Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Medicina/Sanità’ Category

Annunci

Read Full Post »

La Regione dopo l’Ismett promuove l’Oasi Maria Santissima di Troina

Nello Musumeci

.

Come per Ismett  anche per l’Oasi Maria Santissima di Troina immaginiamo una capacità progettuale e di azione a lunga scadenza. In particolare, grazie alle collaborazioni con le altre Aziende e con l’Università sarà in grado di esercitare una programmazione ancora più efficace nel territorio della Sicilia centrale, divenendo al tempo stesso più attrattiva anche per altre aree dell’Isola”.

Read Full Post »

Lotta alla droga e alla contraffazione

.

Nei giorni scorsi si è visto in paese un gran movimento dei carabinieri, si è notata la pesenza di un loro mezzo furgonato e molti giurano di aver visto sorvolare a bassa quota un elicottero. Da ciò sono scaturite diverse voci su presunti arresti eccellenti e roba del genere.

L’unica verità certa è che i giovani carabinieri di Milena guidati dal maresciallo capo Vincenzo Butera continuano a fare più del loro dovere, sicuramente più di quanto vengono pagati per controllare il territorio e difendere i cittadini.

Questa volta ritornano agli onori della cronaca per la lotta allo spaccio della droga e contro il commercio di merce contraffatta.

Ultimamente hanno perquisito un extracomunitario che gode dell’assistenza ai rifugiati perché è arrivata voce che alcuni di questi ragazzi possano smerciare droga ai loro coetanei contattandoli in luoghi affollati, come potrebbe essere il parco urbano.

Non è dato sapere come sia finita, l’unica cosa certa è la deterrenza che hanno queste perquisizioni e la continua vigilanza delle forze dell’ordine affinché i giovani siano risparmiati da questa sventura che colpisce loro stessi ma anche le famiglie.

Il fatto principale che va sottolieneato è che i carabinieri di Milena non allentano la sorveglianza sui ragazzini “a rischio” assunzione di sostanze stupefacenti: occorre anche che altri – famiglie in testa – mostrino la stessa volontà e lo stesso impegno dei carabinieri nella lotta senza quartiere alla droga.

Qualche giorno prima, gli stessi carabinieri hanno fermato un commerciante ambulante e perquisito il suo furgone nel cui interno hanno trovato merce contraffatta.

Il commerciante aveva un accento napoletano e a quanto pare dei precedenti.  Gli abiti “griffati” erano chiaramente contraffatti e così sono stati confiscati e l’autista è stato denunciato all’autorità giudiziaria anche per ricettazione.

 

 

Read Full Post »

BENVENUTI NELL’ISOLA ECOLOGICA DI MILENA

(altro…)

Read Full Post »

Sanità in Sicilia, Razza: medici fuori da specializzazioni formati dal Cefpas

Comunicalo.it
.

 

“I laureati in medicina che non entreranno nelle scuole di specializzazione faranno dei corsi di formazione al Cefpas di Caltanissetta per lavorare nella medicina d’urgenza”.

L’assessore Razza inaugura il Centro di Riabilitazione Neuro Psicomotoria

Ad annunciarlo l’assessore regionale alla Sanita’, Ruggero Razza, ieri a Caltanissetta per l’inaugurazione di un nuovo centro di riabilitazione neuropsicomotoria.

“Si sa che in Italia c’e’ questo problema enorme di migliaia di ragazzi che negli anni si sono laureati, si sono abilitati, ma non hanno avuto da parte dello Stato il diritto di accesso alle scuole di specializzazione.

Questo oggi – ha detto l’assessore Razza – significa che sono necessari migliaia di medici per il servizio di emergenza ma che non possono essere reclutati.

La Regione in questo anno e mezzo ha fatto tantissimi concorsi. Abbiamo anche lanciato due concorsi di bacino per i medici di chirurgia e d’urgenza, pero’ ogni volta riusciamo a coprire un numero inferiore di posti rispetto a quelli che sono necessari.

Ruggero Razza in visita all’Ospedale di Mussomeli venerdì scorso

Ed allora noi, tra i primi in Italia, abbiamo pensato di voler chiamare questi professionisti, ma, per essere coinvolti all’interno del sistema, c’e’ bisogno di formarli.

Dove farlo? La Sicilia ha il Cefpas, che e’ il cuore delle attivita’ della formazione sanitaria”. Per tre mesi il Cefpas organizzera’ i corsi di formazione riservati a questa categoria di professionisti che poi verranno immessi con convenzioni in tutti gli ospedali siciliani e pagati esattamente con la stessa borsa che ricevono gli specializzandi.

Per 24 mesi saranno formati con un training on the job che vedra’ protagonisti anche tutti i medici dell’emergenza.

“Noi probabilmente, ogni tanto dovremmo riconoscerlo, abbiamo fatto meglio di tante regioni italiane perche’ abbiamo individuato, non un percorso di immissione in ruolo, ma un percorso formativo”, ha affermato Razza.

Read Full Post »

Buona sanità, la Sicilia prima regione a istituire il registro regionale sclerosi multipla

Ruggero Razza

.

Con il Registro sulla sclerosi multipla e tramite l’Osservatorio abbiamo reso permanente l’attività di monitoraggio in tutta la Sicilia. Sono strumenti che permetteranno di avere piena contezza di ciò che funziona e di quello che merita di essere migliorato, ma soprattutto si avrà più chiara la dimensione di un fenomeno che va osservato attraverso vari profili”.

Read Full Post »

Alzheimer, farmaco fa scomparire placche al cervello in un anno

Ansa

.
Research for new treatment of Alzheimer disease [ARCHIVE MATERIAL 20110831 ]

Research for new treatment of Alzheimer disease [ARCHIVE MATERIAL 20110831 ] – Studio preliminare ma ‘incoraggiante’, rallenta declino cognitivo

Un farmaco, nei test preliminari sull’uomo, ha mostrato la capacità di diminuire la quantità di placche amiloidi, l’accumulo di proteine nel cervello cheè considerata la causa dell’Alzheimer. Lo afferma uno studio pubblicato sulla rivista Nature, secondo cui ci sarebbero nei pazienti anche segni di rallentamento del declino cognitivo.

Il farmaco aducanumab, un anticorpo monoclonale che ‘insegna’ al sistema immunitario a riconoscere le placche, è stato testato su un gruppo di 165 persone con Alzheimer moderato, metà delle quali ha ricevuto una infusione settimanale, mentre gli altri hanno avuto un placebo. Chi ha ricevuto il principio attivo ha mostrato una progressiva riduzione delle placche, spiegano gli autori. “Dopo un anno – sottolinea Roger Nitsch dell’università di Zurigo, che definisce i risultati ‘incoraggianti’ – le placche sono quasi completamente scomparse”.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: