Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Lavoro’ Category

 


Read Full Post »

Edy Bandiera

Read Full Post »

Marchio ‘Qualità sicura’, Bandiera: “Svolta importante per le produzioni agroalimentari siciliane”

ilSicilia.it

.

Giunge a compimento l’iter, avviato dall’assessorato Agricoltura della Regione Siciliana, di approvazione, presso la Commissione Europea, del disciplinare di produzione “Latte crudo ovino, caprino e derivati”per l’utilizzo del marchio “QS” – Qualità Sicura, garantita dalla Regione Siciliana.

E’ stato approvato dall’Unione Europea e registrato all’UAMI (Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno).

Il marchio, di cui potranno fregiarsi le aziende siciliane, garantisce una qualità superiore dei prodotti agroalimentari, ottenuti mediante l’adozione e il rispetto dei disciplinari di produzione e certificati da organismi di controllo indipendenti. Salgono così a cinque i disciplinari attualmente approvati a Bruxelles: grano duro e derivati; carne bovina; carne ovina (agnello/agnellone); latte crudo vaccino e derivati.

Edy Bandiera

“Il Governo Musumeci in questi due anni e mezzo ha impresso una grande accelerazione, ottenendo, da parte dell’Unione Europea,  l’approvazione di numerosi disciplinari di produzione – afferma l’assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Bandiera – ciò significa che, tra pochi mesi, i consumatori potranno trovare sui banchi della piccola, media e grande distribuzione, prodotti a marchio cento per cento siciliano.

L’obiettivo è quello di valorizzare le nostre produzioni, renderle riconoscibili e invogliare il consumatore, che va reso edotto, ad orientarsi verso produzioni regionali di qualità. Qualità riconosciuta e certificata vuol dire incremento del valore, che si traduce in una maggiore remunerazione della nostra agricoltura e maggiore reddito per l’agricoltore”.

Read Full Post »

Avviso per il conferimento a soggetto estraneo all’Amministrazione, dell’incarico di esperto nelle materie di competenza del Sindaco a 1.400 euro/mese, tramite nomina fiduciaria.

.

il sindaco

ART. 1 – FINALITA’ GENERALI

È indetto avviso informativo finalizzato al conferimento a soggetto estraneo all’Amministrazione, tramite nomina fiduciaria, dell’ incarico di esperto del Sindaco, a titolo oneroso, in materia di ingegneria civile e progettazione con riguardo alle seguenti aree: settore lavori pubblici ed urbanistica, settore dei finanziamenti regionali ed europei, settore dei trasporti e della viabilità pubblica, settore contenzioso tra imprese e pubbliche amministrazioni, ed in ambito strutturale (calcoli, verifiche sismiche, ristrutturazioni).

ART. 2 – INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO

Gli interessati dovranno presentare apposita istanza di manifestazione di interesse indirizzata al Sindaco del Comune di Milena  – Via Rimembranza n. 24, corredata da dettagliato curriculum professionale in formato europeo, secondo le modalità specificate nel successivo art. 5.
244001-ingegnere-altezza-17-cm-funny-collection-800x800La scelta verrà effettuata sulla base dei curricula professionali e dell’esperienza maturata rispetto alle esigenze legate all’incarico, senza redazione di alcuna graduatoria di merito avendo come base di riferimento non vincolante, i criteri del D.P.C.M. 78/2018 “Regolamento che stabilisce i titoli valutabili nell’ambito del concorso per l’accesso alla qualifica di dirigente ed il valore massimo assegnabile ad ognuno di essi ai sensi dell’art. 3 co 2 bis del D.P.R. 24/09/2004 n. 272”.
Il Sindaco provvederà all’individuazione del candidato ed alla relativa nomina, con provvedimento motivato, riservandosi di non procedere ad alcun incarico in caso di candidati con curricula ritenuti non adeguati alla complessità delle attività da svolgere.

ART. 3 – DURATA E COMPENSO

L’incarico è conferito a tempo determinato per la durata di mesi 6 (sei), prorogabili, a decorrere dalla data di sottoscrizione della convenzione ad opera di entrambe le parti interessate. Si precisa, inoltre, che l’incarico è risolto di diritto al cessare, per qualsiasi causa, del mandato del Sindaco o per il venir meno della fiduciarietà a base del rapporto quale clausola risolutiva ad nutum.
Il compenso mensile, in deroga a quanto previsto dall’art. 14 della L.R. 7/92, viene fissato precisamente in 1.400 euro comprensivo di IVA e contributi di legge.

 ART. 4 – REQUISITI RICHIESTI

Potranno manifestare la propria disponibilità al conferimento dell’incarico candidati di ambo i sessi che alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione della domanda, sono in possesso dei requisiti per l’accesso al pubblico impiego e in particolare:
– Età non inferiore ad anni 18;
– Cittadinanza italiana o di uno Stato appartenente alla Unione Europea, fatte salve le eccezioni di cui al D.P.C.M. 7.2.1994 n. 174;
– Godimento dei diritti civili e politici;
– Non avere riportato condanne penali e non essere stati interdetti o sottoposti a misure che escludono, secondo la legislazione vigente e/o CCNL, dalla nomina all’impiego presso una Pubblica Amministrazione, salvo che sia stato estinto il reato, per il quale il concorrente è stato condannato ovvero sia stata conseguita la riabilitazione, ai sensi dell’art. 178 del C.P., alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura selettiva;
– Non avere procedimenti penali in corso;
– Non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per insufficiente rendimento ovvero non essere stato dichiarato decaduto da un impiego statale;
– Diploma e/o laurea;
– Idonea esperienza nelle materie oggetto dell’incarico;
– Non trovarsi in alcuna delle condizioni di inconferibilità, di incompatibilità e conflitto di interessi (anche solo potenziali) definite dalla normativa vigente.

ART. 5 – PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La domanda di partecipazione alla procedura, redatta in carta semplice, va presentata secondo lo schema allegato al presente avviso, quale fac-simile, al quale dovrà essere allegato dettagliato curriculum formativo e professionale dell’interessato.
Le dichiarazioni rese e sottoscritte nella domanda e nell’allegato curriculum hanno valore di dichiarazioni sostitutive di certificazione, ai sensi degli artt. 43 e 46, D.P.R. n. 445/00 e di dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà, ai sensi degli artt. 47 e 38, del citato D.P.R., in conformità alla vigente normativa, il candidato dovrà allegare alla domanda fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità.
La domanda di partecipazione dovrà contenere almeno un recapito telefonico, e-mail, pec, per eventuali comunicazioni.
La firma in calce alla domanda di ammissione alla procedura non è soggetta ad autenticazione. La mancata sottoscrizione comporta l’esclusione dalla procedura.
La domanda dovrà pervenire entro le ore 12,00 del quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione del presente avviso all’Albo Pretorio del Comune di Milena, direttamente o a mezzo raccomandata A/R o a mezzo posta elettronica certificata al seguente indirizzo PEC: protocollo@pec.comune.milena.cl.it. ovvero entro le ore 12:00 del 25 luglio 2020.
Nella busta o nell’oggetto della PEC dovrà essere chiaramente indicato “Avviso informativo per il conferimento a soggetto estraneo all’Amministrazione, tramite nomina fiduciaria, dell’incarico di esperto a titolo oneroso nelle materie di competenza del Sindaco, ai sensi dell’art. 14 della L.R. n. 7/1992 e successive modifiche ed integrazioni”.
Non sono considerate valide le domande inviate con modalità diverse da quelle prescritte, o trasmesse oltre il termine suddetto e quelle compilate in modo difforme o incompleto rispetto al modello allegato al bando.
L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità in caso di dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del domicilio o del recapito da parte del candidato o da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di domicilio o del recapito indicato nella domanda. Il Comune si riserva la facoltà di prorogare, sospendere o revocare il presente avviso o parte di esso, qualora ne rilevasse l’opportunità, per ragioni di pubblico interesse.

ART. 6 – TRATTAMENTO DATI PERSONALI

Ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 come modificato dal D.Lgs 101/18, i dati forniti dai candidati saranno raccolti presso gli uffici dell’Ente per le sole finalità di gestione della presente procedura e saranno trattati successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro per le finalità inerenti alla gestione di tali rapporti, sia mediante supporto cartaceo sia mediante supporto informatico. Il titolare del trattamento è l’Amministrazione Comunale di Milena.
Responsabile dei dati, ai sensi del D. Lgs. n. 196/2003 come modificato dal D.Lgs 101/18, è il Funzionario Responsabile dell’Area Amministrativa – Ufficio Personale.

ART. 7 – NORME FINALI

Per tutto quanto non previsto nel presente bando, si rinvia alla normativa vigente in materia.
Il presente avviso verrà pubblicato sull’Albo Pretorio del Comune di Milena e sul sito web istituzionale dell’Ente www.comune.milena.cl.it – Amministrazione trasparente – bandi di concorso.
Eventuali informazioni e chiarimenti potranno essere richiesti dagli interessati presso l’Ufficio di Segreteria tel. 0934933021 int. 8.
Milena, lì 10 luglio 2020

IL SEGRETARIO COMUNALE
(Dott.ssa Gretel Schillaci)

Allegati

NOME DIMENSIONE
Allegato avviso.pdf 1.33 MB
Allegato fac simile domanda.docx 15.72 KB

 

Read Full Post »

La dichiarazione del governatore siciliano: “Funzionari che si grattano la pancia. Ho il dovere di provarci e cambiare questa burocrazia”

.

“Non so cosa sia il pentimento. No, io non mi sono pentito. Ho ragione. Anche i siciliani la pensano come me”. Ha dichiarato, e dunque pensa, che l’80 per cento dei dipendenti regionali, in Sicilia, non lavora ma “si gratta la pancia” e che in pratica si imbuca e si infratta nei sottoscala e negli uffici, superbe oasi di ozio e di sbadiglio dove si vive coccolati e remunerati a carico dello stato.

Presidente, Nello Musumeci, sa che i sindacati sono pronti a querelarla? Vuole ritrattare?

“Non mi interessa la percentuale. Se non è l’80 sarà il 70. Mi riferisco all’efficienza, ai tempi che la nostra burocrazia regionale impiega per liquidare una fattura, per erogare delle risorse. Sono impiegati inetti e incapaci che andrebbero sostituiti. Non sono tutti. E’ ovvio. Ci sono dipendenti che bruciano i tempi ma ce ne sono altri che bruciano le speranze”.

Lei, che non si gratta la pancia, quante ore lavora?

Lavoro diciotto ore al giorno. Non sono il solo. In Sicilia, esiste una minoranza di funzionari pubblici che non guarda l’orologio. E’ una minoranza che si oppone a una maggioranza e che fa di tutto per non lavorare. Non posso sopportarlo”.

Ma che si è messo in testa questo uomo alto e secco? Non è vero che solo in Olanda sono efficienti e frugali. A Palermo c’è un governatore che non ha peli sulla lingua.

fannulloniDa due anni e mezzo sferza 13.200 stipendiati a “cui abbiamo dato tutti gli strumenti del diritto. Hanno tutti i mezzi per fare presto, ma rallentano le pratiche, esercitano arroganza nei confronti dei cittadini. Ho le prove. Ricevo segnalazioni”.

Dice insomma che il suo non è uno sfogo e neppure il mal di stomaco del presidente iperattivo, ma la denuncia dell’uomo che vuole capovolgere l’antropologia dell’isola:Non ho bisogno di fare il ruffiano con i dipendenti. I miei voti sono quelli dei siciliani liberi e non di un piccolo, ma compatto, esercito di sindacalizzati che (già sento) mi vuole muovere guerra e che annuncia querele. Non li temo”.

Sarà che la sua idea politica è quella romantica e rusticana, una vita da ex missino, pulizia e militanza, ma Musumeci non solo non li teme ma vuole sanzionarli. Non pensate ai cacciatori di fannulloni, altra categoria, in Italia, ormai inflazionata. E infatti, in una telefonata breve ma da pensiero squillante, Musumeci ricorda a questi simpatici gilet, tutti timbri e pausa cannolo, quale sia la loro fortuna: “In un momento quanto mai drammatico per la nazione, sono tra i pochissimi ad avere la certezza di uno stipendio. La sorte di migliaia di famiglie dipende dal loro operato. Ho il dovere di criticarli, stimolarli e sanzionarli”. In realtà ha fatto di più.

Presidente, “grattarsi la pancia” non è peggio di “fannulloni”?

“No”. Risponde che in questa regione dove è caduto qualsiasi tabù l’unico a essere rimasto è quello legato al dipendente regionale: “Nessuno deve permettersi di attaccarlo. Porta voti e quindi, con lui, si deve usare il politicamente corretto. Mi dicono: lascia perdere. E io allora non solo non lascio, ma continuo”. Se la prende con lo smart working che come ha detto Beppe Sala è il pretesto, a volte, per rimanere nella grotta. Io credo che Sala abbia ragione. Dello smart working penso tutto il male possibile. Non dico che non sia utile, ma dico che in Sicilia, e nell’amministrazione pubblica, non funziona. L’amministrazione non può mostrarsi ostile e impenetrabile”.

C’è chi si chiede se nel Meridione non sia preferibile avere il potere di licenziare anziché quello di assumere. Sta maturando questa opinione?

“Non licenzierei nessuno, ma assumerei giovani laureati pronti al sacrificio. Questa polemica insegna una cosa. Una tessera sindacale non può mortificare il merito, la competenza di chi fa con scrupolo il proprio dovere. La verità è che questa regione finge di volere cambiare ma non vuole cambiare per nulla”.

Non ce l’ha fatta la grande letteratura, ce la farà lei?

“Non ha la presunzione di riuscirci, ma ho il dovere di provarci”.

Read Full Post »

CANTIERI DI LAVORO REGIONALI: OGGI COMINCIANO I CORSI DI FORMAZIONE.


Comincerà luned’ 20 luglio 2020 la due giorni dedicata ai corsi di formazione per i lavoratori che prenderanno parte ai cantieri di lavoro per la “Chiesa Madre” e per la “via Ventura” (l’altro corso per la via Grappa sarà ad Agosto).
Dopo che i responsabili del procedimento dell’area tecnica del nostro comune hanno definito tutto l’iter burocratico, i 38 operai, i 4 direttori dei lavori e istruttori e i 3 muratori si ritroveranno alle 8,00 in piazza Crispi nei locali parrocchiali messi a disposizione dalla chiesa cattolica, per apprendere tutto quanto in materia di sicurezza, di comportamento post-covid e quant’altro per un inizio dei lavori nella massima sicurezza e serenità.

Read Full Post »

Read Full Post »

Concluso l’iter di riconoscimento dei distretti produttivi siciliani

.

PALERMO – Sì è concluso oggi a Palermo l’iter di riconoscimento dei distretti produttivi siciliani. Nel corso di una conferenza stampa all’assessorato Attività produttive l’assessore Mimmo Turano ha firmato e consegnato i decreti di riconoscimento e ha presentato la nuova geografia dei distretti.

I distretti tra rinnovi e nuovi riconoscimenti sono tredici distribuiti su tutto il territorio regionale: a Catania il Distretto Agrumi di Sicilia, sempre nella provincia etnea ci sono il Distretto del Ficodindia di Sicilia a San Michele di Ganzaria e il distretto della pietra lavica di Belpasso, a Palermo si trovano invece Distretto Meccatronica, il Distretto della moda Mythos e il Distretto nautico del Mediterraneo, nell’elenco ancora il Distretto Pesca e Crescita Blu a Mazara del Vallo, a Ragusa il Distretto orticolo sud-est Sicilia insieme al Distretto Lattiero Caseario, il Distretto Ecodomus specializzato nella filiera edilizia e delle energie rinnovabili a Licata, nel nisseno a Mazzarino ha sede il Distretto Frutta secca di Sicilia mentre il Distretto Filiera delle Carni sorge a Messina e a Siracusa il Distretto ortofrutticolo di qualità.

I distretti produttivi, che vedono la luce nel 2005, vengono istituiti dalla Regione con l’obiettivo di far lavorare le filiere produttive per sistemi integrati in grado di darsi una programmazione a livello territoriale incentivandoli con specifici fondi. I tredici distretti riconosciuti mettono in rete 976 imprese siciliane.
«Quando mi sono insediato ho trovato una situazione dei distretti produttivi davvero critica – ha sottolineato l’assessore Turano – al 2017 il sistema dei riconoscimenti era praticamente bloccato e non si era proceduto ai rinnovi o a nuove istituzioni determinando conseguentemente una sorta di limbo per i distretti produttivi. Con il presidente Musumeci abbiamo ripreso il dialogo e il confronto con i distretti ma soprattutto abbiamo messo in campo tutti gli strumenti amministrativi necessari per far ripartire i distretti puntando anche ad un sostanziale riordino che ci ha permesso di evitare doppioni e sovrapposizioni all’interno delle filiere».

Read Full Post »

Delibera della giunta regionale siciliana con l’elenco dei comuni in stato di emergenza al 31 gennaio 2020 per i quali i contribuenti potranno usufruire del contributo a fondo perduto anche in assenza di flessione del fatturato ai sensi del comma 4 dell’art.25 del D.L. Rilancio.

.

mi

L’assessore reg.le all’agricoltura Edy Bandiera con il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci

(altro…)

Read Full Post »

Pacchia reddito di cittadinanza, Rifiutare il lavoro, i dati choc

Luca Impellizzeri
CATANIA –
Ottenere a fine mese un importo senza muovere un dito, rifiutare proposte di lavoro scegliendo di restare, comodamente, sul divano.
E, addirittura, potersi permettere di non rispondere, neanche, alle telefonate dei navigator, i professionisti reclutati per fare incontrare domanda e offerta di lavoro.
Lavoro che scarseggia in Sicilia, ma quando c’è, i fruitori del reddito di cittadinanza lo rifiutano.
Posti di lavoro
reddito citta3

REDDITO DI CITTADINANZA – Il “mago” Di Maio svela la card n°1

I navigator, basandosi su database nazionale, hanno scovato diverse “vacancies”, cioè possibili posti di lavoro, che hanno proposto ai beneficiari del reddito di cittadinanza.

I dati sono impietosi, la proposta è stata fata a 12.942 fruitori, l’esito positivo è stato di 1.118.
Cosa vuol dire esito positivo? La possibilità che il lavoro proposto coincida con le aspettative e capacità della persona. I navigator, dopo aver preso in carico i beneficiari del reddito, sapevano vita, morte e miracoli di ciascuno.
Nel momento in cui è stata fatta la proposta di lavoro solo un elemento può aver favorito questo dato così basso: il rifiuto.
E stare sul divano può avere i suoi vantaggi, soprattutto se a fine mese la carta viene ricaricata.
Nove proposte su 10 sono state rifiutate da altrettanti fruitori dell’importo mensile.
Se non è pacchia questa!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: