Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Sport’ Category

Solo dopo il previsto crollo affidati i lavori a una ditta locale

 

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio

Gustavo Vitali

.

4Un nuovo successo del volo libero italiano arriva dal sud America dove si è conclusa la 25.a edizione della PWC (Paragliding World Cup), la coppa del mondo di parapendio.

Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano).

Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di Molveno (Trento), durante i nove voli effettuati sui dieci previsti, uno per giorno: ne ha vinti tre, piazzandosi secondo in altri due. Migliori traguardi di Oberhauser un secondo e un terzo posto. In campo femminile indiscusso successo della francese Laurie Genovese, in assoluto la più forte delle 14 quote rosa in volo sulle alture colombiane.

3

All’ultima prova si è arrivati dopo le tappe in Francia, Serbia, Svizzera, Brasile e Ecuador disputate nel corso del 2017. Roldanillo è il principale sito di volo libero, cioè senza motore, in parapendio e deltaplano in Colombia. Situata sul lato ovest della Valle del Cauca, ai piedi della Cordillera Occidentale, la città si trova ad un’altitudine di 966 metri. Dal decollo di Aguapanelas i piloti hanno spiccato il volo per percorrere distanze tra i 62 e quasi 100 chilometri, secondo le condizioni meteo delle nove giornate di gara, sfruttando le correnti ascensionali scaturite dall’irraggiamento solare e l’efficienza delle ali. 

2Alla finale mondiale hanno partecipato 120 piloti provenienti da 25 nazioni. Migliore e anche la più numerosa la compagine francese con ben 27 volatori, seguita dall’Italia, ma con meno della metà dei piloti. Oltre a Donini e Oberhauser, questi gli altri azzurri: Christian Biasi, Alberto Vitale, Franz Erlacher, Gianbasilio Profiti, Michele Boschi, Federico Nevastro, Luca Donini, i campioni italiani in carica Marco Busetta, e Silvia Buzzi Ferraris, Aaron Durogati e Nicole Fedele, che negli anni scorsi hanno vinto rispettivamente due e una volta la coppa del mondo.

  (altro…)

Read Full Post »

LA LIBERIA, UN PAESE A LUNGO SFRUTTATO E DIMENTICATO

.

George Weah, nuovo presidente della Liberia: “per aspera ad astra”

Franco Petraglia

.

g1La leggenda del calcio George Weah, 51 anni, ex stella del Milan degli anni Novanta, è stato eletto presidente della Liberia.

Il neopresidente è nato e cresciuto nella baraccopoli di Clara Town, a Monrovia, e proviene da una delle zone più povere del paese. Questo self made man, dopo tante traversie, è balzato alla cronaca di tutto il mondo per l’importante ruolo che ricoprirà. E’ il caso di dire:”per aspera ad astra”.

La sua nazione, la Liberia, fu chiamata così perché doveva essere la nazione degli uomini liberi quando, nel 1847, fu creata dai discendenti degli schiavi emancipati degli Stati Uniti. Ma così non è stato. Alla popolazione indigena furono imposte tasse eccessive, lavori umilianti, spesso forzati, limitazioni nel diritto di voto, accaparrarono potere, ricchezze ed altri beni.

g2Per non parlare dei continui sfruttamenti vecchi e nuovi da parte dei paesi ricchi. Non si possono non ricordare le devastanti guerre civili del 1989-1996 e del 1997-2003. E inoltre la febbre emorragica Ebola (2014-2015), che ha fatto registrare più di cinquemila morti in questa martoriata terra liberiana.

Al fresco presidente, che nel suo programma ha promesso istruzione gratuita dall’asilo alle superiori, nonché l’accelerazione nella creazione di posti di lavoro, non gli si può non augurare “buon lavoro” in questo delicato compito che lo attende. Credo che , da uomo intelligente, tenace, patriota e ottimo  campione di calcio, potrà risollevare le sorti di questo stato africano, che per tanti anni ha visto un sogno di libertà, di pace e progresso socio-economico infranto e finito nel sangue.

Read Full Post »

ssilvete.jpg

A Ognina la San Silvestro a mare in un porticciolo gremito di catanesi-Vince il nuotatore Giovanni Musumeci, secondo lo scorso anno e primo anche nel 2014. Tuffo anche per l’astronauta Luca Parmitano e l’assessore Razza

.

Cattura.PNGClassico appuntamento di fine anno a Catania con la San Silvestro a mare, gara di nuoto internazionale  nelle acque del golfo di Ognina nata nel 196 da una idea di Lallo Pennisi – istituzione della pallanuoto catanese – che richiama l’attenzione di migliaia di sportivi tra concorrenti e spettatori. E grazie anche alla bellissima giornata, sole pieno ed Etna imbiancata sullo sfondo, il porticcolo della frazione marinara oggi era davvero gremito di persone che hanno fatto il tifo per i tanti partecipanti di ogni fascia d’età e di varie nazioni, professionisti e non, oltre ad essere stati la splendida cornice di uno spettacolo che si rinnova ogni anno. E il sole caldo di questa domenica ha riscaldato di qualche grado anche l’acqua solitamente gelida di questo periodo dell’anno.

Ma la temparatura dell’acqua non ha mai frenato gli appassionati di questo tradizionale appuntamento amato da catenesi e non.  Nutrito infatti il drappello dei nuotatori con sei categorie e oltre cento partecipanti: i master quella più folta con 71 iscritti. Tra i professionisti quest’anno ha vinto Giovanni Musumeci, nuotatore, arrivato secondo lo scorso anno e già sul gradino più alto del podio nel 2014.

Giovanni Musumeci con il padre in una foto d’archivio

Una vittoria che lui non immaginava a partire dal fatto che gli era stato dato il numero 17. “Non credevo di farcela – ha detto
Musumeci con un filo di voce – dedico questa vittoria a mio nonno che non c’e’ piu’ e a Fracesca”.

Seguitissime però anche le nuotate amatoriali, quella dei diversamente abili, quella delle donne e quella degli Under 17. Nelle fredde ancque del golfo questa mattina si sono tuffati anche l’astronauta catanese Giovanni Parmitano e il neo assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, anche lui catanese e appassionato di nuoto.

Parmitano, paternese di nascita, non contento di avere passeggiato nello spazio, oggi ha indossato costume e calottina. “Quando sono qui a Catania per le feste questa nuotata la faccio volentieri. E’ anche l’occasione per augurare buon anno ai catanesi e a quanti partecipano”.

“Non poteva che essere cosi’ -ha detto Ruggero Razza, assessore regionale alla sanita’ – iniamo cosi’ il nuovo anno che per i siciliani sara’ importante con le consuetudini di sempre”.

Nel video l’arrivo delle varie batterie.  In sequenza, diversamente abili, under 17, donne, amatori e professionisti.

Read Full Post »

Il Tennis Club Milena alla fase regionale!

.

Ultima giornata del Campionato invernale di tennis, fase provinciale dopo la quale si accedeva a quella regionale. Milena e Delia si erano classificate prime a pari merito con quattro vittorie per parte. Le altre squadre partecipanti: Sommatino con due team, Serradifalco e Bompensiere.

IMG-20171223-WA0004.jpg

Sabato 23 dicembre si è disputata a Milena la sfida importante tra Milena e Delia che avrebbe visto la squadra vincente andare direttamente al tabellone regionale. Il Tennis Club Milena non ha avuto bisogno di disputare le gare di doppio perchè ha vinto i tre incontri di singolare con Salvatore Ferlisi, Piero Vitellaro e il presidente-giocatore Giorgio Borgetto, lascindo di stucco gli avversari giunti nel Paese delle Robbe con idee bellicose.

t4

Milena, quest’anno, sembra avere un feeling speciale con le “regionali”: questa preziosa affermazione sportiva  va ad aggiungersi alla clamorosa affermazione di Michele Mancuso supervotato ed eletto deputato regionale e alla nomina di Mariella Ippolito nella giunta regionale di Nello Musumeci: è proprio vero non c’è due senza tre…

t5

Agli incontri hanno assistito le vecchie glorie del Tennis Club Milena: Gianni Cipolla, Alfonso Cipolla e Luigi Romeo in qualità di Giudice Arbitro.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: