Feeds:
Articoli
Commenti

Milocca in rovina…

Archi via !!!

.

arco farcuna

Arco di Robba Farcuna

———–

nascariaddri

Arco di Robba Nascariaddri

Continua a leggere »

Leader e non

Polemiche cittadine dopo la Nota dei Tre Sindaci ai Commissari delle ex Province di Caltanissetta e Agrigento per la strada Milena-Grotte “dimenticata” dal sindaco di Milena al traino dei suoi colleghi.


.

Siamo sempre i primi… degli ultimi!

.

IL POST DI DIABOLIKO

a

La Mozione della Minoranza per la sistemazione della Milena-Grotte bocciata dagli 8 consiglieri della Maggioranza

Ricordiamo fatti che ci riguardano:

1) La mozione dei consiglieri della minoranza che invitavano il sindaco di Milena a sostituirsi al Commissario della ex provincia, se impossibilitato, e fare preparare all’ufficio tecnico un progetto di fattibiità per la Milena-Grotte è stata non solo criticata dal sindaco Claudio Cipolla e dal presidente del consiglio Giovanni Randazzo ma anche “bocciata” dagli 8 consiglieri della maggioranza.

2) Ora il sindaco fa marcia indietro, si ravvede e lotta insieme a quello di Bompensiere e Montedoro, vogliono collaborare con la ex provincia per sistemare alcune strade provinciali:

sradala 23 (Serradifalco-Mussomeli), la 24 (Bompensiere-Milena), la 24-bis (SP 24 bis, Innesto con la SP 24 presso Margio Natali), la 73 (Sp 73 che collega la sp 122 alla Sp 23 Serradifalco-Montedoro, contrada Garziano).

Meglio tardi che mai.

3) I tre sindaci si rivolgono al Commissario di Caltanissetta e a quello di Agrigento.

A proposito ci chiediamo: “ancora una volta è stata forse “dimenticata” la Sp 151, la Milena-Grotte più piena di buche che mai e ricoperta di fango?

Sbagliare una volta può capitare, ma una seconda volta sarebbe diabolico!
Facciamo notare che come le altre strade nell’elenco dei tre sindaci anche la Milena-Grotte è in attesa di “lavori di rifacimento” da parte della Regione, e allora: perché non è stata inserita nell’elenco dal nostro sindaco?

Diaboliko

.


.

Gli altri come locomotive, noi come vagoni trainati

 
.
boIL POST DI RISPOSTA
.

miCaro Diaboliko,

volevo darti delle piccole dritte:
Il sindaco non si è ravveduto e non lo farà mai, semplicemente si trova (smosso dagli altri sindaci) a non potersi tirare indietro.

Per cui controfirma ciò che altri (per nostra fortuna) fanno al posto suo e per cui (sempre per nostra fortuna) lo tirano in ballo!

md151NIENT’ALTRO!

cipolla claudio manifQuindi finché il sindaco di Grotte o di Campofranco non si muovono per altre battaglie, come la Sp151, lui rimarrà tranquillo perché non è compito suo!

Ma ATTENZIONE: a lui interessa, perché anche lui ha i terreni in quella zona! Però aspetta qualcuno che lo faccia al posto suo!

Ad aggravare la cosa, sicuramente, il fatto che la minoranza abbia posto attenzione verso questa strada (e non solo).

.

LEGGI LA NOTA E POI LA DELIBERA

Continua a leggere »

Festa per la Maestra Sina

.

aaaBella serata al ristorante La Lanterna alla vigilia dell’Immacolata, organizzata da Anna Maria Fabiola Palumbo.

Una vera e propria rimpatriata alla quale hanno partecipato alcuni alunni della classe 1975 perché molti erano fuori per motivi di lavoro.

Antonella Arnone, Raimondo Mattina, Anna Maria Fabiola Palumbo, Mara Pellitteri, Roberto Schillaci hanno con gioia rivisto loro stimata maestra Sina di Campofranco.

Nel corso della cena non è naturalmente mancato qualche momento di commozione, ma la gioia di rivedersi insieme alla loro amata maestra è stata più grande.

Continua a leggere »

Cappella dedicata all’Immacolata Concezione che si trova a Palermo, dentro la Basilica di San Francesco d’Assisi.

Giusy Vassallo

Il Rotary Club Aragona Colli Sicani regala un cofanetto contenente la collana dei libri di Harry alla Luigi Pirandello di Milena

.

Ieri alle ore 11:30, presso i locali della palestra della scuola media Luigi Pirandello di Milena, plesso staccato dell’Istituto comprensivo “Filippo Puglisi” di Serradifalco, il Rotary Club Aragona Colli Sicani del Distretto 2110 Sicilia-Malta, nelle persone della Dott.ssa Vivi Giacco Pignatelli, Presidente in carica per l’a.r. 2021-22 e il segretario del club Dott.ssa Giovanna Lattuca, nell’ambito del progetto distrettuale “Un libro per studiare”, coadiuvati dai soci Prof. Celestino Saia e Ing. Pietro Garrasi, hanno consegnato alla Dirigente Scolastica Dott.ssa Valeria Piera Rita Vella un cofanetto contenente la collana dei libri di Harry Potter integrato con relativo DVD.

r1

La scelta dei testi, concordata dal Presidente del club e dalla D. S., risponde alle esigenze di lettura dei nostri ragazzi, i quali già da diverse generazioni hanno seguito con passione la serie di Harry Potter tratta dai romanzi della scrittrice J.K. Rowling.

r2

Con la presente iniziativa, da un lato il Rotary evidenzia la sua presenza continua e costante sul territorio nell’offerta dei servizi a 360°, dall’altro il D.S. dimostra di essere sensibile alle iniziative culturali e contemporanee che riscontrano maggiore interesse nei nostri ragazzi.

r3

Gli alunni presenti, in rappresentanza dei compagni della propria e di altre classi dell’istituto, hanno apprezzato e partecipato alla conferenza con la massima attenzione rivolgendo alla fine diverse domande sulle finalità e sulla struttura dell’associazione rotariana.

Continua a leggere »

Nota sottoscritta dai sindaci di Milena, Bompensiere e Montedoro sulle pessime condizioni in cui versano le strade provinciali che collegano i loro comuni.

263485753_10220441046636693_1685596977362272869_n
nota

La competenza sulla manutenzione delle strade provinciali è del Libero Consorzio di Comuni ma noi comuni siamo disponibili, nonostante i nostri limiti, a collaborare. È inconcepibile attendere ulteriormente.

Vaccino “tossico”? La foto-choc che inchioda i no-vax: quanti farmaci prende ogni giorno un intubato in intensiva

Lorenzo Mottola

.

novLa foto che pubblichiamo oggi rappresenta un estremo, disperato tentativo da parte della comunità scientifica di porre in risalto le gigantesche falle della teoria No vax.

È stata scattata e postata su Instagram dai medici di un ospedale bavarese, la Rottal -Inn Kliniken di Eggenfelden, con un messaggio:

«Questi sono i farmaci, gli integratori e gli alimenti liquidi che ogni giorno un ricoverato in terapia intensiva è costretto ad assumere nei nostri reparti. Una vaccinazione può proteggere da questo».

Un’infinità di flaconi, flaconcini e sacche per tenere in vita chi non riesce più a respirare con i propri polmoni.

Pur di evitare un’iniezione, se ne rischiano centinaia. Ogni 24 ore.

Non c’è dubbio: alcuni di questi prodotti, come molti farmaci, avranno qualche controindicazione e anche effetti nefasti, per quanto rari. Ma sono mali necessari per evitare conseguenze peggiori.

malE se c’è qualcuno che ritiene che il problema non lo riguardi, qualcuno che conta sul fatto di riuscire a superare l’epidemia anche senza dar fondo alle scorte di Pfizer e Moderna, ricordiamo i numeri: gli ultimi dati dell’Istituto Superiore di Sanità indicano che un non immunizzato rischia 16 volte più di un vaccinato di finire attaccato a un respiratore. Vale davvero la pena scommettere?

La Germania, che attualmente viaggia a una media di circa 400 vittime del virus a giorno, è proprio uno di quei paesi dove tante famiglie hanno accettato di correre questo rischio. La medicina alternativa è molto diffusa nei territori di lingua tedesca, quindi anche Austria e Alto Adige.

È da queste parti che si è diffusa l’abitudine di organizzare Covid-party per contagiarsi e sviluppare naturalmente anticorpi. Il problema è che tante persone sono altrettanto naturalmente morte dopo queste festicciole.

Il credo dei No vax è però difficile da sradicare. Questo ha fatto sì che alcuni lander di Angela Merkel siano rimasti molto indietro sulla campagna vaccinale. Con risultati prevedibili.

Il confronto tra i vari stati della repubblica federale dà ragione a chi crede alla scienza: Sassonia e Turingia, con meno del 65% di vaccinati, sono le regioni di gran lunga più colpite dal Covid, con più di un morto ogni 100mila abitanti. L’incidenza di decessi si riduce in maniera impressionante dove aumentano gli immunizzati.

Continua a leggere »

Davanti al falò

Davanti al falò

di Rosa Lombardo

.

fu1Un gaio preludio di festa annunciata
Sussulta velato nell’umida sera
Sentivo nell’aria
Qualcosa di strano
Quand’ero bambina
La gente accerchiata
Cantava ritornelli
Intonata canzoni
Inventate dal vento
Intorno a un falò
Lo scalpitio di campane
Ridesta memorie mai
Spente nel tempo
La gente felice
Cantava per scordare
In un atmosfera
Di luce irreale
Sognava giornate
Di pace ripiene
I cuori puliti
e le menti serene
Ed era una perenne rincorrer fuggivo
In quella sfrenata ballata di vita tremavano i corpi.
Oh ingrato destino
Ho il gelo per viver
E il sole per morire
Ardeva silente malinconica attesa
Stagnava nell’aria
Del fuoco l’odore
Imbrogliato pantano
Che in ceneri muti
Le vane speranze
Dei sogni e del cuor
Quand’ero bambina
Sentivo nell’aria
La gente felice
Che Cantava per scordare
Ma tutto il dolore
restava in quel canto
Era un grido d’aiuto
Era un inno di pianto.

I tre malpancisti no-Mus

Lo stonato Trio No Mus

Alfonso Cipolla

.

333Invitato personalmente da Giorgia Meloni, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci parteciperà il 9 dicembre prossimo alla festa nazionale di Fratelli d’Italia.

Sarà relatore a uno degli eventi-vetrina della manifestazione, quello sull’immigrazione: “Fronte d’Europa. Viaggio al confine tra solidarietà e sicurezza nell’era delle grandi migrazioni”.

Mentre la Meloni riavvicina Musumeci, il suo fratello d’Italia Raffaele Stancanelli partecipa attivamente a convegni contro il presidente della Regione Siciliana assieme a Micciché e De Luca: tre antimusumeciani in servizio effettivo permanente.

Ognuno di loro, per un risentimento personale, rischia di fare perdere la Regione al centrodestra.

tafazzi2Qui non si mette in dubbio la libertà di essere contrari alla ricandidatura di  Musumeci, qui si afferma però che non si può essere liberi di sparare sul conducente della Regione mentre la sta guidando per l’ultimo anno.

Non è politicamente produttivo farlo, si rischia di confondere gli elettori e far perdere il cetrodestra: il risentimento personale non può sfociare in puro masochismo politico: tre Tafazzi in politica sono davvero troppi!

Questa voglia di autodistruzione ha il suo massimo esponente in Gianfranco Micciché il quale già una volta ha spaccato il centrodestra e fatto vincere il centrosinistra e far diventare Presidente della Regione niente poco di meno che Rosario Crocetta.

Vuole concedersi il bis? Dai suoi comportamenti sembrerebbe di sì. Sogna alleanze diverse, esperimenti alla Draghi e altri incubi.

sav Ora sfidando anche il ridicolo, ha partecipato ad un convegno sulla gestione regionale dei rifiuti sparlando e sparando sul Governo Musumeci.

Micciché sbraita ma è indebolito dal fatto che i 4 assessori regionali di Forza Italia quel piano-rifiuti l’hanno votato. Glielo ha fatto notare la portavoce di Diventerà Bellissima Giusy Savarino, della serie “Dove vai se l’armata non ce l’hai”.

Sul terzo anti-Mu, lo scatenato sindaco di Messina, basta la risposta di Nello Musumeci a quanti gli chiedono cosa pensi del Masaniello dello Stretto di Messina: “Parliamo di cose serie”.

Con De Luca presidente della regione siciliana rivederemmo i sorrisini di sfottò che accompagnavano le esibizioni di Crocetta in tv, molto richiesto negli studi televisivi sol perché faceva crescere l’audience, peccato che contemporaneamente faceva crescere la vergogna nei siciliani da lui macchiettisticamente rappresentati.

La conclusione è una sola: continuando di questo passo, questo centrodestra si presenterà diviso agli elettori, tradendo le loro aspettative e non vincerà le elezioni regionali. Vinceranno gli egoismi e i risentimenti e le invidie di questo Trio Meraviglia? Oppure i loro partiti di riferimento riusciranno a ricondurli in fretta alla ragione e alla ragion politica.

Gli elettori vogliono una Regione Siciliana che con la guida di Musumeci ha ritrovato serietà e considerazione. non

Stancanelli e Micciché evitino in futuro sceneggiate di basso profilo. Se proprio non vogliono che Musumeci si ricandidi lo dicano nelle sedi appropriate e al momento giusto.

Non si possono permettere di sparlare/sparare sul Conducente mentre sta guidando la Regione per l’ultimo anno. E non possono farlo proprio mentre dentro il governo Musumeci sono presenti i loro assessori.

Dovesse continuare questo “tiro al pizzetto”, sappiano che pregiudicano l’unità del centrodestra e mettono a rischio la vittoria alle prossime elezioni. Perdendo, ridurrebbero il numero dei consiglieri regionali e perderebbero poltrone&potere (e divani).

Diventerà Bellissima sta tenendo un profilo basso, ma bisogna chiedersi fino a quando sopporterà questo continuo “disturbo al conducente” senza tirarne le conseguenti conclusioni? Non bisogna certo essere indovini per ritenere che non sarà consentito a nessun alleato tenere ancora un piede in due scarpe…

Più serietà e meno litigiosità, dunque. Ce lo chiedono i nostri elettori.

Continua a leggere »

cammarata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: