Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Regione Siciliana’ Category

AUTONOMIA – MUSUMECI SCRIVE AL PREMIER CONTE

.

Autonomia - Musumeci scrive al premier Conte

«Il Governo nazionale, nel rispetto delle norme costituzionali, assicuri il principio di solidarietà e di equità tra le Regioni italiane, nella sintesi tra spirito unitario e autonomistico».
Lo chiede il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, in una nota inviata al presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, in merito al processo attualmente in corso del ‘regionalismo differenziato’.

In una seduta straordinaria della Giunta, tenutasi ieri, il Governo regionale ha infatti adottato una delibera con la quale ribadisce l’importanza dell’autonomia come strumento di responsabilizzazione della classe dirigente locale e di maggiore coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali.

«L’applicazione del regionalismo differenziato – sottolinea il governatore nella lettera al premier Conte – non può infatti mettere in pregiudizio il principio della perequazione, quale strumento di riequilibrio a sostegno delle Regioni deboli, anche sul piano infrastrutturale, e con minore capacità fiscale.

Il Governo della Regione muove, altresì, voti affinché, parallelamente al processo di regionalismo differenziato, si definisca il tavolo istituito presso il ministero dell’Economia, per dare finalmente compiuta attuazione a tutte le norme rimaste disattese dopo 72 anni dall’entrata in vigore dello Statuto Siciliano e per preservare la vita delle Province e delle Città metropolitane siciliane, salvandole dal prelievo forzoso loro imposto dallo Stato».

«La Sicilia, quale regione ad autonomia speciale – continua Musumeci – promuove e sostiene ogni processo di riorganizzazione delle Autonomie, nel rispetto del generale principio della unità indissolubile della Nazione» e rivendica, quindi, «il pieno rispetto dei principi contenuti all’articolo 10 della Legge costituzionale n. 3 del 18 novembre 2001 e conseguentemente il trasferimento anche alla Regione Siciliana di ogni nuova competenza attribuita alle Regioni ordinarie, ove già non assegnata».

Annunci

Read Full Post »

Finanziaria, passa l’emendamento sul controllo del patrimonio faunistico, Milazzo (FI): “L’abbattimento selettivo dei cinghiali è una necessità per il bene dell’uomo e dell’equilibrio della fauna”

Dario Cataldo

.

Palermo, 12/02/2019: “Con un’azione sinergica siamo riusciti in questi mesi a costruire un risultato per cui oggi si raccolgono i frutti. Con l’approvazione dell’emendamento proposto, si modifica la norma, in modo da allargare il personale previsto dall’art. 22 della legge quadro 394/1991 sulle aree protette, così come avviene in altre aree regionali.

Si creano le condizioni per normalizzare il problema dell’eccessivo numero dei cinghiali, i quali non solo rappresentano un pericolo per l’uomo ma soprattutto creano uno scorretto equilibrio della fauna selvatica”. A riferirlo è il Capogruppo di Forza Italia all’ARS, on. Giuseppe Milazzo, a seguito dell’approvazione in Aula dell’emendamento a sua firma, che autorizza la caccia di selezione.

“L’allargamento del personale che può procedere all’abbattimento selettivo è una necessita dettata dal territorio – conclude il Presidente Milazzo. Attualmente, tale compito è assolto solo dalle guardie venatorie e forestali. Senza la modifica approvata dall’Aula, l’attuazione dei piani che sarebbero andati all’Ente Parco delle Madonie – che ricordiamo attualmente non dispone di guardie parco – sarebbe stata demandata a una platea di soggetti molto ristretta”.

Un lavoro di squadra, che ha coinvolto la Conferenza permanente dei Consigli Comunali, la quale si pone l’obiettivo di accendere la luce su questioni che riguardano il territorio, come quella sui cinghiali.

“Come Conferenza permanente – dichiara Roberto Domina, presidente del consiglio comunale di Gangi – ringraziamo l’on. Milazzo, il quale si è interessato alla problematica, promuovendo un incontro con la Commissione Attività produttive presieduta dall’on. Orazio Ragusa, che ringraziamo, al fine di chiedere una modifica alla norma. L’approvazione di tale modifica era già stata prevista da una delibera consiliare approvata da tutti i Comuni della Città Rete Madonie-Termini. Tutti i Comuni, nei vari consigli comunali, hanno votato al’unanimità la delibera consiliare, tradotta poi in emendamento approvato in Aula, il cui risultato è la piena volontà di un territorio stanco di dover convivere con seri disagi.

Read Full Post »

Read Full Post »

Regione, via libera al nuovo contratto per i dipendenti

La Sicilia

.

Da sinistra, Mancuso e Grasso

L’assessore Bernardette Grasso con il deputato Michele Mancuso

Via libera al nuovo contratto di lavoro per i dipendenti del comparto della Regione Siciliana. Il documento è stato firmato dall’Aran e dai sindacati, a oltre dieci anni dall’ultimo rinnovo.

«Un risultato straordinario – evidenzia il presidente della Regione Nello Musumecicon il quale restituiamo valore all’impegno dei lavoratori. In meno di un anno dall’accantonamento delle risorse e dalle direttive impartite dal Governo si è arrivati alla firma.

Un ringraziamento al presidente dell’Aran Ninni Gallo e ai componenti e alle organizzazioni sindacali che hanno lavorato in sinergia con grande impegno».

A esprimere soddisfazione per un traguardo tanto atteso anche l’assessore alla Funzione pubblica Bernardette Grasso.

«Sono stati introdotti – sottolinea – nuovi criteri che premiano la meritocrazia e vanno nella direzione di valorizzare le risorse professionali dell’amministrazione regionale. Adesso, il prossimo passo è quello del rinnovo del contratto dei dirigenti».

Read Full Post »

Sicilia si presenta alla Bit, ecco la regione che può vivere di turismo tutto l’anno

La Sicilia

.

Sicilia si presenta alla Bit, ecco la regione che può vivere di turismo tutto l'anno

Le ambizioni dell istituzioni si scontrano con la carenza di infrastrutture e servizi, ma si punta su borghi rurali, turismo culturale, enogastronomia

MILANO – «E’ un momento positivo per la Sicilia: dovunque andiamo, da Rimini a Verona, da Bruxelles a Berlino, i nostri stand sono i più visitati, i più graditi. Mancano le infrastrutture, è vero, mancano tanti servizi. Dobbiamo scontare decenni di ritardo, ma siamo sulla buona strada». Sono le parole pronunciate dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, presentando lo stand siciliano alla Borsa Internazionale del Turismo, a Milano, con il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, e l’assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo.

Il ministro Centinaio loda il lavoro fatto in Sicilia negli ultimi tempi, ma tocca anche una delle noti dolenti del turismo siciliano, la destagionalizzazione. «L’Italia è una superpotenza nel settore del turismo – ha detto il ministro –  e come tale dobbiamo avere la consapevolezza che i turisti hanno aspettative importanti. Nello Musumeci è stato il primo presidente di regione a sedersi nel mio ufficio per parlare di turismo e di progetti. La Regione Siciliana sta facendo un grandissimo lavoro di promozione e programmazione. L’obiettivo finale dev’essere quello di allungare la stagione: la Sicilia potrebbe vivere di turismo per 11-12 mesi all’anno».

Il governatore Musumeci vuole raccogliere la sfida: «Noi che governiamo – ha detto – abbiamo il dovere di cogliere l’opportunità di razionalizzare questa domanda sempre più massiccia, che arriva da tutte le parti del mondo», ha aggiunto Musumeci. Presentando le iniziative previste per la Bit, il governatore ha sottolineato che «abbiamo fatto il bis: non solo lo stand più grande, ma anche quello più affollato. Ci sono tante novità, abbiamo proposto una nuova grafica e una linea promozionale omogenea – ha concluso -. Puntiamo sui borghi rurali, sul turismo culturale, sull’enogastronomia che oggi fa della Sicilia la regione più gradita tra quelle italiane».

Lo stand Sicilia alla Bit è il più grande in assoluto – 850 metri quadrati, cento in più di quello che ospita la Lombardia. Alla Bit, come detto dalla Regione – la Sicilia ambisce a un ruolo da protagonista. Nello stand, delimitata da una serie di ledwall sui quali scorreranno le immagini di un immenso patrimonio di storia, cultura, tradizioni e paesaggi, sorge “Piazza Sicilia” – all’interno del Padiglione 3 – che accogliera rappresentanti delle istituzioni, buyers nazionali e internazionali e migliaia di visitatori. Più di quaranta le piccole e medie imprese siciliane del settore turistico che parteciperanno alla tre giorni milanese per proporre prodotti e servizi mentre, per quanto riguarda le eccellenze enogastronomiche dell’Isola, saranno diversi consorzi a promuovere vini e formaggi, arance rosse e altre produzioni uniche come il cioccolato di Modica.

Numerosi gli appuntamenti in programma e, tra questi, la presentazione del nuovo cartellone dei principali teatri siciliani e, per la prima volta, quella del Calendario regionale delle manifestazioni e degli eventi di grande richiamo turistico: dalle sfilate carnevalesche di Acireale, Sciacca e Termini Imerese alla festa del Mandorlo in fiore in programma nella Valle dei Templi, dall’Infiorata di Noto ai Nastri D’Argento di Taormina, dalla Targa Florio di Palermo alla Fiera Mediterranea del Cavallo che, a maggio, si svolgerà nella Tenuta Ambelia a Militello Val di Catania. Un evento, quest’ultimo, al quale è dedicata l’esposizione, all’interno dello stand siciliano, di uno storico carretto e dei relativi finimenti provenienti dalla ricca collezione in mostra a Palazzo D’Aumale, a Terrasini.

 

 

(altro…)

Read Full Post »

Il #centrodestra unito, quando si rinnova nei programmi e si apre alla società, non ha rivali. In #Abruzzo lo ha fatto con Marco Marsilio che sarà un ottimo presidente e con il quale lavoreremo per fare crescere le autonomie regionali, in uno spirito di coesione nazionale.

L'immagine può contenere: 1 persona, vestito elegante e primo piano

Read Full Post »

Ho scritto al sottosegretario per la Ricostruzione, Vito Crimi, per richiedere un decreto legge che dia risposte concrete alle famiglie terremotate e supporto tecnico-amministrativo agli uffici comunali.

Nello Musumeci

.

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi e spazio all'aperto

«Pur non avendo la Regione Siciliana alcuna diretta competenza con la fase di ricostruzione del post terremoto, sento il dovere di rappresentarLe lo stato di disagio che vivono ormai da un mese e mezzo le Comunità siciliane colpite dal terremoto del dicembre scorso.

Serve con urgenza un decreto legge che dia risposte concrete sulle cose da fare nella fase post emergenziale per mettere ordine ad un caos burocratico affollato di carta, istanze, progetti, relazioni, circolari, ordinanze. Mentre il commissario delegato da Roma ed i sindaci delle zone colpite sembrano vivere in una disarmante solitudine ed incertezza sulle scelte da compiere.

Mi permetto suggerire la esigenza di inviare in loco, per almeno tre mesi, un nutrito gruppi di tecnici professionisti allo scopo di fornire ogni attività di consulenza e di supporto amministrativo alle poche unità lavorative impegnate negli uffici comunali.

Credo, infine, che non sfugga alla Sua attenzione, Signor Sottosegretario, la necessità di sburocratizzare e semplificare in Italia le procedure legate alle calamità naturali per evitare che la gente si senta colpita due volte: la prima dalla natura, la seconda dalle istituzioni. Mi consideri a disposizione per qualsiasi utile contributo al di là dell’impegno profuso nelle scorse settimane dalle strutture regionali, con il Dipartimento Protezione Civile, con il Genio civile e con la Sovrintendenza al Beni culturali nell’attività di verifica di agibilità e di messa in sicurezza».

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: