Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Carmelo Montagna’

La minoranza: «Spostiamo la location delle manifestazioni natalizie»

Roberto Mistretta

.

Noto e Cannella

Noto e Cannella

Questa la richiesta dei consiglieri comunali Grazia Noto e Giuseppe Cannella, che chiedono al sindaco Carmelo Montagna. di riportare le manifestazioni natalizie in piazza Garibaldi e nel centro storico.
«Da diversi anni nella nostra cittadina -dicono i due consiglieri- le manifestazioni natalizie, caratterizzate da: canti tradizionali, allestimento del presepe e la tradizionale sagra della ricotta in piazza Garibaldi, esibizione di artisti da strada, allestimento di alberi di Natale e luminarie si sono svolte e realizzate per le vie del centro storico. Con ciò si riusciva a coinvolgere tutti gli abitanti ed a creare un’atmosfera armoniosa e festiva, tipica del Natale e soprattutto si riusciva a dare una boccata di ossigeno alle attività economiche-commerciali degli operatori locali.

Di contro -aggiungono- l’infelice scelta operata, da due anni a questa parte, da quest’Amministrazione comunale di svolgere le suddette attività natalizie presso la Villa Messineo, che si trova ubicata nella estrema periferia dell’abitato, si è rilevata fallimentare non solo per le legittime aspettative della cittadinanza, specialmente degli operatori economici (bar, alimentari, negozi, ecc.), ma anche per aver svuotato di interesse ed attrattiva il centro storico. Tra l’altro il risultato ottenuto da tale scelta non è stato quello di avere “recuperato e bonificato dal degrado e dall’abbandono” l’area a verde della Villa Messineo, ma piuttosto di averla inibita all’uso civico per il cantiere, in permanente stato di abbandono, che vi si è creato». I due consiglieri hanno quindi formalizzato tale richiesta al primo cittadino di Marianopoli per tornare al passato.

Puntuale e pepata è arrivata la replica dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Carmelo Montagna, alla proposta dei consiglieri Grazia Noto e Giuseppe Cannella di riportare le manifestazioni natalizie da villa Messineo in Piazza Garibaldi.

«Il cambio di location del Presepe vivente era già previsto»

.

montagna carmelo

Carmelo Montagna

Dopo una carrellata di apprezzamenti non certo benevoli indirizzati ai due consiglieri di opposizione, l’amministrazione comunale scrive: “Ci permettiamo di sottolineare che il Presepe Vivente e le relative manifestazioni organizzate nella villa Messineo, recuperata dal degrado in cui l’aveva lasciata l’Amministrazione Vaccaro, è stata una novità e un esperimento apprezzato tantissimo sia dai nostri concittadini sia dai forestieri presenti in occasione degli eventi. Un’opera di grande impatto visivo e di notevole valore artistico. Nonostante le lettere anonime che tentavano di bloccare le manifestazioni, è stato un grande successo anche sul piano economico per i nostri operatori, e la presenza numerosa di personalità del mondo dell’arte ne è stata la dimostrazione più saliente. E’ stato anche l’evento mediatico e di immagine più importante per Marianopoli”.

“Tutto ciò è stato possibile – continua la nota – grazie ad un ritrovato spirito di volontariato completamente distrutto dall’Amministrazione Vaccaro che non è mai riuscita a realizzare i monumentali presepi delle precedenti amministrazioni guidate dal sindaco Montagna. Tutti sanno, anche i personaggi del presepe, che l’Amministrazione, quest’anno intende riportare la manifestazione in piazza per accogliere le richieste del volontariato che vorrebbe misurarsi in una nuova esperienza artistico-artigianale. Tale proposito è stato, peraltro, ribadito pubblicamente dal sindaco qualche giorno fa, in occasione di una riunione propedeutica alla costituenda Pro loco. Pertanto avere avanzato una proposta già di dominio pubblico significa, come al solito, arrivare buon ultimi e fare demagogia sulla pelle dei cittadini oppure tentare di sminuire un’iniziativa dell’Amministrazione per poi sbandierare al mondo intero un merito che assolutamente non vi compete”.

Annunci

Read Full Post »

marianopoli.

I Consiglieri Comunali Grazia Noto e Giuseppe Cannella, del gruppo consiliare di opposizione “Serietà Impegno e Competenza”, nell’ambito dello svolgimento del loro mandato elettorale e nell’interesse della collettività amministrata, con una nota dei giorni scorsi hanno segnalato al Sindaco Carmelo Montagna l’inconveniente igienico sanitario dovuto alla mancanza di pulizia delle caditoie delle acque bianche.

puzzaNella nota inviata dai consiglieri si legge che tutte le caditoie per il convogliamento e smaltimento delle acque bianche del centro abitato e delle periferie sono letteralmente intasate ed emanano odori nauseabondi ed esalazioni fastidiose e soprattutto dannose per la salute pubblica. Inoltre, sostengono Grazia Noto e Giuseppe Cannella che:

– le caditoie rappresentano, vista la giacitura dell’aggregato urbano, un elemento importante per il sistema di drenaggio, che servono ad intercettare le acque meteoriche che scorrono in superficie e a convogliarle nella rete fognaria delle acque bianche evitando così possibili dissesti ed allagamenti pregiudizievoli per la sicurezza pubblica;

– nell’approssimarsi della stagione invernale, tali caditoie, a causa del materiale depositatosi e del conseguente intasamento, possono provocare oltre ai suddetti odori sgradevoli e danni alla salute dal punto di vista igienico-sanitario, anche motivo di pericolo per gli abitanti che risiedono nelle vicinanze delle stesse e dei pozzetti di ispezione;

– con la pulizia delle caditoie fatta per tempo, l’abitato eviterà di essere messo in difficoltà dalle prime piogge invernali, spesso a carattere temporalesco, che comporterebbe anche maggiori disaggi per la vivibilità del centro urbano.

Grazia Noto e Giuseppe CannellaPer le superiori segnalazioni i consiglieri Noto e Cannella, sempre con la stessa nota, hanno chiesto ed impegnato il Sindaco nella qualità di massima autorità Sanitaria locale e di Pubblica Sicurezza a volere provvedere con urgenza all’eliminazione dell’inconveniente evidenziato attraverso la pulizia delle caditoie.

I Consiglieri Comunali Noto e Cannella

Read Full Post »

Pronta la tomba comunale oggetto di tante polemiche

.

LaICL020071420140707CLMarianopoli. La tomba comunale di Marianopoli è stata completata. Lo ha comunicato il sindaco Carmelo Montagna che ha diramato una nota stampa con cui informa l’ultimazione della tomba comunale di 52 posti.

«Per l’Amministrazione una bella soddisfazione che dà energia per continuare a lavorare con più lena al raggiungimento degli obiettivi programmatici, peraltro, con una spesa per il Comune molto contenuta. Quello della tomba comunale – si legge ancora – era un punto importante e non solo per le continue, inutili e sterili polemiche con l’opposizione che tentava con ogni mezzo di impedire o di rallentare la realizzazione dell’opera, ma per dare alla comunità la possibilità di una sistemazione decorosa per i propri cari a costi accessibili, eliminando nel contempo quella odiosa e spregevole speculazione sui loculi comunali. L’amministrazione ha seguito le varie fasi della realizzazione per evitare ostacoli burocratici”. “L’amministrazione è consapevole però che il problema non è definitivamente risolto e perciò ha già messo in cantiere la costruzione di altri 52 loculi entro il 2015”.

Read Full Post »

Diffida al sindaco di Marianopoli per la relazione non presentata

Roberto Mistretta

.

Carmelo Montagna

Carmelo Montagna

E’ di nuovo scontro tra l’opposizione ed il sindaco Carmelo Montagna. Stavolta il motivo del contendere è la mancata presentazione della relazione annuale.
In una nota diffusa l’altro ieri si legge: “E’ già trascorso oltre un mese da quando i consiglieri comunali Grazia Noto e Giuseppe Cannella, del gruppo “Serietà Impegno e Competenza”, hanno diffidato con atto formale il sindaco Carmelo Montagna ad adempiere alle disposizioni di legge che lo obbligano a presentare la relazione annuale sullo Stato di attuazione del Programma, ed a relazionare sull’ attività svolta dalla Giunta, nonché dagli esperti da lui nominati.
Il termine per presentare la relazione annuale è scaduto nel mese di maggio del 2013 e quindi da circa un anno e nonostante tutto ciò, della presentazione della relazione non si ha alcuna notizia.

Noto e Cannella

Noto e Cannella

I consiglieri Noto e Cannella, con la stessa diffida, hanno chiesto l’intervento del presidente del Consiglio comunale Guido Acquisti, per segnalare anch’egli la violazione del sindaco al Servizio Ispettivo della Regione Siciliana. I consiglieri d’opposizione, con la diffida, oltre a rilevare che dopo circa due anni del suo mandato il sindaco non ha presentato la relazione al Consiglio Comunale, a alla 1° annualità scaduta il 7 maggio 2013, hanno rilevato una mancanza di rispetto nei confronti del Consiglio che, di fatto, viene impossibilitato ad adempiere alla sua funzione di controllo sull’attività amministrativa dell’Ente e non consente ai cittadini la conoscenza di tale attività.

4916344-interrogativo-e-esclamativo-fighting-high-risoluzione-3d-renderingLa cosa più strana in questa vicenda -si legge ancora- è che si ha notizia, per bocca della stessa amministrazione, che tale relazione è già pronta e stampata sin dal mese di luglio scorso e nonostante ciò, dopo circa un anno non viene ancora presentata al Consiglio comunale.
Il motivo della mancata presentazione della relazione annuale starebbe nel fatto che il suo contenuto mette in imbarazzo l’intera Giunta, sindaco compreso, per le attività in essa descritte. Resta il fatto che la mancata presentazione della relazione sullo stato di attuazione del programma del sindaco e di quella sugli esperti da lui nominati, è una delle violazioni di legge per la quale è anche prevista la decadenza dalla carica di sindaco”.

Read Full Post »

«Il sindaco di Marianopoli non può “interrogarmi”»

Roberto Mistretta
.
Noto - Cannella

Noto – Cannella

Interrogato dal sindaco Carmelo Montagna in merito alle vicende Tarsu, il consigliere Giuseppe Cannella risponde per le rime e accusa il primo cittadino di «tendenziosità» e richiama gli atti formali adottati nel merito dal sindaco.
Quindi scrive: “Le faccio notare che non esiste nessuna norma che dà facoltà al sindaco di interrogare i consiglieri. La legge prevede esattamente il contrario e cioè che il sindaco è obbligato a rispondere alle interrogazioni dei consiglieri comunali, pena in ultima ratio, in caso di mancata risposta, la decadenza dalla carica elettiva. Quindi, a fronte anche di dettami normativi, le ricordo che il sottoscritto nella qualità di consigliere comunale ha il diritto ed il dovere di chiedere al sindaco ed a tutti gli organi dell’Ente ed a quelli ad esso collegati, di rendere conto dell’attività svolta dagli stessi in nome e nell’interesse del Comune e ciò al fine di potere valutare la legittimità, la trasparenza, l’imparzialità ed il buon andamento dell’azione amministrativa. Pertanto lo scrivente poteva esimersi di dare esito alla sua lettera e ciò senza alcuna assunzione di responsabilità”.

Carmelo Montagna

Carmelo Montagna

Quindi aggiunge: “Lo scrivente, assieme al consigliere Grazia Noto, ha chiesto la convocazione di un consiglio comunale straordinario per dibattere ed avere dalla S. V. spiegazioni e chiarimenti circa la congruità, la imparzialità e la esattezza degli accertamenti in rettifica della Tarsu dell’anno 2008 ed al fine di poter fare deliberare al Consiglio comunale un atto di indirizzo per eventuale sgravio e/o condono della Tarsu anni dal 2008 al 2013”.

Read Full Post »

Carmelo Montagna

Carmelo Montagna

Marianopoli. Ignoti hanno tagliato le gomme dell’auto del primo cittadino. Indagano i carabinieri

Avvertimento al sindaco Montagna

Roberto Mistretta
.

Intimidazione ieri al sindaco Carmelo Montagna, a cui mano ignota ha squarciato gli pneumatici posteriori della propria utilitaria, una Fiat Punto di colore blu, parcheggiata davanti la sua casa in Corso Umberto.
cmPoco dopo le nove, uscendo dall’abitazione per recarsi a Palermo, il primo cittadino di Marianopoli s’è accorto di avere una ruota sgonfia. Lì per lì ha pensato ad una foratura. Subito dopo però, s’è accorto che anche l’altro pneumatico era sgonfio e guardando meglio ha notato degli squarci inflitti con un oggetto acuminato. A quel punto è apparso chiaro che qualcuno aveva voluto «avvertirlo». Montagna ha informato i suoi collaboratori ed i carabinieri che hanno avviato le indagini che certo non si presentano facili. Nel pomeriggio è stata formalizzata la denuncia nella locale caserma.
«Se siamo di fronte al gesto d’un disperato – ha detto il sindaco – queste coltellate potevano finire addosso al sindaco, anello ultimo e debole delle istituzioni democratiche. Se dietro invece c’è un mandante politico, allora il gesto è molto più grave e mi auguro che le intimidazioni finiscano qua. Personalmente inquadro questo avvertimento nel violento clima politico instauratosi per la vicenda legata alla Tarsu, ma se come sindaco mi sono rivolto alla Corte dei conti, l’ho fatto soltanto per evitare al Comune l’accusa di danni erariali. Comunque non mi faccio intimidire e continuerò a lavorare coi miei collaboratori per difendere questo presidio di democrazia».

Sempre ieri, i componenti della Giunta e i consiglieri comunali di maggioranza, con il pieno appoggio di due consiglieri opposizione, Rino Schifano e Simone Genco hanno espresso «piena e totale solidarietà al proprio sindaco Carmelo Montagna, per il vile atto di intimidazione subito».
LaICL060023020140110CL «Un fatto criminale – hanno scritto – di una gravità assoluta che si commenta da sé e su cui le forze dell’ordine disporranno le relative indagini per assicurare alla giustizia gli autori e che, tuttavia, dà l’esatta misura di una situazione esplosiva sul piano sociale. Pur non escludendo nessuna motivazione e matrice -si legge ancora- non si può non sottolineare che la crisi economica e la crescente disoccupazione, che determina in modo sempre più evidente un forte disagio e malessere dei cittadini, e l’attuale fase di aspro confronto politico locale sulle tasse e sull’imposizione fiscale, che i Comuni sono chiamati ad applicare, non possono essere sottovalutate. I sindaci purtroppo sono i terminali di tutte le proteste e di tutti i malcontenti dei cittadini e devono rispondere, loro malgrado, anche di situazioni create da altri livelli istituzionali, perciò è importante e necessario abbassare i toni politici locali per non esasperare ulteriormente gli animi, in modo da favorire un sereno dibattito politico che faccia comprendere alla comunità le effettive responsabilità e i sacrifici a cui tutti siamo chiamati, per superare la situazione economica così difficile».
Al sindaco ieri sera è arrivata la «solidarietà umana e la vicinanza» e «la condanna per il vile gesto» del Consiglio comunale e del suo presidente Guido Acquisti.
CIRCOLO PD MILENA

CIRCOLO PD DI MARIANOPOLI

LA SOLIDARIETA’ DEL PD

Calogero Vaccaro

Il circolo del Partito Democratico di Marianopoli esprime solidarietà al sindaco Carmelo Montagna per il vigliacco atto vandalico subito dallo stesso e di cui si è avuta notizia nella giornata di ieri dagli organi di stampa. In particolare non si può non denunciare che è palese il tentativo di qualche mente contorta di intimidire chi è impegnato nel pubblico, rischiando di inquinare e mistificare i normali e legittimi confronti che doverosamente si svolgono tra le parti politiche in campo. I responsabili di gesti simili vanno cercati anche tra quelli che da occulti registi praticano la strategia della tensione e della cultura del sospetto finalizzato a destabilizzare e sviare il normale vivere, in una piccola e martoriata cittadina come la nostra, delle problematiche quotidiane.

Calogero Vaccaro

Calogero Vaccaro

Il fatto successo anche se di modesta entità materiale resta sempre deprecabile e va condannato per il significato che esso può assumere nei confronti di chi lo ha subito ed anche della collettività che da esso ne trae gli effetti della concitazione che siffatti generano. Ogni e qualsiasi gesto balordo ed arrogante, sia esso più o meno eclatante o velato ed espresso anche sotto altre forme, va condannato. Nel far ciò si esprime il sincero auspicio che le forze dell’ordine individuino l’autore o gli autori del vile e scriteriato gesto che mira a compromettere la civile convivenza e il libero esercizio delle attività democratiche e ciò al fine di fare chiarezza e ridare serenità.

*Coordinatore del Circolo

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: