Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Notizie da altre città’ Category

Il candidato ideale

di Fabio Ceraulo

.

Nel quartiere dove sono nato e ho vissuto per tanti anni – tra via Napoli, via Venezia e via S. Agostino – c’erano personaggi e volti sui quali si potrebbero scrivere fiumi di parole. Uno, in particolare, era un avvocato ben noto nella zona, detto semplicemente “il signor Tommaso”, che nei negozi in cui entrava o al bar dove sempre si serviva favendo mettere tutto in conto, in sospeso. In altri posti era chiamato “avvocà”, specie quando gli si chiedeva un parere su qualsiasi questione, persino su cose assolutamente estranee alla sua competenza, ammesso che ne avesse una.

Già, perchè l’ “avvocà” era un bonario fanfarone, aveva pochissimi clienti che spesso neanche lo pagavano e passava gran parte della sua giornata tra l’edicola – dove attorno a sè riuniva drappelli di persone che arringava in maniera elegante e forbita (per poi scoprire che in realtà dava consigli sulla corsa Tris di quel giorno) –  e il bar, dove pur non pagando era una celebrità: “Un caffè lungo per l’avvocato!” dicevano non appena lo vedevano entrare. “Avvocà, u cornetto u vuole ca crema gialla o ca marmellata?”.

Qualche anno fa, in periodo elettorale, in zona c’era un viavai irrefrenabile di gente che si dava da fare e si dannava l’esistenza per questo o per quel candidato alle comunali. Qualcuno consigliava un suo parente, introducendolo così: “E’ un bravu criustianu”. Qualcun altro sosteneva un amico che gli doveva fare un favore e si sentiva rispondere: “Ma se il favore lo deve fare a te, piccì lo devo votare pure io?”. Altri ancora fecevano propaganda per un vicino di casa che prometteva migliorie condominiali o per un bottegaio di fiducia.

C’era però un candidato che si ergeva su tutti: proprio lui, l’avvocato.

Esordì un giorno avvicinandosi a un gruppo di ragazzi, tra i quali me, esclamando: “Ragazzi, lo sapete? Mi porto alla elezioni!”. A Palermo non ci si candida, ma ci si “porta”, sebbene sia lo stesso concetto, in realtà il “mi porta” suona imperativo e prepotente, raccoglie subito maggiori consensi. La risposta di noi ragazzi fu: “Avvocà, guardi che il più grande di noi ha sedici anni, quindi…”. L’avvocato rimase male a quella risposta e con un lieve tremolio a un occhio – una specie di tic nervoso – per la “malafiura” fatta, si allontanò dicendo: “Vabbè… casomai ditelo ai vostri genitori”. Uno di loro mormorò: “Sì, figurati… se lo dico a mio padre che ‘stu imbecille vuole ilvoto, mi butta come minimo dalle scale”.

Iniziò così la campagna elettorale dell’ “avvocà”, ricca di passeggiate nel quartiere con larghi sorrisi e strette di mano, nonchè promesse ai limiti dell’assurdo, come quando diede un buffetto sulla guancia di un neonato e promise: “Ci penso io ad impostarlo, ‘stu giovanotto!”. Il tutto sotto lo sguardo allibito dei genitori.

Il clou fu il manifesto che fece affiggere sui muri del quartiere, una sua foto a mezzobusto – orrendo abito principe di Gallee e foulard al collo – e un pugno chiuso proteso verso l’alto. Sotto campeggiava il suo slogan: “La persona giusta al posto giusto”. Al quale, qualche giorno dopo, un ignoto passante aggiunse impietosamente a penna: “A casa”.

Per acchiappare piùvoti possibili, l’ “avvocà” desise anche di affidarsi a un tipetto niente male, tale Guido, con una lista chilometrica di precedenti penali. La sede del “comitato elettorale” di questo “eccelso” collaboratore era una sorta di sgabuzzino in via S. Agostino, dove pare che tenesse merce rubata. “Ci penso io a fare acchianare all’avvocato”, assicurava.

(altro…)

Read Full Post »

I partecipanti sono invitati ad iscriversi on-line entro, e non oltre, il 24 Aprile sulla pagina https://www.facebook.com/escursionidiprimaverasutera , compilando l’apposito modulo.

IMG-20170409-WA0001

Si avvicina sempre di più la data della Quarta Escursione di Primavera a Sutera, prevista per il 25 Aprile. Il successo delle scorse escursioni ha portato a ripetere l’esperienza di riscoperta territoriale e paesaggistica in uno dei Borghi più belli d’Italia, in cui si possono ammirare scorci di natura incontaminata attorniati da paesaggi mozzafiato. La bellezza della vallata racchiude, oltre i monti ed i colli, un mondo da scoprire e rivalutare.

La manifestazione, organizzata dal Comune di Sutera con la collaborazione dell’associazione Soter, del Corpo Forestale dello Stato (distaccamento di Sutera), dell’associazione Geologi di Caltanissetta, dell’associazione Giubbe Verdi, Associazione Kamicos, e con il patrocinio dell’Università di Palermo (Scuola delle scienze di base e applicate), della Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Caltanissetta, dell’Ordine regionale dei Geologi di Sicilia e del Comitato Regionale CSI Sicilia prevede un programma ricco di nuovi contenuti e di nuove scoperte, a partire dall’itinerario proposto.

Quest’anno si è voluta dedicare l’Escursione al ricordo di Calogero Capozza, Comandante del distaccamento del Corpo Forestale di Sutera, scomparso prematuramente e da sempre stato impegnato nelle manifestazioni riguardanti soprattutto l’ambiente.

L’escursione fa anche parte del 2° Meeting regionale di Trakking CSI Sicilia,  che afferma e sempre più consolida la manifestazione a livello regionale.

(altro…)

Read Full Post »

mussomeli

Read Full Post »

montedoro

Read Full Post »


delia

Read Full Post »

montedoro estero

Read Full Post »

Torino, 60 magrebini tengono in ostaggio un treno a Pasqua

.

CatturaSono stati fermati quattro ragazzi dopo il viaggio da incubo che ha terrorizzato 300 passeggeri del treno Ventimiglia-Torino, partito dalla Liguria nel pomeriggio della domenica di Pasqua. Circa sessanta per la maggior parte magrebini e alcuni italiani del torinese e cuneese hanno infatti occupato le carrozze del convoglio, tenendo in ostaggio tutti i passeggeri, tra aggressioni e parolacce. L’orda di teppisti, inoltre, ha reso inutilizzabili i bagni del convoglio e ha squarciato i sedili con dei coltelli. I fermati sono un maggiorenne italiano e tre minorenni marocchini di età compresa tra i 15 e 16 anni.

La vicenda viene rivelata da La Stampa, che dà conto di diverse testimonianze. Simona, una giovane studentessa che viaggia spesso su questa tratta, ha offerto un racconto drammatico di quanto accaduto: “L’incubo è iniziato all’arrivo a Finale. Qui è salito un gruppo di giovani. Erano tantissimi, penso nordafricani, credo tutti minorenni. Con loro c’erano delle ragazze italiane ubriache, che continuavano a spostarsi tra gli scompartimenti e a chiudersi nei bagni per non farsi vedere dal controllore”.

Una coppia di anziani ha poi avvisato il capotreno dei continui schiamazzi e i carabinieri hanno fatto scendere i teppisti, ma quando il treno è ripartito il gruppo è risalito. Ha continuato Simona: “Alla fine non gli hanno fatto nemmeno una multa e hanno trascorso il resto del viaggio a prendere in giro tutti gli altri passeggeri. Le loro parole: Visto? Non ci possono fare niente. Hanno sfogato la loro rabbia sui sedili di uno scompartimento, squarciandoli con i coltelli, e nei bagni, resi del tutto inutilizzabili. Una volta a Porta Nuova, poi, c’è stato il fuggifuggi generale. Sono scesa e ho lasciato la stazione tra cordoni di poliziotti dove molti di quei ragazzi scappavano, correndo in mezzo ai binari. Insomma, credo che la maggior parte di loro, dopo tutto quello che ha combinato, l’abbia fatta franca”.

Quelli che si sono dati alla fuga, attraversando i binari, hanno inoltre costretto a bloccare la circolazione ferroviaria dell’intera stazione per circa venti minuti. La polizia è riuscita a identificare solo due degli extracomunitari vandali, che restano comunque a piede libero, come il resto del gruppo.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: