Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 21 aprile 2011

Quello del 22 aprile 2011 sarà un Venerdì Santo che passerà alla storia per la prima volta di un Papa in televisione che risponde alle domande del pubblico.

.

Naturalmente nulla è stato lasciato al caso e l’intervento di Benedetto XVI è già stato registrato. Andrà in onda su RaiUno alle 14.10, l’ora della morte di Cristo, durante la trasmissione di informazione religiosa A SUA IMMAGINE. Le domande a cui risponderà il Pontefice sono state selezionate dalla redazione del programma tra tutte quelle inviate dai fedeli, più di duemila in tutto. E qualcosa si è già scoperto. Il quotidiano della Cei, Avvenire, ha già pubblicato una delle risposte che il pubblico potrà ascoltare domani durante la trasmissione televisiva .

Il primo quesito è questo: “Mi chiamo Elena, sono giapponese ed ho sette anni. Ho tanta paura perché la casa in cui mi sentivo sicura ha tremato, tanto tanto, e molti miei coetanei sono morti. Non posso andare a giocare nel parco. Chiedo: perché devo avere tanta paura? Perché i bambini devono avere tanta tristezza? Chiedo al Papa, che parla con Dio, di spiegarmelo”. È l’angoscia di una bambina, ma è un dubbio che tanti uomini portano dentro di sé per tutta la vita senza riuscire a trovare una risposta definitiva.

Ecco una parte dell’intervento di Benedetto XVI: “Anche a me vengono le stesse domande: perché è così? Perché voi dovete soffrire tanto, mentre altri vivono in comodità? E non abbiamo le risposte, ma sappiamo che Gesù ha sofferto come voi, innocente, che il Dio vero che si mostra in Gesù, sta dalla vostra parte. Mi sembra questo molto importante, anche se non abbiamo risposte, se rimane la tristezza: Dio sta dalla vostra parte, e siete sicuri che questo vi aiuterà”. Senza cimentarsi a dare una risposta assoluta, quindi, il Papa cercherà di dire almeno dove si trova il Dio dei cristiani in una situazione di sofferenza così grande.

All’indirizzo internet della trasmissione (clicca qui per andare al sito) si possono già leggere anche gli altri due argomenti che saranno affrontati dal capo della Chiesa cattolica.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

(altro…)

Read Full Post »

Giovedì Santo

Read Full Post »

Aveva dato vita ad «un patto mafia-politica» e «in più occasioni ebbe modo di agevolare l’organizzazione mafiosa»

di Giorgio Petta

.

Ecco perché la Cassazione, lo scorso 22 gennaio, ha reso definitiva la condanna a 7 anni di reclusione inflitta dalla Corte di appello di Palermo il 23 gennaio 2010 all’ex presidente della Regione Salvatore Cuffaro per rivelazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento personale con l’aggravante di avere favorito Cosa nostra.

Nelle 215 pagine di motivazioni depositate ieri della sentenza 15583 – un’ottantina delle quali dedicate alla posizione dell’ex governatore e le restanti agli altri 10 coimputati – i giudici della 2ª sezione penale della Suprema Corte rilevano l’esistenza di un «accordo criminoso ben preciso». Compreso l’aiuto elettorale chiesto ad Angelo Siino, il “ministro dei lavori pubblici di Cosa nostra”, per le regionali del 1991.

«In tale occasione – si legge nella motivazione – Cuffaro ammetteva di essersi recato, assieme a Saverio Romano (l’attuale ministro per le Politiche agricole, ndr), dal Siino per chiedergli sostegno alla propria candidatura». Circostanza confermata da Siino, «divenuto collaboratore di giustizia», che «ha riferito della visita degli allora giovani Cuffaro e Romano nella quale entrambi gli chiedevano apertamente sostegno elettorale». Non solo, ma anche Franco Bruno, ritenuto dagli “ermellini” di «elevatissima credibilità», ha confermato il fatto ammesso pure dallo stesso Cuffaro il quale ha però negato di «essere consapevole della mafiosità del Siino», nonostante Bruno, prima dell’incontro, lo avesse «fortemente sconsigliato».

A ciò si aggiunge, che l’ex ministro Calogero Mannino «aveva rimproverato aspramente il Cuffaro per essersi recato da Siino per chiedergli sostegno elettorale».


(altro…)

Read Full Post »

Grazie al sindaco e al dirigente scolastico…

.

 Refezione anche l’anno prossimo

.

Disponibilità da parte dell’amministrazione comunale a proseguire anche per il prossimo anno scolastico il servizio della mensa scolastica.

E’ quella che, tramite propria determina, ha manifestato il sindaco Giuseppe Vitellaro nei riguardi del dirigente dell’Istituto scolastico comprensivo Giovanni Paolo II, il prof. Vincenzo Nicastro.

Era stato proprio lo stesso dirigente dell’Istituto comprensivo a chiedere all’amministrazione la disponibilità per l’anno scolastico 2011/12 alla continuazione del servizio mensa.

Read Full Post »

Il prof. ANGELO BARBA

UNA GRAVE PERDITA PER IL MONDO DELLA CULTURA

Fonte: Castello Incantato

.

Un proverbio africano recita “ogni vecchio che muore è una biblioteca che brucia”, ovvero con la morte si perde irrimediabilmente il patrimonio di conoscenza che ogni uomo ha accumulato durante la vita.

Il professor Angelo Barba non era vecchio, si è spento improvvisamente questa notte all’età di 66 anni a causa di un’edema polmonare, ma è certo che con la sua scomparsa arde una ricca e prestigiosa biblioteca, frutto di anni di appassionata ricerca e accurati studi. Dopo aver conseguito la laurea in pedagogia, si era dedicato all’insegnamento, affiancandovi e intensificando l’attività di ricerca della storia locale culminata nella pregevole pubblicazione “Chiesa e Società nello sviluppo storico di Mussomeli”.

Fervente credente e appassionato di storia delle tradizioni religiose popolare, ha divulgato, attraverso vari scritti e l’edizione di diversi volumi, la conoscenza legata al culto della Madonna dei Miracoli e delle confraternite, con particolare attenzione a quella della Madrice a cui apparteneva. Ebbe anche una breve parentesi in politica, nella giunta Valenza fu assessore alla Cultura. Lascia la moglie, signora Giuseppina Curiale e le figlie Gabriella e Adriana. Questa sera la salma dello storico verrà trasferita alle 21 alla Chiesa di San Ludovico, dove domani, alle 15,30, verranno officiate le esequie.

La Redazione di MML esprime ai suoi familiari le più sentite condoglianze

 

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: