Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 29 settembre 2022

Il Maggiolino che nel ’64 attraversò lo Stretto di Messina

Giovanni Majolino

.

Un Maggiolino anfibio ha attraversato lo stretto di Messina, il nonno di Herbie… L’impresa fu compiuta nel 1964 e poi ripetuta nel 1984, dimostrando l’affidabilità del “Kafer”

fb_img_16529916969426519903648033006751 (1)
Tra le infinite imprese folli tentate dal genere umano, moltissime hanno a che fare con l’acqua e tante altre con mezzi a motore come auto e moto. Quella di far andare le automobili sull’acqua, invece, è una fissazione ancora più particolare. Attenzione, non stiamo parlando di mezzi anfibi, che nascono sin dall’inizio per spostarsi con le ruote sulla terraferma e con lo scafo nell’acqua, ma di tutti quei veicoli amatoriali nati dalla fantasia, dall’ingegno e dall’incoscienza di qualche anticonformista.

Uno dei più famosi è certamente il Volkswagen Maggiolino (qui la sua storia) di Bent Axel Schlesinger e Franz Kuen, che attraversò lo stretto di Messina nel 1964, entrando anche nel Guinness dei Primati e poi ancora nel 1984.

Questi due signori erano rispettivamente il responsabile dell’assistenza e il capo degli ispettori dell’Autogerma, cioè l’antesignana dell’attuale Volkswagen Group Italia che aveva sede a Bologna. Il “Kafer” anfibio riuscì a percorrere i 7 chilometri che separano Sicilia e Calabria in 38 minuti – 2 in meno del traghetto di linea – senza il minimo problema, procedendo a circa 6 km/h.

fb_img_16529916948418655921987536087976

La trasformazione del Maggiolino in veicolo anfibio fu, tutto sommato, facile, visto che le diverse parti della scocca erano unite da saldature a punti. Per rendere possibile il galleggiamento, dunque, bastò realizzare una saldatura continua. Le porte, poi, avevano una chiusura ermetica, gli scarichi uscivano sul tetto, il filtro dell’aria era nell’abitacolo e il carburatore era inserito dentro un contenitore impermeabile, mentre la ventola per il raffreddamento fu eliminata, visto che tutto il motore era immerso nell’acqua fredda.

L’impianto elettrico venne protetto con una struttura a tenuta stagna e pure la bobina di accensione e lo sfiato del circuito dell’olio si trovavano nell’abitacolo. Per la propulsione, infine, fu montata un’elica direttamente all’uscita dell’albero motore, mentre per la direzionalità bastava girare le ruote anteriori.
Al suo passaggio ispira simpatia e guidandola, romanticismo. A lei sono stati dedicati film e tantissimi spot, ed è tra le poche auto ad aver attraversato lo stretto di Messina… galleggiando! E’ una leggenda, meglio nota come Maggiolino, l’acclamato protagonista di questo

Pubblicità

Read Full Post »

Regionali, Mancuso (FI): “Nel nisseno sono il più votato tra tutti i 39 candidati e Forza Italia è al 20,70%. È record a livello nazionale”

Dario Cataldo

.

mm

Dopo le politiche, si stanno concludendo in Sicilia anche le procedure di spoglio delle consultazioni regionali. C’è un dato cristallizzato, sintomo di un lavoro certosino e generoso, che ho condotto in questi anni sul territorio.

Forza Italia nella provincia nissena è il traino del centrodestra, attestandosi al 20,70%, con 19.123 preferenze. Si tratta di un dato clamoroso se rapportato al trend nazionale o delle altre province siciliane.

Un dato che mi permette di raggiungere una vittoria netta e incontrovertibile, risultando il più votato tra tutti i 39 candidati degli schieramenti politici in corsa all’Ars nel nisseno.

Credo che da parte mia, per il Partito e per il presidente Silvio Berlusconi – che festeggia il compleanno – non possa esserci regalo migliore.

In provincia di Caltanissetta – che ricordo essere il territorio di residenza di Caterina Chinnici e Nunzio Di Paola – abbiamo scritto una nuova entusiasmante pagina della storia del Partito”.

Lo afferma il deputato regionale, nonché coordinatore di Forza Italia per la provincia nissena, on. Michele Mancuso, a commento dei risultati delle consultazioni regionali da poco concluse.

.

Read Full Post »

Grazie

Peppe Provenzano
.
ppÈ stata una sconfitta profonda, che fa male. Questi sono i giorni della riflessione, almeno per me.
Presto, bisognerà rimettersi all’opera, riprendere il cammino.
Perché siamo stati sconfitti, ma non siamo vinti.
Ringrazio le elettrici e gli elettori della Sicilia Occidentale, per la prima volta entrerò in Parlamento e sarà un onore rappresentarli alla Camera dei deputati.
Ero candidato nelle province più lontane d’Italia, tra le più difficili.
Ci ho messo moltissimo, in questa campagna elettorale.
Ho imparato tanto, tra le persone. Ne è valsa la pena.
Ma una piccolissima gioia, in queste ore amare, la voglio confessare.
Al mio paese, Milena, abbiamo raccolto il 52% dei consensi.
È stato un atto di stima e d’affetto da parte di una comunità, di un luogo da cui sono andato via presto e che non ho smesso di amare, dove vivono mio padre Giovanni e mia madre Carmelina.
Perché un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di dire grazie.

Read Full Post »

IL SINDACO DI DELIA HA OTTENUTO UN FINANZIAMENTO DI 700 MILA EURO – A COSTO ZERO PER I CITTADINI – PER MIGLIORARE IL CAMPO SPORTIVO

.

DELIA SORRIDE

sorr

gfb

 


MILENA PIANGE!

CLAUDIO

pianto

perde

Stavolta abbiamo perso solo 700mila euro | Milocca – Milena Libera (wordpress.com)

 

Read Full Post »

309445124_1782173188784637_5922541964013456411_n

Tantissimi auguri a Santina e Totino per il loro 25° anniversario di matrimonio

la Redazione

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: