Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sindaco’

Ancora niente documenti Sprar relativi all’accordo Comune – I Girasoli. Solo la promessa di un “futuro” consiglio comunale

.

.

sindacoAlle Calende Milocchesi

.

La telenovela sull’accoglienza dei rifugiati politici a Milena, passata in sordina e al buio, continua.

Nonostante le passate precedenti richieste, il sindaco ancora dopo mesi e meso, non rilascia ai consiglieri comunali di minoranza della Lista MILENA IN COMUNE i documenti richiesti. In particolare quelli sull’accordo con I Girasoli per conoscere e valutare i termini e il sistema di lavoro.

Rilascia però la promessa che se ne parlerà “nella prossima seduta del Consiglio comunale” senza però precisare la data. Siamo di fronte ad una vera e propria strategia del rinvio per continuare a “nascondere le carte” alla minoranza? O ad un supremo disprezzo dei consiglieri comunali tenuti volutamente all’oscuro di fatti importantissimi che ormai risalgono all’anno scorso?

Comunque sia l’Ora X si avvicina e, presto o tardi, verrà a galla tutto o quasi. E i consiglieri dell’opposizione potranno conoscere e, tramite loro, anche la Cittadinanza. Quei cittadini milenesi i quali, secondo noi, in un regime democratico e trasparente si dovevano informare fin dall’inizio e pure consultare circa la loro volontà sull’accoglienza.

CatturaMML continuerà a dare spazio all’intera vicenda intesa a rendere pubblico il numero degli ospiti, le notizie sulla loro vita passata e attuale, l’elenco degli operatori locali e forestieri che si occupano di loro e dei proprietari delle case in cui sono alloggiati, quanto costa l’accoglianza e quant’altro vorranno richiedere i consiglieri comunali della minoranza.

Pare che chiederanno, tra l’altro, al sindaco, agli assessori e ai consiglieri comunali se hanno parenti tra gli operatori della cooperativa I Girasoli e gli affittacase ai rifugiati per riscontrare le voci su presunti favori a parenti e amici che girano da tempo e hanno portato anche l’avvocato Ferlisi ad un’intemerata contro chi privilegia i familiari a scapito del bene pubblico.

Read Full Post »

Alunni di Milena per un giorno hanno “studiato” nel Municipio

c. l.)

.

municipio basso (2)Un giorno al Comune per vedere come funziona la macchina burocratica ed organizzativa, ma anche per parlare con il sindaco, gli assessori, il segretario comunale e gli stessi dipendenti che ogni giorno fanno si che vengano assicurati i servizi essenziali alla comunità milocchese.
E’ quanto hanno fatto gli alunni della 2^ B della scuola media Pirandello che ieri mattina, assieme alla prof. Rosetta Alaimo, si sono recati al palazzo comunale. A ricevere gli alunni c’erano il sindaco Peppuccio Vitellaro e il vice sindaco Enzo Nicastro, assieme al segretario comunale, il dott. Chiarenza, e al vice segretario Lorenzo Saia. Gli alunni sono stati ricevuti dal primo cittadino che ha spiegato loro le funzioni che vengono espletate in seno all’ente comunale. «Ho potuto riscontrare un grande interesse e una ammirevole partecipazione da parte dei ragazzi della scuola media che, anche grazie all’ottimo lavoro portato avanti dalla scuola, hanno avuto modo di proporre un valido confronto sul valore dell’ente comunale per il nostro territorio», ha sottolineato il sindaco Vitellaro.
«Abbiamo anche ricordato ai nostri studenti – conclude il sindaco – che loro sono i cittadini del futuro e che, pertanto, conoscere la realtà comunale è importante in quanto, un giorno, saranno loro a dover rappresentare la comunità al Comune».

Read Full Post »

Casteltermini si ribella, bruciate le bollette dell’acqua

 .
Immagine tratta dal webQuesta mattina a Casteltermini si è svolta una partecipata manifestazione popolare organizzata dal Sindaco Nuccio Sapia.

Il primo cittadino si è fatto portavoce e promotore di una protesta cittadina che stava montando da alcuni giorni a causa dell’arrivo di bollette dell’acqua con cifre iperboliche e non giustificabili da consumi familiari sempre costanti rispetto al recente passato.
Alle richieste del Sindaco di sospendere, momentaneamente, la notifiche delle bollette, Girgenti Acque, la società che gestisce la distribuzione del prezioso liquido, non ha voluto sentire ragioni. Al Sindaco ed ai suoi concittadini non rimaneva che protestare vivacemente ma civilmente e fermamente con il rigetto delle bollette pazze che sono state utilizzate per accendere un bel falò.
bruciaE’ veramente vergognoso che un bene primario come l’acqua debba essere gestito da privati che diventano, come nel caso di Casteltermini, dei veri e propri strozzini. Non si può vessare la popolazione di un paese già depauperato economicamente dalla chiusura delle miniere, chiusura che ha messo in ginocchio intere famiglie costrette ad emigrare e costringere i rimanenti ad reinventarsi un nuovo lavoro per poter sopravvivere. Il focolaio accesosi a Casteltermini non va sottovalutato perché rappresenta un segnale forte alle istituzioni che hanno il dovere di difendere i più deboli e i più bisognosi, altrimenti il fuocherello acceso potrebbe diventare un vero e proprio incendio. Il Presente Crocetta ed i partiti che lo sostengono hanno il dovere di mantenere gli impegni elettorali assunti e di attuare il programma presentato che prevedeva il ritorno della gestione dell’acqua al pubblico. I Siciliani stanno ancora aspettando.

– See more at: http://www.giornalesicano.it/3560#sthash.a1NCn6aa.dpuf

Read Full Post »

Carmelo Montagna

Carmelo Montagna

Marianopoli. Ignoti hanno tagliato le gomme dell’auto del primo cittadino. Indagano i carabinieri

Avvertimento al sindaco Montagna

Roberto Mistretta
.

Intimidazione ieri al sindaco Carmelo Montagna, a cui mano ignota ha squarciato gli pneumatici posteriori della propria utilitaria, una Fiat Punto di colore blu, parcheggiata davanti la sua casa in Corso Umberto.
cmPoco dopo le nove, uscendo dall’abitazione per recarsi a Palermo, il primo cittadino di Marianopoli s’è accorto di avere una ruota sgonfia. Lì per lì ha pensato ad una foratura. Subito dopo però, s’è accorto che anche l’altro pneumatico era sgonfio e guardando meglio ha notato degli squarci inflitti con un oggetto acuminato. A quel punto è apparso chiaro che qualcuno aveva voluto «avvertirlo». Montagna ha informato i suoi collaboratori ed i carabinieri che hanno avviato le indagini che certo non si presentano facili. Nel pomeriggio è stata formalizzata la denuncia nella locale caserma.
«Se siamo di fronte al gesto d’un disperato – ha detto il sindaco – queste coltellate potevano finire addosso al sindaco, anello ultimo e debole delle istituzioni democratiche. Se dietro invece c’è un mandante politico, allora il gesto è molto più grave e mi auguro che le intimidazioni finiscano qua. Personalmente inquadro questo avvertimento nel violento clima politico instauratosi per la vicenda legata alla Tarsu, ma se come sindaco mi sono rivolto alla Corte dei conti, l’ho fatto soltanto per evitare al Comune l’accusa di danni erariali. Comunque non mi faccio intimidire e continuerò a lavorare coi miei collaboratori per difendere questo presidio di democrazia».

Sempre ieri, i componenti della Giunta e i consiglieri comunali di maggioranza, con il pieno appoggio di due consiglieri opposizione, Rino Schifano e Simone Genco hanno espresso «piena e totale solidarietà al proprio sindaco Carmelo Montagna, per il vile atto di intimidazione subito».
LaICL060023020140110CL «Un fatto criminale – hanno scritto – di una gravità assoluta che si commenta da sé e su cui le forze dell’ordine disporranno le relative indagini per assicurare alla giustizia gli autori e che, tuttavia, dà l’esatta misura di una situazione esplosiva sul piano sociale. Pur non escludendo nessuna motivazione e matrice -si legge ancora- non si può non sottolineare che la crisi economica e la crescente disoccupazione, che determina in modo sempre più evidente un forte disagio e malessere dei cittadini, e l’attuale fase di aspro confronto politico locale sulle tasse e sull’imposizione fiscale, che i Comuni sono chiamati ad applicare, non possono essere sottovalutate. I sindaci purtroppo sono i terminali di tutte le proteste e di tutti i malcontenti dei cittadini e devono rispondere, loro malgrado, anche di situazioni create da altri livelli istituzionali, perciò è importante e necessario abbassare i toni politici locali per non esasperare ulteriormente gli animi, in modo da favorire un sereno dibattito politico che faccia comprendere alla comunità le effettive responsabilità e i sacrifici a cui tutti siamo chiamati, per superare la situazione economica così difficile».
Al sindaco ieri sera è arrivata la «solidarietà umana e la vicinanza» e «la condanna per il vile gesto» del Consiglio comunale e del suo presidente Guido Acquisti.
CIRCOLO PD MILENA

CIRCOLO PD DI MARIANOPOLI

LA SOLIDARIETA’ DEL PD

Calogero Vaccaro

Il circolo del Partito Democratico di Marianopoli esprime solidarietà al sindaco Carmelo Montagna per il vigliacco atto vandalico subito dallo stesso e di cui si è avuta notizia nella giornata di ieri dagli organi di stampa. In particolare non si può non denunciare che è palese il tentativo di qualche mente contorta di intimidire chi è impegnato nel pubblico, rischiando di inquinare e mistificare i normali e legittimi confronti che doverosamente si svolgono tra le parti politiche in campo. I responsabili di gesti simili vanno cercati anche tra quelli che da occulti registi praticano la strategia della tensione e della cultura del sospetto finalizzato a destabilizzare e sviare il normale vivere, in una piccola e martoriata cittadina come la nostra, delle problematiche quotidiane.

Calogero Vaccaro

Calogero Vaccaro

Il fatto successo anche se di modesta entità materiale resta sempre deprecabile e va condannato per il significato che esso può assumere nei confronti di chi lo ha subito ed anche della collettività che da esso ne trae gli effetti della concitazione che siffatti generano. Ogni e qualsiasi gesto balordo ed arrogante, sia esso più o meno eclatante o velato ed espresso anche sotto altre forme, va condannato. Nel far ciò si esprime il sincero auspicio che le forze dell’ordine individuino l’autore o gli autori del vile e scriteriato gesto che mira a compromettere la civile convivenza e il libero esercizio delle attività democratiche e ciò al fine di fare chiarezza e ridare serenità.

*Coordinatore del Circolo

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: