Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Politica’ Category

Convocazione Consiglio Comunale

cc

Errore al punto 5: Al posto di Commissione deve leggersi COMUNICAZIONE, quindi: “Adozione della comunicazione dell’Ufficio comunale dei tributi di presunte irregolarità nei pagamenti”

———–

—-

Uno spunto di riflessione per i Consiglieri comunali

Avviso bonario Agenzia delle Entrate: cos’è?

.
Avviso bonario Agenzia delle Entrate: cos’è?
Accertamenti sulla dichiarazione dei redditi e comunicazioni di irregolarità dell’Agenzia delle Entrate: come si difende il contribuente.

Quando arriva un avviso dell’Agenzia delle Entrate c’è sempre molto timore che, da questo, possano scaturire sanzioni e oneri gravosi da pagare. Tuttavia, quando si tratta di un avviso bonario non c’è molto da preoccuparsi: il contribuente è infatti messo nella condizione di conformarsi alle indicazioni fornitegli dal fisco e, così, evitare conseguenze peggiori.

Ma, concretamente, cos’è l’avviso bonario dell’Agenzia delle Entrate? In realtà, se vai a cercare all’interno delle leggi tributarie, non troverai mai il nome «avviso bonario» ma piuttosto quello di comunicazione di irregolarità. Si tratta di una comunicazione, appunto, che l’Agenza delle Entrate invia al contribuente a seguito di un controllo della sua dichiarazione dei redditi e della verifica di alcune incongruenze. Detta comunicazione, per quanto “bonaria” è anche obbligatoria. Difatti l’eventuale successiva cartella di pagamento emessa in conseguenza dell’avviso bonario, senza che però quest’ultimo sia mai stato ricevuto dal contribuente, è nulla. 

Esempio di comunicazione

Gentile Signora/Signore,

ogni anno l’Agenzia delle Entrate esegue dei controlli automatizzati sulle dichiarazioni fiscali presentate per verificare che i dati siano corretti e i calcoli esatti. Si tratta, quindi, di un riscontro per controllare che non ci siano errori di compilazione o di calcolo e che i versamenti delle imposte siano stati effettuati esattamente e nei termini previsti.

Le comunichiamo, quindi, che secondo i nostri controlli la Sua dichiarazione Redditi XXX presenta gli errori che sono evidenziati nelle pagine che seguono.

Se è d’accordo con i nostri dati, può regolarizzare la Sua posizione versando la somma di …… euro, entro 30 giorni dal ricevimento di questa comunicazione. In questo caso, la sanzione, normalmente pari al 30% delle somme non pagate o pagate in ritardo, è ridotta al 10%. Per effettuare il versamento può utilizzare il modello di pagamento F24 già compilato che trova in allegato. L’importo è comprensivo della sanzione ridotta e degli interessi previsti.

Può usufruire della sanzione ridotta anche se decide di pagare a rate, versando la prima entro lo stesso termine di 30 giorni. All’interno del foglio Avvertenze, alla voce Modalità e termini di versamento, trova le indicazioni per il pagamento rateale.

Se, invece, ritiene che l’esito del controllo non sia corretto, sempre entro i 30 giorni, può fornire chiarimenti e dimostrare la correttezza dei dati da Lei dichiarati, utilizzando il nuovo canale di assistenza online CIVIS o la Posta elettronica certificata (PEC) oppure contattando i Centri di assistenza multicanale al numero telefonico 848.800.444 ovvero rivolgendosi a un qualsiasi ufficio dell’Agenzia. Nel foglio Avvertenze, alla voce Come far correggere eventuali errori, trova le indicazioni per accedere ai diversi servizi.

Infine, Le ricordiamo di conservare fino al 31 dicembre 20X3 tutti i documenti relativi alla dichiarazione Redditi 20X0. Entro quella data, infatti, l’Amministrazione finanziaria potrebbe eseguire ulteriori e più approfonditi controlli per verificare la Sua posizione fiscale.

Distinti saluti

Il Direttore Centrale

In questo articolo forniremo alcuni interessanti chiarimenti sulla procedura relativa ai controlli sulle dichiarazioni dei redditi e alle conseguenti comunicazioni inviate dal fisco al contribuente. Inoltre spiegheremo, in termini pratici, cos’è l’avviso bonario dell’Agenzia delle Entrate e quali conseguenze comporta per il cittadino.

(altro…)

Read Full Post »

(altro…)

Read Full Post »

La favola fallita

Read Full Post »

Foto news 243

GAS ANNI: 2016 – 2017 – 2018

.
BANDO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A SOSTENERE LE FASCE DEBOLI DELLA POPOLAZIONE PER LE SPESE RELATIVE AI CONSUMI DI GAS ANNI: 2016 – 2017 – 2018

Allegati

NOME DIMENSIONE
Allegato Avviso gas Milena 2016-signed.pdf 420.97 KB
Allegato ModuloDomanda_ContributiGas Milena 2016.docx 35.04 KB
Allegato Avviso gas Milena 2017-signed.pdf 429.23 KB
Allegato ModuloDomanda_ContributiGas Milena 2017.docx 35.12 KB
Allegato Avviso gas Milena 2018-signed.pdf 429.23 KB
Allegato ModuloDomanda_ContributiGas Milena 2018.docx 35.11 KB

Read Full Post »

Don Alex Zanotelli contro i caduti a Nassiriya: “Ma quali martiri, erano lì per il petrolio”

Libero

.

A pochi giorni dall’attacco ai nostri militari in Iraq, ecco piovere l’inaccettabile, inaudito e violentissimo sfogo di padre Alex Zanotelli contro gli eroi caduti a Nassiriya.

Interpellato dalla AdnKronos, il prete che più volte ha duramente attaccato Matteo Salvini, afferma che “i militari vittime dell’attentato a Nassiriya non andrebbero definiti martiri”.

Parole pronunciate proprio nel giorno in cui si ricorda l’attacco alla base Maestrale in cui furono ammazzati 19 nostri connazionali, 12 carabinieri, cinque soldati e due civili.

Zanotelli ha poi proseguito: “Noi eravamo lì per difendere con le armi il nostro petrolio, guardiamoci in faccia e diciamoci queste cose, anche se purtroppo in Italia sembra impossibile dirlo e costa una valanga di insulti… ma è questa la cruda verità”.

E ancora, riferendosi alle vicende più recenti, ha aggiunto:

“Cosa ci stanno a fare, ancora oggi, i soldati italiani in Iraq, come del resto anche in Afghanistan? Noi occidentali li aiutiamo a fare la guerra all’Isis? Ma se in Siria abbiamo abbandonato i curdi, che hanno davvero lottato contro l’Isis…”.

Parole sconcertanti…

(altro…)

Read Full Post »

Foto news 230

Democrazia Partecipata – Convocazione Assemblea Pubblica.

.
Si informa la cittadinanza che il Comune di Milena, nel rispetto dell’articolo 6 comma 1 della Legge Regionale n. 5/2014 e successive modifiche ed integrazioni, con Delibera del Consiglio Comunale n. 29 del 24 ottobre 2018, ha approvato il Regolamento Comunale del bilancio in democrazia partecipata al fine di destinare una quota parte dei trasferimenti regionali di parte corrente a forme di Democrazia Partecipata.
Con delibera n. 72 del 04 ottobre 2019 la Giunta Comunale ha definito la quota in minimo € 14.425,95 (art. 4 del Regolamento).
Al fine di dare attuazione alla seconda fase del procedimento, ai seni dell’art. 5 del regolamento (Informazione) è convocata per il
15 novembre 2019 alle ore 11,00 un’Assemblea Pubblica presso la Sala Consiliare Comunale.
Tutti i cittadini interessati ed anche associazioni, ditte, enti pubblici e privati di questo Comune, sono invitati a partecipare.

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: