Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘SiciliAntica’ Category

Mandorlo in fiore eredità immateriale della Regione

La Sicilia

.

«È un’ulteriore attestazione della qualità e varietà del nostro patrimonio – dice il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. – È anche un altro tassello che si aggiunge per testimoniare la serietà delle intuizioni e delle strategie condivise, che abbiamo portato avanti: sin dal 2015 abbiamo sostenuto con la Regione siciliana la necessità, e nel 2016 l’urgenza, di orientare il nostro Mandorlo in fiore su percorsi di valorizzazione e di collettivo riconoscimento, ponendolo al pari, se non al di sopra, di manifestazioni di eccezionale valore».

«La Conferenza Iccn (Internazionale delle città custodi del patrimonio immateriale dell’Unesco), che fu organizzata ad Agrigento nel dicembre 2016, ne fu la premessa. È un momento straordinario per Agrigento e per il Patrimonio del sito Unesco della Valle dei Templi – aggiunge Firetto -. D’intesa con il Parco archeologico della Valle dei Templi, il Mandorlo in fiore è tappa fondamentale del programma di Agrigento 2020 per i 2600 anni di storia della città».

Annunci

Read Full Post »

Read Full Post »

superstizioni.jpg

Read Full Post »

LU PISCI RUSSU

Sara Cappello

.

i282882364563704402._szw1280h1280_.jpgUna vota si cunta e si riccunta ca cc’era un marinaru, vecchiu, affamigghiatu e figghiu di la mala furtuna. ‘Na jornata li picciriddi chiancìanu di la fami, la mugghieri era ntra un funnu di lettu, ed iddu ca mancu putia stari a l’addritta. E si nn’ha jutu a lu mari.

– O furtuna scilirata, ca mi vai sempri a travirsari, ca m’hai livatu la vita, ed ora mi stai sminuzzannu lu cori muddichi muddichi! O furtuna mmaliditta, arricoghimi a lu funnu di stu mari!

E tuffiti, si jittau a testa appuzzuni ntra l’acqua.

Chi è, chi fu? – Un pisci russu si I’ha misu supra lu schinu e lu porta supra ’na scugghiera.

Vattinni, cci dici. poviru marinaru, ca la furtuna è cu tia; sattìnni prufittari e di quantu ricchizzi havi lu mari su tutti toi.

download (2)Docu finiu, e di pisci chi era addiventà na bedda giuvina, un ancilu cu li capiddi d’oru, ca era la Sirena di lu mari. Di poi a lu marinaru cci dici:

– Sentimi, o narinaru, si voi li ricchizzi chi ti dissi, veni ccà ogni matina all’arba: porta cimeddi ’ e riti, e po’ mi chiami e mi dici tri voti:

O Sirena di lu mari, Pottami pisci rari, Ca eu vegnu di matinu Pri piscari di cuntinu.

La Sirena turnao pisci russu e si sammuzzau ’ntra un fallanti. Lu marinaru cala riti e cimedda, e ’ntra un nenti si carricau di li megghiu pisci chi cci sianu, ca li vinniu un tisoru. Accussi ogni matina, prima d’arrispigghiarisi l’acidduzzi, iddu era a lu scogghiu; chiamava tri voti la sò Sirena, e idda in forma di pisci russu cci purtava li pisci li cchiù riali e magnifichi: e doppu tanti anni di jiri e viniri di sta manera, senza cissari mai, lu poviru marinaru addivintau lu cchiù riccu di terri, palazzi e dinari chi mai cci avia statu a chjddi parti, e…

Arristau filici e cuntenti, E nui ccà senza di nenti.

Borgetto

Read Full Post »

Cosi ‘i ‘na vota 🙂

CALENDARIETTI DEI BARBIERI

Armando Carruba

.

Cattura.PNGRicordo che fino alla fine degli anni settanta a Sarausa i barbieri usavano regalare ai propri clienti, nel periodo delle feste natalizie, un calendarietto, o, se più vi piace, almanacchino, stampato su cartoncino profumato. Sulle paginette, che erano tenute assieme da un cordoncino, da una parte c’erano i giorni del mese e dall’altra delle figure, prevalenteme…nte di donne vestite succintamente che all’epoca era ritenuta cosa osè.Ricordo come se fosse ieri, era un rituale: il maestro barbiere appena terminato il servizio ad alta voce diceva “spazzola” ed il ragazzo di bottega (‘u carusu ‘i putìa) era subito lì pronto a spazzolare il collo, le orecchie e la giacca del cliente, offrendo subito dopo il “calendarietto profumato”, contenuto in una bustina di carta velina trasparente.

Il cliente a volte pagava con una banconota di taglio più grosso per lasciare volutamente la “mancia” al ragazzo. Capitava quindi di udire il cliente dire sommessamente “‘u restu mancia” ed il barbiere a voce alta (per attirare l’attenzione del ragazzo ….. e degli altri clienti) ripeteva “MANCIA!” e infilava la/e moneta/e in una cassettina sul bancone.Noi ragazzini di 14-15 anni, desideravamo averlo e andavamo in questi giorni dal barbiere, iddu – mastru macari di vita – ‘u sapeva e per farci contenti alla fine del servizio lo regalava (in questo caso nun era ‘u carusu ‘i putìa a darlo) e noi eravamo felici e contenti e ccu cori davamo pure noi la mancia!!!

Read Full Post »

Petri – Petri

petri.PNG

Read Full Post »

LU SULI E LA LUNA

Armando Carruba

.

Du jornu ‘u suli si firmò ‘ntò celu
‘a luna dissi: “ssì cammurìa veru
ppò ‘ssiri tutti li jorna ti nna ghiri
a fariti lu bagnu ‘ntà lu mari
e oggi ca sugnu parata a festa
arresti fermu e mutu ‘ntà chiazza?
Ohu! Nun circari na scusa cretina
ca scoppiasti la rota o ‘a binzina…
Avanti cumincia prestu a tacchiari,
ca ora ‘ntò celu haju cumpariri!”
Lu suli si quariò e ci arrispusi
“ju sugnu omu e nun cercu li scusi
sugnu ‘ntà chiazza c’aspettu la Santa
ca nun ci vidi la bedda mischinedda.
E ccu li me’ raggi chini d’amuri
mi vogghiu vasari li sarausani
veni a diri ca tu spunti dumani
oggi no, ca haju lu me’ chiffari!”
‘Ntantu tra spari, botti e battimani
cumparìu ‘a Santa in cattedrali
e mentri ‘a prucissioni caminava,
ebbiva Santa Lucia, si sinteva!

santa lucia
Dopu un pizzuddu li purtaturi
eranu tutti ‘ntà mari ‘i suduri
la fatica, di cchiù, ranni si faceva
sutta ddu gran suli ca forti pirciava.
Lucia, capìu ‘a situazioni
e parrannu all’aricchi di lu suli
ci sciusciò paru paru ‘sti ddu paroli:
“Ti ringraziu ppi lu tò granni amuri
ma ora è ura ca ti na ghiri…
ora ci voli la tò cumpagna luna
pp’arrifriscari ‘sti criatura
ca m’hanu à purtari a Burgata
e tu ‘u sai ca è longa a strata!”
U suli nun dissi mancu ‘na parola
signu ca ‘stu fattu ci dispiaceva,
a Santa ‘u capìu, dissi ancora:
“Luna, aspetta, nun ‘ssiri priscialora!
‘U tridici dicembri di ogni anno
lu suli ‘ntà lu mari nun si fa bagnu,
accumpagnari la luna di darreri,
a fari ‘nsumma va’ lu cavaleri!”
La luna lesta, desi ‘na ‘nnaculiata
e ‘ntò celu fci la so’ trasuta!
Lu firmamentu? Tuttu nu brillanti!
Lu suli arreri, la luna avanti…
E se ddu jornu talìi lu celu,
e nun ti sa spiegari stu misteru
pirchì è così bene illuminato
‘u fattu è chistu e l’haju cuntatu.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: