Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Turismo’ Category

E’ solo l’effetto della nuova Amministrazione comunale!

.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Superstrada Catania-Ragusa

.

 I sindaci consegnano le fasce tricolori a Musumeci in segno di protesta contro il Governo

l’Opinione della Sicilia

 

Si è svolto stamani a Catania l’incontro tra il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e i sindaci del Sud-Est della Sicilia che hanno consegnato simbolicamente le loro fasce tricolori in segno di protesta verso il governo nazionale per la mancata decisione sulla realizzazione della superstrada Catania-Ragusa.

Un fronte comune tra Regione ed enti locali per tornare a chiedere a viva voce l’esecuzione di un’arteria stradale considerata fondamentale per lo sviluppo economico e turistico, ma che risulta bloccata al Cipe e in merito alla quale è stato negato l’accesso agli atti a otto sindaci che ne avevano fatto richiesta.

Nel Palazzo della Regione nella Città etnea, oltre al presidente Musumeci e all’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, erano presenti il sindaco metropolitano di Catania Salvo Pogliese e i primi cittadini di Ragusa Giuseppe Cassì, di Carlentini Giuseppe Stefio, di Chiaramonte Gulfi Sebastiano Guerrieri, di Licodia Eubea Giovanni Verga, di Lentini Saverio Bosco, di Vizzini Vito Cortese e l’assessore di Francofonte Giuseppe Vinci.

Il sindaco di Carlentini Giuseppe Stefio, a nome di tutti colleghi, ha ringraziato Musumeci per la vicinanza della Regione e gli ha chiesto di farsi portavoce «del disagio profondo delle comunità» nei confronti del governo nazionale per avere «mortificato le aspettative di un territorio di oltre seicentomila persone, che aspetta di uscire dall’isolamento nel quale si trova».

Il presidente ha chiesto loro di aspettare fino alla prossima seduta del Comitato interministeriale per la programmazione economica, prevista a giorni, per una decisione definitiva.

“Siamo molto preoccupati – sottolinea il governatore – della condotta dell’esecutivo nazionale. Si procede a zig zag: quando tutto sembra essere arrivato al traguardo si riparte da zero. Aspetteremo ancora qualche giorno, ma se anche questa volta non dovesse arrivare una risposta chiara, netta e soprattutto decisiva metteremo in campo azioni di protesta civili, ma clamorose. Mi chiedo chi abbia interesse a bloccare quest’opera e soprattutto per quale motivo. Siamo ancora parte dell’Italia o qualcuno a Roma pensa che la Sicilia sia una colonia? Sia chiaro, questo non lo consentiremo a nessuno”.

 

Read Full Post »

Foto/G. Raneli

Read Full Post »

La strada a scorrimento veloce ora è a scorrimento lento!

Read Full Post »

LASICILIA.IT
L’intervento del presidente della Regione sul nostro giornale in risposta a quello degli stilisti dopo la sfilata nella Valle dei Templi

Read Full Post »

La minoranza: “Ripristino dei bagni distrutti e pulizia del Parco Urbano. Proposta di custodia e di collocamento di qualche telecamera di sorveglianza”

.

I consiglieri comunali del gruppo MILENA DOMANI hanno protocollato una lettera al Sindaco sulla situazione pessima del Parco urbano Sandro Pertini.

“Sicuramente lei sarà a conoscenza dello stato di abbandono e degli atti vandalici diretti contro alcune strutture del Parco Urbano intitolato a Sandro Pertini. E’ necessaria una pulizia straordinaria dello stesso in considerazione del fatto che per tutta l’estate il parco rappresenta il principale luogo di ritrovo delle persone residenti e degli emigrati che rientrano per le ferie, e anche di ristoro dal caldo.

Il tenere il parco pulito spetta ai cittadini molti dei quali, nonostante la presenza di tanti cestini, si ostinano a buttare per terra ogni genere di rifiuti; a proposito rinnoviamo l’invito (nostra interrogazione dell’anno scorso, 11/07/208, prot. N°002) a far collocare all’esterno del parco urbano alcuni contenitori per la differenziata visto che si trovano bottiglie di vetro, lattine e quant’altro sui muretti, sugli scalini e sul marciapiede per assicurare pulizia e un maggiore decoro urbano.

videosorvLa pulizia generale della struttura spetta al Comune, come all’Amministrazione spetta il compito di identificare e punire i colpevoli delle trasgressioni: ma chi lo fa, chi dovrebbe farlo? Secondo noi, bisognerebbe prevedere la figura di un custode della villa o la presenza dei tanti giovani disponibili a lavorare per la comunità.

Discorso a parte va fatto per i vandali disruttori, per identificare i quali è necessario immediatamente far collocare una o più videocamere di sorveglianza nelle aree più a rischio. Inoltre sarebbe auspicabile un servizio di pattugliamento concordato tra i vigili e i carabinieri, la cui presenza sul posto fungerebbe da deterrente.

I bagni distrutti, le porte rotte invece andrebbero subito sostituiti per consentire ai frequentatori dei bagni pubblici un accesso sicuro e al riparo di occhi indiscreti. Non si possono lasciare così come si trovano i bagni: è come darla vinta a chi li vandalizza e anche un segno di superficialità.

I sottoscritti consiglieri comunali la invitano quindi a mettere in atto tutte le misure indispensabili per rendere la struttura del parco urbano idonea e perfettamente fruibile dalla cittadinanza.

Alfonso Cipolla, Angela Falcone, Maria Carmela Ferlisi, Maria Giulia Provenzano.

(altro…)

Read Full Post »

Pipì e Popò

di Plin Plin

.

Se un bar non ha i servizi igienici, non è a norma e deve adeguarsi o chiudere.
Se un parco comunale non ha i servizi igienici fruibili DEVE adeguarsi oppure chiudere affinché si possano rendere idonei ai visitatori.
Il vandalismo non può essere combattuto lasciando a monito la devastazione, è un fenomeno che va monitorato, se eccede in determinate aree e contro il patrimonio comune allora bisogna provvedere, ognuno per la propria parte.
Il Sindaco, il Comune devono attrezzarsi con deterrenti appositi.
Le telecamere potrebbero essere una buona ricetta.
I genitori, beh a riguardo bisognerebbe fare una lunghissima meditazione. Spesso i genitori non sanno neanche cosa combinano i figli fuori.
Non so se nell’estate milenese 2019 siano previste manifestazioni al parco.

Anche il mercato a questo punto è in dubbio perché si presuppone che gli ambulanti si servano, il martedì, dei bagni del parco. La faranno per i campi? O la terranno fino a casa propria? Salute e igiene, sindaco rifletti!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: