Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘SiciliAntica’ Category

CCI APPIZZARU LU SCECCU E LI CARRUBI

Sara Cappello

.

Cc’era ‘na vota un Capaciotu, unu di chisti cu la pagghia-luonga, e purtava un sceccu càrricu di carrubbi. ‘Ncugna un malufujutu di chisti chi vannu strati strati, ‘nfila la manu, e cci pigghia un pugnu di carrubbi. Lu Capaciotu cci abbia c’un càuciu ‘nta li sigreti, e lu stinnicchia ‘n terra. Currinu li genti:

– Mischinu, mischinu!… Stu viddannazzu! ca pi nenti ammazza li genti! – e cci vulia chiantari di manu a lu Capaciotu.

Nta mentri, vennu li sbirri, unu accùcchia a lu Capaciotu, n’àutru si pigghia lu picciottu assintumatu, e n’àutru lu sceccu.

Causa, Patrucinaturi, Avvocati, cumprimentu a chistu, terzu a chiddu: lu poviru Capaciotu nni nisciu pi puru miraculu; ma ‘nta tricchi e barracchi cci appizzò lu sceccu e li carrubbi.

(raccontata da Agatuzza Messina di Palermo)

 

 

Annunci

Read Full Post »

Lettere d’amore

LETTERE D’AMORE

Armando Carruba

.

acOggi come oggi, non è ieri come ieri, nell’inserire il pensierino – tra i tanti pensieri pescati nel mare internet – mi ricordo, quando innamorati, senza internet, telefonini e più delle volte senza telefono a casa, si scrivevano le lettere! Era una magia!

Ricordo militare, prima di tutto si sceglieva la carta da lettere che doveva avere i bordi con fiorellini colorati … poi la si scriveva e, o la si profumava oppure s’inseriva un petalo di rosa o una bella foglia gia precedentemente fatta seccare dentro un libro… Viditi chi sdillizio! Ma era molto più romantico di oggi!

loveletter1Quando arrivava la lettera, si riconosceva che era della fidanzata e anche il sottocapo che te la dava se ne accorgeva e te la consegnava con un sorriso, come dire “ammuccamu ah?” … E tu la leggevi, la rileggevi, l’odoravi quasi a sentire la sua presenza, la mettevi sotto il cuscino e nei giorni seguenti sino all’arrivo di un’altra lettera la passavi e ripassavi…

Oggi i pensieri sono fuggenti, volano con i tasti del computer o del cellulare…. Ma cosa ci vuole per scrivere dei bei pensieri carichi d’amore?
Per scrivere una buona lettera d’amore, bisogna iniziare senza sapere che cosa si vuole dire e finire senza sapere che cosa si è scritto..

Read Full Post »

Due proverbi sulla bocca dei nostri avi

Armando Carruba

.

Buonaserata amici di Milocca!

Tricche e ballacche, c’è sempre un pensiero a Milocca. Stasera a cena, per invitare mio figlio a mangiare (chistu nun mi piaci e chi è ‘sta cosa?) ricordandomi di una frasi milucchisa che mio padre ci diceva in queste occasioni mi son trovato a dirgli….
MANCIA E INGRASSA E PRIA LA MORTI CA TI LASSA !
Si dice ancora questa frase? o è caduta nel dimenticatoio definitivamente?

Altra circostanza per invitarci a mangiare ci raccontavano la storiella (non era assolutamente vero) che ai primi del ‘900 a Milena il nonno metteva una sarda appinnuta ‘o tettu e tutti ci passavano il pezzo di pane mangiando pani schittu con l’odore della sarda!!! ‘U bello ca funzionava! Perchè noi ragazzini ci credavamo! Eh ammucca lapuni, la nostra innocenza era un’altra cosa…

Beh buona serata a tutti, a Sarausa u tempu sta canciannu e docu?

(altro…)

Read Full Post »

Pinnacula pinnacula pinnìa

Sara Cappello

.

Cattura.PNGNa vota c’era un mircanti chi java viaggiannu pi li so mircanzii. Stu mircanti quannu arrivava nna quarchi paisi s’arripusava e java nna quarchi lucana; ma quannu cci scurava nta li pedi, s’avia arristari unni s’attruvava, macari nta un voscu.

Ora na vota, nta di l’autri, mortu di lu sonnu si jittò sutta un pedi di piru e si misi a dormiri. Li latri l’abbistaru; dici – Picciotti, prisa c’è; jamu!- e s’abbiaru nni stu poviru mircanti.

Ora st’arvulu era carricu di pira ca ognunu pisava menzu rotulu l’unu, ed eranu belli maturi. C’cera nanticchia di vintareddu e li pira pinnuliavanu e jiavanu di ccà e di ddà.

una-pera-gialla-matura-che-pende-da-un-albero-nel-giardino-78079330Unu di sti pira, rumpisi lu piricuddu, ppuhm! E cci scoppa supra lu nasu. Lu mircanti sata ntall’aria; va pi jisari l’occhi e vidi li latri chi vinivanu pi iddu.

-A mia vuliti?!- allippa, e santi pedi aiutatimi!

E ddocunni vinni lu nniminu chi dici:

pinniculu pinnacula pinnia,

s’un era pi pinniculu pinnaculu muria.

 

 

Read Full Post »

Read Full Post »

LI DIAVULI DI LA ZISA

Sara Cappello

.

Hannu a sapiri ca nPalermu cc’è un gran palazzu ch’è comu un casteddu e si chiama di la Zisa. A sta Zisa cc’è na ntata ch’e’ fatta d’oru e appitturata vera galanti e nta lu menzu na funtana di marmura ca cci scoppa un’acqua pulita e frisca ca veni lu cori, e nta st’acqua s’arrozzulanu pizzudda d’oru e d’argentu.

Ora dd’ocu nta sta Zisa, cc’è lu ncantisimu e cc’è un bancu di munita d’oru, lu cchiù granni chi mai e lu tennu ncantatu li Diavoli, pirchì nun vonnu chi si lu pigghiassiru li cristiani; pirchì lor signori hannu a sapiri ca stu palazzu fu fattu a tempi di li pagani e ci tinianu ammusati li tisori di lu mPiraturi. Ora nta l’arcu di sta bella ntata di la Zisa, cci sunnu pinciuti li diavoli; cu va a talialli lu jornu di la Nunziata, li vidi chi si movinu la cuda, torcine li mussa, e nun si fida di cuntalli mai; chissà è pi addimustrari ca mancu si ponnu cantari li dinari ncantati, tantu su assai e mancu si ponnu sbancari. Ma un ghiornu, lu rimediu pri sbancalli s’havi a truvari e allura finiscine tutti li puvirtà di Palermu.

Borgetto

LI DIAVULI DI LA ZISA

(variante)

.

A li vinticincu di marzu, la festa di la Nunziata, si va a la Livuzza e si vannu a visitanu li Diavoli di la Zisa. Sti Diavoli sunnu nta lu tettu e nun si po’ sapiri quantu sunnu. Cu dici ca sunnu tridici, cu dici ca sunnu quindici, cu dici ca sunnu macari chiossai; sta verità un si po’ sapiri. Si cuntanu, si cuntanu, e ora nescinu di cchiui, ora di menu. Sunnu diavoli, e a sensiu miu pirchì sunnu diavoli un si fannu cantari. Ora pi chissà quannu na cosa un si po’ sapiri quant’è si dici: E chi su, li diavoli di la Zisa!

Palermo – Raccontata da Francesca Amato

 

 

Read Full Post »

21558744_10212753853616275_3300070807371546358_n

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: