Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘SiciliAntica’ Category

Giufà, l’omu ru muru

.

‘n campagna avianu ntisu parlari di stu Giufà chi di nuđđu si scantava. U chiù spertu ri viđđani pinzau di jiri o paisi unni Giufà abbitava, pi pigghiallu pi fissa.
Appena arrivau fu salutatu don omu ch’era appuiatu o muru viçinu a porta ru paisi:
– Salutamu a bossia! Si cci servi quarche cosa sugnu ccà pi sirvilla.
– Vinni o paisi, picchì ha pigghiari pi fissa a Giufà. Mi sai riri unn’abbita?
– Ma çertu! – arrispunniu l’omu – U va cercu iu! ma finu a quannu tornu mi tinissi stu muru p”un  fallu cariri. – E ssi nni jiu.

Passau l’ura di manciari, e u viđđanu aspittava addijunu. Si fiçi sira, e u viđđanu stancu tinia ancora u muru.
Ora c’era un mecchiaređđu ch’abbitava dhà viçinu, chi s’aia vistu tutta la farsa, e quannu happi pietà ru viđđanu, ci addumannau chi façia ancora dhochu e picchì nun zi nni jia ‘n casa.
– Aspettu a Giufà. – Arrispunniu – Un omu mi rissi di teniri stu muru fin’a quannu nun turnava cu Giufà.
– Ma chiđđu era Giufà! – rissi řirennu u vecchiu – Ti pigghiau pi fissa prima chi tu pigghiassi pi fissa a iđđu.

O poviru viđđanu nun ci arristau chi turnarisinni a so burgata.

Read Full Post »

Read Full Post »

Giufà e a sçocca

.

GIUSi cunta chi ‘na vota a matři di Giufà, prima di jirisinni a la missa, ci rissi:
– Giufà, viri chi c’é a çocca chi havi a cuvari l’ova. A pigghi, ci runi a manciari u mpastu ri canigghia e a metti arré ‘n capu all’ova p”un  falli arrifriddari.

Giufà, allura, pigghia a çocca, ci mpasta a canigghia e a pasci. A pasciu tantu chi jirita, chi cci jinchiu u cannarozzu di canigghia, e a fiçi moriri affucata.

Quannu Giufà vitti a çocca morta, rissi:
– E ora comu fazzu, ca lova s’arrifriddanu? ora mi cci aggiuccu ri supra!
Si cala i causi, s’aisa a cammisa e ss’aggiucca ‘n capu all’ova.

Vinni so matři e chiamava:
– Giufà! Giufà!

Arrispunni Giufà:
– Ccà sugnu! nun pozzu veniri, chi sugnu assittatu ‘n capu all’ova, masinò s’arrifriddanu!

So matři si misi a vuçiari:
– Malacunnutta! Tutti l’ova scafazzasti!
Si susi Giufà e ll’ova avianu addivintatu tutti ‘na picata.

    

Read Full Post »

Giufà e u sciauru d’arrustu

.

Un gnornu un poviru affamatu passau viçin’on vucceri unni s’arrustia carni.

L’Omu nun avia sordi p’accattarini, accusì ch’ un pezzu ri pani si cci assittau viçinu a manciari, çauriannu u profumu di l’arrustu.

Quannu finiu ri manciari, si cci avviçinau u patřuni ra putia e cci addumannau di pacari u profumu di l’arrustu. U povir’omu si vitti passari viçinu a Giufà, chi canuscia, e ci addumannau r’addifennilu.

Giufà ci pinzau, poi rissi o vucceri:
– quantu dinari ci addumannasti pu profumu ra to carni?
– çincu dinari. – Ci arrispunniu l’omu.

Allura Giufà pigghiau ri ‘n zacchetta ‘na munita ri çincu dinari e a fiçi scusciri supra u tavulu.
– U sintisti u scrusciu ra munita? – Ci addumannau Giufà.
– Certu! – Arrispunniu l’omu.
– Allura cunzidira u scrusciu ri ssa munita comu pagamentu ru profumu da to carni.

Read Full Post »

PIGGHIA LU BON TEMPU  E NFILATILLU DINTRA

Sara Cappello

.

Na vota la soggira dissi a la nora:

-Pigghia lu bon tempu e nfilatillu dintra.-

La nora un ni capiu nenti ca vinia a diri di stari attenta e di sapiri apprufittari di lu beni di Diu.

E na jurnata, ca era na bella jurnata e lu suli era na gioja, la nora acchiana supra lu tettu di la so’ casa e accumenza a livari tutti li canali, tantu ca la casa arrestò scummigghiata.

– Ah, dissi idda allura…ora si ca lu bon tempu mi l’ajiu nfilatu tuttu dintra!-

Read Full Post »

‘U Scuparu

(il venditore di scope)

Gaetano Blandi

.

Proveniente dalle borgate delle città prossime ai monti della Conca d’Oro, da Tommaso Natale, dall’Inserra, da Altarello di Badia, ecc., ‘u scuparu arrivava a Palermo con un grappolo di scope a tracolla sulla spalla coperta da una stuola, gridando per le vie: “Scupi, scupi! Accattativi  i scupi! Chi belli li scupi chi haju!” (Scope. scope! Compratevi le scope! Che belle scope che ho!”).

Egli andava in giro tutto l’anno, eccetto il mese di agosto, per il fatto che le scope proprio in quel periodo erano ritenute dalla superstizione popolare non propizie per i matrimoni specialmente per quelli che riguardavano le ragazze già da marito. (Non fatevi toccare le scarpe dalla scopa se no non vi maritate più! NdR).

Capitava però che per alcuni mesi dell’anno ‘u scuparu scompariva dalla circolazione perché si recava sui monti per raccogliere il verbasco, il quale necessitava di essere preparato e manipolato per la confezione delle scope, le quali venivano vendute a dieci centesimi ciascuna.

Spesso ‘u scuparu era atteso con ansia dalle sue abituali clienti che, rimaste con le scope logore e quasi interamente consumate, erano impazienti di pulire per bene le loro case e gli annessi cortili.

(altro…)

Read Full Post »

Anche il fico d’india ha la sua leggenda e anche questa storia fu raccolta da Giuseppe Pitrè: su di essa i nostri nonni ci marciarono sopra con storie e aneddoti curiosi…

.

fichidindia3

Si narra che originariamente il “pedi di ficudinnia” (ficodindia), fosse velenoso e fu importato in Sicilia dai turchi, al fine di distruggere con esso i popoli cristiani.

Forse per miracolo oppure per la diversità di clima, appena esso fu trapiantato in Sicilia vi si acclimò e cominciò a dare frutti sani e dolci.

Secondo la medicina popolare, bere succo di fichidindia con zucchero fa bene alla tosse, un decotto di fiori disseccati cura le coliche renali. Numerosi sono gli impieghi della pianta, per la cura del tumore della milza, per slogature e lussazioni, per la febbre della malaria.

E’ una pianta di cui non si buttano neanche le cosiddette pale che si danno a mangiare alle vacche e vitelli.

E la buccia? Dirà qualcuno sfottendo: anche quella è commestibile.

I nostri nonni, infatti, non dicevano sciocchezze quando ci incitavano: «Jinchi la panza e jinchila di spini» (nda. riempi la pancia e riempila di spine).

Ecco perchè loro facevano le bucce a cotoletta, e pure in pastella! Con un coltello le massaie toglievano le spine, poi le facevano bollire e le panavano oppure le intingevano nella farina prima di friggerle. Ancora oggi nelle Madonie, qualcuno le mangia.

safe_image.php

E del “masticuddì” di Geraci Siculo ne vogliamo parlare?

Era una mostarda di succo di fico d’india che si usava tagliare a piccoli rombi conservati fra le foglie di alloro.

Era una “cosa dùci” (nda. un dolce) che le nonne preparavano per i nipotini. Sicuramente qualcuno farà lo schizzinoso, ma poi mangia il gelato, la marmellata o beve il liquore al gusto di fico d’india.

fiIn realtà il ficodindia proviene dal Messico.

Fu Hernando Cortes che lo scoprì nel 1519 e lo portò in Europa.

Ma noi, si sa, siamo sempre i più furbi e abbiamo inventato “i scuzzulati” (nda. bastardoni), nati a probabilmente da una lite tra contadini confinanti.

A quanto pare nacquero perché per danneggiare un vicino, un contadino recise i fiori delle piante affinchè non producessero frutti.

In realtà la fruttificazione fu soltanto rimandata. Alle prime piogge vennero fuori frutti più grossi e succosi.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: