Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘web’ Category

FOTOSHOW


Riceviamo e pubblichiamo

.

Vicolo alloro o vicolo trainella?

.

C’è in piazza Garibadi un vicolo molto frequentato. Si chiama “vicolo alloro” che dalla piazza principale e dalla chiesa madre si collega alla via Roma e tramite questa a via Nazionale la via principale del paese. All’inizio del vicolo un bar centarle, alla fine un’edicoloa-tabaccheria. Tutto ciò per far capire quante persone giornalmente vi transitano.

alloro1

“vicolo alloro” come dice il suo glorioso nome dovrebbe essere tenuto pulito e buon odorante. Invece è tenuto sporco e maleodorante. Le foto rendono bene lo stato dell’incuria ma non il fetore che spesso si respira quando si passa da lì, specie nelle ore più calde.

alloro2

Ma da dove viene questa puzza? Ecco i responsabili.

(altro…)

Read Full Post »

La minoranza preme sull’acceleratore

.

SM3Dopo le sollecitazioni dei consiglieri comunali Alfonso Cipolla, Angela Falcone, Maria Carmela Ferlisi e Maria Giulia Provenzano del gruppo “Milena Domani”, il sindaco Claudio Cipolla ha fatto recintare SAN MARTINO.

Un traguardo minimo ma indispensabile. Con questo semplice atto si evita che qualcuno, entrandovi, possa farsi del male o abbandonarvi immondizia, trasformando quel che resta dell’antico monastero in discarica a cielo aperto.

Giova ricordare che il monastero di San Martino è la testimonianza storica delle origini del nostro paese e conteporaneamente un bene architettonico, esempio raro di fattoria fortificata.

Lì ebbe inizio nel 1700 la storia di Milena che nacque dalla fusione nel 1923 delle borgate di Milocca e San Biagio che prima erano di proprietà dei comuni si Sutera e Campofranco.

San Martino rappresenta dunque un bene storico e monumentale, come è facilmente dimostrato da tutta una serie di prove documentali, ma si attendono atti pratici che portino al suo restauro sotto la sorveglianza della Soprintendenza nissena ai Beni Culturali e Ambientali di Caltanissetta e dell’Assessorato regionale competente.

I consiglieri comunali della minoranza, sempre attivi per il bene del paese, stanno premendo sull’Amministrazione comunale perché si compiano i passi successivi per raggiungere il traguardo finale: la ristrutturazione del monastero-fattoria fortificata di San Martino che appartiene storicamente ai Benedettini del Monastero di San Martino delle Scale di Morreale dove si trova la famosa Abbazia dedicata dedicata a San Martino vescovo di Tours.

SM2Un successivo passo fondamentale sarà l’espropiazione del terreno su cui sorge il monastero che risulta diviso tra numerosi proprietari.

Il problema potrebbe risolversi anche con una donazione da parte dei numerosi eredi, come come aveva anticipato il compianto e famoso nostro concittadino Padre Vincenzo Sorce la cui famiglia lì abitò ed egli stesso vi trascorse l’infanzia. A tal proposito, come non ricordare la sua volontà nella poesia “Vergine del tramonto”?

.Adesso è arrivato il momento giusto, l’ultimo a nostra disposizione, prima che si rovinino anche le rovine, prima che crolli l’ultimo rudere e con esso anche l’ultima speranza..

E’ ancora possibile restaurare in primis i due portali all’ingresso della chiesa e della foresteria e intervenire sulla recinzione muraria.

E’ necessario procedere a piccoli passi, senza progetti faraonici, se si vuole raggiungere il risultato voluto e sperato da tantisimo tempo, troppo. Il restauro del nostro bene monumentale testimonianza chiave delle origini storiche del nostro amato paese.

La Vergine del tramonto di San Martino | Milocca – Milena Libera (wordpress.com)

(altro…)

Read Full Post »

⚠️

Il gruppo consiliare “Milena Domani” il 30 Giugno scorso ha protocollato un sollecito al Comune per la messa in sicurezza del Convento di San Martino.

nota
❗

Oggi apprendiamo che finalmente qualcosa si è mosso.

‼️

SM3

La parte antistante il portale risulta transennata.

⛔

Ci saremmo aspettati, ovviamente, una messa in sicurezza totale del rudere, ma evidentemente si è ritenuto che così:

– “può bastare” … 😔

SM2

✅

Noi non molliamo e continueremo a stimolare l’amministrazione affinché Milena possa ritornare ad “essere” quel famoso “celeste incanto” della nostra canzone che ci fa ancora emozionare e sognare …

gruppo tavolo2

#melodevoricordareincabinaelettorale

#perunamilenamigliore

Read Full Post »

19 luglio la tradizionale manifestazione «In memoria di Paolo – Le parole di Borsellino». 

loftcultura.it

.

L’edizione 2021 sarà del tutto innovativa, poiché si tratterà di un video, che verrà messo in onda, a partire dalle 16.58 (ora esatta dell’attentato di Via D’Amelio), sulla pagina Facebook del «Centro Studi Dino Grammatico», realizzato grazie al casuale ritrovamento, negli archivi dell’ISSPE («Istituto Siciliano di Studi Politici ed Economici») di cui al tempo Grammatico ne era il Presidente, di un’audio-registrazione inedita di Paolo Borsellino tenuta nel corso di un convegno (presso la «Sala delle Lapidi» a Palermo) nel gennaio del 1989.

https://www.facebook.com/csdinogrammatico

La registrazione, per la sorprendente attualità delle riflessioni espresse dall’indimenticabile magistrato palermitano su «cosa nostra», meritava di essere resa pubblica.

pb

depositphotos_123175626-stock-illustration-3d-shiny-yellow-number-7Sono stati estrapolati, infatti, ben 7 passaggi chiave:

  1. Il fenomeno mafioso;
  2. Lo strumento repressivo;
  3. Il controllo del territorio;
  4. Più Stato;
  5. La tracotanza mafiosa;
  6. La “forza” di «cosa nostra»;
  7. Fiducia nelle Istituzioni,

che verranno commentati, con dei contributi audio-visivi, da parte di personalità di assoluto rilievo impegnate nel contrasto alla mafia (Fabrizio FonteUmberto BalistreriPier Luigi AureaLaura Anello, Salvatore Borsellino, Antonio TricoliCarmine Mancuso, Milena RomeoRoberto LeoneRino GiacaloneFrancesco La LicataFabio Granata e Carlo Palermo).

Questo memorabile pezzo della storia positiva di Sicilia può essere considerato, alla stregua di altri interventi, una sorta di “testamento”, visto e considerato che nel giro di pochi anni Borsellino avrebbe immolato la sua stessa esistenza, al pari degli agenti della sua scorta, sull’altare della legalità.

Il fine dell’evento è sempre quello di mantenere ancora viva, soprattutto nei più giovani, la lungimirante azione di contrasto alla mafia di Paolo Borsellino.

R

Per il celebre magistrato, infatti, «non si può dire che lo Stato si sia arreso nella sua lotta contro il crimine organizzato, perché ci si può arrendere solo dopo aver combattuto e lo Stato non ha mai combattuto questa battaglia. Non c’è mai stata da parte della classe politica la volontà di reagire alla mafia, quella volontà che venne trovata per il terrorismo. Ma il terrorismominacciava direttamente la classe politica».

Tra i partners della manifestazione si annoverano, infine, l’ISSPE e l’Istituto Platone di Palermo»

Read Full Post »

Povera Milena, come ti hanno ridotta!

.

217410201_352169359875034_8290301971465650377_n

 

mrg

(altro…)

Read Full Post »

gruppoDopo aver ripercorso la storia del convento di San Martino, oggi ridotto a discarica abusiva e a un mucchio di ruderi pericolanti, la minoranza chiede al Sindaco di metterlo in sicurezza e di far sì che finalmente si possa restaurarlo salvandolo dalla completa distruzione.

Non si può dimenticare che la storia del nostro paese è cominciata proprio da questo convento e dimenticare le proprie origini sarebbe “una colpa imperdonabile”.

Ieri 30 giugno 2021 i quattro consiglieri del gruppo “Miena Domani” hanno inoltrato al Sindaco, al Comandante della Polizia Municipale e per conoscenza al Comandante della Caserma dei Carabinieri una pressante richiesta di “Messa in sicurezza della Fattoria-Convento di San Martino” e di recupero di questo bene storico e monumentale.


.

Mettiamo in sicurezza il Convento di San Martino e dopo cerchiamo una volta per tutte di restaurarlo

Gruppo Consiliare “Milena Domani”

.

fai

FAI, i luoghi del cuore. Dal censimento dei luoghi italiani da non dimenticare.

Signor Sindaco,

Come lei ben sa il Convento di San Martino rappresenta il primo nucleo abitativo di Milocca, fu infatti il centro di sviluppo religioso, economico e sociale attorno al quale sorsero poi tutte le robbe e i villaggi del nostro paese.

Negli corso degli anni sul Convento “San Martino” sono stati fatti studi, convegni, progetti e anche tesi di laurea.

Gli storici locali e le associazioni culturali si sono impegnati per la conservazione e il restauro dello storico bene. Purtroppo le amministrazioni comunali che si sono avvicendate nel tempo hanno trascurato il valore storico e monumentale del nostro prezioso bene.

13

Il Convento di “San Martino” – che oggi è usato come location di spettacoli giovanili e stage fotografici – è tuttora inserito nell’elenco delle opere pubbliche dell’amministrazione comunale ma nulla finora si è mosso.

Riteniamo opportuno che si cominci a fare sul serio.

Siamo sicuri che sia la Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Caltanissetta che l’Assessorato Regionale dalla quale dipende, mostreranno la massima sensibilità e attenzione per la conservazione, il restauro e la valorizzazione della Fattoria-Convento di “San Martino”.

12Per far ciò è indispensabile che l’Amministrazione, il Consiglio Comunale, le associazioni culturali operanti nel territorio e gli storici locali operino tutti insieme remando nella stessa direzione al fine di riuscire a salvare tutto ciò che si può ancora conservare e tramandare ai posteri.

Non farlo sarebbe una colpa imperdonabile.

11

Ciò premesso intendiamo segnalare un altro aspetto legato al primo e propedeutico alla salvaguardia del convento di San Martino.

Ci riferiamo alla prevenzione dell’inquinamento ambientale causato dall’abbandono di immondizia dentro lo stesso da parte di incivili e della incolumità delle persone che incautamente dovessero entrarvi.

La struttura infatti è in gran parte ridotta a rudere, con al suo interno molti muri pericolanti che potrebbero causare danni seri agli avventori.

Pertanto la sollecitiamo a voler provvedere con urgenza alla recinzione dell’intera struttura onde evitare eventuali spiacevoli incidenti e anche responsabilità soggettive e oggettive.

Consideri il nostro appello sotto entrambi gli aspetti: salvaguardia sia del bene storico che delle persone che incautamente si aggirassero dentro la struttura.

E anche come l’inizio di un percorso che consenta, finalmente, il restauro e la valorizzazione in chiave moderna della Fattoria-Convento di “San Martino”, bene architettonico, ambientale e culturale testimonianza fondamentale della stessa origine del nostro comune.

MONASTERO DI SAN MARTINO | I Luoghi del Cuore – FAI (fondoambiente.it)

Read Full Post »

Silenzio totale dopo l’Assemblea cittadina del 25 giugno alla Biblioteca comunale. Perché i cittadini devono essere tenuti all’oscuro? E la minoranza invia un “sollecito” agli assessori perché siano trasparenti e informino con avvisi pubblici sull’Assemblea scorsa e sulle modalità e durata del tesseramento.


.

I GIOVANI VANNO INFORMATI E INCORAGGIATI

.

Silence..Troppo silenzio sulla istituenda Consulta comunale dei Giovani, dalla quale può trarre giovamento l’intera comunità milenese, non è stato reso pubblico nemmeno il verbale dell’assemblea e così i Consiglieri di “Milena Domani” ieri 28 giugno 2021 hanno spedito un “sollecito all’informazione” e un invito alla trasparenza all’Assessore comunale alla Cultura Tona Ilenia e all’Assessore comunale alle Politiche giovanili Carlino Salvatore e, per conoscenza, al Sindaco riguardante la “Mancata pubblicizzazione del periodo valido per le iscrizioni alla Consulta Giovanile comunale”.

Signori Assessori comunali,

gruppodopo l’Avviso pubblico del 17 giugno relativo all’Assemblea cittadina che si sarebbe svolta presso la Biblioteca comunale il 25 giugno, poco o niente si è saputo sulla partecipazione e sulle decisioni assunte, la qualcosa non depone a merito dell’Amministrazione comunale che è tenuta a rispettare le norme sull’informazione e sulla trasparenza.

Pertanto i sottoscritti Consiglieri comunali del Gruppo “Milena Domani” Alfonso Cipolla, Angela Falcone, Maria Carmela Ferlisi e Maria Giulia Provenzano vi sollecitano al rispetto delle norme del Regolamento per la Consulta Giovanile che prevede la determinazione del periodo valido per il tesseramento, le modalità con il quale possa essere effettuato e la pubblicizzazione per mezzo di avvisi pubblici.

cgmIl fine condiviso dovrebbe essere quello di sensibilizzare tutti i giovani del nostro comune affinché finalmente si possa costituire la Consulta Giovanile comunale e il nostro paese possa avvalersi del loro contributo su tutti gli aspetti possibili indispensabile per la crescita socio-culturale.

Per i sottoscritti, il mancato avviso pubblico relativo al tesseramento non va certamente in questa auspicata direzione, motivo per cui vi indirizziamo questo sollecito a rendere pubblico l’avviso sul tesseramento sul sito ufficiale e di facebook del Comune di Milena nonché presso gli esercizi pubblici.

Read Full Post »

UN PATRIMONIO INESTIMABILE COLPEVOLMENTE ABBANDONATO

.

NT

VN

Milena (Cl) – Il VILLAGGIO NEOLITICO

.

Read Full Post »

gruppoIeri in una lunga riunione i Consiglieri comunali del Gruppo “Milena Domani” hanno esaminato una serie di criticità del paese relative alla stagione estiva, dalla circolazione pressocché impossibile nel centro urbano, alla poca fruibiità del parco urbano, dai problemi degli esercenti commerciali all’emarginazione giovanile e altro ancora.

Questa mattina sono state protocollate due interrogazioni al Sindaco e agli assessori al ramo. Pubblichiamo quella riguardante la Consulta comunale dei Giovani nella quale se ne sollecita la costituzione.


.

“Interrogazione sulla mancato avviso per la convocazione dell’Assemblea finalizzata alla costituzione della Consulta comunale dei Giovani”.

Gruppo Consiliare “Milena Domani”

.

cartolina-consultaMilena, 17 giugno 2021.

Premesso che nel Consiglio comunale del 27 maggio 2021, a proposito della Consulta comunale dei Giovani, l’assessora al ramo si era dichiarata favorevole alla sua costituzione assumendosi l’impegno formale di firmare un pubblico avviso per convocare un’assemblea alla quale invitare i giovani.

Sottolineato che è stato ed è sempre nostro sincero intendimento far sì che le migliori energie giovanili possano unirsi nella Consulta comunale dei Giovani che sicuramente apporteranno nuove idee e proposte utili alla modernizzazione del nostro paese.

I sottoscritti Consiglieri Comunali del Gruppo “Milena Domani” Alfonso Cipolla, Angela Falcone, Maria Carmela Ferlisi e Maria Giulia Provenzano la interroghiamo per conoscere:

  • se ha intenzione di sollecitare l’assessore al ramo Tona Ilenia a rispettare l’impegno pubblicamente assunto;
  • se ha intenzione di predisporre tutto il necessario per avviare la Consulta Giovanile, come ha fatto l’11 giugno scorso tramite un pubblico avviso, il suo collega di Bompensiere.

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: