Feeds:
Articoli
Commenti

Spaccio gambiano

Annunci

Lordetector

1qqqqss

Mattarella saluta la Nave della legalità: «Contro la mafia impegno costante». Il capo dello stato a Civitavecchia per la partenza degli studenti di tutta Italia alla volta di Palermo

La Sicilia

.

Mattarella saluta la Nave della legalità: «Contro la mafia impegno costante»

La lotta alle mafie è «un impegno da riaffermare per sradicare questo fenomeno da tutti i territori del paese», ha detto il capo dello Stato. «La presenza della mafia ostacola lo sviluppo economico, frena le possibilità di lavoro, condiziona possibilità di vita sociale, riduce la liBertà di ciascuno per questo è importante la testimonianza che state portando oggi e con la giornata di domani e le significative manifestazioni che ci saranno».

«E’ importante la testimonianza che state portando oggi e per la giornata di domani: ricordiamo con riconoscenza Giovanni Falcone e Francesca Morvillo e con loro Paolo Borsellino: tra il 23 maggio e il 19 luglio passano poche settimane, una stagione tragica per il nostro paese da non dimenticare per fare motivo continuo di impegno», ha aggiunto Mattarella.

«Falcone e Borsellino erano legati tra loro dall’impegno per la giustizia e dalla modernità di metodi di lavoro, dai valori e dall’amicizia personale: insieme a loro e a Francesca Morvillo ricordiamo i loro angeli custodi, anche io li ricordo uno per uno», ha detto ancora il capo dello Stato facendo i nomi degli 8 uomini e donne della scorta morti nelle stragi di Capaci e di via d’Amelio. Mattarella ha stretto la mano a Tina Montinaro, vedova di uno degli agenti uccisi.

Paesi antimafia

.

Continua a leggere »

Curiosità per il libro aperto di una sconosciuta

Renato Pierri  

.

downloadChe dite, si può rubare qualche parola da un libro che non ti appartiene, oppure è cattiva educazione? Se è cattiva educazione, senza farlo apposta questa mattina mi sono comportato da maleducato. Mi trovavo sul tram 8, il tram che porta a Largo di Torre Argentine a Roma. Si libera un posto vicino ad una signora che sta leggendo un libro.

Occupo quel posto e non volendo, vi assicuro, non volendo, l’occhio mi cade sulle pagine del libro aperto. Maledetta inconsapevole curiosità. Lei era tutta intenta a leggere, come ha fatto ad accorgersi che anche gli occhi miei scorrevano quella pagina? Proprio non lo so. Però se n’è accorta, l’ha sentito, perché si è girata ed ha piegato il libro in maniera tale da poter continuare a leggere, ma da impedire a me di leggere, qualora ci avessi riprovato. Ma ci mancherebbe altro ci riprovassi!

Già mi sono sentito in imbarazzo per aver letto qualche parola senza farlo apposta. Ho letto a un dipresso: “Non puoi raggiungere quel punto. Non puoi raggiungerlo perché già ti trovi in quel punto. La libertà…”. Maledetta curiosità. Che libro era? Lo ha messo rapidamente in borsa prima di scendere, quasi per impedirmi di leggere il titolo. Di quattro lettere sono quasi certo: “esso”.  Stesso? promesso? sesso? Non so proprio, che rabbia! 

 

 

Mussomeli international

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: