Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Sondaggi’ Category

La Sicilia con Musumeci lascia l’ultimo posto e arriva tra i primi 10 della classifica

.

Finito il tempo in cui i siciliani guardavano alla prestigiosa classifica del Sole 24ore provando vergogna e umiliazione.
Musumeci, anno dopo anno, sale nel gradimento, posizionandosi al 7° posto.
 
q1
 
Per il Presidente Musumeci c’è da segnalare anche un’altra classifica: quella degli incrementi di consenso.
“In questa graduatoria speciale è secondo per incremento (+9,2 % rispetto allo scorso anno) con un trend costante che lo ha portato proprio dalle ultime posizioni fino alla settima dunque, con una metafora calcistica si può dire, nella colonna delle prime.”

Musumeci al settimo cielo dei governatori, la Sicilia non è più maglia nera

di Lidia Anastasi

q2È una sorta di settimo cielo dantesco, può portarci alle stelle fisse di una qualità della vita siciliana ancora migliore. Questo si può dire del settimo posto a cui è asceso Nello Musumeci nella classifica annuale dei presidenti di Regione stilata dal quotidiano economico Il Sole 24 Ore.

La Sicilia è nella parte medio-alta della classifica. Per capire l’entità del passo in avanti, o meglio del salto in alto, si deve ricordare che negli anni 2018 e 2019 eravamo stati posizionati all’ultimo posto.

«La Sicilia di Nello Musumeci – scriveva l’8 aprile 2019 il giornale – non riesce a spostarsi dall’ultimo posto che occupava già in modo più o meno stabile già ai tempi di Rosario Crocetta, perché il disastro amministrativo che si è sviluppato negli anni attraverso le maggioranze di ogni colore partorite dalla poliedrica politica isolana, sembra avere alzato un muro invalicabile tra palazzo d’Orleans e i cittadini».

Quest’anno il muro, invece, è stato sbriciolato e il presidente in carica ha volentieri ceduto la maglia nera ad altri.

La sua salita nei consensi è attestata anche dal l’incremento notevole rispetto all’anno scorso: il 9,2%. Musumeci è il secondo in assoluto tra i governatori italiani, sul piano della crescita delle posizioni in un anno.

Molti rievocano il commento di due anni fa dei deputati regionali grillini: «Musumeci all’ultimo posto della classifica di gradimento dei presidenti di Regione? E dov’è la notizia? Ci meraviglia, semmai, che qualcuno possa meravigliarsi, basta guardare a quello che ha fatto, o meglio a quello che non ha fatto, per rendersi conto che questa sonora e nettissima bocciatura dei siciliani è ampiamente meritata e che gli elettori hanno solo preso atto dei risultati di questo governo del nulla».

Quest’anno, avendo forse altro a cui pensare, dal M5S commenti non ne arrivano. Obiettivamente, è pure difficile dire qualcosa per l’opposizione in merito a questi dati positivi per il governatore, a maggior ragione perché giungono a ridosso della campagna elettorale per le regionali.

Certo, sono numeri da prendere con le molle. Ma vale la regola che se la scala valeva nei due anni precedenti, vale anche per il 2020. Infatti, i competitori del governatore incassano silenti la sua performance.

Tace il più loquace, il sindaco di Messina Cateno De Luca, che scende – i meno generosi dicono e scrivono “precipita” – dal secondo al 22° piano. Comprensibile: man mano che si procede negli anni, chi amministra deve fare i conti col proprio fatturato reale, che spesso è molto più magro del campionario di promesse e illusioni “vendute” in campagna elettorale. Normale.

Per concludere: la graduatoria non è un fattore che decide, ma influenza. E state certi che Musumeci, la porterà al tavolo della coalizione dentro cui, riserve e alternative, da oggi hanno pochissima acqua in cui galleggiare.

.

Premiato l’impegno

Nello Musumeci

nello mPiù che mai in quest’ultimo, terribile, anno di pandemia ho sempre detto che un amministratore, chiamato a prendere decisioni drastiche quanto necessarie, non deve tener conto del consenso popolare.

Ma lavorare nell’interesse della salute collettiva per il bene di tutti.

I sondaggi, lo ripeto da sempre, vanno “presi con le pinze”. Ma non c’è dubbio che i risultati dell’autorevolissimo sondaggio de Il Sole 24 ORE mi facciano piacere.

Ancor di più, apprendere che quasi il dieci per cento dei siciliani si è aggiunto oggi a quanti, nel 2017, hanno scelto di darmi fiducia.

(altro…)

Read Full Post »

Approvazione schema di convenzione per la gestione dei servizi di accoglienza, integrazione e tutela di 14 Minori Stranieri Non Accompagnati  

.

Il giorno di San Valentino del febbraio scorso il Responsabile del servizio CHIARENZA Vincenzo determina l’accordo Amministrazione Comunale e I Girasoli.

Richiama

  • la Delibera di G.C. n. 70 del 29/09/2017 di adesione al SPRAR nei progetti MSNA (Minori Stranieri Non Accompagnati);
  • la determinazione dirigenziale n. 157 del 30/09/2017 con la quale si è proceduto ad esperire le procedura selettiva ad evidenza pubblica per  la selezione di soggetti del terzo settore per la gestione di azioni di sistema per l’accoglienza, la tutela e l’integrazione a favore di richiedenti asilo e rifugiati SPRAR MSNA;
  • la determinazione n. 26 del 24/01/2018 er la quae l’Associazione “I Girasoli” ONLUS è stata individuata quale soggetto del terzo settore per la gestione dei servizi di accoglienza, integrazione e tutela per n. 14 posti categoria Minori Stranieri Non Accompagnati (Msna) –  attività previste dal progetto SPRAR;

Considera che

  • alle voci  di  cofinanziamento  del  progetto  questa Amministrazione Comunale  dovrà corrispondere  unicamente  in  termini  di  personale,  mezzi  e  infrastrutture,  curando  al contempo la parte amministrativa con la stipula di apposita convenzione con il partner per l’attuazione del progetto di che trattasi;
  • risulta necessario approvare lo schema di convenzione per regolare i rapporti reciproci, dando mandato alla firma della stessa al dirigente competente.

Domani pubblicheremo lo schema di convenzione.

 

Leggi la delibera integrale

(altro…)

Read Full Post »

(altro…)

Read Full Post »

18.53

MML nel Mondo alle 18:53

Read Full Post »

1° posto per

Gabbani e la scimmia

occ

Occidentali’s karma

Il trionfo del più originale

Matteo Cruccu

.

catturaÈ stata serata poco televisiva e molto musicale questa, forse una scelta voluta degli autori: quindi, rispetto alle altre quattro, sembra molto più equilibrata, con meno momenti «C’è posta per te» che tanto hanno caratterizzato questo Festival.

Ci pensa allora Geppi Cucciari a riportare la questione sui binari consueti, trasformando l’Ariston nello studio di Canale Cinque e costringendo Maria De Filippi a farsi psicanalizzare, una volta tanto. Il tutto molto divertente, molto più divertente della performance forse poco coraggiosa di Virginia Raffaele venerdì sera.

images-1Poi tocca a un altro idolo delle teenager, assaltato già nel pomeriggio dalle fan, Alvaro Soler, cantante spagnolo, ma soprattutto alle nostre latitudini giudice dell’ultimo XFactor. Urla e risolini anche in sala.

E si arriva alla terna finale: la Mannoia, come ampiamente previsto si gioca il titolo finale, poi Ermal Meta che potrebbe centrare dunque un incredibile tris e infine Gabbani, risalito negli indici di gradimento, giorno dopo giorno. Fuori tutti i protagonisti dei talent: ed è un paradosso beffardo che questo accada proprio sotto gli occhi della regina del genere, Maria De Filippi.

Vince Gabbani, dopo aver sbancato l’anno scorso alle nuove proposte, con una canzone che sembrava difficilissima, «Occidentali’s karma», sicuramente la più originale di tutte. Una bellissima sorpresa, nel Sanremo spesso preconfezionato del recente passato.

(altro…)

Read Full Post »

pink floyd

Read Full Post »

1817

MML nel Mondo alle 18:37

Read Full Post »

  1. Sì. Lavorare è meglio di oziare e farebbe bene anche al paese che li ospita.

  2. No. L’accoglienza non si deve trasformare in un loro sfruttamento.

In quale di questi due pensieri vi riconoscete?

.

Read Full Post »

sondaggiovoti

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: