Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Poesia’ Category

SCOGGHIU

Armando Carruba (4.6.2015)

.

E ‘u scogghiu si ciaccò
a Funtani Janchi…
e ‘a natura chiancìu.
Anni e anni dda’ supra
a ghittarini a chiovu
o macari a tummuni
ddà, supra l’arcu.
‘U scogghiu si ciaccò
cancillannu ‘na vita
di tuffi a mari…
Arristaru ddu’ spuntuni
unu vicinu all’autru
a ciuciuliari
‘a ‘stati ca passa…
E ‘u nomu c’appizzaru
“I DDU’ SORU”
‘i Funtani Janchi
accussì ‘u sanu sentiri
‘i scogghi novi…
e i picciotti si jettunu
a mari jornu dopu jornu
‘ntò mari azzurru
‘i funtani janchi.

LO SCOGLIO
E lo scoglio si ruppe/ a Fontane Bianche/ e la natura pianse./ Anni e anni lì sopra/ a tuffarci a chiodo/ o anche a tuffo di testa/ là sopra l’arco./ Lo scoglio si ruppe/ cancellando una vita/ di tuffi a mare/ Son rimasti due spuntoni/ uno vicino all’altro/ a chiacchierare/ l’estate che passa./ E un nome gli diedero/ LE DUE SORELLE/ di Fontane Bianche/ così sono conosciuti/ gli scogli nuovi/ e i ragazzi si buttano/ a mare giorno dopo giorno/ nel mare azzurro di Fontane Bianche.
Annunci

Read Full Post »

(altro…)

Read Full Post »

L’amuri

Nino Martoglio
.
– Mamà, chi veni a diri “’nnamuratu” ?
– Voldiri… un omu ca si fa l’amuri.
– E amuri chi voldiri ?
– E’ un gran piccatu; è ‘na bugia di l’omu tradituri !
– Mamà…, ‘un è tantu giustu ‘ssu dittatu… ca tradimenti non n’ha fattu Turi !
– Turiddu ? E chi ti dissi, ‘ssu sfurcatu ?
– Mi dissi… ca pri mia murìa d’amuri !
– Ah, ‘stu birbanti !… E tu, chi ci dicisti ?…
– Nenti ! Lu taliai cu l’occhi storti…
– E poi ?…
– Mi ni trasii tutta affruntata !…
– Povira figghia mia ! Bonu facisti !… E… lu cori ?
– Mi batti forti forti !…
– Chissu è l’amuri, figghia scialarata ! .
L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

 

8ag
.

L’AMORE

traduzione

(altro…)

Read Full Post »

La minoranza: “Ripristino dei bagni distrutti e pulizia del Parco Urbano. Proposta di custodia e di collocamento di qualche telecamera di sorveglianza”

.

I consiglieri comunali del gruppo MILENA DOMANI hanno protocollato una lettera al Sindaco sulla situazione pessima del Parco urbano Sandro Pertini.

“Sicuramente lei sarà a conoscenza dello stato di abbandono e degli atti vandalici diretti contro alcune strutture del Parco Urbano intitolato a Sandro Pertini. E’ necessaria una pulizia straordinaria dello stesso in considerazione del fatto che per tutta l’estate il parco rappresenta il principale luogo di ritrovo delle persone residenti e degli emigrati che rientrano per le ferie, e anche di ristoro dal caldo.

Il tenere il parco pulito spetta ai cittadini molti dei quali, nonostante la presenza di tanti cestini, si ostinano a buttare per terra ogni genere di rifiuti; a proposito rinnoviamo l’invito (nostra interrogazione dell’anno scorso, 11/07/208, prot. N°002) a far collocare all’esterno del parco urbano alcuni contenitori per la differenziata visto che si trovano bottiglie di vetro, lattine e quant’altro sui muretti, sugli scalini e sul marciapiede per assicurare pulizia e un maggiore decoro urbano.

videosorvLa pulizia generale della struttura spetta al Comune, come all’Amministrazione spetta il compito di identificare e punire i colpevoli delle trasgressioni: ma chi lo fa, chi dovrebbe farlo? Secondo noi, bisognerebbe prevedere la figura di un custode della villa o la presenza dei tanti giovani disponibili a lavorare per la comunità.

Discorso a parte va fatto per i vandali disruttori, per identificare i quali è necessario immediatamente far collocare una o più videocamere di sorveglianza nelle aree più a rischio. Inoltre sarebbe auspicabile un servizio di pattugliamento concordato tra i vigili e i carabinieri, la cui presenza sul posto fungerebbe da deterrente.

I bagni distrutti, le porte rotte invece andrebbero subito sostituiti per consentire ai frequentatori dei bagni pubblici un accesso sicuro e al riparo di occhi indiscreti. Non si possono lasciare così come si trovano i bagni: è come darla vinta a chi li vandalizza e anche un segno di superficialità.

I sottoscritti consiglieri comunali la invitano quindi a mettere in atto tutte le misure indispensabili per rendere la struttura del parco urbano idonea e perfettamente fruibile dalla cittadinanza.

Alfonso Cipolla, Angela Falcone, Maria Carmela Ferlisi, Maria Giulia Provenzano.

(altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

Premio di Poesia “Il Paese delle Robbe” 11^ edizione – Anno 2019

.

E’ indetta l’11^ Edizione del Premio di Poesia “Il Paese delle Robbe” a tema libero, organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milena, riservato a chiunque voglia proporre la propria opera. La partecipazione è gratuita.

 

Allegati

NOME DIMENSIONE
Allegato Bando – Premio di Poesia.pdf 587.82 KB
Allegato Domanda di partecipazione 2019.docx 156.57 KB
Allegato Domanda di partecipazione 2019.pdf 514.53 KB

Read Full Post »

Vivi!

La Vita è troppo bella per essere insignificante!

.

Ogni tanto ci piace tornare tra le poesie che abbiamo amato e con piacere la riproponiamo ai nostri lettori. Noi crediamo che le poesie così come le canzoni, non debbano essere spiegate, è chi legge che deve trovare il nesso con la propria essenza. Leggere è sempre stata una nostra passione, o forse una preghiera silenziosa.

Siamo dell’idea che c’è un tempo nella vita in cui bisognerebbe solo fermarsi. Rimanere fermi e zitti e lasciare il mondo al suo continuare … imperterrito. Immobili come se niente e nulla possa davvero toccarci. Questo è il tempo per prendere fiato, partire o ripartire, cominciare o ricominciare. Insomma un tempo fermo in cui ogni istante dura un’eternità, in cui niente vale più di quel momento.

Non si tratta di filosofia spicciola, è solo che ad un certo punto ognuno di noi sente l’esigenza di mettersi in disparte e respirare profondamente, chiudendo gli occhi e … abbandonarsi al silenzio. Pensiamo che niente possa essere paragonato a questo sublime stato di immobilità.

L’ascolto del silenzio, la bellezza del silenzio, un fil rouge con la propria essenza, con la propria radice. Come leggere una poesia, ascoltare una canzone e godersi ogni singola nota o leggere un libro ed assaporarne parola per parola, nel silenzio. A noi succede di volere e di cercare l’attimo per essere avvolti da questi momenti, per sentire e provare la profondità dell’interno. Ascoltare il nostro silenzio, uno spettacolo ad occhi chiusi. Ascoltare il discorso intimo e silenzioso. Una conoscenza contemplativa di noi stessi. Un racconto al buio. La volontà di capirsi per capire.

Il desiderio di guardarsi dentro per ascoltare la quiete. Niente può essere meglio di quest’istante.

Kenna, marzo 2019.

 

 

 

VIVI

Charlie Chaplin

.

Ho perdonato errori quasi imperdonabili,
ho provato a sostituire persone insostituibili
e dimenticato persone indimenticabili.

Ho agito per impulso,
sono stato deluso dalle persone
che non pensavo lo potessero fare,
ma anch’io ho deluso.

Ho tenuto qualcuno tra le mie braccia per proteggerlo;
mi sono fatto amici per l’eternità.

Ho riso quando non era necessario,
ho amato e sono stato riamato,
ma sono stato anche respinto.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: