Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Bandiera arancione’

Assemblea col sindaco Grizzanti per respingere le accuse sull’ascensore per monte S. Paolino

Rino Pitanza

.

I relatori

I relatori

Sono stati giorni pesanti per Sutera, la piccola, tranquilla e molto attiva cittadina nissena che è stata al centro di una “gogna mediatica” a causa del mancato funzionamento dell’ascensore panoramico che porterà sul monte San Paolino. Ma nessun suterese ci sta a subire questa condanna senza urlare il suo «disappunto, la sua rabbia, la sua voglia di far conoscere Sutera con le tante cose positive da mostrare alla nazione e al mondo», come afferma il sindaco Grizzanti.

In attesa che tra qualche mese anche l’ascensore possa funzionare – e magari possa essere nuovamente concessa dal Touring Club Italia la Bandiera Arancione – proprio l’Amministrazione comunale ha indetto un’assemblea popolare in una sala stracolma di cittadini che hanno raccolto soprattutto la proposta di tutelare l’immagine di Sutera e poi ascoltato su come intervenire sull’ascensore «sia per dare una risposta alle accuse e, quello che interessa a tutti, far funzionare l’ascensore che è l’unico ostacolo da superare per ritornare ad avere la Bandiera Arancione che significa turismo, sviluppo e crescita sociale e culturale».

L'aula affollata

L’aula affollata

Il sindaco Grizzanti, a nome di tutta Sutera ha ribadito che «abbiamo accolto bene tutti i giornalisti nazionali, com’è nostra abitudine, portandoli sul monte a verificare quello che volevano vedere, anche se i loro servizi erano già pronti ed impacchettati, dato che hanno presentato l’ascensore come fosse un eco mostro e soprattutto hanno denigrato un paese dicendo che non abbiamo scuole, non abbiamo un prete, non abbiamo esercizi commerciali, ai vecchietti viene portato il mangiare a casa insieme a qualche coperta, che 10 mila persone non le vediamo dal dopoguerra.

E il presepe vivente? Un accanimento da parte di certa stampa di cui non riusciamo a capirne i motivi, al di là di quello che può essere il problema ascensore che a torto viene definito come un eco mostro, dove con quella parola solitamente si definisce una cosa abbandonata.

imagesOWHJONM7Il nostro ascensore – prosegue il sindaco – è stato completato nel 2012 e adesso siamo alla fase finale per il suo funzionamento, reperiremo i 44 mila euro che servono e poi tutto sarà definito».

Una punta di orgoglio suterese, la mette il sindaco quando tuona con forza: «Abbiamo chiamato a raccolta i cittadini perché vogliamo chiarezza tra di noi, nell’ascensore ci crediamo tutti, l’ascensore è nostro, se piace, deve piacere a noi, se non piace non deve piacere a noi. Ma noi ci crediamo, tutta Sutera ci crede». Non si escludono querele e richieste di risarcimento contro chi ha dato una versione completamente distorta della realtà suterese e aver leso l’immagine collettiva e di ogni singolo cittadino.

Read Full Post »

ascensore-suteraLa costosa struttura completata nel 2011 non ha mai funzionato: ora si ammaina la Bandiera arancione. L’obiettivo era quello di portare i turisti in cima al Monte S. Paolino ma i costi di gestione sono troppo elevati per un piccolo comune. E quante polemiche con gli ambientalisti

.

Una “bufera” mediatica sull’ascensore Sutera

Roberto Mistretta

.

E’ finito nella bufera mediatica nazionale l’ascensore di Sutera che nelle intenzioni di chi lo ha voluto avrebbe dovuto fare ascendere i turisti al Monte San Paolino da dove si gode una vista da incanto che spazia dall’Etna alle Madonie. Un ascensore costruito da circa dieci anni, costato circa 2 milioni di euro e mai entrato in funzione.
Da qui, da parte anche dei Tg nazionali, la doppia definizione di ascensore più inutile e costoso di Italia a cui si aggiunge quella degli ambientalisti, da sempre contrari alla realizzazione di quello che è stato etichettato come un “ecomostro”.

imagesT5YUEP9WA tutto questo si aggiunga che la mancata attivazione dell’ascensore panoramico (così viene definito), ha provocato lunedì la revoca della Bandiera Arancione dal parte del Touring Club Italiano a Sutera che era l’unico comune siciliano a potersi fregiare del prestigioso riconoscimento (già in passato tale revoca aveva interessato il comune di Mussomeli, che non ha più riconquistato la Bandiera Arancione, marchio doc assegnato ai comuni montani con meno di 15mila abitanti, al pari della Bandiera Blu assegnata ai comuni marini).

L’iniziativa dell’ascensore risale alla fine degli anni ’90, quando il Comune era guidato dal sindaco Marco Carrubba e già allora si parlava di dotare il paese di un moderno mezzo per consentire di scalare in pochi minuti la Rocca di S. Paolino, che sovrasta il caratteristico centro abitato e dove sorge il santuario al cui interno sono conservate “li santi casci”, le preziose urne che custodiscono le reliquie dei due Patroni: S. Paolino e S. Onofrio.
Venne quindi dato mandato a due geologi, Prisco di Mussomeli e Macaluso di Montedoro, di produrre le necessarie relazioni tecniche, mentre l’ingegnere Michele Scibetta lavorò al progetto.
Due le ipotesi iniziali. La prima prevedeva di scavare una galleria interna dove collocare i binari dell’ascensore che lo avrebbero guidato sino alla sommità della rocca. In tal modo non si sarebbe posto il problema dell’impatto naturalistico architettonico, al limite soltanto quello di evitare pericolosi crolli. Il secondo progetto prevedeva di collocare una mimetizzata impalcatura esterna su un lato della Rocca di S. Paolino, per permettere all’ascensore di raggiungere il pianoro dove ad attendere i visitatori era previsto un apposito trenino capace di trasportare da 14 a 20 persone.
Il progetto venne quindi presentato ed incluso nel Pit Bio-Valley e fu approvato e successivamente finanziato. Ma la Soprintendenza non volle accordare il nulla osta e l’allora nuovo sindaco di Sutera, Gero Difrancesco, si adoperò per superare quella difficoltà che avrebbe fatto perdere un finanziamento di circa 1,2 milioni di euro.
untitled

Nel 2004 Legambiente scrive all’assessore regionale all’Urbanistica, alla sovrintendenza, al presidente della Provincia ed al sindaco di Sutera: “Noi riteniamo che il paese non abbia bisogno di questi interventi propagandistici devastanti, di pura immagine per gli amministratori che li propongono e che hanno spesso come risultato solo quello di cambiare profondamente e spesso cancellandola, l’identità, la cultura e la storia di una comunità”. E Legambiente chiedeva che venissero negate le necessarie autorizzazioni al prosieguo dell’opera e di destinare le risorse previste al recupero del centro storico di Sutera per trasformarlo in paese albergo.

Pepatissima la nota di protesta degli amministratori comunali che smontavano le accuse di Legambiente e difendevano a spada tratta il progetto per garantire a tutti, anziani e disabili compresi, di potere raggiungere in modo agevole la sommità del monte San Paolino. La sovrintendenza però non concede il nulla osta e il Comune diede mandato all’avvocato Balistreri, insieme al vice presidente della Provincia Puccio Dolce, referente del Pit Bio Valley, per formalizzare immediato ricorso. Nel 2005 dall’assessorato regionale ai Beni culturali retto all’epoca dall’on. Alessandro Pagano viene diffusa una nota che recita: “E’ stato approvato dalla Sovrintendenza ai beni culturali di Caltanissetta il nuovo progetto dell’ascensore di Sutera. Il primo progetto che non era stato ritenuto idoneo perché incompatibile con l’equilibrio ambientale, è stato adesso riformulato ed ha ricevuto il nulla osta positivo”. Sovrintendente ai Beni culturali di Caltanissetta era la dott. Rosalba Panvini.

L’importo nel frattempo lievitò con interventi economici da parte della Provincia per 150.000 euro e di 275.000 euro con un mutuo contratto dal Comune di Sutera.
images41SQZU6SLa gara viene appaltata nel 2008. Ad aggiudicarsi col ribasso del 7,31% sull’importo complessivo di 1.690.319 euro (1.179.000 a base d’asta), è il Consorzio cooperativo costruzioni di Bologna. I lavori avrebbero dovuti completarsi in 8 mesi ma vengono ultimati nel 2011. Ed è il sindaco Gero Difrancesco a lanciare una richiesta d’aiuto circa gli alti costi per la gestione dell’ascensore panoramico mai attivato.

L’anno dopo diversi pannelli di rame verde, utilizzati a rivestimento dell’ascensore, vengono divelti e scaraventati lontano dalla furia del vento. L’ascensore viene ripristinato ma – sempre nel 2012 – Italia Nostra scrive di essere contraria alla realizzazione dell’ascensore meccanico “con foglia”, realizzato sul Monte San Paolino, a Sutera, sia per motivi di sicurezza sia per motivi legati alla salvaguardia paesaggistica e simbolica dei luoghi. E definisce “Scriteriata e sbagliata, l’autorizzazione concessa dalla Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Caltanissetta”.

Ed arriviamo ai giorni nostri, con la bufera mediatica che investe l’ascensore realizzato da anni ma mai attivato appunto perché i costi di gestione che il Comune ogni anno dovrebbe sostenere sono assai cospicui.
Un’opera inutile? Un ecomostro? Un ascensore avveniristico che serve ai turisti? La discussione è destinata a perdurare, specie se l’ascensore continuerà a non funzionare. Di certo c’è che il Touring Club Italiano non ha rinnovato a Sitera la Bandiera arancione: «La mancata attivazione dell’ascensore – è la motivazione ufficiale – è un forte elemento di criticità e implica l’impossibilità a cittadini e turisti un servizio reale, limitando l’impulso allo sviluppo locale».

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: