Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Scuola’ Category

latgreco

.

Pubblicità

Read Full Post »

Il Paese dei Bugiardi

Il paese dei Bugiardi

di Gianni Rodari

.

bugiardi
C’era una volta, là
dalle parti di Chissà,
il paese dei bugiardi.
In quel paese nessuno
diceva la verità,
non chiamavano col suo nome
nemmeno la cicoria:
la bugia era obbligatoria.
Quando spuntava il sole
c’era subito una pronto
a dire: “Che bel tramonto!”
Di sera, se la luna
faceva più chiaro
di un faro,
si lagnava la gente:
“Ohibò, che notte bruna,
non ci si vede niente”.
Se ridevi ti compativano:
“Poveraccio, peccato,
che gli sarà mai capitato
di male?”
Se piangevi: “Che tipo originale,
sempre allegro, sempre in festa.
Deve avere i milioni nella testa”.
Chiamavano acqua il vino,
seggiola il tavolino
e tutte le parole
le rovesciavano per benino.
Fare diverso non era permesso,
ma c’erano tanto abituati
che si capivano lo stesso.
Un giorno in quel paese
capitò un povero ometto
che il codice dei bugiardi
non l’aveva mai letto,
e senza tanti riguardi
se ne andava intorno
chiamando giorno il giorno
e pera la pera,
e non diceva una parola
che non fosse vera.
Dall’oggi al domani
lo fecero pigliare
dall’acchiappacani
e chiudere al manicomio.
“E’ matto da legare:
dice sempre la verità”.
“Ma no, ma via, ma và …”
“Parola d’onore:
è un caso interessante,
verranno da distante
cinquecento e un professore
per studiargli il cervello …”
La strana malattia
fu descritta in trentatre puntate
sulla “Gazzetta della bugia”.
Infine per contentare
la curiosità
popolare
l’Uomo-che-diceva-la-verità
fu esposto a pagamento
nel “giardino zoo-illogico”
(anche quel nome avevano rovesciato …)
in una gabbia di cemento armato.
Figurarsi la ressa.
Ma questo non interessa.
Cosa più sbalorditiva,
la malattia si rivelò infettiva,
e un po’ alla volta in tutta la città
si diffuse il bacillo
della verità.
Dottori, poliziotti, autorità
tentarono il possibile
per frenare l’epidemia.
Macché, niente da fare.
Dal più vecchio al più piccolino
la gente ormai diceva
pane al pane, vino al vino,
bianco al bianco, nero al nero:
liberò il prigioniero,
lo elesse presidente,
e chi non mi crede
non ha capito niente.

Read Full Post »

Vogliamo vivere in un ambiente pulito e in un paese civile

Gruppo consiliare “Milena Domani”

.

Ancora un’altra discarica abusiva – sotto gli occhi di tutti – segno di inciviltà e mancanza di rispetto verso il territorio.
1

A volte basterebbe solo fare le cose giuste e non solo ciò che è conveniente … in un paese normale questi incivili andrebbero individuati e multati.

In un paese normale appunto …

.

6

7

8

(altro…)

Read Full Post »

Lavori in corso in piazza Carlo Marx per riparazione rete gas

.

In piazza Carlo Marx da un paio di giorni alcuni operai della ditta del gas stanno riparando quel guasto che più di una volta ha causato perdita del gas metano che ha allarmato i cittadini vicini e lontani dalla cabina. Ci è stato detto che questa volta si sta procedendo alla sostituzione della valvola per risolvere il danno una volta per tutte.

Mentre sono in corso i lavori di riparazione non si può fare a meno di denunciare pubblicamente l’imprudenza degli amministratori e dei responsabili comunali assieme all’inciviltà tollerata di quei concittadini che abbandonano gli abiti dismessi tra il contenitore e la cabina del metano, stoffe e sacchetti che potrebbero prendere fuoco e causare danni enormi alle persone e alle cose.

gas1


Piazze immonde e incendiabili

.

Ormai manco ci sogniamo più di appellarci alla sensibilità degli amministratori della quale sono evidentemente carenti e, siccome mancano pochi mesi alle prossime elezioni comunali, chiediamo che i nuovi amministratori si assumano l’impegno di spostare il contenitore di abiti usati ben lontano dalla cabina del metano qui in piazza Carlo Marx.

Senza dimenticare l’altro contenitore di piazza Valentino Mazzola tenuto come un vero immondezzaio con i soliti abiti per terra di lato molto vicini dal defibrillatore che potrebbe aiutare gli arresti cardiaci. Forse si potrebbe collocare lì accanto un apparecchio per gli elettroencefalogrammi per vedere se l’attività cerebrale di chi ci amministra è ok o ko!

mazzola

In attesa che la nuova amministrazione comunale faccia spostare il contenitore degli abiti usati e dismessi, guardatevi disgustandovi qualche altra foto della due piazze emblematiche degli attuali scadenti amministratori e dei così detti responsabili di ogni livello.

(altro…)

Read Full Post »

I consiglieri comunali del gruppo “Milena Domani” per il rispetto degli invalidi e del codice della strada, propongono maggiore vigilanza e una campagna di sensibilizzazione dei cittadini

.

minQuando si trattano certe tematiche la politica dovrebbe mettere da parte le ripicche e accogliere i suggerimenti da qualsiasi parte essi provengano, dovrebbe essere cosi, purtroppo non sempre lo è o lo è stato …

Abbiamo protocollato il 16 gennaio 2023 una “Mozione per impegnare il Sindaco ad impiantare una nuova cartellonistica; ad affiggere nei locali aperti al pubblico locandine che invitino a non posteggiare nei posti riservati ai disabili e a non impedire alle loro carrozzine l’accesso su marciapiedi e piazze; a promuovere nelle scuole una campagna di sensibilizzazione”.
Chi lo sa, magari è la volta buona …


gruppoAl Presidente del Consiglio comunale, Al Sindaco, All’Assessore comunale alla viabilità, All’Assessore comunale alla sanità, Al Comando della Polizia Municipale

Sede comunale

Milena, 16 gennaio 2023

Oggetto: “Mozione per impegnare il Sindaco ad impiantare una nuova cartellonistica; ad affiggere nei locali aperti al pubblico locandine che invitino a non posteggiare nei posti riservati ai disabili e a non impedire alle loro carrozzine l’accesso su marciapiedi e piazze; a promuovere nelle scuole una campagna di sensibilizzazione”.

Signor Presidente,

Noi sottoscritti consiglieri comunali del Gruppo “Milena Domani” le chiediamo di mettere all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale la mozione in oggetto che trae spunto dalla lettera aperta di un cittadino disabile che si muove in carrozzina motorizzata, il quale chiede al comune di Sommatino e agli altri comuni del Nisseno di collocare una particolare segnaletica che scoraggi quanti occupano i posti e gli spazi dei disabili.

320576239_3370671693192471_6552345639044773968_n (1)Si allega la lettera aperta con la foto.

Buonasera a tutti voi oggi vi voglio parlare di un una iniziativa vista su internet che riguarda la segnaletica dei parcheggi delle persone disabili, questa segnaletica riporta una frase “se vuoi il mio posto prenditi il mio handicap”. Sì è vero se volete i nostri posti auto prendetevi la nostra disabilità.

Pubblico questo post per tentare di sensibilizzare quelle persone normodotate che occupano con le loro auto i parcheggi dedicati alla nostra disabilità, oppure con le auto si occupano gli scivoli che ci permettono di salire nei marciapiedi. Purtroppo ancora nel 2023 accadono queste situazioni.

Io, come tutti sapete, sono un ragazzo in carrozzina motorizzata, ho difficoltà a muovermi liberamente perché spesso e volentieri trovo le auto parcheggiate davanti gli scivoli. Per voi normodotati non cambia nulla, ma per noi disabili cambia tanto perché non possiamo essere liberi di salire nel marciapiede come delle persone normali. Pertanto oggi propongo al comune di Sommatino e a tutti i comuni della provincia di Caltanissetta di adottare questa nuova segnaletica e sostituire la vecchia. L’unione fa la forza diamo voce alle persone con disabilità. Un abbraccio Flavio Di Tavi”.

Contemporaneamente facciamo presente la necessità di una più stretta vigilanza allo scopo di impedire che automobilisti indisciplinati possano impunemente occupare i posteggi riservati agli invalidi e ad ostruire gli accessi ai marciapiedi e agli spiazzi di quanti sono costretti a muoversi sulle carrozzine.

Distinti saluti

Alfonso Cipolla – Angela Falcone – Maria Carmela Ferlisi – Maria Giulia Provenzano

.

Read Full Post »

MONOSILLABI ACCENTATI. I monosillabi sono parole composte da una sola sillaba. Ecco una simpatica e utile filastrocca trovata nel web, purtroppo non conosco l’autore. 

.

Filastrocca degli accenti

Nicolò sull’aereo salì

Per un bel viaggio partì

E quando l’ aereo decollò

Che gran divertimento provò!

Ben presto si addormentò

E di essere sulle nuvole sognò.

VA STA FA

VO STO FO

io mai accenterò.

Metterò su egli DÀ

l’accento che ci va.

Niente accento

su QUA QUI,

doppio invece su LÀ LÌ.

Per se stesso

accento il SÉ.

Se mi escludi accento il NÉ,

se mi accetti accento il SÌ

e sorrido tutto il DÌ.

Senza niente lascio il SU,

ha il berretto il signor GIÙ.

Per finire sopra il NO

Mai l’accento metterò!!!

Sul numero TRE l’accento non c’è.

Sui composti di TRE, l’accento c’è!!!

Scriveremo perciò: trentatré, centrotré , novantatré ….

Dettato ortografico

Mario uscì, passò il cancello, infilò la strada e corse finché non ne poté più. S’era alzato tardi per andare a scuola. Suo fratello invece era già pronto, perché s’era alzato presto. Entrò in cucina, mangiò tranquillamente, poi adagio s’avviò alla stazione. Quando il treno arrivò egli salì e partì per recarsi in città.

Là, sull’estremo orizzonte, dove né la terra né il cielo hanno precisi contorni, rimane per poco un chiarore rossastro: è l’ultimo saluto del dì che muore. Il sole, l’astro del giorno, dà un bacio al cielo prima che s’ingemmi di stelle, dà un bacio alla terra prima che si sprofondi nella quiete della notte. Il ricordo che di sè ci lascia è così dolce e così caro che le ore future saranno di rimpianto e d’attesa.

(altro…)

Read Full Post »

Tanti importanti temi trattati al Circo Pace e Bene

Cultura, Creatività, Economia, Via Francigena, Cinema, Volontariato, Associazionismo, Teatro. Milena dei sogni, 1° Parco Mondiale dello Stile Mediterraneo, Casa Sciascia, Opera poetica di Carmelo Vitellaro, Cena multiculturale, Concerto finale Sisgbro. Presenti studenti Erasmus. Un festival per teste pensanti e vista lunga.

mifa1

1e

1f

1a

1b

1c

1d


mifa2

2e

2f

2a

2b

2ci

2d

Guarda la RACCOLTA FOTOGRAFICA delle 2 giornate del MIFASOL/Milena Festival Sociale

freccia

https://drive.google.com/drive/folders/1vg7fMDEZxGS7p5I2S9ebfnA5XIF45StV?usp=sharing

(altro…)

Read Full Post »

Dreams… il circolo pace e bene dona il progetto per una Milena da sogni

.

dreams

pc6

alf circus

pc3

(altro…)

Read Full Post »

Grande partecipazione popolare alla manifestazione organizzata dalla scuola

.

a1Il Natale per gli alunni della scuola di Milena è sempre un punto di riferimento. Ogni anno per celebrare questa evento si è fatto ricorso alle migliori energie dell’istituto.

Quest’anno hanno portato in scena la celebre poesia di Guido Gozzano intitolata “La notte Santa” che traduce in versi la notte della nascita di Gesù e il percorso di Giuseppe e Maria al freddo in cerca di un alloggio.

Fondamentale è stata la collaborazione dei genitori nell’allestire le varie locande in attesa del passaggio di Maria e Giuseppe.

Gli alunni hanno attraversato le vie del centro e con i canti di natale fino all’arrivo della scuola dove si conclusa la celebrazione della Natività.

Le strade si sono animate di alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado di Milena, trasformati in massaie, contadini, pastori.

Una grande folla ha seguito questa vera e propria processione fin dentro la scuola dove l’attendevano gli  angioletti della scuola dell’infanzia davanti alla capanna. Ai partecipanti è stata offerta una fetta di panettone.

g13

WhatsApp Image 2022-12-23 at 08.56.27

Pubblichiamo alcune foto, altre seguiranno.

 

a3

a5

a6

a7

a8

a9

a10

 

a12

a13

 

a14

(altro…)

Read Full Post »

Gli alunni della scuola di Milena vi invitano il 22 Dicembre ad assistere alla drammatizzazione intitolata “La notte Santa” di Guido Gozzano. Vi aspettiamo alle 17.30 in Piazza Carlo Marx … Viviamo assieme la gioia del Natale.

.

321173470_2209872042527794_5865503555031881070_n


gozzano

Guido Gozzano

LA NOTTE SANTA

Guido Gozzano

.

– Consolati, Maria, del tuo pellegrinare!
Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei.
Presso quell’osteria potremo riposare,
ché troppo stanco sono e troppo stanca sei.
Il campanile scocca
lentamente le sei.
– Avete un po’ di posto, o voi del Caval Grigio?
Un po’ di posto per me e per Giuseppe?
– Signori, ce ne duole: è notte di prodigio;
son troppi i forestieri; le stanze ho piene zeppe.
Il campanile scocca
lentamente le sette.
– Oste del Moro, avete un rifugio per noi?
Mia moglie più non regge ed io son così rotto!
– Tutto l’albergo ho pieno, soppalchi e ballatoi:
Tentate al Cervo Bianco, quell’osteria più sotto.
Il campanile scocca
lentamente le otto.
– O voi del Cervo Bianco, un sottoscala almeno
avete per dormire? Non ci mandate altrove!
– S’attende la cometa. Tutto l’albergo ho pieno
d’astronomi e di dotti, qui giunti d’ogni dove.
Il campanile scocca
lentamente le nove.
Auguri-di-Buon-Natale-2017-8– Ostessa dei Tre Merli, pietà d’una sorella!
Pensate in quale stato e quanta strada feci!
– Ma fin sui tetti ho gente: attendono la stella.
Son negromanti, magi persiani, egizi, greci…
Il campanile scocca
lentamente le dieci.
– Oste di Cesarea… – Un vecchio falegname?
Albergarlo? Sua moglie? Albergarli per niente?
L’albergo è tutto pieno di cavalieri e dame
non amo la miscela dell’alta e bassa gente.
Il campanile scocca
le undici lentamente.
La neve! – ecco una stalla! – Avrà posto per due?
– Che freddo! – Siamo a sosta – Ma quanta neve, quanta!
Un po’ ci scalderanno quell’asino e quel bue…
Maria già trascolora, divinamente affranta…
Il campanile scocca
la Mezzanotte Santa.
È nato!
Alleluja! Alleluja!
È nato il Sovrano Bambino.
La notte, che già fu sì buia,
risplende d’un astro divino.
Orsù, cornamuse, più gaje
suonate; squillate, campane!
Venite, pastori e massaie,
o genti vicine e lontane!
Non sete, non molli tappeti,
ma, come nei libri hanno detto
da quattro mill’anni i Profeti,
un poco di paglia ha per letto.
Per quattro mill’anni s’attese
quest’ora su tutte le ore.
È nato! È nato il Signore!
È nato nel nostro paese!
Risplende d’un astro divino
La notte che già fu sì buia.
È nato il Sovrano Bambino.
È nato!
Alleluja! Alleluja!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: