Feeds:
Articoli
Commenti

Agevolazioni tariffarie per incentivare l’adozione di cani

.

canile montedoro

Montedoro – Canile intercomunale

Il 25 novembre scorso si è tenuto l’ultimo consiglio comunale del 2019.

Tra i punti all’ordine del giorno c’era la proposta di modificare il Regolamento della Imposta Unica Comunale per concedere una riduzione fino a 300 euro della tassa sui rifiuti a chi che adotta un cane catturato a Milena e trasportato nel canile intercomunale di Montedoro.

Il verbale della seduta racconta un acceso dibattito.

La Consigliera Maria Carmelina Ferlisi, dopo avere evidenziato che l’adozione dovrebbe avvenire in modo spontaneo, ritiene che l’Istituto vada meglio regolamentato ed in particolare dovrebbero prevedersi garanzie sia per chi adotta il cane sia per il cane che viene adottato, e chiede con quali soldi saranno finanziate le adozioni, stante che per il Baratto Amministrativo non sono state previste somme.

Per la consigliera di Milena Domani con tale provvedimento il problema del randagismo non verrebbe risolto e che andrebbero studiate altre soluzioni come la sterilizzazione.

FOTO CLAUDIO

Claudio Cipolla

Il Sindaco Claudio Salvatore Cipolla, fa presente che nella passata amnmistrazione era stata proposta una simile agevolazione che concedeva 100 euro a chi adottava un cane, ma è fallita. L’aumento a 300 euro potrebbe essere un incentivo all’adozione dei cani.

Precisa che l’Istituto sarà oggetto di apposita regolamentazione come tra l’altro richiesto dal Revisore dei Conti nel suo parere. L’Istituto, continua il Sindaco si autofinanzia ed anzi produrrebbe un’economia per il Comune in quanto attualmente il ricovero di un cane presso il canile ha un costo di € 800 annue.

Il Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Randazzo, invita i Consiglieri ad attenersi nei loro interventi all’argomento trattato che riguarda un’agevolazione tariffaria per l’adozione dei cani, e non il fenomeno del randagismo e delle sue soluzioni, ed invita il Coordinatore del Comando di Polizia Municipale a meglio chiarire l’attuale situazione.

2caniIl Coordinatore Giovanni Petruzzella, specifica che i cani ritenuti pericolosi dal canile non vengono e non saranno adottati, e che il controllo sull’adottante è già previsto che sia effettuato dal personale del canile.

Il personale e il locale Comando di Polizia Municipale effettuano dei controlli anche dopo l’adozione, lo stesso precisa che i cani in età adulta già presenti sul territorio vengono ricoverati disinfettati e sterilizzati, a costo zero,  e ove non ritenuti pericolosi vengono rimessi sul territorio, mentre i cuccioli appena nati  e trovati in giro vengono ricoverati nel canile, e che la proposta è stata studiata al fine di ottenere un risparmio sul costo, precisa infine che a breve sarà fatta una convenzione con l’ASP al fine di sterilizzare gratuitamente anche i cani di proprietà dei cittadini.

La Consigliera Angela Falcone, ribattendo al Presidente, ritiene pertinente l’intervento della Consigliera Maria Carmelina Ferlisi, la quale ha proposto la sterilizzazione dei cani come prevenzione. Inoltre fa presente che andrebbero adottati altri provvedimenti per evitare che il loro abbaiare disturbi la quiete dei cittadini.

Il Consigliere Onofrio Oliva, precisa che il problema che si vuole risolvere con la proposta è l’abbattimento dei costi del ricovero nel canile di Montedoro, e che da tale abbattimento si potrebbero incamerare fondi per finanziare oltre all’adozione, il randagismo ed altre misure di prevenzione per provare a risolvere o alleviare la problematica.

minoranza MD

GRUPPO CONSILIARE “MILENA DOMANI” : Angela Falcone, Maria Carmela Ferlisi, Maria Giulia Provenzano, Alfonso Cipolla

Il Consigliere Alfonso Cipolla, ritiene che nel caso che tutti cani venissero adottati, la presente proposta potrebbe avere un incidenza di 15.600 euro, il che comporterebbe un eguale aumento della TARI tutto a carico dei cittadini.

Il capogruppo della minoranza critica duramente l’Amministrazione comunale perché non rivolge la stessa attenzione che ha per una cinquantina di cani alle tante persone in stato di grave bisogno economico.

Al Sindaco e al Presidente che reagiscono con forza all’accusa, Alfonso Cipolla conferma la sua critica politica e ribadisce:

“Questa amministrazione è più attenta ai cani che ai cristiani!”.

tassewLa prova è che ancora l’Amministrazione non ha attivato gli uffici preposti a sbrigare le pratiche e che la giunta non ha ancora stanziato i soldi per fare partire il Baratto Amministrativo che sicuramente porterà un vantaggio per i cittadini più bisognosi non in grado di pagare le tasse, e anche al Comune.

Per il capogruppo della Minoranza cosìNon si rispetta la delibera del consiglio comunale votata all’unanimità il 23 maggio 2019 la quale approvava il Regolamento per il Baratto Amministrativo e la sua applicazione dal 1° gennaio 2020.

bar

Il Consigliere Alfonso Cipolla ribatte che la cifra di 15.600 euro, appunto perché autofinanziata, doveva essere inserita in un apposito capitolo di bilancio e non legata alla tassa sui rifiuti, perché causerà un buco nel bilancio che dovrà essere coperto con fondi comunali, cioè con i soldi dei cittadini.

E conclude evidenziando che la proposta è priva del parere contabile del Ragioniere e che il parere del Revisore dei Conti, di cui è venuto a conoscenza durante la seduta, è condizionato e pertanto chiede non ascoltato il rinvio dell’approvazione.

Il Consiglio comunale con voti favorevoli n. 7, contrari n. 4 (Alfonso Cipolla, Angela Falcone, Maria Giulia Provenzano e Maria Carmelina Ferlisi) su n. 11 Consiglieri presenti e votanti approva la delibera e la dichiara imemdiatamente esecutiva.

 

LEGGI LA DELIBERA INTEGRALE

Continua a leggere »

La Regione Siciliana dichiara guerra al caporalato nelle campagne. Lo fa dotandosi di una serie di strumenti ad alta tecnologia e anche di droni.

.

Entra così nella fase operativa il Protocollo d’intesa sottoscritto dal presidente Nello Musumeci con il ministero dell’Interno, che ha stanziato circa dodici milioni di euro nell’ambito del Pon Legalità 2014/2020.

Il governo regionale, da parte sua, con una delibera proposta dall’assessore al Territorio Toto Cordaro si è impegnato a destinare duecentomila euro all’anno, per il successivo quinquennio 2022/2026, per garantire la piena funzionalità delle apparecchiature che saranno installate e che verranno messe in collegamento con la centrale operativa del Corpo forestale della Sicilia.

musumeci-cordaro

Nello Musumeci e Totò Cordaro


Si tratta, principalmente di telecamere ad alta risoluzione e di sensori audio/video ambientali ma ci si affiderà anche alle immagini catturate dai droni.


#governoMusumeci

Persone e cose

“Le persone sono state create per essere amate, mentre le cose sono state create per essere utilizzate. Il motivo per cui il mondo è nel caos è perché le cose sono amate e le persone sono utilizzate.”

#John_Green

L'immagine può contenere: nuvola, cielo, spazio all'aperto e natura

Tornail KAOS, festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana a Sambuca di Sicilia, il 24, 25 e 26 gennaio 2020

Daniela Gambino

.

Tornano il Kaos e i kaotici, capitanati dal direttore artistico Peppe Zambito, e approdano a Sambuca di Sicilia.

Succede il 24, 25 e 26 gennaio 2020, in un borgo premiato fra i più belli d’Italia, dove prende vita il festival più innovativo, giocoso, capace di contaminazioni, degli ultimi anni.

Si prevedono tre giorni densi di eventi a Palazzo Panitteri.

Una scommessa vinta, questa del KAOS, festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana che premia l’impegno di un manipoli di addetti alla cultura, che per ogni allestimento, a titolo volontario, si impegnano a profondere idee, spunti ed entusiasmo, in un concetto di Festival itinerante.

Nel Kaos festival, infatti, sono la cultura, i libri, la musica, il teatro, ad andare in giro, a scegliere, a proporsi, a venire ospitati, edizione dopo edizione, in un Comune della Sicilia differente, un Comune che viene poi coinvolto, amministrazione e cittadini, per fondersi con gli intenti culturali più profondi della manifestazione: ovvero quello di dimostrare che i libri sono vivi e portano bellezza, nel territorio, nelle case, nella vita delle persone.

“Siamo pronti a dare il benvenuto alla carovana di Kaos, per un week-end ricco di appuntamenti culturali di ottimo livello. – fa sapere il Sindaco Leonardo Ciaccio – Per Sambuca rappresenta anche un occasione per far conoscere le nostre bellezze e valorizzare le tante personalità in campo letterario e artistico. La manifestazione prenderà vita nei locali dello storico palazzo Panitteri e coinvolgerà il quartiere saraceno”.

Il presidente della giuria designato per l’edizione 2020 del Kaos Festival, è Salvatore Ferlita, assistant professor di Letteratura italiana contemporanea presso l’Università degli studi di Enna Kore, giornalista, saggista e critico letterario.

A seguire i nomi dei Finalisti che verranno premiati durante la tre giorni.

Sezione Poesia:

Con gli occhi del cuore – Giuseppina Mira

Imbarcate alle stretto – Lorenzo Spirio

Andiamo – Audenzio Sciamé

Sezione Racconti:

Palluzza – Emilia Merenda

Ultima vendemmia del patriarca – Giuseppe Lauricella

Elena intrecciava fiori di sale – Maria Carmela Micciché

Sezione Narrativa:

Usanza di mare di Antonino Rallo Margana editore

Quattordici spine di Rosario Russo. Algra Editore

Nessuno deve tacere di Michele Barbera. Aulino editore

Germogli di porpora di Antonella Vinciguerra. Epsil editore

Ali blu di Maria Concetta De Marco. Medinova edizioni

Svelati già due vincitori, due sezioni che rinnovano la memoria di due personaggi siciliani, l’editore Coppola e la giovane testimone di giustizia Rita Atria.

Premio Salvatore Coppola va ad Alan David Scifo per il libro Sud del sud, un reportage, anche sentimentale, dello stato attuale della zona dell’agrigentino.

Il premio Rita Atria viene assegnato a Clelia Lombardo, per il libro La ragazza che sognava la libertà ed. Il Mulino a Vento, sulla “Storia di Lia Pipitone, giovane vittima della mafia”.

Ricordiamo i giurati Patrizia Iacono, Enza Pecorelli, Giuseppe Mallia e Stella Vella.

A decretare i vincitori delle sezioni poesia e racconti sarà la giuria popolare presieduta da Anna Saracino.

Seguiteci attraverso i social

Continua a leggere »

Il Conte Fracchia

Conferenza di Berlino. Conte cerca il suo posto in prima fila, posto che non c’è, mentre c’è addirittura per Erdogan e dè costretto a mettersi in sconda fila, visibilmente affranto.

berl

Il presidente del Consiglio italiano ha partecipato alla conferenza internazionale di Berlino sulla Libia e, suo malgrado, si è reso protagonista di una gaffe che non è passata inosservata.

Al momento di scattare la classifica “foto di gruppo”, Conte cerca insistentemente il proprio nome in prima fila, ma alla fine deve arrendersi ad arretrare in seconda: questo è lo specchio di ciò che realmente conta l’Italia nella crisi internazionale sulla Libia.

Nel video la considerazione che all’estero hanno dell’Italia sulla crisi libica!

 

 

Distorsioni

Distorsioni

.

«Sei pronta? Dobbiamo andare. Il treno non aspetta!» disse lui prendendo dal piattino sul comò le chiavi e l’orologio.
«Sì, un attimo solo, caro: mi taglio le unghie dei piedi e sono pronta.»
«Le unghie dei piedi? Adesso?» chiese lui indispettito e controllando l’ora.
«Faccio in un attimo…»
«Non te le sei tagliate ieri, scusa? E poi non ci potevi pensare prima?»
«Sì sì caro, me le sono tagliate ieri… ma se nel frattempo fossero cresciute?»
«Stai scherzando? Andiamo che è tardi» fece lui risolutivo prendendola delicatamente per il braccio.

«Hai visto, caro?»
«Cosa?» chiese lui compulsando il telefonino.
«Il controllore… ha guardato prima il biglietto e poi le mie scarpe…»
«È una donna. Ha notato che sono belle, che c’è di male? Dovresti essere contenta…»
«Ma no! Non guardava le scarpe… o meglio sì, le guardava, ma si è accorta piuttosto delle mie unghie lunghe.»
«Maria, cosa dici, attraverso le scarpe? E poi le unghie abbiamo stabilito che sono corte, no? Che ti prende?»
«E se andassi alla toilette, per controllare meglio, solo per un attimo?»
«Non ti muovere di lì, Maria… piantala per favore: non possono essere cresciute nell’ultima ora…»
«Cosa mi costa dare un’occhiata? Caro…»
«E poi è pericoloso in treno, stiamo andando a 300 km/h: una vibrazione e ti infilzi con le forbici…»
«Dici?»
«Dico.»

«Mentre stavamo scendendo il controllore mi ha dato un’occhiata strana… prima a me e poi alle…»
«Sei proprio fissata, allora… smettila, ti ho detto!»
Lei sospirò, individuò dov’era l’uscita della stazione. Si sentì d’un tratto tutti gli anni che aveva.
«Ecco lo sapevo…» disse muovendosi.
«Cosa c’è ancora?» domandò lui controllando se la borsa che teneva per la maniglia era al suo posto.
«Cammino male…»
«Non sarà per via delle unghie lunghe dei piedi?»
«Ecco vedi, te ne sei accorto persino tu!»
«Ti sto solo prendendo in giro…»
«Sarà… ma se ora andassimo nella toilette di un bar… mi sono portata le forbicette da viaggio…»

Continua a leggere »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: