Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Costume/Società’ Category

Altezze e bassezze

.

Gli sportivi lo sanno che amare lo sport significa amare la squadra di cui si fa, orgogliosamente, parte. Se non c’è l’amore per lo sport di squadra, non ci può essere amore per la squadra stessa. Sembrerebbe un ragionamento banale e forse lo è, ma se ci soffermiamo un attimo a riflettere, il gioco di squadra non è uno sport e basta, è uno sport che richiede collaborazione, rispetto per l’altro, considerazione, ma soprattutto richiede una forma mentis “ampia”, qualunque esso sia.

Giocare in team è, a nostro modo di vedere, giocare con soggetti ad apertura cognitiva ossia giocare con atleti che vogliono “condividere” per ottenere risultati positivi. A differenza degli sport individuali in cui si può dimostrare di essere “più forte degli altri” e quindi l’essere “superiore”, il gruppo, la squadra, il team danno la possibilità all’atleta di gareggiare singolarmente in vista di una valutazione collettiva.

Quindi, l’atleta che si cimenta da solo ha piena responsabilità di se stesso, mentre per l’atleta che compete in gruppo la responsabilità della prestazione è condivisa, ecco perché parlavamo di forma mentis … Noi siamo arrivati alla conclusione che non tutti sono costruiti per ragionare cosi!

Ci sono infatti quelli che per Dna non riescono affatto a giocare o ad appassionarsi e dicono di non tenere a nessuna squadra, sono quelli che generalmente, pensano che tutto sia loro dovuto.

Poi ci sono quelli mossi da psicologia da primate, che assimilano la forza fisica con superiorità, ma questi sono talmente fuori da qualsiasi logica che non meritano menzione.

Infine ci sono quelli che fanno “politica”.

Osservando i nostri amministratori ci siamo resi conto, ad un anno dalle elezioni, che le cose stanno proprio così. Sappiamo tutti che l’attuale squadra si è formata grazie ad un accordo per la poltrona, un incrocio tra due fazioni storicamente avversarie per salvaguardare interessi personali e familiari. Non certamente spinti  dal bene per la popolazione.

Ebbene questa “squadra” ha raccolto in sé persone il quale obiettivo era quello di conquistare il palazzo comunale, ognuno per le proprie ambizioni e intime velleità, senza abbracciare veramente un programma o una reale dimensione sociale. Col passare del tempo siamo arrivati alla conclusione che le prestazioni di questi nostri “atleti” risultano a bassissima apertura cognitiva, questo significa che pur lavorando in una “squadra”, ogni componente sta seguendo un proprio schema di gioco.

Quindi, c’è chi manovra, per dimestichezza con gli incartamenti e per rigidità di pensiero, le operazioni veramente importanti, poi ci sono gli amici che col loro beneplacito permettono il realizzarsi delle oscure trame, poi ci sono quelli che fanno da rappresentanza (fasce, nastri, inaugurazioni, targhe, foto, articoli di giornale …) ed in ultimo c’è la manovalanza … neanche tanto qualificata.

In altri termini, la verità è che questa politica non è veramente di squadra, è un rozzo gioco individuale, le cui regole variano per ognuno e al variare degli avversari. Neanche a parlare di schemi rigidamente definiti, nessuna disciplina o attività da seguire in modo preciso. Niente di tutto ciò. Ognuno sta giocando una partita a se stante, chi per esperienza e competenza (?), chi per tentativo, chi per autocompiacimento, tutti comunque per attitudini diverse e più disparate, lontane miliardi anni luce da un vero spirito di gruppo.

Mentre per alcuni manca proprio l’approccio mentale per indole e per natura, in altri manca proprio la capacità soggettiva di adattarsi ad uno “sport” che prevede la dimensione collaborativa e collettiva. Sembra piuttosto di assistere alla gara, al campionato, al torneo di bodybulding quello, per intenderci, in cui si mostra il corpo scolpito dall’allenamento, quello dove contano le finalità estetiche e non competitive.

E allora, complice anche il variegato programma dell’estate milenese, ecco assistere alle performances dei singoli, tutti sembrano ministri del turismo, spettacolo e sport, ministri dell’istruzione e della cultura, ministri del lavoro e politiche sociali, ministri dell’università e della ricerca … insomma tutti meglio di tutti. Chapeaux!

Grazie di esistere, ma sappiano lor signori che ai più interessano le abilità e competenze personali solo se sono messe al servizio della popolazione, il resto, tutto quello che si vuole fare apparire, dimostrare e credere è roba tutt’al più di “umido” o al massimo da “indifferenziata”. Insomma per la gente normale non è rilevante sapere se questo o quell’assessore compie gesta mirabolanti, imprese sbalorditive, prodezze incredibili con sacrificio, martirio, sofferenza e privazione. No! Sinceramente non è interessante.

Alla fine ci sarà un totale, si farà una somma. Fine del discorso.

Se l’assessore tizio o il signor tal dei tali ha fatto bene lo deciderà il tempo. Queste orazioni sulle presunte fatiche di Ercole, per cortesia, risparmiatecele!

In ultima nota, c’è da sottolineare che, probabilmente, se qualcuno abbia pensato e pensa di poter buggerare tutti, ci sentiamo di voler togliere ogni dubbio, rassicurando che non crediamo affatto nel presidenziale impegno sociale, in quanto riteniamo fermamente che abbia solo trovato un modo funzionale di usare la sua attenzione e la sua “immagine” spacciando la furbizia e la cattiveria come capacità/abilità con le fasce vulnerabili.

Spiacenti, mai creduto al venditore ambulante di fumo. Facile giocare in una “squadra” con i dati truccati! Certo può ridare la notorietà persa, ma a noi questo contesto associativo, fatto di manfrine, chiacchiere, apparenze non ci inganna. Le partite si vincono o si perdono da soli, si vincono e si perdono in una squadra VERA dove la LEALTA’ è alla base SEMPRE, DA SEMPRE E COSTANTEMENTE, non dieci anni no e ora sì!

Comunque è grazie a certe operazioni noi calcoliamo la statura di un uomo! Merci beaucoup!

Caro Rodolfo Valentino ammaliator cortese che esci sempre con la spada affilata … la differenza è sottile e coglierla non è da tutti … un po’ come la differenza tra viaggiare e balneare … Il viaggio prevede cultura, percorso, analisi, progetto, crescita …

E questa “non-amministrazione”, questa “ non squadra” che non ha i presupposti per giocare, creata ad hoc per fini ormai molto chiari … non sta neanche viaggiando, sta solo balneando …

Annunci

Read Full Post »

1 italiano su 3 fa uso di droghe. Gli altri 2 fanno a gara per vendergliela.

Read Full Post »

Tanti italiani incantati dal piffero

Renato Pierri

.

pmUn noto giornalista l’altra sera, durante una trasmissione televisiva ha detto, ad un dipresso, che criticare Matteo Salvini, far notare che fa o dice delle cose sbagliate, non serve a nulla, il messaggio non arriva alla gente, poiché il vento tira ormai dalla sua parte, e il ministro continua a prendere consensi. E’ un discorso che hanno fatto anche altri.

Qualsiasi cosa faccia, Matteo Salvini, buona o cattiva, a molti italiani sta sempre bene. Salvini è l’opposto del protagonista di quella canzone che recitava: “Tu sei buono e ti tirano le pietre. Sei cattivo e ti tirano le pietre. Qualunque cosa fai, dovunque te ne vai, tu sempre pietre in faccia prenderai”.

5023753deb7ab57752c232e6e1d1ebb4Fa colazione con la Nutella, il ministro, e la faccenda piace a moltissimi italiani, pigia la bocca sul crocifisso, e la faccenda piace, chiude i porti, alza muri metaforici, e tutto piace a tanti italiani.

Il pensiero, non so perché, mi è andato anche alla leggenda tedesca del Pifferaio magico, il Pifferaio di Hamelin. Suonava il piffero e questo bastava perché i topi lo seguissero incantati. Ovviamente non voglio rassomigliare tanti italiani ai topolini, però forse rassomigliarli, per l’ingenuità, ai bambini che dopo i topi, furono incantati dal pifferaio, non è del tutto sbagliato.

 

 

Read Full Post »

 

(altro…)

Read Full Post »

Ma le nostre istituzioni doveeeeee sonoooo io sto urlando ……sono arrabbiatissima 😠😠😠

Read Full Post »

Pensate al passato per poter avere una visione libera futura

Salvatore Seme

.

Nella mia vita ho visitato tanto e carpito l’essenza; mai nessun luogo mi ha reso così “inerme”.

I passi, mentre calchi il giardino della memoria spezzano un silenzio assordante, inevitabile, in quei 50 mq di memoria è concentrata la storia dell’Italia vecchia e attuale…

Ma solo chi è pulito ne percepisce il dolore, rendendosi conto di quanto si è inerme nei confronti di un sistema marcio, l’implosione ecco è proprio la parola giusta, ti rende fragile e inerme.

Ma ciò mi da forza di credere nell’onestà d’animo e la visione di una vita incorruttibile.

Spero che i miei figli possano aver vissuto lo stesso dolore, per far si che nessuno possa riuscire a scalfirli.

Pensate al passato per poter avere una visione libera futura.

Read Full Post »

Chi abbandona un cane abbandona la propria coscienza sulle strade della dannazione!

Arialdo Giammusso

.

Il cane che abbandoni ti scodinsolerebbe anche se ti vedesse ripassare davanti a lui pochi istanti prima di morire.

Lui non darebbe mai la colpa della sua morte a te ma penserebbe che ha sbagliato qualcosa per meritarsi di essere stato abbandonato: non ha sbagliato nulla se non di aver amato un padrone come te!!

#nonabbandonarlimai

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: