Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Lavoro’ Category

Annunci

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

Grazie al 118

.

Montedoro

Circa alle 8 di mattina, una signora che viaggiva da Mussomeli a Caltanissetta per motivi di lavoro, salendo i tornanti per Montedoro, probabilmente per il ghiaccio, perde il controllo dell’autovettura e precipita nella scarpata. Il terreno ancora umido attutisce la caduta.

Alcuni autisti che come lei, andavano a Caltanissetta per lavoro, alcuni di Milena, chiamano il 118 che prontamente si reca sul posto. Allertati anche i carabinieri che accorrono subito.

La signora viene soccorsa e rianimata, quindi trasportata all’ospedale M. M. Longo di Mussomeli nel reparto di ortopedia per il trauma toracico riportato.

DOCENTE DI MUSSOMELI CON L’AUTO NELLA SCARPATA

di Roberto Mistretta

auto.jpg“Mia madre è viva solo per miracolo” con queste parole, ancora scosso, Luis Calà racconta il drammatico incidente accaduto alla mamma, l’insegnante Fina Mingoia.

La donna, mentre stava raggiungendo la scuola di Montedoro, dove insegna, a causa del ghiaccio, all’altezza del km 12 della Sp23, in territorio di Bompensiere, ha perso il controllo della propria auto, una Ford Fusion, finendo nella sottostante scarpata. Un volo di circa sei metri, che poteva devastante per l’insegnante chge ha rimediato fratture costali, diverse contusioni e non poco spavento. Un incidente che poteva finire in tragedia.

 

 

Campofranco

La seconda chiamata arriva da Campofranco. Una persona cade dal balcone. Il 118 presta i primi soccorsi quindi arriva l’elisoccorso che trasporta il politraumatizzato a Palermo.

Non c’è che dire il 118 di Milena ha avuto una mattinata senza tregua. Stanchi, anche sporchi di fango ma contenti di essere stati d’aiuto il dott. Passarello e gli infermieri Curto e Vitellaro.

 

Read Full Post »

IL 2018 SI CHIUDE CON IL BOTTO !!!

Gianfilippo Bancheri

.

Dopo la cerimonia tenutasi a Palermo a fine Novembre, questa settimana (per l’ esattezza il 24 Dicembre) sono ufficialmente arrivati i due decreti di finanziamento

  • finanziamento del Palazzo Municipale (€ 984.372,15)
  • finanziamento della Scuola Media “Luigi Russo” (€ 947.802,00).

f09ced7f-0e22-41e1-8bf4-14d100942e3c

Se a questi due decreti aggiungiamo:

il contributo come “Comune Virtuoso” di € 136.347,82 (ricevuto il 28 Dicembre)

arriviamo, in una sola settimana, a € 2.068.521,97 (per chi aveva dimestichezza con il vecchio conio parliamo di circa quattro miliardi delle vecchie lire!!!).

Nella consapevolezza di avere ottenuto buonissimi risultati (bisognerebbe in verità aggiungere anche gli altri finanziamenti ricevuti nel 2015, 2016 e 2017) siamo sicuri che nel 2019 ne arriveranno altri poichè l’ impegno, il lavoro costante e la serietà premiano sempre!!!

 

Read Full Post »

Regione dà il via alla conta dei danni

La Sicilia

.

«Parte subito la conta dei danni provocati da neve e gelo in un anno particolarmente funesto, anche per l’agricoltura e la zootecnia siciliana, a causa degli eventi metereologici che hanno interessato l’intero territorio regionale».

Lo ha affermato l’assessore regionale per l’Agricoltura Edy Bandiera che ha aggiunto: «Dopo la recente alluvione, per la quale i danni stimati ammontano ad oltre 400 milioni di euro e per il quale si sta attivando il fondo di solidarietà europeo, adesso è la volta di neve e gelate.

MANCUSO – BANDIERA – CIPOLLA

Abbiamo già allertato gli uffici e gli ispettorati provinciali al fine di garantire e tutelare gli interessi degli agricoltori siciliani, ai quali esprimo la mia assoluta vicinanza.

Parte da subito il censimento dei danni per valutarne e verificarne sia la perimetrazione che l’entità del danno, in termini di percentuale sulla produzione lorda vendibile, in maniera tale che poi si possa portare in Giunta di Governo la richiesta, al Ministero per le Politiche Agricole, di declaratoria dello stato di calamità per le successive provvidenze che speriamo di ottenere.

Gelo e neve che arrivano fino al mare è un evento assolutamente straordinario faremo leva su queste ragioni per tentare di superare il tema della non risarcibilità, nel caso dei danni non assicurabili».

Read Full Post »

Non chiamatela democrazia partecipata. E’ un insulto all’intelligenza!!!

di Riflessione

.

Siamo alle solite, io ti indico la luna e tu guardi il dito …

Il punto non è se sono state rispettate le sei fasi, il punto è se è utile chiamare democrazia partecipata un progetto dell’anno precedente e scartare quelli attuali. Allora chiamatelo “progetto urgenza”, progetto “abbiamo 20.000 euro e li spendiamo per aggiustare il parco” … non chiamatela democrazia partecipata.

E’ un insulto all’intelligenza!!!

Allora se dobbiamo dirla tutta non si doveva procedere con la scelta dello scorso anno. La democrazia partecipata è il coinvolgimento dei cittadini alle decisioni in modo da optare per scelte ponderate ed efficaci, è relativa ai cittadini, alla popolazione in quel momento SPECIFICO e non ai cittadini degli anni precedenti. Il mondo va veloce, internet ancora di più, le cose cambiano, i gusti, gli interessi … e la giunta cosa fa????

Prende una folle decisione: la proposta degli anni passati. Non mi pare normale. Dite allora che decidete voi e stop. Sarebbe stato più corretto riaprire i termini e rimodulare le proposte.

.

Vi pongo delle domande a Voi le risposte:

– lo sviluppo si crea attraverso queste scelte fatte come le migliorie del parco Robinson e del percorso sportivo del parco urbano “Sandro Pertini”, o da un palo per albero di natale o di tutte queste somme spese nelle festività?

– lo sviluppo passa dalla valorizzazione dei nostri prodotti come il latte di pecora, oppure di salvare il sito di San Martino?

di BOOH!!!!!

.

Nella piccola comunità di Milena, la storia si ripete, quando i cittadini democraticamente partecipano al lavoro dell’amministrazione comunale proponendo diversi progetti da eseguirsi come previsto dalla legge della democrazia partecipata, gli amministratori che cosa fanno democraticamente; ne finanziano uno diverso da quello proposto dai cittadini. C’era bisogno di disturbare i cittadini per fare poi al contrario? come si legge su questo articolo.

La democrazia partecipativa è un processo che prevede il coinvolgimento diretto delle persone nelle decisioni che le riguardano. Non si passa quindi attraverso rappresentanti eletti formalmente. Esistono strumenti di partecipazione introdotti volontariamente, altri indicati dalla normativa.

La democrazia partecipativa lavora per creare le condizioni per cui tutti i membri di un corpo politico possano portare contributi significativi ai processi di decisione, concedendo a un numero sempre maggiore di soggetti l’opportunità di partecipare direttamente alle decisioni.

La democrazia partecipativa cerca di riunire decisori, organizzazioni della società civile e cittadini per discutere su temi di forte rilevanza pubblica e costruire decisioni maggiormente condivise. Il successo di tali processi dipende anche dalla quantità e qualità di informazioni raccolte e scambiate.

L’utilizzo di tecnologie può fornire apporti consistenti al rafforzamento dei modelli partecipativi, in particolare quelle che rendono possibili narrazioni comunitarie e contribuiscono ad una crescita collettiva della conoscenza.

Tra gli elementi distintivi della democrazia partecipativa vi è l’uso del confronto argomentato tra soggetti e l’inclusione, cioè la possibilità dei destinatari potenziali di una certa decisione di essere inclusi nella decisione stessa, e possibilmente in condizione di parità.

La democrazia partecipativa ha la capacità di ravvicinare la vita delle istituzioni alle esigenze dei cittadini, ma anche di migliorare l’efficacia della funzione pubblica, la capacità di percezione e risposta della pubblica amministrazione. La democrazia partecipativa è una risorsa per lo sviluppo locale e la coesione sociale e per la vita e l’identità delle comunità.

Premesso ciò, la prossima volta sarebbe utile invitare i cittadini per organizzare il natale, che attraverso il regolamento della democrazia partecipata, proporranno alcune idee innovative e utili, per avere una spesa intelligente e che non incida sui cittadini.

Al contrario di quest’anno che le somme spese per il natale di Milena non sono state indifferenti, motivate come spesa per un sviluppo economico e turistico, per avere un palo addobbato e dei scivoli gonfiabili, poi neanche pubblicizzati per attrarre turisti. I cittadini che partecipano alle iniziative democratiche al fine di migliorare la comunità di Milena lo fanno anche gratuitamente.

Io ho voluto dire, come la penso, perché, mi è piaciuta la proposta della sagra del latte di pecora, che significa valorizzare e riqualificare il territorio del Vallone, che, anche attraverso eventi, manifestazioni e rassegne enogastronomie, viene lo sviluppo economico di un paese, da ricordare la sagra della mbriulata, svoltasi in agosto, che quest’anno è giunta alla sua 23esima edizione.

Questa iniziativa intende promuovere il ritorno al senso autentico e profondo della tradizione legata alla pastorizia e all’agricoltura, al fine di valorizzare il prezioso patrimonio di Milena e del Vallone, Di cercare di far nascere quella tradizione dell’attività casearia e l’ovinicoltura. Ancora oggi, infatti, l’allevamento delle pecore in quest’area è prevalentemente di tipo tradizionale, praticato in ovili a gestione familiare. L’allevamento al pascolo libero e spontaneo ha effetti positivi sulla qualità del latte, che conferisce ai prodotti caseari le sue peculiarità.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: