Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Umorismo’ Category

Freddo bestiale!

Read Full Post »

A gentile richiesta dei non siciliani

forniamo la traduzione

di “U Sceccu Liuni” (L’Asino Leone)

pubblicato da kenna

su MML

il  23 novembre 2009

La Redazione

.

 

U SCECCU LIUNI / L’ASINO LEONE

Ci fù na vota ca u sceccu patintatu / Ci fu una volta che un asino patentato

si vistì cu la peddri d’un liuni; / si vestì con pelle di leone;

essiennu senza Re lu vicinatu, / essendo senza Re il vicinato,

furmatu in privalenza di minchiuna, / formato in prevalenza di minchioni

u pigliaru pi liuni veramenti, / lo scambiarono per leone veramente

ddru sceccu vinni fattu Presidenti! / quell’asino venne fatto Presidente!

L’accordi e li ‘so prumissi ‘nvirità / Gli accordi e le sue promesse in verità

non fuaru esagirati: un minimu di riformi, / non furono esagerati: un minimo di riforme

chiddri stessi di tantu e tantu tiempu suspirati, / quegli stessi da tanto tempo sospirati,

e na puliziata, stabilieru, / e una ripulita stabilirono

di zicchi, di piduocchi e piddrizzuna. / di zecche e di ogni genere di pidocchi.

Passava lu tiempu, e di tuttu si parlava / Passava il tempo, e di tutto si parlava

forchè di puliziata e di riformi; / fuorché di disinfezione e di riforme;

u Sigritariu a ccu ci addumannava, / il Segretario a chi gli domandava,

ci arrispunniva: “Lu Prisidenti dormi / gli rispondeva: “Il Presidente dorme

ma quannu dormi dici ca rifletti / ma quando dorme dice che riflette

e ca l’impegnu massimu ci mitti”. / e che l’impegno massimo ci mette”.

Nostramenti, li zicchi e li piduacchi, / Nel frattempo, le zecche e i pidocchi

ammeci di vidisi distrutti, / invece di vedersi distrutti,

ricunfirmati avianu li cuntratti / avevano avuto riconfermati i contratti

e s’eranu ‘ngrassati comu li vutti, / e s’erano ingrassati come le botti

e tunni cuamu li testi di li finocchi / e rotondi come le teste dei finocchi

avivanu addivintatu li piduocchi.  / erano diventati i pidocchi.

Ora, siccomu mmiezzu a l’armari / Ora, siccome in mezzo agli animali

sirpuliava un certu malcuntentu, / serpeggiava un certo malcontento

‘n vista d’un sicuru timpurali, / in vista di un sicuro temporale

lu Prisidenti, sceccu pi talentu, / il Presidente, asino per talento

pinzà di convucari l’assimblea / pensò di convocare l’assemblea

a scopu di carmari la platea. / con scopo di calmare la platea.

Ci ieru tutti all’ura cunvinuta, / Ci andarono tutti all’ora convenuta,

comu ‘ddra vota mai puntualmenti, / come quella volta mai sì puntualmente

e dichiarata aperta la siduta/ e dichiarata aperta la seduta

fu data la parola a u Presidenti, / fu data la parola al Presidente

lu quali, non putiennusi scansari, / il quale, non potendosi scansare

pi forza s’appi a mintiri a … ragliari. / per forza s’è dovuto mettere a… ragliare.

Vi lassu ‘mmagginari ‘a meraviglia / Vi lascio immaginare la meraviglia

e lu stupuri di tutta l’adunanza! / e lo stupore di tutta l’adunanza!

Finì la siduta a parapiglia/ Finì a parapiglia

e ccu risati di torciri la panza:/ e con risate da torcere la pancia

“O chi liuni, chi liuni raru,/ “O che leone, che leone raro

ca ruggi comu raglia lu sumaru!” / che ruggisce come raglia il somaro!”

Lu juarnu appriessu lu gaddru cantaturi / Il giorno appresso il gallo canterino

ogni armaru riunì a cuncertu / ogni animale riunì a congresso

vuliennu dichiarari all’ impusturi / volendo dichiarare all’impostore

guerra senza quartieri ‘n campu apiertu; / guerra senza quartiere in camp’aperto

ma pì principiu di dimucrazia / ma per principio di democrazia

ognunu dissi comu la sintia: / ognuno disse come la sentiva

“Stu sceccu nn’ha accussì murtificati, / “St’asino ci ha così mortificati

-prutistò sdignatissimu lu cavaddru- / – protestò sdegnatissimo il cavallo – 

ca sunnu nenti na fraccata di nirbati… / che sono niente un sacco di nerbate

pirchì a li nirbati c’ha fattu lu caddru! / perché alle nerbate ci ha fatto il callo!”

“Binissimu! ntirvinni lu gattupardu – / “Benissimo – intervenne il gattopardo –

si lu vuliti ia lu vaiu a cardu!” / se lo volete lo vado a scuoiare”.

“Pi quantu vriugnusa è l’impustura/ “Per quanto vergognosa è l’impostura

– si susì a parlari lu vo’ sulennimenti – / s’alzò a parlare il bue solennemente –

basta ca cci livammu ‘a manciatura; / basta che gli togliamo la mangiatoia

peggiu cunnanna non ci nne qualmenti”. / Peggior condanna non ce n’è”.

“Ma – ci ruppi lu filu la ciaula -: / “Ma – interruppe il filo la gazza – :

unn’è ca forsi la vua tu ‘sta beddra pacchia?”. / non è che forse vuoi tu sta bella pacchia?”.

Vinni pua lu turnu di lu maiali : /  Venne poi il turno del maiale:

“Ia chi v’è diri ? ‘Nn’aiu vistu puarci / “Io che vi devo dire? Ne ho visti di porci

ma no cu sta visazza di vintrali / ma non con sta bisaccia di ventre

c’ addigirisci puramenti i scorci; / che digerisce pure le scorze

livammula di miezzu sta carogna, / leviamola di mezzo sta carogna

bona pi la murtatella di Bulogna!”. / buona per la mortadella di Bologna!”.

Ammitatu a parlari, lu cuniggliu / Invitato a parlare il coniglio

circà di spicicari du paroli: / cercò di spiaccicare due parole:

“Rispunsabilità ia nun mi nni piggliu… / “Responsabilità io non me ne piglio…

ancora è Prisidenti… / ancora è Presidente…

e s’iddru voli pò fari quarchi mali… / e se lui vuole può farci qualche male…

e miegliu fussi irici pianu, cu diplomazia… / e meglio sarebbe andarci piano, con diplomazia

”Chi pianu e pianu- u Cirru santà ‘m pizzu- / “Che piano e piano – il tacchino saltò in aria –

ci manca sulu d’addumannarici scusa! / ci manca solo di domandargli scusa!

Ammeci di sistimarici lu capizzu/ Inveci di sistemargli il capestro

a ‘sta cusazza ‘nnutili e rugnusa, / a questa cosaccia inutile e rognosa

cu sti raggiunamenti a zicchi-zacchi, / con ‘sti ragionamenti a zig e zag

ccà nun nna rresta ca calarini li canzi. / qua’ non ci resta di calarci le brache.

Li punci, li cimici e li scravagli, / Le pulci, le cimici e gli scarafaggi

fratirnamenti unciuti ‘n sinnacatu: / fraternamente uniti in sindacato:

“Morti a li zicchi, a li piduocchi e a li piddrizzuna!” / “Morte a le zecchi e a ogni tipo di pidocchi!”

si misiru a gridari a perdichiatu… / si misero a gridare a perdifiato...

Lu merlu, risaputu ruffianu, / Il merlo, risaputo ruffiano,

si nni stetti a scuntari di luntanu. / se ne stette ad ascoltare da lontano.

Pì l’urtimu si susì lu barbagianni, / Per ultimo s’alzò il barbagianni,

diciànnu nni ‘ddru storicu cunvegnu: / dicendo in quello storico convegno:

“Uantri diciti beni ca l’offisa è ranni , / “Voialtri dite bene che l’offesa è grande,

ma vi cunsigliu di frinari lu sdegnu; / ma vi  consiglio di frenare lo sdegno

p’a stessa siriità d’a nostra razza / per la stessa serietà della nostra razza

sparagnammucci lu chiatu e la scumazza. / Risparmiamoci il fiato e la saliva

Scippammuci ‘ddra peddri di liuni  / Togliamogli quella pelle di leone

e, doppu, a stu gran piezzu di ‘mbrugliuni / e dopo, a ‘sto gran pezzo d’imbroglione

‘mmracammulu cu tantu di varduni / imbrachiamolo con tanto di bardone

a carriari cufina e fumieri…; / a trasportare ceste e sterco d’animali…

Sintiti chi vi dici lu ma beccu: / Sentite cosa vi dice il mio becco:

Chi si cunchiudi a fari guerra a stu sceccu?! / Che si conclude a far guerra a quest’asino?!”.

Read Full Post »

Governo-Cocomero

Read Full Post »

Read Full Post »

Politica da ridere

Read Full Post »

Read Full Post »

Inesperto al comando

Tu sei sicuro di avere fatto questo prima?

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: