Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Giovani’ Category

DI MAIO CHIAMA CANCELLERI E INSIEME VIOLANO LO STATUTO GRILLINO

Luca Impellizzeri

Ora, però, il fuoco di fila riguarda proprio Cancelleri, fedelissimo di Di Maio e al suo fianco durante le fasi più concitate della trattativa per la nascita del Conte-bis. Nelle chat interne è esplosa la polemica: prima a pronunciarsi sono stati gli attivisti, poi sono scesi in campo anche gli eletti. “Nelle nostre regole – ricorda l’eurodeputato Dino Giarrusso – c’era scritto che chi ha un ruolo elettivo non può abbandonarlo prima della scadenza. Questa è una scelta che bisognerà spiegare e i siciliani non so quanto contenti saranno”.

 

PALERMO.REPUBBLICA.IT

I GRILLINI NISSENI CHE TENGONO FAMIGLIA

Luca Tantino

Gli onorevoli fratelli Giancarlo e Azzurra Cancelleri

Cancelleri, sconfitto due volte alle elezioni regionali siciliane adesso è viceministro… la sorella è deputato.

Il primo è viceministro in virtù di un accordo complessivo per la formazione del Conte bis. La cosa piace a pochissimi, ma “transeat”; la seconda è deputato perché ha preso click sufficienti alle parlamentarie online sulla piattaforma Rousseau. Così dicono e così dobbiamo dire di credere…la chiamano democrazia diretta, non lo è! Ma “transeat” pure questo.
Su un punto mi auguro abbiano la decenza di tacere: che non si autoproclamino più forza politica antisistema!
Il sistema lo hanno capito. Lo riescono ad interpretare, ne hanno superato perfino talune nefandezze.
Avranno il buon gusto di tacere?
Perché passare dal “vaffa” attivo al “vaffa” passivo…è un attimo!

CANCELLERI NON FARA’ RIMPIANGERE TONINELLI

Salvo Coppolino

A posto: Giancarlo Cancelleri, il pirotecnico esponente del M5S all’ARS è vice ministro alle Infrastrutture. Vi sembrerà alquanto strano, ma io sono ultra felice per questa nomina per 2 motivi:

1) Quando cadrà questo governo (cosa che accadrà molto presto) il signor Cancelleri se ne dovrà tornare a casa, visto che è costretto a dimettersi da deputato regionale. Almeno noi Siciliani ci liberiamo di un peso inutile non indifferente.
2) Ora vedremo di cosa è capace di fare, lui che ha attaccato il governo Musumeci per l’immobilismo nelle infrastrutture, ora vedremo le sue capacità nella gestione delle strade statali in Sicilia, ora dimostrerà le sue doti di risolutore delle problematiche legate alle infrastrutture in Sicilia.
Certo che dopo Toninelli, un Cancelleri è proprio chiddu cca ci voleva!!!!

Annunci

Read Full Post »

Musumeci imcontra il ministro Provenzano: “Confidiamo in un rapporto leale con il Governo”

.

Nell’ambito della visita istituzionale a Palermo, il neo ministro per il Sud Giuseppe Provenzano ha incontrato anche il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, nel salone degli Specchi di Palazzo d’Orleans, affrontando i vari temi legati alla Sicilia e allo sviluppo del Mezzogiorno.

Presenti all’incontro anche gli assessori all’Economia Gaetano Armao, alla Funzione pubblica Bernadette Grasso, alla Salute Ruggero Razza, al Territorio Toto Cordaro e il segretario generale della presidenza della Regione Maria Mattarella.

«Confidiamo – ha sottolineato Musumeci – in un rapporto di leale, serena e proficua collaborazione col governo Conte e col ministro Provenzano, anche in relazione all’importante delega affidatagli che è quella del Mezzogiorno. 

Con il ministro avremo modo, già nei prossimi giorni, di fissare un calendario d’incontri e di lavori. Le esigenze prioritarie sono un grande Piano straordinario per il Mezzogiorno, uno snellimento delle procedure per la certificazione dei Fondi europei, tenuto conto dei lacci e laccioli delle normative europee e della nota carenza di funzionari nei dipartimenti regionali. Le Zes saranno poi un’altra occasione per rinvigorire il tessuto imprenditoriale in Sicilia”.

Musumeci aggiunge: “Abbiamo poi affrontato  il tema della fiscalità di vantaggio e dell’eterna realizzazione dell’autostrada Catania-Ragusa, che rimane ancora in bilico tra una soluzione tutta pubblica e una con l’intervento dei privati. 

Inutile dire che sulle infrastrutture stiamo facendo il possibile, ma siamo convinti che al Mezzogiorno d’Italia, per recuperare il divario Nord-Sud, serva una riforma anticiclica, con brevi e medie scadenze. Per fare questo occorre una norma nazionale che ci consenta di derogare e accelerare la spesa consentendo di aprire quanti più cantieri e dando ossigeno alle attività imprenditoriali”.

mpSoddisfatto anche il ministro Provenzano.

Ci tenevo particolarmente a essere nella mia regione – ha detto – in questa città che amo, e concludere questa giornata con un doveroso saluto al presidente della Regione, massima istituzione presente in Sicilia.

Per dirgli che questo governo, dopo tanti governi in cui persino la parola ‘Mezzogiorno’ si faceva fatica a pronunciare, dopo una lunga stagione d’oblio del Sud e della Sicilia, assume un impegno per il meridione tra le sue priorità. Anche nell’ambito del rapporto di confronto e leale con l’Europa. Di protagonismo dell’Italia e del Sud. 

La regione deve spezzare il suo isolamento proprio per ricordare i suoi legami col mondo e il Mediterraneo. E’ a questo che dobbiamo guardare come orizzonte strategico”.

Sul tema dei fondi UE ha aggiunto: “Ho espresso grande preoccupazione al presidente Musumeci, e lui ha condiviso, per lo stato di attuazione della spesa. Non mi interessano le cause ma le soluzioni da trovare perché non un solo euro deve essere perso”.

Read Full Post »

Lotta alla droga e alla contraffazione

.

Nei giorni scorsi si è visto in paese un gran movimento dei carabinieri, si è notata la pesenza di un loro mezzo furgonato e molti giurano di aver visto sorvolare a bassa quota un elicottero. Da ciò sono scaturite diverse voci su presunti arresti eccellenti e roba del genere.

L’unica verità certa è che i giovani carabinieri di Milena guidati dal maresciallo capo Vincenzo Butera continuano a fare più del loro dovere, sicuramente più di quanto vengono pagati per controllare il territorio e difendere i cittadini.

Questa volta ritornano agli onori della cronaca per la lotta allo spaccio della droga e contro il commercio di merce contraffatta.

Ultimamente hanno perquisito un extracomunitario che gode dell’assistenza ai rifugiati perché è arrivata voce che alcuni di questi ragazzi possano smerciare droga ai loro coetanei contattandoli in luoghi affollati, come potrebbe essere il parco urbano.

Non è dato sapere come sia finita, l’unica cosa certa è la deterrenza che hanno queste perquisizioni e la continua vigilanza delle forze dell’ordine affinché i giovani siano risparmiati da questa sventura che colpisce loro stessi ma anche le famiglie.

Il fatto principale che va sottolieneato è che i carabinieri di Milena non allentano la sorveglianza sui ragazzini “a rischio” assunzione di sostanze stupefacenti: occorre anche che altri – famiglie in testa – mostrino la stessa volontà e lo stesso impegno dei carabinieri nella lotta senza quartiere alla droga.

Qualche giorno prima, gli stessi carabinieri hanno fermato un commerciante ambulante e perquisito il suo furgone nel cui interno hanno trovato merce contraffatta.

Il commerciante aveva un accento napoletano e a quanto pare dei precedenti.  Gli abiti “griffati” erano chiaramente contraffatti e così sono stati confiscati e l’autista è stato denunciato all’autorità giudiziaria anche per ricettazione.

 

 

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

.
Governo, scoppia il caso De Micheli. M5S: "Vada subito all'opposizione"

“La De Micheli deve ricordarsi che è al governo grazie a una coalizione di tre forze politiche e lei rappresenta un gruppo che è meno della metà del Movimento 5 Stelle. Se intende differenziare la propria posizione da quella del M5S può benissimo farlo accomodandosi fuori dal governo e andando all’opposizione immediatamente senza tergiversare”.

Con queste parole il senatore dei 5 Stelle Mario Michele Giarrusso, intervistato da Affaritaliani.it, commenta le dichiarazioni della ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, che ha parlato di stop ai no politici ai cantieri, fra cui la Tav e la Gronda, e di revisione e non revoca delle concessioni ad Atlantia. giarrusso ape

“Se il Partito Democratico intende ripercorrere le orme di Salvini, martellando il Movimento giorno per giorno prendendo le distanze e differenziandosi, lo dica subito prima di lunedì e martedì, in modo da consentirci di regolarci di conseguenza”, afferma il senatore pentastellato Giarrusso.

Non consentiremo a nessuno, né alla De Micheli né ad altri, di utilizzare il metodo Salvini contro il M5S e le sue battaglie. Sulla Gronda di Genova, ad esempio, facciano pace con il cervello, quelli del Pd, perché l’hanno bloccata loro”, conclude.

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: