Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Arte, pittura e scultura’ Category

Ritrovata la tela « Satan mène le bal » di Cyril Constantin

Marina Ferrari

Sparita da parecchi anni, la tela « Satan mène le bal » (Satana mena la danza) dipinta nel 1944 dal famoso artista aixois Cyril Constantin è stata presentata l’altro ieri in municipio.
Un grazie a Pascal Bourrier, che ha ritrovato quest’opera qualche anno fa, per averla restituita alla città. Dopo il restauto, questa tela potrà essere mostrata di nuovo alla visione degli aixois.
Sono contentissima che i riflettori si accendano su Cyril Constantin questo genio sconosciuto ai più e ringrazio Geneviève Frieh ambasciatrice di Cyrillie, la quale ha conosciuto molto bene l’artista e anche pubblicato una bellibro si di lui che ci ha fatto di nuovo scoiprire la sua incredibile personalità.

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, tabella e spazio al chiuso
Secondo Pascal Bourrier, ogni volto dipinto sulla tela rappresenta una persona da lui conosciuta, alcune addirittura hanno già un nome. Bisognerebbe organizzare una mostra sull’opera iconoclasta dell’artista.
 
Annunci

Read Full Post »

Dedica un giorno al tuo cuore

greenMe

.

Sono ancora la prima causa di morte in Italia e nel mondo: ogni anno le malattie cardiovascolari uccidono infatti  17,9 milioni di persone. È per questo che è necessario prenderci cura di quest’organo fondamentale per la nostra salute troppo spesso trascurato.

A sensibilizzare sull’importanza di prevenire l’insorgenza di malattie cardiovascolari ci pensa anche quest’anno la Giornata Mondiale del Cuore.

Il 29 settembre, il World Heart Day è presente in tutta Italia con test gratuiti e stand con lo slogan “Diventa un eroe del cuore“: l’occasione buona per ricevere consigli su come prevenire le malattie cardiovascolari e come cambiare stili di vita e per ricevere uno screening cardiologico completo con controllo pressione, visita cardiologica ed elettrocardiogramma.

Secondo un’indagine condotta a livello nazionale da Astra Ricerche per la Fondazione italiana per il cuore, nel nostro Paese è aumentata la consapevolezza dei danni legati al fumo attivo e passivo identificato dal 60% degli intervistati, quasi a pari merito (56%) con colesterolo, ipertensione e diabete.

Per preservare la salute del cuore, solo 1 italiano su 3 considera come fattori importanti le buone abitudini, come uno stile alimentare sano e una regolare attività fisica.

Qui trovate tutti gli eventi di domani 29 settembre.

 

Murales di Hira visibile a Marsala

Come prevenire le malattie cardiovascolari

Almeno nel mondo occidentale, le malattie legate al cuore sono ancora la prima causa di morte. L’obiettivo fissato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità a livello mondiale è di riuscire a ridurre del 25% i decessi prematuri causati dalle malattie cardiovascolari entro il 2025. Tutto questo agendo a livello preventivo con alcuni semplici (ma non per tutti) accorgimenti.

Read Full Post »

Read Full Post »

L'immagine può contenere: una o più persone, spazio all'aperto e acqua

La tragica vicenda di Ero e Leandro è già narrata da Ovidio nelle Eroidi e vi accennano anche altri autori, ma deve la sua fortuna soprattutto a un poemetto in esametri di Museo Grammatico del V o VI secolo.

Il giovane Leandro, che viveva ad Abido, amava Ero, sacerdotessa di Afrodite a Sesto, sulla costa opposta, e attraversava lo stretto ellespontino a nuoto ogni sera per incontrare la sua amata.

Ero, per aiutarlo ad orientarsi, accendeva una lucerna.

Una notte una tempesta spense la luce e Leandro, disorientato, morì tra i flutti.

All’alba Ero vide il corpo senza vita dell’amato sulla spiaggia e, affranta dal dolore, si suicidò gettandosi da una torre.

Il momento della disperazione di Ero viene rappresentato da Jean-Joseph Taillasson in questa tela del 1798 conservata nel Musée des Beaux-Arts di Bordeaux.

Read Full Post »

Read Full Post »

120 preziosi reperti siciliani in mostra al Colosseo

Nello Musumeci

Si tratta di una collaborazione avviata dalla Regione Siciliana con il Parco archeologico del Colosseo, con l’intento di valorizzare il ricco patrimonio culturale dell’Isola e che, grazie a eventi di respiro internazionale come questo, pone la #Sicilia in un contesto culturale mondiale. L’inserimento dei reperti archeologici ritrovati e custoditi nella nostra regione all’interno della mostra su #Cartagine è il coronamento di un percorso che aveva fortemente voluto Sebastiano Tusa, che nello scorso gennaio aveva accettato di far parte del Comitato scientifico dell’esposizione di #Roma. La ricerca delle tracce e la scoperta di testimonianze della presenza punica nelle acque che circondano la nostra Isola furono oggetto del costante lavoro di minuziosa indagine condotto da Tusa. L’esposizione di questi reperti alla mostra di Roma è un doveroso omaggio alla sua memoria e motivo di orgoglio per la Sicilia.

#Archeologia, centoventi preziosi reperti siciliani in mostra al Colosseo

#Sicilia #Roma #Cartagine #Beniculturali Parco archeologico del Colosseo

 

PTI.REGIONE.SICILIA.IT

Read Full Post »

In the heart of the Mediterranean, there is Sicily
In the heart of Sicily, there is Milena
And the heart of Milena was … San Martino

* Nel cuore del Mediterraneo, c’è la Sicilia
Nel cuore della Sicilia, c’è Milena
E il cuore di Milena era … San Martino

The monastery of San Martino was founded by Benedictine monks in 1740. That was the beginning of the illustrious history of the idyllic mountain village of Milena. No Sicilian village received so much scientific attention than this one, initiated by the anthropologist Charlotte Gower Chapman in the 1920s. The residents are proud of this interest and even more of their history and culture, as evidenced by this postcard with a poem on the back issued in 2004 on the occasion of two anniversaries. Today the monastery is just a ruin, but the village is alive and kicking!

* Il monastero di San Martino fu fondato dai monaci benedettini nel 1740. Fu l’inizio dell’illustre storia dell’idilliaco villaggio di montagna di Milena. Nessun paese siciliano ha ricevuto tanta attenzione scientifica come questo, avviato dall’antropologa Charlotte Gower Chapman negli anni 1920. I residenti sono orgogliosi di questo interesse e ancor più della loro storia e cultura, come dimostra questa cartolina con una poesia sul retro pubblicata nel 2004 in occasione di due anniversari. Oggi il monastero è solo una rovina, ma il villaggio è vivo e vegeto!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: