Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Proposte’ Category

Cattura

Posta elettronica: serviziocivileunpli@gmail.com; Pec: certificata@pec.serviziocivileunpli.net
URL: http://www.serviziocivileunpli.net Tel.: 0825.660109 Fax: 0825.674971

.

proloco tabellaPRO LOCO Milena


1)-Bando di selezione per n°1 volontari
Progetto di servizio civile: LE VIE DEI CASTELLI E LUOGHI FORTIFICATI NELLA SICILIA CENTRALE
Settore: Patrimonio Artistico e Culturale.

2)-Bando di selezione per n°1 volontari
Progetto di servizio civile: STORIA E LEGGENDE DEI CASTELLI DI SICILIA
Settore: Patrimonio Artistico e Culturale.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
La domanda di partecipazione, indirizzata direttamente alla Pro Loco di Milena, deve pervenire alla stessa associazione entro e non oltre le ore 14,00 del 26 Giugno 2017

TRATTAMENTO ECONOMICO
Ai volontari in servizio civile spetta un assegno mensile di 433,80 euro.

(altro…)

Read Full Post »

AREZZO, BIMBA DIMENTICATA IN AUTO

Franco Petraglia

.

La notizia mi ha raggelato il sangue: Arezzo bimba di diciotto mesi muore dimenticata in auto dalla madre.

Gli esperti dicono che la madre della piccola viene descritta come una donna attenta, premurosa e affidabile, ma molto provata dallo stress quotidiano: maternità e lavoro che le hanno creato un “black out mentale”, rivelatosi poi la causa della tragedia.

Ben venga quindi qualsiasi legge con provvedimenti che impediscano il ripetersi di simili tragedie: dai riscontri delle presenze dei bimbi negli asili nido a dispositivi come sensori acustici nelle macchine. Oltre a evitare il decesso di pargoletti innocenti, dimenticati sotto il sole cocente, salverà anche i genitori dal terribile rimorso che si porteranno per tutta la vita.

Papa Francesco ha detto: “la morte di un figlio è un buco nero che inghiotte il tempo”.

Read Full Post »

…e di un’amministrazione comunale che non ha saputo punirli né  tenere puliti i cassonetti…

1aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaassd

…ora siamo costretti a tenerci in ogni casa tanti piccoli cassonetti!

Ma veramente non si può trovare un’altro sistema?

Read Full Post »

bivio m1bivio m2

(altro…)

Read Full Post »

Interrogazioni presentate dal Gruppo Consiliare Milena in Comune

.

Interrogazione sulle azioni intraprese dall’Amministrazione sull’eventuale accoglienza di minori non accompagnati nel territorio comunale.

.

Il Gruppo Consiliare Solidarietà Sviluppo e Legalità chiede di conoscere ed interroga su quanto segue:

  • se è stata fatta richiesta all’UTG di disponibilità di accogliere MSNA;
  • se il nostro Comune ha aderito al Programma per l’accoglienza dei MSNA a valere sul fondo Nazionale per l’accoglienza;
  • il numero dei minori che il nostro Comune dovrà ospitare;
  • quali sono le strutture che verranno utilizzate per l’accoglienza;
  • il costo complessivo del progetto;
  • se verranno utilizzate procedure di evidenza pubblica per la scelta dell’operatore che dovrà gestire il progetto;
  • se vengono rispettati i parametri previsti dal manuale del Ministero dell’Interno;
  • i motivi che hanno portato l’Amministrazione Comunale a non informare preventivamente la cittadinanza sul progetto.

.

mino

.

Interviene il Sindaco Vitellaro, il quale evidenzia che questa Amministrazione non ha fatto alcuna richiesta in merito all’accoglienza di minori non accompagnati nel territorio comunale. E che ad oggi l’unico progetto di accoglienza in cui questo Comune è coinvolto e quello SPRAR del Comune di Sutera.

Siccome comunque per legge bisogna accogliere un certo numero di immigrati è intenzione dell’Amministrazione di privilegiare l’accoglienza di famiglie.

Interrogazione sull’utilizzo dei Buoni Lavoro (Voucher) da parte dell’Amministrazione Comunale negli anni 2013-2014-2015-2016 ed alla mancata approvazione di un regolamento per la disciplina della materia.

.

Il Gruppo Consiliare Milena in Comune chiede di conoscere ed interroga su quanto segue:

  • quali sono i criteri di scelta utilizzati dall’Amministrazione Comunale per il reclutamento dei fruitori dei Voucher;
  • Le motivazioni per le quali l’Amministrazione Comunale non ha proceduto a regolamentare la materia.

.

Interviene il Sindaco Vitellaro affermando che la legislazione in atto non prevede più i voucher,  laddove saranno confermati si riutilizzeranno e saranno stabiliti i criteri per il loro utilizzo.

Consiglieri Assenti: Caldiero, Curto, Pellegrino

LEGGI LA DELIBERA INTEGRALE

(altro…)

Read Full Post »

Aragona: niente 104 per lei, costretta a fare la pendolare da Catania per assistere il figlio

di Alan David Scifo

.

Aragona: niente 104 per lei, costretta a fare la pendolare per assistere il figlio

Il testo infatti, nonostante le richieste di questi anni, non si occupa delle conciliazioni dei tempi di vita e di lavoro dei genitori di disabili gravi, come nel caso dell’insegnante di Aragona, costretta a viaggiare fino a Catania per insegnare:

«Chiediamo ai parlamentari che sia emendato l’articolo 7 del Testo Unico (d.lgs. 165/2001) e aggiunto il comma 3-bis a tutela e sostegno della genitorialità, al personale di ruolo dipendente dalle pubbliche amministrazioni con figli disabili in situazione di gravità ai sensi dell’art. 3, comma 3 della Legge 104/1992, è riconosciuto come criterio di priorità l’assegnazione della sede di servizio nel comune di residenza del figlio, in soprannumero o in posizione di comando. Oppure, una soluzione che impedisca il disgiungimento familiare nel caso di figli disabili, analogamente a quanto previsto per il personale coniuge di militare o di categoria equiparata».

CatturaLa petizione ha già ottenuto più di duemila firme in pochi giorni dalla sua stesura, molte delle quali arrivano proprio dalla cittadina aragonese, dove la richiesta di firma alla petizione si è diffusa grazie al tam tam su Whatsapp.

A stilare il testo della petizione, appoggiata da altre madri che si trovano nella stessa situazione è stata proprio Antonella Zammito, il cui figlio, Andrea di 18 anni, è affetto da una malattia neurodegenerativa, la NBIA pank2, che provoca accumulo di ferro nel cervello. Più volte la donna ha rivendicato il diritto ad una destinazione vicina al proprio paese, o quanto più prossima, stigmatizzando il fatto proprio negli anni in cui sono venuti fuori gli scandali delle false “104”, ma le sue richieste sono state accolte in parte e lei continua a dover fare i conti con una dura le realtà che la costringe a stare lontana diversi chilometri dal proprio figlio.

La petizione si può sottoscrivere sul sito:

www.fare.progressi.org/petitions/non-possiamo-lasciarli-soli .

Read Full Post »

Tar Liguria: “Legittimo sparare per difendere i beni aziendali”

.

images (1)È legittimo sparare all’interno della propria azienda se c’è pericolo di aggressioni o di furti: questo è quanto emerge da una sentenza del Tar della Liguria sul ricorso presentato da un imprenditore contro il prefetto di Savona, che gli aveva negato il rinnovo del porto d’armi per difesa personale.

L’uomo ne aveva richiesto il rinnovo dopo i ripetuti furti all’interno della propria ditta, dove ignoti ladri avevano sottratto a più riprese del gasolio.

imagesDi fronte al rifiuto della prefettura savonese, l’imprenditore si era rivolto al Tribunale amministrativo della Liguria, spiegando peraltro che per motivi di lavoro ha spesso necessità di trasportare denaro contante per il pagamento di clienti e fornitori.

Il ricorso è stato accolto e il provvedimento con cui si negava all’uomo l’autorizzazione al porto di pistola è stato revocato. Il ministero dell’interno è stato inoltre condannato al pagamento di duemila euro di spese processuali.

La sentenza dei giudici liguri rischia di rappresentare un precedente giurisprudenziale: un imprenditore, è il principio sancito dai magistrati, può usare legittimamente un’arma per difendere i propri aziendali all’interno del luogo di lavoro e in presenza del pericolo di furti.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: