Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 6 aprile 2011

L’idolo delle masse

Annunci

Read Full Post »

di TONY ZERMO

.

Dal 1° maggio scatta il pedaggio sulle autostrade siciliane dell’Anas, vale a dire la Catania-Palermo, la Palermo-Mazara del Vallo e la Catania-Siracusa.

La cosa assurda è che questa decisione ministeriale vale solo per le autostrade siciliane dell’Anas. E più assurdo ancora è il fatto che tutti gli automobilisti dovranno munirsi di un trasponder, altrimenti arriva il conto a casa. Infatti sarà adottato il sistema «free flow» che in parole povere è questo: siccome non ci saranno caselli metteranno degli speciali macchinari che riprenderanno la targa dell’auto. E se l’auto ha il trasponder – un sistema di rilevamento satellitare – va bene, perché il ticket sarà pagato attraverso ciascun conto personale. Se invece la vettura non ce l’ha il conto arriva a domicilio.

E questo riguarda non solo le autostrade Anas, ma anche le loro pertinenze, ad esempio la tangenziale di Catania, tanto per dirne una.
Ma poi questo trasponder dove si acquista? Nessuno l’ha ancora detto.
Non soltanto è una stangata per gli automobilisti siciliani, ma anche un controsenso perché tutti conosciamo le pessime condizioni della Catania-Palermo, l’autostrada più trafficata, l’asse stradale che taglia la Sicilia a metà per congiungere i due capoluoghi più popolosi e più importanti. Anche chi percorrerà la nuova Catania-Siracusa troverà dal 1° maggio questa brutta sorpresa: che era stata annunciata, ma nessuno ci credeva essendo tanto assurda.

(altro…)

Read Full Post »

Un libro a famiglia

 

Il sindaco avvisa

che è possibile ritirare

presso la Biblioteca comunale

una copia a famiglia

del libro di Giuseppe Pellitteri

 “Il canto popolare di Milocca-Milena”.

Read Full Post »

NOI CHE SI REMA CONTRO LA NOTTE

di IVAN (Milano)

.

Noi che si rema contro la notte
giovani figli del primo pomeriggio
piantiamo un chicco in questa sincope del giorno
strappandola al ricordo del sogno
alla quiete di due occhi svenuti
all’immobile rigirarsi del sonno

noi che si rema contro la notte
si vede quasi l’alba la sera
il sole tra le stelle
il tram tra le guglie
mentre il buio t’ammicca
con uno sguardo sprofondato di seduzione disperata

noi che si rema contro la notte
si sta la sera a letto a sognare di sognare
non ci si ricorda di tirar su i remi in barca
il mondo ci sfugge al contrario cascandoci addosso
ma la nostra forza è una scintilla che brucia
soffocata dalla luna più testarda
ai piedi delle cascate del cielo

Read Full Post »

L’ONOREVOLE TORREGROSSA SOLLECITA RISPOSTA AL PROBLEMA DEL PARCHEGGIO DI FRONTE ALL’OSPEDALE DI CALTANISSETTA OGGI IN MANO AGLI ABUSIVI

.

Accelerare o forse riavviare il percorso burocratico teso alla realizzazione di un parcheggio multipiano prospiciente l’ospedale Sant’Elia: è questa la finalità con la quale l’On. del Pdl Raimondo Torregrossa presenta un’interrogazione parlamentare al Presidente della Regione e all’Assessore con delega alla Salute.

“E’ inaccettabile – esordisce Torregrossa coordinatore provinciale del Pdl – che un progetto avviato nell’Aprile del 2006 oggi, a distanza di 5 anni, risulti ancora bloccato nelle maglie della burocrazia. Capisco che l’iter da seguire per la realizzazione di un’opera pubblica è assai controverso ma è bene che ognuno di noi accetti le proprie responsabilità e cominci ad occuparsi, seriamente, dei bisogni dei cittadini.”

“L’area adiacente l’ospedale Sant’Elia, oggi risulta gestita da parcheggiatori abusivi e la mancanza di adeguata segnaletica orizzontale porta, inevitabilmente, al caos totale. Insomma – conclude il deputato –  l’ospedale Sant’Elia, anche in virtù dei nuovi reparti avrà un afflusso sempre maggiore di fruitori, oggi si rende necessario portare a compimento quel progetto avviato nel 2006”. 

LEGGI L’INTERROGAZIONE  INTEGRALE (altro…)

Read Full Post »

l’Abruzzo tra passione, rabbia e amore

.

6 aprile 2009, la terra trema in Abruzzo e sfigura il volto della città dell’Aquila e delle realtà circostanti.
Poi “alla violenza naturale del terremoto si sono sovrapposte la voracità degli interessi, la velocità delle urbanizzazioni, l’impatto violento del Progetto C.A.S.E. che ha sconvolto senza pianificazione un territorio bellissimo” denuncia il regista Paolo Pisanelli che a quella tragedia ha dedicato un film-documentario dal titolo di Ju tarramutu. Un’espressione dialettale aquilana che serve a introdurre quello che il regista e fotografo definisce uno “scoppio di passione, di rabbia e d’amore”. La pellicola arriva nelle sale il giorno dell’anniversario della tragedia: 6 aprile 2011.
Nessuno può riportare fedelmente il silenzio
Paolo Pisanelli ha usato soprattutto la drammaticità delle immagini per rendere al meglio i sentimenti e gli umori di un comprensorio ferito e di una popolazione che ora si sente abbandonata.
“C’é una cosa – ha spiegato il regista – che nessuna tv, nessuna radio può riportare fedelmente: il silenzio. Nei primi giorni dopo il sisma il silenzio era ovunque. Non solo tra le macerie. Le persone andavano in giro come fantasmi. In mezzo alla gente c’era il silenzio, dentro la loro testa c’era il silenzio”.

Read Full Post »

Sex blues

Sex blues per una donna su tre

Secondo uno studio americano, molte donne dopo l’orgasmo vengono colte da ansia e tristezza…

Ansia, malinconia, tristezza. È la sensazione che una donna su tre prova alla fine di un rapporto sessuale. Una sorta di depressione, spesso è accompagnata da un irresistibile desiderio di piangere che cresce dopo il rapporto. Ma ancora non esiste una spiegazione scientifica. L’unica cosa certa è che le cause non hanno nulla a che vedere con l’andamento della prestazione.

Secondo i dati dei ricercatori dell’Università australiana del Queensland e di quella dello Utah negli Stati Uniti, il 32,9 per cento delle donne intervistate ha dichiarato di aver sofferto nella vita sessuale adulta di sex blues, una o più volte.

La crisi si risolve spesso in pochi minuti, a differenza di tristezze più conosciute e studiate, come il baby blues, in arrivo dopo la nascita di un figlio dal perdurare più lungo. Si esprime solitamente a orgasmo avvenuto, attraverso la sensazione di ansia, irritabilità, malinconia, attacchi di pianto.

 Fonte Vanity Fair

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: