Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Cultura’ Category

Il cane dei sikani

Il cane dei sikani.

La storia dei Sikani

.

L'immagine può contenere: spazio all'aperto e natura
I sikani allevavano almeno due differenti razze, uno era il Mastino delle Madonie, cane da difesa e l’altro era il “Cunigliaru” utilizzato per la caccia, poi chiamato Cirneco Dell’Etna.
La storia o meglio la preistoria del cirneco è poco conosciuta e molti ricercatori la insabbiamo o addirittura la fanno propria. La tipologia del cane è comune in tutto il globo, il Cirneco è leggermente più piccolo rispetto ai comuni levrieri, forse perchè si è adattato al territorio siciliano.
Sicuramente su molti libri leggerete che è stato portato dall’Egitto in realtà non c’è nessuna prova che sia importato, anzi la più vecchia documentazione storica è siciliana. Questa tipologia di cane è stata idolatrata in tutto il globo. Dall’India all’Europa alle americhe, si anche le americhe. In Perù c’è infatti una razza quasi identica al Cirneco, la razza Xoloitzcuintle o cane nudo.
La sua storia è un mistero, non è difficile associarlo ad Anubi e a Nazca lo riconosciamo in una delle famose linee. Recenti osservazioni di (Ea Enki) sulla divinità Xolotl [ˈʃolot͡ɬ] ci partano a fare diverse domande. Secondo la mitologia azteca e prima ancora quella tolteca, era il dio dei lampi e “colui che aiutava i morti nel loro viaggio” verso Mictlan.
Figlio della vergine Coatlicue, gemello di Quetzalcoatl, rappresentava la personificazione demoniaca di Venere, la stella della sera. Quetzalcoatl e Xolotl, stella del mattino e stella della sera, scomparivano per poi ricomparire dopo aver soggiornato nel mondo sotterraneo dei morti…
Raffigurato come un uomo …. con la “Testa da Cane” …. 😳
Ma allora abbiamo ancora un’altra Deità singolarmente identica a decine di migliaia di kilometri???????… XOLOTI – ANUBIS. Ma le sorprese non finiscono qua, il Dio Anubi lo troviamo anche in Nord America nella Grotta di Anubi, a parte il petroglifo che rappresenta il cane è l scrittura che lascia molto perplessi, si tratta di scritte in numidico dell’Africa del Nord, lingua del II a.C, e ci ricolleghiamo di nuovo al nostro Cirneco …

 

Read Full Post »

Read Full Post »

A gentile richiesta dei non siciliani

forniamo la traduzione

di “U Sceccu Liuni” (L’Asino Leone)

pubblicato da kenna

su MML

il  23 novembre 2009

La Redazione

.

 

U SCECCU LIUNI / L’ASINO LEONE

Ci fù na vota ca u sceccu patintatu / Ci fu una volta che un asino patentato

si vistì cu la peddri d’un liuni; / si vestì con pelle di leone;

essiennu senza Re lu vicinatu, / essendo senza Re il vicinato,

furmatu in privalenza di minchiuna, / formato in prevalenza di minchioni

u pigliaru pi liuni veramenti, / lo scambiarono per leone veramente

ddru sceccu vinni fattu Presidenti! / quell’asino venne fatto Presidente!

L’accordi e li ‘so prumissi ‘nvirità / Gli accordi e le sue promesse in verità

non fuaru esagirati: un minimu di riformi, / non furono esagerati: un minimo di riforme

chiddri stessi di tantu e tantu tiempu suspirati, / quegli stessi da tanto tempo sospirati,

e na puliziata, stabilieru, / e una ripulita stabilirono

di zicchi, di piduocchi e piddrizzuna. / di zecche e di ogni genere di pidocchi.

Passava lu tiempu, e di tuttu si parlava / Passava il tempo, e di tutto si parlava

forchè di puliziata e di riformi; / fuorché di disinfezione e di riforme;

u Sigritariu a ccu ci addumannava, / il Segretario a chi gli domandava,

ci arrispunniva: “Lu Prisidenti dormi / gli rispondeva: “Il Presidente dorme

ma quannu dormi dici ca rifletti / ma quando dorme dice che riflette

e ca l’impegnu massimu ci mitti”. / e che l’impegno massimo ci mette”.

Nostramenti, li zicchi e li piduacchi, / Nel frattempo, le zecche e i pidocchi

ammeci di vidisi distrutti, / invece di vedersi distrutti,

ricunfirmati avianu li cuntratti / avevano avuto riconfermati i contratti

e s’eranu ‘ngrassati comu li vutti, / e s’erano ingrassati come le botti

e tunni cuamu li testi di li finocchi / e rotondi come le teste dei finocchi

avivanu addivintatu li piduocchi.  / erano diventati i pidocchi.

Ora, siccomu mmiezzu a l’armari / Ora, siccome in mezzo agli animali

sirpuliava un certu malcuntentu, / serpeggiava un certo malcontento

‘n vista d’un sicuru timpurali, / in vista di un sicuro temporale

lu Prisidenti, sceccu pi talentu, / il Presidente, asino per talento

pinzà di convucari l’assimblea / pensò di convocare l’assemblea

a scopu di carmari la platea. / con scopo di calmare la platea.

Ci ieru tutti all’ura cunvinuta, / Ci andarono tutti all’ora convenuta,

comu ‘ddra vota mai puntualmenti, / come quella volta mai sì puntualmente

e dichiarata aperta la siduta/ e dichiarata aperta la seduta

fu data la parola a u Presidenti, / fu data la parola al Presidente

lu quali, non putiennusi scansari, / il quale, non potendosi scansare

pi forza s’appi a mintiri a … ragliari. / per forza s’è dovuto mettere a… ragliare.

Vi lassu ‘mmagginari ‘a meraviglia / Vi lascio immaginare la meraviglia

e lu stupuri di tutta l’adunanza! / e lo stupore di tutta l’adunanza!

Finì la siduta a parapiglia/ Finì a parapiglia

e ccu risati di torciri la panza:/ e con risate da torcere la pancia

“O chi liuni, chi liuni raru,/ “O che leone, che leone raro

ca ruggi comu raglia lu sumaru!” / che ruggisce come raglia il somaro!”

Lu juarnu appriessu lu gaddru cantaturi / Il giorno appresso il gallo canterino

ogni armaru riunì a cuncertu / ogni animale riunì a congresso

vuliennu dichiarari all’ impusturi / volendo dichiarare all’impostore

guerra senza quartieri ‘n campu apiertu; / guerra senza quartiere in camp’aperto

ma pì principiu di dimucrazia / ma per principio di democrazia

ognunu dissi comu la sintia: / ognuno disse come la sentiva

“Stu sceccu nn’ha accussì murtificati, / “St’asino ci ha così mortificati

-prutistò sdignatissimu lu cavaddru- / – protestò sdegnatissimo il cavallo – 

ca sunnu nenti na fraccata di nirbati… / che sono niente un sacco di nerbate

pirchì a li nirbati c’ha fattu lu caddru! / perché alle nerbate ci ha fatto il callo!”

“Binissimu! ntirvinni lu gattupardu – / “Benissimo – intervenne il gattopardo –

si lu vuliti ia lu vaiu a cardu!” / se lo volete lo vado a scuoiare”.

“Pi quantu vriugnusa è l’impustura/ “Per quanto vergognosa è l’impostura

– si susì a parlari lu vo’ sulennimenti – / s’alzò a parlare il bue solennemente –

basta ca cci livammu ‘a manciatura; / basta che gli togliamo la mangiatoia

peggiu cunnanna non ci nne qualmenti”. / Peggior condanna non ce n’è”.

“Ma – ci ruppi lu filu la ciaula -: / “Ma – interruppe il filo la gazza – :

unn’è ca forsi la vua tu ‘sta beddra pacchia?”. / non è che forse vuoi tu sta bella pacchia?”.

Vinni pua lu turnu di lu maiali : /  Venne poi il turno del maiale:

“Ia chi v’è diri ? ‘Nn’aiu vistu puarci / “Io che vi devo dire? Ne ho visti di porci

ma no cu sta visazza di vintrali / ma non con sta bisaccia di ventre

c’ addigirisci puramenti i scorci; / che digerisce pure le scorze

livammula di miezzu sta carogna, / leviamola di mezzo sta carogna

bona pi la murtatella di Bulogna!”. / buona per la mortadella di Bologna!”.

Ammitatu a parlari, lu cuniggliu / Invitato a parlare il coniglio

circà di spicicari du paroli: / cercò di spiaccicare due parole:

“Rispunsabilità ia nun mi nni piggliu… / “Responsabilità io non me ne piglio…

ancora è Prisidenti… / ancora è Presidente…

e s’iddru voli pò fari quarchi mali… / e se lui vuole può farci qualche male…

e miegliu fussi irici pianu, cu diplomazia… / e meglio sarebbe andarci piano, con diplomazia

”Chi pianu e pianu- u Cirru santà ‘m pizzu- / “Che piano e piano – il tacchino saltò in aria –

ci manca sulu d’addumannarici scusa! / ci manca solo di domandargli scusa!

Ammeci di sistimarici lu capizzu/ Inveci di sistemargli il capestro

a ‘sta cusazza ‘nnutili e rugnusa, / a questa cosaccia inutile e rognosa

cu sti raggiunamenti a zicchi-zacchi, / con ‘sti ragionamenti a zig e zag

ccà nun nna rresta ca calarini li canzi. / qua’ non ci resta di calarci le brache.

Li punci, li cimici e li scravagli, / Le pulci, le cimici e gli scarafaggi

fratirnamenti unciuti ‘n sinnacatu: / fraternamente uniti in sindacato:

“Morti a li zicchi, a li piduocchi e a li piddrizzuna!” / “Morte a le zecchi e a ogni tipo di pidocchi!”

si misiru a gridari a perdichiatu… / si misero a gridare a perdifiato...

Lu merlu, risaputu ruffianu, / Il merlo, risaputo ruffiano,

si nni stetti a scuntari di luntanu. / se ne stette ad ascoltare da lontano.

Pì l’urtimu si susì lu barbagianni, / Per ultimo s’alzò il barbagianni,

diciànnu nni ‘ddru storicu cunvegnu: / dicendo in quello storico convegno:

“Uantri diciti beni ca l’offisa è ranni , / “Voialtri dite bene che l’offesa è grande,

ma vi cunsigliu di frinari lu sdegnu; / ma vi  consiglio di frenare lo sdegno

p’a stessa siriità d’a nostra razza / per la stessa serietà della nostra razza

sparagnammucci lu chiatu e la scumazza. / Risparmiamoci il fiato e la saliva

Scippammuci ‘ddra peddri di liuni  / Togliamogli quella pelle di leone

e, doppu, a stu gran piezzu di ‘mbrugliuni / e dopo, a ‘sto gran pezzo d’imbroglione

‘mmracammulu cu tantu di varduni / imbrachiamolo con tanto di bardone

a carriari cufina e fumieri…; / a trasportare ceste e sterco d’animali…

Sintiti chi vi dici lu ma beccu: / Sentite cosa vi dice il mio becco:

Chi si cunchiudi a fari guerra a stu sceccu?! / Che si conclude a far guerra a quest’asino?!”.

Read Full Post »

Transizioni

Transizioni

.

«Da quanto tempo?»
L’uomo dapprima guardò il dottore incredulo e poi sbottò: «Ma non è possibile che mi si faccia sempre questa domanda. Io non lo so da quanto tempo; io queste cose me le dimentico, non me le segno, non ci bado. Come ieri quando il giornalaio, prima di vendermi la mia rivista preferita, mi ha chiesto con faccia seria da quanto tempo ero abbonato; ma che ne so? Dieci, vent’anni, che differenza fa? Sempre la rivista mi doveva vendere. E il negoziante da cui sabato ho comprato il fertilizzante per l’erba? La prima cosa che mi ha domandato è da quanto tempo ho quel tipo di prato erboso. L’erba sarà sempre quella, o no? Insomma: non lo so, va bene?, NON LO SO.»
«Si è sfogato?» gli chiese il medico armeggiando in una vetrinetta da dove prelevò lo sfigmomanometro.
«Sì… credo di sì…» fece Carlo guardando dalla finestra, già pentitosi per quella sfuriata. Nel parco della clinica l’estate era esplosa all’improvviso e le foglie sui rami degli alberi avevano preso una tonalità più scura perdendo il verde delicato dei primi giorni. Cominciava a fare caldo.
«Devo fare l’anamnesi e la sua risposta è importante. Perché mi può aiutare a capire che cos’ha…» gli disse calmo il medico traguardando il paziente da sopra gli occhiali da miope.
«Sì, scusi, ha ragione… è che sono molto nervoso in questi giorni: saranno sei mesi… non più di un anno.»
«È un po’ vago» concluse il dottore spingendosi bene sul naso gli occhiali «ma è meglio di niente» e si mise a scrivere.

Carlo poi risultò ammalato di un’affezione rara, fulminante. In pochi mesi passò a miglior vita, per fortuna senza soffrire troppo.

«Mi dica…» fece il tipo dietro a quella che sembrava una scrivania senza esserlo davvero.
«Non so, non saprei…» rispose Carlo standosene in piedi e volgendosi attorno imbarazzato. Aveva infatti la sensazione di essere completamente nudo.
«Desidera forse vedere qualcuno?»
«No, non penso di essere qui per questo motivo. Immagino piuttosto di essere morto e la prima persona che incontro è lei… perché lei è una persona, vero?»
«Morto?» fece sorpreso il tipo che ora si vedeva meglio sotto una luce che non si capiva da dove venisse: aveva una faccia strana che pareva cambiare forma a seconda della prospettiva. «Qui preferiamo usare la parola “pervenuto in transizione”.»
«E fa differenza? Sempre morto sono…»

 

(altro…)

Read Full Post »

Di che cosa è sinonimo STEREOTIPATO?

.

(altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: