Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Religiosità’ Category

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 1,57-66.80

. 

Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio.
I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva esaltato in lei la sua misericordia, e si rallegravano con lei.
All’ottavo giorno vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo col nome di suo padre, Zaccaria.
Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni».
Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse.
Egli chiese una tavoletta, e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati.
In quel medesimo istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose.
Coloro che le udivano, le serbavano in cuor loro: «Che sarà mai questo bambino?» si dicevano. Davvero la mano del Signore stava con lui.
Il fanciullo cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.

Annunci

Read Full Post »

Vaticano, Papa Francesco asfalta i tifosi delle unioni gay: “La famiglia è solo tra uomo e donna”

.

Vaticano, Papa Francesco asfalta i tifosi delle unioni gay: "La famiglia è solo tra uomo e donna"

La famiglia è “una sola”, ed è composta da “un uomo e da una donna”. Lo ribadisce ancora una volta Papa Francesco, ricevendo in udienza una delegazione del Forum delle associazioni delle Famiglie.

“Fa dolore dirlo – ha aggiunto a braccio il pontefice – Oggi si parla di famiglie diversificate, di diversi tipi di famiglie. Si è vero che la parola famiglia è analoga, ma la famiglia è immagine di Dio. Uomo e donna, è una sola. Sono immagine e somiglianza di Dio.

San Paolo lo chiama mistero grande, sacramento grande. Può darsi che non siano credenti ma se si amano e uniscono in matrimonio sono a immagine e somiglianza di Dio. Per questo il matrimonio è un sacramento grande”.

Read Full Post »

Persone non numeri

Rocco Gumina

 

Vorrei infine segnalare che nella questione della migrazione non sono in gioco solo numeri, bensì persone, con la loro storia, la loro cultura, i loro sentimenti  e le loro aspirazioni. (Papa Francesco, 14 giugno 2018)

 

La vicenda della nave Aquarius appartenente all’ONG SOS Mediterranée ha riaperto fra gli Stati della Comunità Europea quello scontro mai sopito sull’accoglienza dei migranti.

Se il nuovo governo italiano insieme a quello francese hanno brillato per alta capacità di strumentalizzazione politica ma non per diplomazia e sensibilità umana, il resto dell’Unione Europea – escluso la Spagna del nuovo presidente Pedro Sánchez – sembra sia rimasta a guardare.

L’acceso dibattito sul destino dell’Aquarius e dei suoi 629 ospiti a bordo, ci illustra come il fenomeno delle migrazioni abbia ormai assunto dimensioni e intensità tali da poter essere compreso solo attraverso uno sguardo complesso accomunante lo sforzo politico, culturale e legislativo dei Paesi di partenza e di arrivo dei flussi migratori. Uno sguardo complesso in grado di evitare ogni forma di estremizzazione su questioni come quelle dell’apertura totale o della chiusura radicale dei porti e in generale dei confini dinanzi a coloro che per un motivo o per un altro lasciano la propria nazione.

In occasione della solennità di pentecoste, la Commissione Episcopale per le Migrazioni della CEI ha pubblicato una nota intitolata Uscire dalla paura a venticinque anni dal documento Ero forestiero e mi avete ospitato. Anzitutto, i vescovi italiani registrano l’evoluzione del fenomeno dell’immigrazione dall’inizio degli anni Novanta ad oggi. Infatti, se nel 1993 si trattava di una realtà nuova ed emergente oggi, invece, assistiamo ad un incremento esponenziale dei flussi migratori che richiedono adeguate strategie politiche e sociali. Purtroppo, negli ultimi anni è decisamente aumentato anche il numero di italiani che hanno spostato oltreconfine la loro residenza.

La nota dei vescovi invita la comunità politica, culturale e sociale italiana ad una riflessione tanto sulla responsabilità che ogni uomo e qualsiasi istituzione hanno nei confronti degli esseri umani – specie se in situazioni di criticità come quelle che vivono i migranti – quanto sul diritto che ciascuna persona ha di non essere costretta a lasciare la propria terra.

(altro…)

Read Full Post »

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 4,26-34

.

In quel tempo, Gesù diceva alla folla: «Il regno di Dio è come un uomo che getta il seme nella terra; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa.
Poiché la terra produce spontaneamente, prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga.
Quando il frutto è pronto, subito si mette mano alla falce, perché è venuta la mietitura».
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo?
Esso è come un granellino di senapa che, quando viene seminato per terra, è il più piccolo di tutti semi che sono sulla terra; ma appena seminato cresce e diviene più grande di tutti gli ortaggi e fa rami tanto grandi che gli uccelli del cielo possono ripararsi alla sua ombra».
Con molte parabole di questo genere annunziava loro la parola secondo quello che potevano intendere.
Senza parabole non parlava loro; ma in privato, ai suoi discepoli, spiegava ogni cosa.

Read Full Post »

Tremestieri, fa a pezzi il Cristo in croce: denunciato un disoccupato

La Sicilia

.

I carabinieri della Stazione di Tremestieri Etneo hanno colto sul fatto un trentenne disoccupato del luogo, poiché ritenuto responsabile di offese a una confessione religiosa mediante vilipendio e danneggiamento aggravato. Non si tratta del primo atto di vandalismo al “Parco del Donatore” dove, tra le altre cose, vi era una crocifisso e una statua della Madonna

 

Tremestieri, fa a pezzi il Cristo in croce: denunciato un disoccupato

I militari, organizzando dei servizi di appostamento all’interno del parco, sono riusciti a dare un volto al danneggiatore che, l’altra notte, giunto nei pressi del monumento con calma serafica vi si è seduto vicino per prima sorbire del caffè, contenuto in una tazzina da asporto e poi dare sfogo ad una improvvisa rabbia manifestata contro il Cristo in croce.

Solo dopo una violenta colluttazione i Carabinieri lo hanno potuto bloccare e condurre in caserma per assolvere le formalità di rito.

Troppi i fedeli indignati i quali, visitando spesso il complesso monumentale “Parco del Donatore” di Tremestieri Etneo, dove l’11 novembre del 2011 fu inaugurato il monumento mariano intitolato alla Regina della Pace di Medjugorje realizzato dallo stesso Atelier di Carrara che scolpì l’originale, si sono rivolti ai Carabinieri e alle altre autorità cittadine per denunciare lo scempio che ignoti perpetravano sistematicamente danneggiando il Cristo in croce posto proprio ai piedi della Madonna.

Read Full Post »

Read Full Post »

1465402_1387334278178347_2071940432_n

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: