Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Poesia’ Category

Ll’ammore secondo Totò

Ll’ammore

totodi Totò

.

Ll’ammore è comme fosse nu malanno

ca, all’intrasatta, schioppa dint’ ‘o core

senza n’avvertimento, senza affanno,

e te pò ffà murì senza dulore.

Read Full Post »

Si… A bedda virità!

Giuseppe Lodato

.

liSi… sì schettu… Nuddu lu voli?

Si ti fai zitu… Ora virèmu quantu ci dura!

Si ti dura… Ma sa quannu si marìta!

Si ti marìiti… Ancora nenti picciriddi?

Si ti nasci lu primu figghiu… Ma sulu unu ni fà?

Si fai chiossai di dui figghi… Unn’havi chiffàri?

Si nun travagghi… Sì un scruccuni!

Si travagghi tuttu lu jornu… Unn’havi ‘na vita!

Si travagghi picca… Nun ni voli sirvizzu!

Si sì troppu siccu… Mancia ca pari malàtu!

Si sì troppu rossu… Nun ci pari malu?

Si fai ‘na cosa… Picchì la fici?

Si nun fai ‘na cosa… Picchì nun la fici?

Si stai rintra… Nun si gori la vita!

Si nèsci… Sta sempri nisciùtu!

A virità è chi sta lingua ni l’avissimu a muzzicàri,

sulu accussì a finissimu di parràri!

Read Full Post »

299165837_2214659525367845_6210728871040821171_n

.cardinalrivera (1)

Riconoscete quelli della foto?

Read Full Post »

Sulla luna, per piacere

SULLA LUNA, PER PIACERE…

di Gianni Rodari

.

298517242_10226247153592928_677150993969269314_n

Foto /Carla Maria Cipolla

.

Sulla Luna, per piacere,
non mandate un generale:
ne farebbe una caserma
con la tromba e il caporale.
Non mandateci un banchiere
sul satellite d’argento,
o lo mette in cassaforte
per mostrarlo a pagamento.
Non mandateci un ministro
col suo seguito di uscieri:
riempirebbe di scartoffie
i lunatici crateri.
Ha da essere un poeta
sulla Luna ad allunare:
con la testa nella Luna
lui da un pezzo ci sa stare…
A sognar i più bei sogni
è da un pezzo abituato:
sa sperare l’impossibile
anche quando è disperato.
Or che i sogni e le speranze
si fan veri come fiori,
sulla Luna e sulla Terra
fate largo ai sognatori!

Read Full Post »

aquila

Read Full Post »

meloni

melo

.

Read Full Post »

Come i gabbiani

Vincenzo Cardarelli
.
cardarellibnNon so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace.
Io son come loro,
in perpetuo volo.
La vita la sfioro
com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch’essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere
balenando in burrasca.
.
005

Read Full Post »

auto

Felicia Bartolotta, madre di Peppino Impastato, s’impegnò nel fare arrestare i responsabili della morte del figlio Giuseppe Impastato, meglio noto come Peppino (5 gennaio 1948 – 9 maggio1978), conduttore radiofonico e attivista di Democrazia Proletaria noto per le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra, a seguito delle quali fu assassinato su mandato del mafioso Gaetano Badalamenti.

.


.

Ecco gli strazianti e splendidi versi scritti dalla madre di Peppino Impastato

.

Chistu unn’è me figghiu!

Felicia Bartolotta-Impastato

.

OIP (1)Chistu unn’è me figghiu.
Chisti un su li so manu
chista unn’è la so facci.

Sti quattro pizzudda di carni
un li fici iu.

Me figghiu era la vuci
chi gridava ’nta chiazza
eru lu rasolu ammulatu
di li so paroli

era la rabbia
era l’amuri
chi vulia nasciri
chi vulia crisciri.

Chistu era me figghiu
quannu era vivu,
quannu luttava cu tutti:

mafiusi, fascisti,
omini di panza
ca un vannu mancu un suordu
patri senza figghi
lupi senza pietà.

Parru cu iddu vivu
un sacciu parrari
cu li morti.

L’aspettu iornu e notti,
ora si grapi la porta
trasi, m’abbrazza,
lu chiamu, è nna so stanza
chi studìa, ora nesci,

ora torna, la facci
niura come la notti,
ma si ridi è lu suli
chi spunta pi la prima vota,
lu suli picciriddu.

Chistu unn’è me figghiu.
Stu tabbutu chinu
di pizzudda di carni
unn’è di Pippinu.

Cca dintra ci sunnu
tutti li figghi
chi un puottiru nasciri
di n’autra Sicilia.

Leggi la traduzione

QUESTO NON E’ MIO FIGLIO

(altro…)

Read Full Post »

tri2

6946531423_67bea376e6

(altro…)

Read Full Post »

Lasciatemi divertire

Aldo Palazzeschi

.
palTri tri tri,
fru fru fru,
uhi uhi uhi,
ihu ihu ihu.
Il poeta si diverte,
pazzamente,
smisuratamente.
Non lo state a insolentire,
lasciatelo divertire
poveretto,
queste piccole corbellerie
sono il suo diletto.
Cucù rurù,
rurù cucù,
cuccuccurucù!
Cosa sono queste indecenze?
Queste strofe bisbetiche?
Licenze, licenze,
licenze poetiche!
Sono la mia passione.
Farafarafarafa,
tarataratarata,
Paraparaparapa,
Laralaralarala!
Sapete cosa sono?
Sono robe avanzate,
non sono grullerie,
sono la spazzatura
delle altre poesie.
Bubububu,
fufufufu.
Friù!
Friù!
Se d’un qualunque nesso
son prive,
perché le scrive
quel fesso?
bilobilobilobilobilo
blum!
Filofilofilofilofilo
flum!
Bilolù. Filolù.
U.
Non è vero che non voglion dire,
voglion dire qualcosa.
Voglion dire…
come quando uno si mette a cantare
senza saper le parole.
Una cosa molto volgare.
Ebbene, così mi piace di fare.
Aaaaa!
Eeeee Iiiii!
Ooooo!
Uuuuu!
A! E! I! O! U!
Ma giovinotto,
diteci un poco una cosa,
non è la vostra una posa,
di voler con così poco
tenere alimentato
Un sì gran foco?
Huisc…Huiusc…
Huisciu… sciu sciu,
Sciukoku Koku Koku,
Sciu
ko
ku.
Ma come si deve fare a capire?
Avete delle belle pretese,
sembra ormai che scriviate in giapponese.
Abì, alì, alarì.
Riririri!
Ri.
Lasciate pure che si sbizzarrisca,
anzi è bene che non la finisca.
Il divertimento gli costerà caro,
gli daranno del somaro.
Labala
falala
eppoi lala.
elalala, lalalalala lalala.
Certo è un azzardo un po’ forte,
scrivere delle cose così,
che ci son professori, oggidì,
a tutte le porte.
Ahahahahahahah!
Ahahahahahahah!
Ahahahahahahah!
Infine,
io ho pienamente ragione,
i tempi sono cambiati,
gli uomini non domandono più nulla
dai poeti:
e lasciatemi divertire!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: