Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Politica’ Category

Gli scrutini sono ancora in corso, ma i dati appaiono stabili.

provenzano_675_920x450Sembra certa l’elezione a deputato nazionale di Peppe Provenzano del Partito Democratico (nella foto) e di Michele Mancuso di Forza Italia riconfermato deputato regionale.

Mussomeli, capitale del Vallone, porta nel Palazzo dei Normanni il suo sindaco Giuseppe Catania di Fratelli d’Italia.

Il terzo deputato regionale è il gelese Nuccio Di Paola del Movimento Cinque Stelle della parte sud della provincia nissena.

Calcisticamente parlando Il Vallone batte Gela 3 a 1 mentre il capoluogo Caltanissetta resta a guardare.


A tutti loro i migliori auguri di fare il bene della nostra terra dalla Redazione

.


.

Stravince il Vallone con Milena e Mussomeli, poi brilla solo Gela

.

regio

Peppe Di Cristina, quarto dietro Michele Mancuso di Forza Italia, Giuseppe Catania di FdI e Nuccio Di Paola dei Cinquestelle, si è dimesso da segretario provinciale del Pd dopo aver preso atto che ”ha vinto la destra italiana guidata da Giorgia Meloni e in Sicilia Schifani e di aver perso il seggio per un soffio”.

Read Full Post »

Schifani è il nuovo presidente della regione siciliana

Roberto Chifari
.

schiIl centrodestra ad un passo dalla vittoria, Renato Schifani nuovo presidente della Regione Siciliana.

L’ufficialità arriverà solo dallo spoglio finale ma il candidato del centrodestra Schifani si attesta al 39,1 %, avanti rispetto al secondo Cateno De Luca di Sicilia Vera che si insegue al 23,9 %. Segue la candidata di Pd-Cento passi, Caterina Chinnici, con il 17,9% quindi il candidato del M5s Nuccio Di Paola subito a ruota con il 16,3%

Chiudono l’ex assessore all’Economia Gaetano Armao del Terzo polo con il 2,2% e infine Eliana Esposito di Siciliani liberi con lo 0,5%.

sch“Questa vittoria si pone in sinergia con il vento che spira a favore del centrodestra, che favorirà il popolo siciliano perchè io sarò il loro portavoce con il governo nazionale”, ha detto il candidato presidente della Regione siciliana del centrodestra, Renato Schifani, durante la conferenza stampa di attesa nel comitato elettorale al Grand Hotel Des Palmes, a Palermo.

“D’ora in poi, il dialogo di carattere politico su alcune scelte sarà più facile come ad esempio sulla realizzazione del Ponte sullo Stretto. Un’opera che vogliono sia il centrodestra regionale sia quello nazionale: quindi sarà una realtà ovvia e naturale”, ha concluso.

Una vittoria, quella del centrodestra, che se confermata dall’esito dello spoglio sarebbe di fatto schiacciante per come è arrivata e per come è stata costruita.

Read Full Post »

Musumeci recordman di preferenze

.

Il Presidente uscente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, è stato eletto al Senato per Fratelli d’Italia.

308983042_645907356899552_1073220255608713305_n

Grazie a tutti i siciliani per il voto a Fratelli d’Italia, a Giorgia Meloni per aver creduto in me, ma soprattutto a Catania, la mia città, che ancora una volta mi ha dato fiducia. Con oltre 150.000 voti sono stato eletto senatore. Il mio impegno per la Sicilia continuerà anche al Parlamento nazionale.

Grazie!

A Catania, in particolare, si è infatti ‘consumato’ il big match tra lo stesso Musumeci e Cateno De Luca, l’ex sindaco di Messina e candidato alla presidenza della Regione Sicilia. Musumeci di fatto triplica il risultato conseguito da De Luca con circa 52 mila preferenze.

Nello Musumeci festeggia nella sua Catania l’affermazione nel collegio uninominale per il Senato che lo “incorona” nuovo senatore della Repubblica con oltre 35mila in più rispetto alla candidata dei Cinquestelle Giuseppina Rannone, mentre Cateno De Luca, anche lui candidato al Senato, si è classificato al terzo posto.


Razza: “Felice per affermazione di FdI ed elezione Musumeci in Senato”

.

Vincere le elezioni nazionali nel tempo di una crisi economica, di una guerra dentro i confini dell’Europa e. speriamo, nella coda finale di una emergenza sanitaria globale, è una responsabilità infinita.

Giorgia Meloni sarà all’altezza di questa sfida che, tra le sue emergenze, ha il Mezzogiorno e la disaffezione dei cittadini nei confronti della politica. Sono contento per l’affermazione di FdI e per l’elezione del presidente Musumeci e di tutti i nostri rappresentanti al Parlamento nazionale.

(altro…)

Read Full Post »

Invitati i tecnici locali

.

extra

cc1

cc2

D.P. 531- GAB con allegato Regolamento Edilizio Unico

Read Full Post »

La Meloni trascina il centrodestra alla vittoria

.

ELEZIONI POLITICHE 2022

aa

L’Italia è del centrodestra: la coalizione ottiene la maggioranza sia alla Camera che al Senato. A trainarne il successo è FdI, mentre delude la Lega.

SEN

SEN1


CAM

CAM1


Primi exit poll per le regionali. Schifani in netto vantaggio

.

SIC

(altro…)

Read Full Post »

Al 30° anniversario mancherà il fondatore del Comitato del Gemellaggio Jean Paul Chauland

Alfonso Cipolla

.

jpcDomenica 18 settembre 2022 è deceduto all’età di 75 anni Monsieur Jean-Paul CHAULAND. La famiglia ha diffuso il triste annuncio.I suoi funerali sono stati celebrati nella Chiesa Notre Dame di Aix-les-Bains.

Il Sindaco di Aix-les-Bains, Renaud Beretti, a nome del consiglio comunale e suo personale ha espresso le condoglianze a Michele, alla sua cara moglie, alla sua famiglia e agli amici e lo ha ricordato con stima e affetto.

“Jean-Paul Chauland era un Aixois attaccato alla sua città. E un amico. Ho appreso della sua scomparsa con grande tristezza. Era un uomo discreto, di grande gentilezza, spiritualità e umanità. Entrò in consiglio comunale nel 1985 e ha fatto parte di vari comitati, tra cui la gioventù. Rieletto nel 1995 e stato responsabile della vita associativa.

aix jocJean-Paul ha contribuito fin dall’origine al gemellaggio con Milena rappresentando una figura imprescindibile e instancabile del Comitato di gemellaggio, recandosi in Sicilia, dove è stato apprezzato, ed accogliendo le delegazioni comunali, scolastiche e associative milenesi ad Aix-les-Bains.

L’Associazione “Milena Mia” “molto triste nell’apprendere la notizia della scomparsa di Jean-Paul Chauland fondatore del Comitato Gemellaggio Aix/Milena e tutta la comunità ha porto le più sentite condoglianze alla sua famiglia e ha detto: “Grazie Jean-Paul riposa in pace”.

Anch’io, a nome mio personale e interpretando il pensiero degli amministratori e dei consiglieri che organizzammo e partecipammo alla stipula del Gemellaggio tra le cittadine di Milena e Aix-les-Bains, porgo le più sentite condoglianze ai familiari di Jean-Paul Chauland e ricordo i tratti gentili e la competenza nel suo operare.

Pubblico una foto simbolica in occasione della seconda sua venuta a Milena, davanti la targa del gemellaggio all’entrata del paese. Ricordo la passione comune e l’orgoglio nell’avere costituito i Comitati del Gemellaggio – lui quello di Aix-les-Bains, io quello di Milena – nei quali chiamammo a partecipare le realtà associative locali.

aixinvitoNessuno muore mai se rimane vivo nel ricordo degli altri. Riposa in pace, Jean Paul.

Purtroppo Jean Paul non potrà partecipare al 30° Anniversario del Gemellaggio tra Aix-les-Bains e Milena che si terrà un Francia nella serata di sabato 29 ottobre 2022 nella sala Vittoria del Casino Grand Cercle.

La Presidente del Comitato del Gemellaggio Liliane Coniglio ha invitato il Sindaco Cipolla Claudio, gli Assessori, i Consiglieri Comunali e il delegato al gemellaggio Sorce Salvatore.

Il Sindaco ha esteso l’invito ai presidenti delle associazioni locali.

Read Full Post »

VOTA FACILE

Come si vota in modo semplice

.


SCHEDA VERDE PER LA REGIONE

.

ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL’ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA

SCHE

 1 -FAI UNA CROCE SUL SIMBOLO DEL PARTITO

2 – SCRIVI IL COGNOME DEL CANDIDATO

3 – FAI UNA CROCE SUL COGNOME DEL PRESIDENTE

regio


SCHEDA ROSA PER LA CAMERA

cam

1 – FAI UNA CROCE SULLA COLONNA SINISTRA

2 – FAI UNA CROCE SUL SIMBOLO DEL PARTITO NELLE ALTRE COLONNE


SCHEDA GIALLA PER SENATO

sen

1 – FAI UNA CROCE SULLA COLONNA SINISTRA

2 – FAI UNA CROCE SUL SIMBOLO DEL PARTITO NELLE ALTRE COLONNE

……..

freccia-giu

(altro…)

Read Full Post »

Ci ha riquerelato Scarpinato, siamo terrorizzati!

Piero Sansonetti – Il Riformista

.

Ieri Nino Di Matteo, ex Pm palermitano e ora membro del Csm, ha criticato i partiti che hanno fatto sparire dai loro programmi la lotta alla mafia.

Giusto. L’unica traccia di impegno contro le cosche lo hanno dato i Cinque Stelle candidando l’ex procuratore generale di Palermo. Che però… Proprio l’altro ieri è riemersa una storia che era stata dimenticata da tutti.

a5c280de-2c11-46d9-bdcf-0b79f6a44f45

SCARPINATO

Pare proprio che l’ex procuratore generale di Palermo (Roberto Scarpinato) qualche anno fa abbia venduto ad un prezzo altissimo una casa di famiglia nel paese di Sciacca a un suo ex imputato, che lui archiviò un paio di volte ma che poi fu condannato da altri.

Non è una vicenda edificante.La sollevò tanti anni fa l’ex ministro della Giustizia Filippo Mancuso, il quale sostenne anche che questo compratore di casa fosse amico dei Siino, una famiglia che aveva tra i suoi esponenti il cosiddetto “ministro dei lavori pubblici dei corleonesi di Riina”. Ahi ahi ahi.

Nessun reato, pare, ma insomma per i Cinque Stelle che sospendono dal partito un assessore per una bazzecola qualunque, anche se non provata, questo è un macigno. Ieri ancora non era giunta la notizia di una nota di presa di distanze da Scarpinato da parte di Giuseppe Conte.

E’ molto probabile che la nota arriverà oggi in giornata. E che Conte chieda a Scarpinato di impegnarsi a dimettersi dalla Camera in caso di elezione. (Sia chiaro: noi non siamo d’accordo; se il reato non c’è, non c’è. In nessuna parte del codice penale c’è scritto che un magistrato non possa fare affari con il proprio imputato. Però conosciamo purtroppo l’intransigenza morale di Conte).

aa

Sansonetti

Scarpinato ci ha riquerelato.

Ha querelato il direttore di questo giornale perché abbiamo scritto di una casa di proprietà della sua famiglia, a Sciacca, che lui vendette alla bella cifretta di quasi 700 milioni a un signore che tempo prima era stato suo imputato ed era stato da lui archiviato. È un reato vendere la casa a un proprio imputato (che poi, da altri magistrati, fu condannato per altri fatti)? No. Pare che il codice penale non proibisca la compravendita di appartamenti tra magistrati e imputati e nemmeno proibisca pagamenti molto alti.

Del resto che una casa a Sciacca, nel ‘96, valesse quasi settecento milioni quando a Roma trovavi un appartamento in zona semicentrale a 400 milioni non è un fatto così eccezionale. Sciacca è una cittadina di una certa importanza e non è lontana da Agrigento. Le case costano.

Non è chiaro però per cosa ci quereli Scarpinato.

Nel comunicato che ha diffuso alle agenzie conferma tutte le notizie che noi abbiamo dato. Sorvola solo sul fatto che l’acquirente della abitazione fosse un suo ex imputato, però neanche lo smentisce questo fatto. E allora? Dov’è la diffamazione da parte nostra?

Nell’aver riportato una interrogazione parlamentare regolarmente presentata da un deputato della Repubblica? Non credo. Nell’aver taciuto il fatto che questa interrogazione è vecchia di qualche anno? No, non lo abbiamo taciuto, lo abbiamo scritto bene bene in prima pagina. Nell’aver sostenuto che la vendita fu un reato? No, abbiamo spiegato e rispiegato che non c’è nessun reato.

libertaAbbiamo solo fatto notare che certo – ma questo è indiscutibile – se una cosa simile fosse successa a un assessore – non parliamo nemmeno di un deputato…- beh, quell’assessore avrebbe passato guai seri. Scarpinato non era un assessore e infatti – anche questo lo abbiamo scritto – la magistratura siciliana stabilì che non c’era niente su cui indagare e l’interrogazione del deputato – ed ex ministro della Giustizia – fu archiviata.

Giusto. E infatti anche questo lo abbiamo scritto. Dunque?

Niente, le cose stanno così e noi siamo abituati. In Italia puoi scrivere quello che vuoi di chi vuoi, specie dei politici, ma dei magistrati o degli ex magistrati è meglio che non scrivi niente. Tacere, sopire, sopire, tacere. Così fan tutti. Pensate all’oblio nel quale è stato lasciato dai grandi giornali e dai politici il libro di Palamara e Sallusti. E vabbé, noi non ci adattiamo. Il nostro direttore ha già collezionato una ventina di querele dai magistrati. Si paga un prezzo alla libertà di stampa, no? La libertà dal potere dei magistrati è la più difficile. L’importante è non spaventarsi per le intimidazioni.

.

Read Full Post »

Appello agli indecisi: “Domenica andiamo a votare”

Alfonso Cipolla

.

alf 70Domenica prossima si vota per il rinnovo della Camera e del Senato ma anche per la Regione Siciliana.

Domenica si vota. Si “deve” votare.

Cerchiamo di limitare l’astensionismo a quanti saranno effettivamente impossibilitati ad esprimere il voto.

Il giorno delle elezioni la nostra Costituzione mette nelle mani dei cittadini la scelta dei loro rappresentanti e del prossimo governo.

Il voto è l’arma più potente e precisa che la democrazia ci offre per esprimere le nostre idee, liberamente, nel segreto delle urne, al riparo delle tante pressioni e dei condizionamenti che alcuni candidati esercitano sugli elettori, a volte condizionandoli pesantemente o promettendo mari e monti.

Al di là di alcuni casi sui quali sappiamo che vigila sempre la magistratura, in Italia siamo veramente liberi di esprimere il voto a favore dei partiti e dei politici che più ci rappresentano e in cui ci si può identificare.

A volte alcuni elettori, non trovando “il meglio” scelgono e votano “il meno peggio”. Anche questa è comunque una scelta rispettabile. Altrettanto rispettabili sono altri tipi di espressione politica come la scheda bianca o la scheda nulla che comunque riescono a far giungere ai politici il grado di delusione o, peggio, di contestazione nei loro confronti.

mancuso comitato elettEcco perché è necessario votare ed esprimere il proprio voto.

Non farlo, rinunciando all’arma potente del voto, non solo è autolesionistico ma anche dannoso in quanto in tale modo alla fine, se ci riflettete, si favoriscono i partiti organizzati i quali possono contare su una marea di attivisti che, in ultima analisi, rafforzano il potere dei potenti e depauperano il potere del Popolo.

Nasce da queste considerazioni il mio appello al voto: “Domenica si vota. Domenica andiamo a votare”.

vellaIn tanti a Milena hanno già deciso per chi in base alla loro convinzione politica, alla simpatia, alla militanza in un partito e anche alla campagna elettorale dei diversi candidati. Molti voteranno secondo le proprie convinzioni e convenienze.

C’è però una fascia di elettori indecisi, ai quali voglio rivolgere un appello particolare. Un appello che apparentemente non ha nulla di politico ma che in sostanza ne ha invece molto.

Agli indecisi non chiedo il voto per la mia coalizione o per il partito a me vicino. Ognuno di noi politici ha già fatto la propria scelta e voterà in linea con le sue convinzioni.

pdprov

A quelli che non hanno ancora scelto, a coloro che sono liberi da schemi e posizionamenti, chiedo il “voto paesano”, cioè il voto per quei candidati “milenesi”, di nascita o di adozione, che sono in lista.

Michele Mancuso e Valeria Vella per le Regionali. Peppe Provenzano e Michele Mancuso per la Camera dei Deputati.

Sono convinto che i tre – se rieletti o eletti o comunque destinati negli organigrammi di governo – a prescindere dall’appartenenza politica, faranno qualcosa per aiutare in particolare il nostro comune.

E’ questo il senso dell’invito al “voto paesano”, per i milenesi.

Dietro questo appello c’è anche la volontà di potere dialogare serenamente anche dopo il 25 settembre, quando si formeranno il governo nazionale e quello regionale in il Presidente viene eletto direttamente dal popolo siciliano.

Vale anche la pena di ricordare che il prossimo giugno 2023 andremo a votare per il rinnovo del Consiglio Comunale e per il prossimo Sindaco di Milena. A quell’appuntamento, personalmente e come componente del gruppo consiliare, vogliamo arrivare in un clima positivo e di dialogo.

Intendiamo costituire un Movimento di donne e uomini, di giovani e anziani, di lavoratori e pensionati in grado di rinnovare il modo di amministrare per il bene esclusivo del nostro paese, per una Milena migliore. Senza compromessi.

Read Full Post »

Nuove tariffe regionali e fondi per la Procreazione Medicalmente Assistita. Razza “Per la PMA in arrivo sostegni per le famiglie meno abbienti”.

.

ramaCon una modifica di due decreti assessoriali del 2014 e del 2015, l’Assessore alla Salute Ruggero Razza ha approvato le nuove tariffe per le tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita.

Stabilite, inoltre, quote a carico del Sistema Sanitario Regionale per l’erogazione delle prestazioni di fecondazione omologa ed eterologa, e quelle di spettanza delle coppie.

Per i servizi già erogati nel 2021, il documento prevede un contributo regionale pari a circa 550mila euro, da dividere tra strutture pubbliche e privati convenzionati.

Per accedere al contributo, come già previsto, le famiglie richiedenti devono auto-certificare di non avere un reddito che superi i 50mila euro annui.

pma

“Ho ritenuto doveroso, anche se con un fisiologico ritardo, contemplare questo provvedimento tra gli ultimi di questa mia esperienza alla guida dell’Assessorato alla Salute – ha commentato l’assessore Razza – Questo governo ha infatti sempre sostenuto con forza le famiglie che devono affidarsi alla Scienza per poter avere un figlio”.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: