Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Lavoro’ Category

L’Assemblea Regionale Siciliana ha bandito un concorso per 8 posti di segretario parlamentare di prima fascia, con mansioni di segretario di amministrazione.

Maria Rita Bonetta

Maria Rita Bonetta

.

Possono partecipare tutti i diplomati, dai 18 ai 41 anni, con un voto di almeno 90/100, o laureati di primo livello senza limiti di voto.

Le domande vanno presentate solo in via telematica (QUI) utilizzando i moduli disponibili sul sito istituzionale dell’ARS entro il 18 giugno.

SCARICA QUI IL BANDO

Annunci

Read Full Post »

Read Full Post »

Lettera a Mattarella «Non possiamo restare isolati a vita»

di Giuseppe Scibetta

.

Lettera a Mattarella «Non possiamo restare isolati a vita»

Caltanissetta – «È indispensabile arrivare a completare i lavori che prevedono il raddoppio della ex scorrimento veloce Agrigento-autostrada Palermo/Catania: la città di Caltanissetta non può rischiare di rimanere isolata a vita da tutto il resto del territorio isolano come sta accadendo ormai da qualche mese, con gravi disagi per gli automobilisti costretti a zigzagare in mezzo al “labirinto” messo in atto dalla “Cmc” (Cooperativa Muratori Cementisti) nel tratto che da contrada “Favarella” arriva sino all’ingresso del capoluogo nisseno, procurando così grossi problemi economici per le aziende nissene che, considerate le difficoltà esistenti per raggiungere la città, hanno dovuto registrare un preoccupante calo delle loro attività».

È il testo della lettera-appello che il vescovo di Caltanissetta, monsignor Mario Russotto, ha inviato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per chiedere di intervenire e fare in modo che quella che è stata considerata la più grande opera degli ultimi decenni prevista in Sicilia, non debba trasformarsi in una enorme incompiuta destinata a isolare pesantemente la città di Caltanissetta. Una lettera inviata al Capo dello Stato su quello che mons. Mario Russotto ritiene un argomento fondamentale per la comunità nissena e per tutti i paesi della diocesi, tanto da indurlo ad intervenire ripetutamente per sollecitare l’intervento degli enti interessati al completamento dell’opera (Regione Siciliana, Anas), e di mettersi alla testa del corteo di protesta organizzato assieme all’ex sindaco Giovanni Ruvolo il 2 febbraio scorso al fine di sollecitare la ripresa dei lavori dopo la terribile crisi che aveva costretto l’impresa ravennate a sospendere l’attività ed a chiudere i cantieri.

In quell’occasione mons. Russotto salì pure sul palco allestito davanti Palazzo del Carmine e sollecitò i presenti a non arrendersi a quella che per i nisseni poteva diventare una «catastrofe». «Non ci si può rassegnare alla politica della “bona ‘a bonè”, e cioè dell’accontentarsi su come vanno le cose (anche quelle storte) per amore di pace – ha detto ieri mons. Russotto – ma occorre reclamare i propri diritti, anche perché i cittadini di Caltanissetta pagano le tasse alla stessa maniera di come fanno quelli delle regioni del nord, dove le strade, come è avvenuto recentemente nei giorni scorsi a Monza, vengono riparate immediatamente in una sola notte. Non ci possono essere figli e figliastri».

Ancora stavolta il vescovo è stato molto esplicito: «Dov’è la Regione Siciliana? Dove sono tutti i politici? Vengono a fare delle promesse e poi se ne dimenticano: in questo modo le persone si sentono tradite dai loro rappresentanti. Dov’è lo Stato che dà l’appalto e poi per far riprendere i lavori chiede l’aiuto ai creditori e ai fornitori dei servizi assicurati alla Cmc, che sono disperati per tutte le somme che devono ricevere e che sono di nuovo costretti ad anticipare?».

E poi, ha anche detto: «A Caltanissetta per convegni o altro non vuole più venire nessuno perché ci sono delle difficoltà per arrivarci in macchina: siamo arrivati al punto che stavamo meglio quando stavamo peggio, poiché prima sulla ex scorrimento veloce 640 si transitava regolarmente poiché erano fruibili entrambe due corsie. Si vuole far morire questo territorio? Davanti ad una situazione del genere non possiamo rimanere inerti: questa non è più democrazia, non è uno stato civile, non una società civilizzata: ed è per questo che dobbiamo reagire ed aiutarci da noi…».

Read Full Post »

"Missione compiuta": la balordaggine leghista fa chiudere la tonnara di Favignana - I Nuovi Vespri

“Missione compiuta”: la balordaggine leghista fa chiudere la tonnara…

INUOVIVESPRI.IT
Michelangelo Russo https://www.inuovivespri.it/…/missione-compiuta-la…/
—————-

Non ci sto!

Lo dico lontano da ogni spirito polemico e nel rispetto della leale collaborazione tra le istituzioni.

Dopo anni di chiusura, proprio ora che grazie a un imprenditore coraggioso la Tonnara di Favignana è stata riaperta, la ripartizione delle quote di pesca, decise dal governo centrale per quell’impianto, non è compatibile con la sostenibilità finanziaria di un progetto serio.

Per questo motivo, ho già chiesto al ministro dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio, di fissare un Tavolo tecnico a Roma per riesaminare il decreto di assegnazione delle quote tonno, magari in un utile confronto con le autorità sarde.

La Sicilia non può subire una così pesante e ingiusta penalizzazione. Al di là di ogni ragione regolamentare, spetta alla politica il compito di garantire equilibrio ed equità. Ed è quello che chiedo per la mia Isola al governo nazionale.

#Trapani #governoMusumeci Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Regione Siciliana

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Tonnara Favignana quote tonno, “La Lega getta la maschera e affossa la Sicilia, non era solo uno lo Stronzo”

Michele Mancuso

.

“Il Sottosegretario leghista Manzato, ha gettato la maschera mostrando il reale volto del suo Partito, a cominciare da quello del suo leader,

Matteo Salvini, considerando il Sud come terra di conquista, da depredare e sfruttare all’occasione. La cosa si sta verificando puntualmente con la Tonnara di Favignana, a rischio chiusura a causa della ridicola ripartizione delle quote Tonno, umiliante per un’Isola come la nostra.

Evidentemente lo ‘Stronzo’ della Lega non era solo uno”.

Read Full Post »

Saranno banditi nuovi concorsi per lavorare presso l’Arpa in Sicilia

bonetta mrMaria Rita Bonetta

.

L’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente siciliana ha in programma un incremento dell’organico per quest’anno.

Sono 52 le assunzioni di personale che saranno effettuate entro il 2019.

 

Read Full Post »

VERTICE A ROMA SULLE INFRASTRUTTURE SICILIANE

Nello Musumeci

.

La Cmc per noi significa 93 chilometri di strade da finire in Sicilia e 330 persone che lavorano nei cantieri dell’Isola. I fondi per completare le opere ci sono. Per questi motivi credo sia utile trovarci attorno a un tavolo, a Palermo, con l’Anas e la Cmc.

L'immagine può contenere: 3 persone, persone sedute e spazio al chiuso

Se poi si volesse aggiungere il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, sarebbe, finalmente, un bel segnale per i siciliani.

Crisi CMC: Musumeci vola a Roma per sbloccare i cantieri in Sicilia

Il presidente di CMC di Ravenna, Alfredo Fioretti, ha incontrato oggi a Roma il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, per fare il punto della situazione sullo stato dei cantieri sul territorio siciliano che coinvolgono la società cooperativa.

In particolare i lavori di raddoppio della SS 640 Agrigento-Caltanissetta e la SS 121 Palermo-Agrigento.

anas

 

“La riunione – fa sapere la Cmc – svoltasi in un contesto di cordialità e collaborazione, si è conclusa positivamente con il reciproco impegno a proseguire il dialogo costruttivo volto a portare a termine tutti i lavori che sono in stato di avanzamento, considerando la complessa situazione normativa e regolatoria che tende a rallentare il processo di realizzazione dei progetti.

Le parti – prosegue la nota – hanno convenuto di aggiornarsi nei prossimi giorni a Palermo, presso la sede della Regione, in un tavolo allargato anche agli altri interlocutori, per individuare un percorso comune e condiviso finalizzato alla soluzione delle questioni aperte e alla prosecuzione e consegna, nei tempi fissati, dei lavori attualmente in corso nell’interesse dei lavoratori e dei cittadini siciliani”.

Read Full Post »

La sopraelevata sulla nuova stazione

.

Maria Rita Bonetta

Il cantiere della stazione Fontanarossa, finanziato dal Governo Musumeci – ha sottolineato l’assessore Marco Falcone – procede a buon ritmo.

Già l’anno prossimo non sarà più un’utopia prendere il treno da Messina o Siracusa e raggiungere direttamente l’aeroporto di Catania.

In tale ottica, abbiamo inteso accelerare sul progetto del collegamento con stazione-terminal, dal valore complessivo di circa 12 milioni di euro, realizzato da Rfi con il supporto della Regione.

L’obiettivo è di condurre i passeggeri in circa 7 minuti dalla fermata ferroviaria fino all’interno dell’area partenze, sul modello del restyling di Roma Fiumicino»

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: