il contravventore è punito con la sanzione amministrativa di 250 euro oltre l’immediata sospensione dell’attività del pubblico esercizio per un periodo di tre giorni.

Infine, in caso di ulteriore violazione, sempre nello stesso anno solare, il contravventore è punito con la sanzione amministrativa di 500 euro e la sospensione dell’attività del pubblico esercizio per un periodo di sei giorni.

LEGGI L’ORDINANZA INTEGRALE

(altro…)

Read Full Post »

Da Milocca a Comiso, i nodi dell’Italia

di Gianfranco Fabi

Deaglio

Deaglio

.

Un’economia globale sull’asse di equilibrio: questa l’immagine che riassume il rapporto sul rapporto sull’economia globale e l’Italia curato anche quest’anno dal Centro Einaudi e coordinato da Mario Deaglio, uno dei più autorevoli economisti italiani. Un equilibrio ancora instabile, in cui restano ancora aperti i problemi finanziari che hanno fatto esplodere la crisi nel 2008 e in cui le dinamiche demografiche penalizzano pesantemente un Continente sempre più vecchio come l’Europa.

Nella parte dedicata all’Italia il rapporto si concede quella che solo a prima vista potrebbe sembrare una divagazione letteraria. Viene citata infatti una novella scritta nel 1922 da Luigi Pirandello, intitolata “Le sorprese della scienza”, e giudicata “la migliore descrizione dello stato d’animo oggi prevalente in Italia relativamente all’innovazione tecnologica”.

Pirandello3

Pirandello

Ebbene in questa novella si racconta delle forte opposizione che nel paesino siciliano di Milocca si era sollevata di fronte al progetto di costruire un acquedotto e di collegare il paese alla rete elettrica regionale. Con applausi scroscianti venne infatti accolto l’intervento di un consigliere comunale in cui si spiegava, citiamo, “che la dura esperienza in altre città, o signori, ha purtroppo dimostrato che gl’impianti idro-termo-elettrici sono della massima difficoltà e serbano dolorosissime sorprese. Nessuno può far miracoli, e tanto meno, su la base d’un così fatto progetto, potrà farne il Municipio di Milocca”.

Milocca

Milocca

E commenta Pirandello: “Questo era il tempo delle grandi scoperte, e ogni amministrazione che avesse veramente a cuore il decoro del paese e il bene dei cittadini, doveva stare in guardia dalle sorprese continue della Scienza. Pertanto, sicuro d’interpretare i voti del buon popolo milocchese e di tutti i colleghi consiglieri, il sindaco proponeva la sospensiva sul progetto della Giunta”.

Ecco quindi nascere la sindrome di Milocca: l’estrema difficoltà nel costruire nuove infrastrutture. Basti pensare alle contestazioni alla linea ad alta velocità tra Torino e Lione, al no popolare al termovalorizzatore in Val d’Aosta, alla mancata autorizzazione per il rigassificatore di Brindisi, ai tempi biblici necessari per le licenze di nuovi centri commerciali. Solo da pochi mesi sono partiti i cantieri per le nuove autostrade tra Milano e Brescia e tra Malpensa e Bergamo, la Pedemontana, due progetti di cui si parla da almeno quarant’anni.

E nel giorno dell'apertura c'è il giallo del nome: non si parla più dell'intitolazione avvenuta nel 2007 a Pio La Torre. Lo scalo viene indicato come aeroporto degli Iblei ''generale Vincenzo Magliocco'' a Comiso. Il nome del vecchio aeroporto militare italiano.

E nel giorno dell’apertura c’è il giallo del nome: non si parla più dell’intitolazione avvenuta nel 2007 a Pio La Torre. Lo scalo viene indicato come aeroporto degli Iblei ”generale Vincenzo Magliocco” a Comiso. Il nome del vecchio aeroporto militare italiano.

Ma non c’è solo Milocca. Un altro piccolo paese della Sicilia, Comiso, è la testimonianza di un’altra particolarità italiana. La realizzazione di infrastrutture che poi non si riesce o non si vuole utilizzare. Comiso era diventata famosa negli anni ’80 perché venne costruita una base militare della NATO con oltre cento missili Cruise puntati, anche con armi nucleari, verso l’allora Unione Sovietica. Caduto il muro di Berlino, e affidata la guerra fredda ai libri di storia, la base è stata riconvertita ad usi civili, la pista è stata allargata, così come è stata costruita, con un costo di oltre cinquanta milioni di euro, una nuova aerostazione con tutto quello che è necessario ad un moderno aeroporto: da banchi dei check in ai controlli di sicurezza, dalle sale d’attesa ai posteggi. C’è anche un sito web con una pagina dedicata ai voli del giorno… una pagina desolatamente vuota. A Comiso manca infatti una cosa: gli aerei. A cinque anni dall’inaugurazione nessuna compagnia ha avuto ancora l’autorizzazione ad operare per una serie infinita di problemi burocratici e di gestione.

E non si tratta di un’esclusiva siciliana…

(altro…)

Read Full Post »

Bing Bang concede il bis

La formazione della «Big Bang» ha vinto il torneo estivo di calcetto

.
la squadra Big Bang insieme al Sindaco Vitellaro, l’assessore allo sport Mattina, l’arbitro Falcone e gli sponsor Nino Saia (Chiosco Big Bang) e Carmelo Diliberto (Bolle di Sapone).

La squadra Big Bang con il sindaco. l’assessore allo sport, l’arbitro Totò Falcone e gli sponsor Nino Saia (Chiosco Big Bang) e Carmelo Diliberto (Bolle di Sapone).

E’ andato alla squadra Big Bang il successo finale dell’edizione 2013 del Torneo milenese di calcio a 5. Un torneo che, anche quest’anno, ha riscosso un interesse e una partecipazione davvero notevoli.

Davanti al pubblico delle grandi occasioni, la finale ha visto di fronte il Big Bang contro il Bompensiere. Le due squadre, che per altro sin dall’inizio erano state indicate come le favorite d’obbligo per la vittoria finale, hanno dato vita ad un incontro parecchio intenso nel quale nessuna delle due squadre hanno lesinato energie per cercare di giungere alla vittoria finale.
Una finale che ha regalato emozioni agli spettatori e tanti gol, anche se di certo non può definirsi “combattuta” poiché la Big Bang ha vinto imponendosi con un roboante 13-3 finale.
C’è comunque da rilevare che al Bompensiere mancava un giocatore di grande valore come Enzo Martorana, impegnato nel ritiro con il Ribera, ma ciò non toglie merito alla prestazione dei ragazzi allenati da mister Insalaco, perfetti in ogni parte del campo.
Nella finale, per il Big Bang sono andati a segno praticamente tutti.
Con il successo, la Big Bang si è aggiudicata il torneo Milenese di calcio a 5, per il secondo anno consecutivo.
Questi i componenti della Big Bang che hanno vinto l’edizione 2013 del torneo di calcio a 5 Città di Milena: Simone Vitellaro, Calogero Insalaco, Matteo Gattuso, Lillo Lana, Nino Saia, Matteo Vitellaro, Gabriele Sorce, Claudio Mazzara, Davide Montana. A premiare la squadra che ha vinto il torneo è stato il sindaco Vitellaro assieme all’assessore allo sport Mattina.
Fonte La Sicilia

Read Full Post »

Incendio a Raffe, interviene il capo della Protezione civile, Saia

Rogo al parco archeologico “Raffe”

di Roberto Mistretta
.
Il fumo nella zona di Raffe

Il fumo nella zona di Raffe

 

“Un incendio – lamenta il capo della Protezione civile provinciale, dott. Salvatore Saia – che si verifica puntualmente ogni anno in barba a qualsiasi possibilità di attuare azioni di prevenzione.

Fino all’anno scorso un presidio di forestali ha consentito di condurre una stagione relativamente senza incendi, anche se poi alla fine puntuale è arrivato. Evidentemente vi sono degli interessi o motivi di “risentimento” che portano qualche soggetto a dare corso a quello che in termini specialistici viene definito come “incendio di interfaccia”. La definizione di incendio di interfaccia è nata qualche anno fa, quando cominciarono a morire le persone allocate in strutture prospicienti aree arbustive o boschive pericolosamente prossime a strutture o interessanti aree di particolare pregio da salvaguardare. Come i “parchi” ad esempio. Siano essi naturalistici e/o archeologici”.

“In merito nel 2007 – continua il dott. Saia – dopo le gravi conseguenze di incendi in strutture ricettive (agriturismo e villaggi turistici), in modo particolare in Sicilia l’incendio a Patti nel quale persero la vita cinque persone, venne emessa l’Ordinanza di Protezione civile n. 3606/2007 che stabiliva di provvedere alla perimetrazione e classificazione delle aree esposte ai rischi derivanti dal manifestarsi di possibili incendi di interfaccia, nonché all’organizzazione dei modelli di intervento. A provvedere le Prefetture, con il coordinamento della Regione, in collaborazione con province, l’ausilio del Corpo forestale della regione Siciliana, e del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, nonché delle associazioni di volontariato ai diversi livelli territoriali. Venne redatto un Manuale operativo per la predisposizione di un Piano comunale e intercomunale di Protezione civile che, oltre a definire gli scenari di riferimento, indica quali siano le modalità di definizione e perimetrazione delle fasce e delle aree di interfaccia, di valutazione della pericolosità, di analisi della vulnerabilità e, infine, della valutazione del rischio con la descrizione dei diversi livelli di allerta.

Tutti i Comuni della provincia hanno redatto tale piano, ma quasi nessuno riesce ad attivarne le attività di prevenzione.

(altro…)

Read Full Post »

« Il cane a sei zampe fedele amico dell’uomo a quattro ruote »

da wikipedia

.

canIl cane a sei zampe è il marchio dell’Eni, da sempre associato al logo della compagnia (e al logo di ciascuna azienda del gruppo, come l’Agip).

L’autore del marchio è Luigi Broggini, il rifinitore Giuseppe Guzzi.

Secondo l’interpretazione ufficiale della società, le sei zampe del cane simboleggiano le quattro ruote dell’automobile e le due gambe del guidatore.

Il marchio con il cane a sei zampe venne presentato per la prima volta nel 1954 e subito divenne il marchio dell’Eni, nata l’anno precedente.

Come autore del bozzetto figurò il designer Giuseppe Guzzi. Broggini non ammise mai la paternità dell’opera, che gli fu attribuita dopo la sua morte (avvenuta nel 1983) in base alle testimonianze del figlio.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: