Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Religiosità’ Category

Prenota la tua visita al Presepe artistico dell’Istituto Testasecca di Caltanissetta

Società Nissena di Storia Patria

.

_MG_7722.jpgLa Società Nissena di Storia Patria, a cui è affidata la custodia del presepe artistico dell’Istituto Testasecca di Caltanissetta attribuito alla scuola di Giovanni Antonio Matera (1653-1718), restaurato negli anni scorsi dalla Soprintendenza ai BB. CC. di Caltanissetta, comunica che sarà possibile visitare il presepe stesso dal 15 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018 (esclusi i giorni festivi).

La visita sarà possibile durante la mattina a seguito di prenotazione (rivolgersi al Prof. Michele Mendolia Calella 389.8320912, michelemendolia@libero.it); nel pomeriggio, dalle ore 17,00 alle ore 19,00.

P_82f9d0f95e

Sarà possibile prenotare la visita sia da parte di singoli cittadini che da parte di scolaresche e comitive.

 

Annunci

Read Full Post »

LU SULI E LA LUNA

Armando Carruba

.

Du jornu ‘u suli si firmò ‘ntò celu
‘a luna dissi: “ssì cammurìa veru
ppò ‘ssiri tutti li jorna ti nna ghiri
a fariti lu bagnu ‘ntà lu mari
e oggi ca sugnu parata a festa
arresti fermu e mutu ‘ntà chiazza?
Ohu! Nun circari na scusa cretina
ca scoppiasti la rota o ‘a binzina…
Avanti cumincia prestu a tacchiari,
ca ora ‘ntò celu haju cumpariri!”
Lu suli si quariò e ci arrispusi
“ju sugnu omu e nun cercu li scusi
sugnu ‘ntà chiazza c’aspettu la Santa
ca nun ci vidi la bedda mischinedda.
E ccu li me’ raggi chini d’amuri
mi vogghiu vasari li sarausani
veni a diri ca tu spunti dumani
oggi no, ca haju lu me’ chiffari!”
‘Ntantu tra spari, botti e battimani
cumparìu ‘a Santa in cattedrali
e mentri ‘a prucissioni caminava,
ebbiva Santa Lucia, si sinteva!

santa lucia
Dopu un pizzuddu li purtaturi
eranu tutti ‘ntà mari ‘i suduri
la fatica, di cchiù, ranni si faceva
sutta ddu gran suli ca forti pirciava.
Lucia, capìu ‘a situazioni
e parrannu all’aricchi di lu suli
ci sciusciò paru paru ‘sti ddu paroli:
“Ti ringraziu ppi lu tò granni amuri
ma ora è ura ca ti na ghiri…
ora ci voli la tò cumpagna luna
pp’arrifriscari ‘sti criatura
ca m’hanu à purtari a Burgata
e tu ‘u sai ca è longa a strata!”
U suli nun dissi mancu ‘na parola
signu ca ‘stu fattu ci dispiaceva,
a Santa ‘u capìu, dissi ancora:
“Luna, aspetta, nun ‘ssiri priscialora!
‘U tridici dicembri di ogni anno
lu suli ‘ntà lu mari nun si fa bagnu,
accumpagnari la luna di darreri,
a fari ‘nsumma va’ lu cavaleri!”
La luna lesta, desi ‘na ‘nnaculiata
e ‘ntò celu fci la so’ trasuta!
Lu firmamentu? Tuttu nu brillanti!
Lu suli arreri, la luna avanti…
E se ddu jornu talìi lu celu,
e nun ti sa spiegari stu misteru
pirchì è così bene illuminato
‘u fattu è chistu e l’haju cuntatu.

Read Full Post »

Lu miraculu di S. Lucia

(sulle origini della cuccìa)

santa_lucia56Mi dissi ma nanna quannu era nica:
“Ora ti cuntu na storia antica”
Ncapu li gammi mi fici assittari
E adasciu adasciu si misi a cuntari.
“Ci fu na vota a Sirausa
Na cariṣṭia ṭṛoppu dannusa;
Pani un ci n’ era e tanti famigli
Unn’arriniscianu a sfamari li figli.
Ma vidè mmìezzu a la disprazioni
Un ci mancava mai la divuzioni
E addumannavanu a S. Lucia
Ca li sarbassi di la cariṣṭia.
Un bìeḍḍu jùornu arriva’ di luntanu
Dinṭṛa lu pùortu sirausanu
Na navi chjina di furmìentu
A liberalli di ḍḍu turmìentu.
Pi li criṣṭiani la gioia fu tanta
E tutti gridavanu Viva la Santa!
Picchì fu grazi a la so intercessioni
Ca avia arrivatu ḍḍa binidizioni.
Tutti currianu a la marina
Ma era furmìentu unn’era farina
E cu un pitittu ca facia abbintari
Un c’ era tìempu di jiri a macinari.
Pi mintisi subitu nsalvamìentu
Avianu a cociri u propria furmiantu
E pi la forma a ” coccia ” ca avia
Accuminciaru a chiamallu ” cuccia “!
La bona nova arriva’ luntana
E pi sta martiri sirausana
Fu accussi ranni la venerazioni
Ca fici nasciri ṣṭa tradizioni.
Passa’ lu tìempu di la cariṣṭia
E arriṣṭa’ l’ usanza pi Santa Lucia
Di un fari pani, di un cociri paṣṭa
E di mangiari la cuccia e baṣṭa.
Ma lu sapìemmu ci voli picca,
E l’ usanza di scarsa divinta’ ricca.
A ognunu ci vinni la beḍḍa pinzata
Di priparalla cchiu’ elaborata:
Cu ci mintia lu biancumangiari
E cu vinu cùottu ci vonzi ammiscari;
Cu ci vulia lu meli di ficu
E tanti anṭṛi cosi ca mancu ti dicu.
Ma ia vulissi sapiri, a la fini,
Di unni spuntaru li bieḍḍi arancini?
E m’ addunannu di quali manu
Nascìeru panelli e risu a taganu…”
E mentri ma nanna si spurniciava
A mia u ṣṭomacu mi murmuriava
E mi ricùordu cùomu c’avissi dittu:
“Nanna zittìemmuni ca haiu pitittu”!
BONA FESTA DI SANTA LUCIA!

Read Full Post »

madre teresa.jpg

 

Read Full Post »

Maria Immacolata e bambini “maculati”

Renato Pierri

.

Provate a chiedere a qualcuno che cosa esattamente si celebra il giorno 8 dicembre, che cosa s’intenda per Immacolata Concezione, e vedrete che non sempre avrete la risposta giusta. Molti, infatti, confondono l’Immacolata Concezione (privilegio, secondo la Chiesa, di essere stato concepito senza peccato, senza macchia), con la concezione virginale di Gesù da parte di Maria.

Secondo un dogma della Chiesa cattolica, definito nel 1854 da papa Pio IX, Maria fu l’unica persona dopo Adamo ed Eva ad essere stata preservata dal peccato originale fin dal momento della sua concezione. Se Maria avesse concepito il Bambino come tutte le mamme di questo mondo, sarebbe stata ugualmente Immacolata.

Secondo Bernadette, la Signora che le apparve a Lourdes si presentò a lei con queste parole: «Io sono l’Immacolata Concezione». Peccato che la bella  Signora (le signore delle apparizioni sono sempre belle) di Lourdes non si fosse annunciata in quel modo a qualche bambina prima e non dopo la promulgazione dell’articolo di fede. Il dogma non trova fondamento nelle Sacre Scritture, ma affonda le radici nella  tradizione popolare.

Ciò che dovrebbe destare meraviglia tuttavia, stando alla ragione e al buon senso, non è che la piccola Maria sia nata immacolata, ma che tutti i bambini di questo mondo siano nati e nascano e nasceranno maculati.

(altro…)

Read Full Post »

Perché e come si celebra la festa dell’Immacolata dell’8 dicembre

Quotidiano.net

.

Con l’8 dicembrefesta dell’Immacolata, anche quest’anno lo spirito natalizio entra nel vivo. Ma la data, per molti occasione di vacanza approfittando del ponte (meteo permettendo), è innanzitutto una ricorrenza religiosa.

images (8)Per capire perché si festeggia bisogna risalire al 1854 quando l’allora Papa Pio IX proclamò il dogma cattolico dell’Immacolata Concezione, con la bolla Ineffabilis Deus, in cui fu sancita la nascita della Vergine Maria, madre di Gesù, senza peccato originale.

LA DATA – Ma perché la Chiesa cattolica celebra la solennità dell’Immacolata concezione di Maria proprio l’8 dicembre? La data precede di 9 mesi esatti la data della nascita della madre di Cristo, l’8 settembre. Il dogma dell’Immacolata concezione prevede infatti che la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante di vita, sin dal suo concepimento.

USANZE E TRADIZIONI – Sebbene sia una festività religiosa, l’8 dicembre è incluso fra i giorni festivi dallo Stato italiano. Quest’anno cade di venerdì, sarà dunque occasione per molti italiani per indossare scarponi e sci e concedersi un weekend lungo sulla neve. Ma l’8 dicembre è anche la giornata in cui per tradizione si addobbano albero di Natale e presepe.

E’ usanza diffusa in molte famiglie, inoltre, darsi da fare nei mercatini natalizi per comprare qualche nuovo personaggio che andrà ad arricchire il presepe, o qualche nuovo addobbo per la casa. I più grandi e famosi sono quelli di Bolzano.

mercatino-bolzano-header.jpg

Tra i più conosciuti ci sono anche quelli di Aosta, mentre a Napoli il Natale si respira tutto l’anno – ancora di più l’8 dicembre – non tra le bancarelle di un mercato ma tra i negozi di San Gregorio Armeno, che si affollano in particolare in occasione del Ponte dell’Immacolata.

Ponte dell’Immacolata, 5 idee in Italia

L’OMAGGIO DEL PAPA – Per quanto riguarda le celebrazioni strettamente più religiose, l’8 dicembre è data di processioni in moltissimi comuni italiani. A Roma Papa Francesco si recherà, nel pomeriggio, in piazza di Spagna per il tradizionale omaggio alla statua dell’Immacolata (piazza Mignanelli). Il Pontefice sarà accolto dall’arcivescovo vicario Angelo De Donatis e dal sindaco Virginia Raggi. Al termine della preghiera il Papa si recherà in visita privata alla basilica parrocchiale di Sant’Andrea delle Fratte, per pregare di fronte all’effige della Madonna del Miracolo, nell’anniversario dell’apparizione ad Alfonso Ratisbonne.

Cattura.PNG

Ma a portare il primo omaggio alla statua dell’Immacolata, saranno, come tradizione, i vigili del fuoco, che alle 7.30 saliranno con l’autoscala fino sulla sommità della statua per deporre una ghirlanda di fiori, come avviene dall’8 dicembre del 1857 quando loro 220 colleghi inaugurarono il monumento. La presenza del Pontefice invece è una tradizione che risale al 1953.

images (9).jpgALL’ESTERO – La festa dell’Immacolata non è una ricorrenza sentita all’estero.

In quasi tutta Europa e Stati Uniti è invece diffusa la tradizione di Santa Claus, San Nicola, che si festeggia il 6 dicembre. Considerato protettore dei bambini perché si racconta, ritrovò e riportò in vita cinque fanciulli, rapiti ed uccisi da un oste. Santa Claus è il nome di Babbo Natale nei paesi anglofoni.

Cinque idee per il Ponte dell’8 dicembre all’estero

immac.jpg

(altro…)

Read Full Post »

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 13,33-37

. 

VigilateIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «State attenti, vegliate, perché non sapete quando sarà il momento preciso.
E’ come uno che è partito per un viaggio dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vigilare.
Vigilate dunque, poiché non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino, perché non giunga all’improvviso, trovandovi addormentati.
Quello che dico a voi, lo dico a tutti: Vegliate!».

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: