Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Costume/Società’ Category

Annunci

Read Full Post »

Mandorlo in fiore eredità immateriale della Regione

La Sicilia

.

«È un’ulteriore attestazione della qualità e varietà del nostro patrimonio – dice il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. – È anche un altro tassello che si aggiunge per testimoniare la serietà delle intuizioni e delle strategie condivise, che abbiamo portato avanti: sin dal 2015 abbiamo sostenuto con la Regione siciliana la necessità, e nel 2016 l’urgenza, di orientare il nostro Mandorlo in fiore su percorsi di valorizzazione e di collettivo riconoscimento, ponendolo al pari, se non al di sopra, di manifestazioni di eccezionale valore».

«La Conferenza Iccn (Internazionale delle città custodi del patrimonio immateriale dell’Unesco), che fu organizzata ad Agrigento nel dicembre 2016, ne fu la premessa. È un momento straordinario per Agrigento e per il Patrimonio del sito Unesco della Valle dei Templi – aggiunge Firetto -. D’intesa con il Parco archeologico della Valle dei Templi, il Mandorlo in fiore è tappa fondamentale del programma di Agrigento 2020 per i 2600 anni di storia della città».

Read Full Post »

I VERI FASCISTI

.

Matteo Salvini, vietato farlo parlare: la vergogna dei centri sociali a Pisa, guerriglia rossa contro la polizia

Libero

.

Matteo Salvini, vietato farlo parlare: la vergogna dei centri sociali a Pisa, guerriglia rossa contro la polizia

Vietato far parlare Matteo Salvini e Giorgia Meloni: questa passerà alla storia come la campagna elettorale della “violenza antifascista”.

È di 7 manifestanti fermati e 2 feriti il bilancio degli scontri che si sono verificati venerdì pomeriggio a Pisa, in occasione di un comizio del leader della Lega Salvini, tra antagonisti e forze dell’ordine.

Salvini era in centro per un incontro elettorale. Come accaduto poche ore prima a Livorno, c’è stato un ritrovo di antagonisti e centri sociali. Un corteo per contestare Salvini che è partito da Logge di Banchi, vicino all’Arno, per dirigersi proprio nella zona della manifestazione elettorale.

Slogan e fumogeni lungo il percorso, poi al termine di corso Italia i momenti di tensione con la polizia. Sono state lanciate bottiglie e sassi. C’è stata una carica di alleggerimento della polizia.

https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fsalviniofficial%2Fvideos%2F10155564182873155%2F&show_text=0&width=560

Molte persone che stavano passando da corso Italia, luogo dello shopping a Pisa, si sono rifugiate nei negozi e molte le saracinesche che si sono abbassate. Dopo la fine del comizio di Salvini, il corteo degli antagonisti ha proseguito sfilando sui lungarni,
dove ci sono stati altri momenti di tensione fino a quando i manifestanti si sono fermati su Ponte di Mezzo dove hanno improvvisato un comizio.

Fascisti e antifascisti, Marcello Veneziani definitivo: “Ecco la differenza tra neri e rossi”. Lezione alla Boldrini.

.

Marcello Veneziani

Marcello Veneziani, sul Tempo, dice la sua sul dibattito, assai peloso, su violenza fascista e antifascista e lo fa con una sentenza spietata, raggelante, definitiva. “I reati dei fascisti – spiega – sono soprattutto simbolici, a volte non sono neanche considerati tali, come i saluti romani nelle commemorazioni e il richiamo proibito al fascismo.

I reati dei rossi – antagonisti, centri sociali, anarco-insurrezionalisti, neo- comunisti – sono soprattutto fisici, reali, su persone e cose”.

I neri, continua Veneziani, non impediscono ai rossi di fare manifestazioni, cosa che puntualmente accade a parti invertite quando, alla fine, quelli dei centri sociali si ritrovano a “fare la guerra” contro le forze dell’ordine. “I due movimenti neri più accusati dai media e dalla piazza, vale a dire CasaPound e Forza Nuova, si sono presentati alle elezioni, aspirano a far comizi e campagna elettorale e una democrazia saggia dovrebbe incoraggiare i gruppi radicali che cercano di essere inclusi nella democrazia parlamentare – continua nell’analisi -. Invece i centri sociali rossi non si presentano alle elezioni, non cercano il consenso, non vogliono entrare in parlamento, ma vogliono restare selvatici, extraparlamentari”.

E poi, qui c’entra la stampa “amica”, quando accadono atti violenti come quello di Luca Traini a Macerata si parla di violenza fascista, anche se l’atto è di un isolato squilibrato. Quando a menare le mani sono gli antifascisti si arriva alla patetica formula della “violenza senza colore” tanto cara a Repubblica. “Alle origini – è l’amara conclusione di Veneziani – c’è un’indulgenza culturale e politica verso la violenza in nome dell’antifascismo rispetto a quella nel nome del fascismo”. Perché alla fine siamo sempre qua: a stabilire cos’è bene e cosa è male sono i comunisti stessi, “che sono giocatori, arbitri e giudici”.

 

(altro…)

Read Full Post »

Capacità

Guido Clericetti

.

A questo mondo, purtroppo,

c’è tanta gente assolutamente incapace di intendere,

ma capacissima di volere!

Read Full Post »

Read Full Post »

Approvazione schema di convenzione per la gestione dei servizi di accoglienza, integrazione e tutela di 14 Minori Stranieri Non Accompagnati  

.

Il giorno di San Valentino del febbraio scorso il Responsabile del servizio CHIARENZA Vincenzo determina l’accordo Amministrazione Comunale e I Girasoli.

Richiama

  • la Delibera di G.C. n. 70 del 29/09/2017 di adesione al SPRAR nei progetti MSNA (Minori Stranieri Non Accompagnati);
  • la determinazione dirigenziale n. 157 del 30/09/2017 con la quale si è proceduto ad esperire le procedura selettiva ad evidenza pubblica per  la selezione di soggetti del terzo settore per la gestione di azioni di sistema per l’accoglienza, la tutela e l’integrazione a favore di richiedenti asilo e rifugiati SPRAR MSNA;
  • la determinazione n. 26 del 24/01/2018 er la quae l’Associazione “I Girasoli” ONLUS è stata individuata quale soggetto del terzo settore per la gestione dei servizi di accoglienza, integrazione e tutela per n. 14 posti categoria Minori Stranieri Non Accompagnati (Msna) –  attività previste dal progetto SPRAR;

Considera che

  • alle voci  di  cofinanziamento  del  progetto  questa Amministrazione Comunale  dovrà corrispondere  unicamente  in  termini  di  personale,  mezzi  e  infrastrutture,  curando  al contempo la parte amministrativa con la stipula di apposita convenzione con il partner per l’attuazione del progetto di che trattasi;
  • risulta necessario approvare lo schema di convenzione per regolare i rapporti reciproci, dando mandato alla firma della stessa al dirigente competente.

Domani pubblicheremo lo schema di convenzione.

 

Leggi la delibera integrale

(altro…)

Read Full Post »

Quelli che non sono quel che sembrano…

.

In questi giorni ci siamo imbattuti in riflessioni che da tanto non facevamo, mentre ci arrivava il rumore indistinto della strada, il muoversi della gente, noi sottratti al perenne movimento paesano, ci siamo ritrovati a riflettere ad alta voce. Quasi disturbati dai nostri stessi pensieri che in “viva voce” potevano apparire ancora più assurdi, invece no! Stupiti e frastornati dal rumore sordo dei pensieri “vocali” ci siamo fermati interdetti a scrivere per meglio ordinarli. Capita anche questo.

Sebbene avessimo più volte nell’ultimo periodo, contattato la nostra vena creativa, non eravamo riusciti a mettere quattro parole una dopo l’altra … una sorta di apnea mediatica ci ha letteralmente investiti, ma forse è servito per prendere la rincorsa e salire sull’altalena sgangherata e sospesa tra opposte estremità e finalmente evitare ancora un rinvio. Ne vale sempre la pena scrivere.

Ci siamo sempre interessati e stupiti anche di dettagli che a molti potevano sempre inutili, stavolta siamo stati letteralmente colpiti da una serie di eventi che, esistenzialmente, potrebbero anche essere eliminati, ma noi con la tenacia che ci contraddistingue non possiamo, ma soprattutto non vogliamo tralasciare.

A tutti capita, è capitato e capiterà di trovarsi in un certo momento della vita a frequentare gente, di diverso tipo, gente per bene, gente per male, gente … superficialmente chiamati “amici”, ma che nella sostanza possono essere solo persone di passaggio, per qualche serata in pizzeria, per qualche gita fuori porta, per un periodo insomma, ritrovarsi con gente diversa, sempre nuova rispetto agli amici veri di sempre.

Il più delle volte si torna sempre da quelli storici, con i quali si è cresciuti e condiviso momenti più o meno simpatici, altre volte può succedere di cambiare compagnie e svoltare con altri che nel frattempo diventano “amici”. Non è raro che maturando, magari, gli “amici” e le “compagnie” dell’ adolescenza crescendo perdano quell’attrattiva di un tempo, ma non per sopravvenuti motivi, quanto piuttosto per via di una maturazione personale che ci porta verso dialoghi diversi. Non è automatico, ma spesso gli amici delle elementari, delle medie o delle superiori vengono rinfoltiti con quelli dell’università con i quali si è condiviso l’ultimo periodo … a noi abbastanza socievoli è capitato e probabilmente a molti altri come noi.

Purtroppo tra tutta questa folta schiera di persone abbiamo fatto una selezione, naturale o artificiale non sappiamo, di certo è che col passare del tempo ci siamo spesso trovati con persone di svariata forma e fattura. Ci guardiamo bene dall’etichettarle, ma sicuramente si può fare un resoconto abbastanza realistico.

Sentiamo dire a volte, quella è una persona “perbene”, a noi è sempre suonato male questo termine, ci siamo sempre chiesti perbene per cosa? Perbene per chi?

Trattasi di persona gentile, colta, garbata? Ci sembra un’espressione talmente vaga e nello stesso tempo usata e abusata che non riusciamo a raccapezzarci. Anche se intrinsecamente ne cogliamo il vulgo significato. Ci chiediamo innanzitutto quale sia il metro di misurazione, visto che ognuno di noi valuta in base alle proprie convinzioni, idee, esperienze … capiamoci, tutto ciò che a noi può apparire gentile ad altri potrebbe arrivare come intollerabile, insomma non sempre il criterio coincide.

Cosa è ritenuto di sufficiente giudizio per essere persone perbene? Per un ergastolano potrebbe esserlo un semplice ladruncolo … insomma dipende tutto da chi emette il “giudizio”. L’uomo riconosciuto onesto, retto e ligio apparentemente, potrebbe nascondere dei lati privati meno corretti, d’altronde è risaputo, nessuno è perfetto e tutti siamo fallibili. L’irreprensibilità degli individui non si può misurare con delle semplicistiche ed approssimative valutazioni apparenti. Non è infatti raro che l’uomo ritenuto da tutti “perfetto” nella sfera nascosta lo sia altrettanto, che in lui non regnino sentimenti “buoni” … e chi lo sa?

Alcuni sostengono che le persone “perbene” sono quelle che non fanno carriera, noi non siamo dello stesso parere, sarebbe come fare di tutte le erbe un fascio, anche se davvero, nell’epoca moderna, pare sia più facile la scalata sociale per chi riesce a scendere a compromessi … non lo sappiamo. Ci limitiamo al dubbio di pensare che persone totalmente perbene finora non ne abbiamo conosciute purtroppo, mentre persone finte perbene ne abbiamo oltremodo incontrate e hanno fatto carriera … così rimaniamo dell’idea che, a prescindere da tutto, ci sia sempre quel posto dentro ognuno di noi in cui risiedono i valori più nobili e se si parte da questi è difficile non essere “perbene”, a meno che non siano stati contraffatti per tornaconto personale, ma questo è un altro discorso e allora non sarà difficile vedere scomparire di colpo l’altruismo, l’empatia e la sincerità lasciando il posto a vere e proprie crociate contro …

C’è infatti, poi, chi apparentemente vive una vita pienamente adattato alle regole sociali, ma scavando invece si vedono solo sagome la cui personalità è dubbia e fortemente disturbata. Tutt’altro che perbene … esistono solo rimandi di immagini abbellite che rispondono soltanto a codici interni estranei al resto del mondo, facendo trasparire artatamente invece elasticità di pensiero, grandiosità, importanza, influenza ed empatia fasulla.

Noi pensiamo che a forza di camminare nel fango prima o poi ci si sporchi … e chi fabbrica tratti di personalità finte, sfoggiando finti ideali, alla fine si rivelerà per quello che è: egoista, calcolatore, controllante e vendicativo.

Auguri a chi riesce a smascherarli e ad allontanarsi a gambe levate. Occhio che le reazioni al loro smascheramento, personale o professionale che sia, sono inimmaginabili, intenteranno una guerriglia mai vista prima per proteggere la facciata, attaccheranno con ogni mezzo a disposizione … l’apocalisse anzitempo, ma finalmente sveleranno il loro vero volto di serpenti … E tutti i salmi finiscono in Gloria.

 

KENNA #lifestyle

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: