Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 25 settembre 2021

FOTOSHOW


Riceviamo e pubblichiamo

.

Il topo di vicolo alloro

.

Giorni fa era stata “diserbata” la “piazzetta della vergogna” di via Libertà, un bel segnale di sollievo per i residenti e i passanti in zona. Ora – pensavano – l’amministrazione comunale la farà pulire come si deve e così anche quegli odiosi ratti spariranno dalla circolazione. Invece da allora non è successo più niente e le varie autorità preposte (sulla carta) all’igiene non sono entrate ancora in azione.

Ecco la situazione al 24 settembre mattino.

a4

Ma se nulla è stato fatto per pulire quella che senza tema di smentita si può definire “piazzetta della vergogna”, qualcosa invece si è mosso per la pulizia della piazza Garibaldi e di alcune vie del salotto della città, si sono riviste all’opera le addette alla spazzatura e pulizia che hanno pulito come si deve anche lo sporco e maleodorante  “vicolo alloro”. Benissimo!

a2

Tutto OK se a guastare la festa della pulizia non fosse comparsa una macchia, e che macchia! La macchia grigia di un ratto, di un grosso topo che sembrava incurante dei passanti che, schifati, gli giravano al largo. L’animale però non si muoveva. Non perché si fosse abituato alla presenza umana ma per il semplice fatto che era morto.

(altro…)

Read Full Post »

Mozione al Sindaco del gruppo “Milena Domani” per l’attivazione urgente del Baratto Amministrativo.

.

I Consiglieri comunali Alfonso Cipolla, Angela Falcone, Maria Carmela Ferlisi e Maria Giulia Provenzano il 22 settembre hanno chiesto al Presidente del Consiglio Comunale di inserire all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale una mozione al Sindaco perché attivi urgentemente il Baratto Amministrativo. Ecco il testo.


.

Signor Presidente,

chiediamo che venga inserita nell’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale la “Mozione al Sindaco per l’attivazione urgente del Baratto Amministrativo”.

In sintesi, giova ricordare che:

Il 23 maggio 2019 il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità il Regolamento per il Baratto Amministrativo allo scopo di consentire a quanti si trovano in cattive situazioni economiche e non possono pagare la tassa sulla spazzatura, di estinguere il debito con l’Amministrazione comunale eseguendo dei lavori socialmente utili per il nostro paese.

– Lei stesso aveva avuto parole di apprezzamento per il lavoro fatto dalla commissione consiliare composta da maggioranza e minoranza a dimostrazione che lavorare assieme si può e si deve per questa e per altre cose nell’interesse generale e per il bene del Paese.

La data iniziale per accedere al Baratto amministrativo era stata fissata a partire dal 1° gennaio 2020 per dare tempo agli uffici preposti di svolgere tutte le pratiche e creare un apposito capitolo nel bilancio.

–  Nonostante le numerose sollecitazioni al Sindaco, anche in diversi consigli comunali, la decisione unanime del Consiglio comunale di Milena da lei presieduto è stata disattesa dall’Amministrazione comunale. Si è mostrata da un lato assoluta mancanza di rispetto nei confronti dell’Istituzione Consiglio Comunale e dall’altro una preoccupante indifferenza nei riguardi di quei cittadini più bisognosi di Milena che non sono in grado di pagare la tassa della spazzatura, sempre più cara di anno in anno.

Considerato che:

– In passato l’importo della Tari non pagato finiva con un lungo contenzioso contro gli utenti morosi ma non si ripercuoteva su tutti gli altri cittadini che invece avevano pagato la tassa.

Da quest’anno non è più così perché l’importo complessivo del mancato pagamento dell’onerosa tassa sui rifiuti viene ripartito sui cittadini che invece l’hanno pagata.

– Questa norma sarà conveniente per l’erario ma è certamente iniqua e vessatoria nei confronti dei cittadini in regola con il pagamento che adesso saranno costretti a pagare anche per chi non paga la Tari, sia che si rifiuti di pagare sia perché non può davvero pagare.

Il Baratto Amministrativo viene incontro proprio a quanti non sono in condizioni di pagare perché in grave e comprovata indigenza, ma conviene anche al Comune che, in cambio dell’estinzione del debito, senza avventurarsi in liti giudiziarie con i concittadini, potrà avvalersi di lavori utili alla cittadinanza fatti dai cittadini più bisognosi che in questo modo pagano il loro debito con dignità .

Sono ormai tanti i comuni che hanno reso esecutivo il Baratto Amministrativo ma anche le città, ultima in ordine di tempo Trapani dove gli stessi cittadini aderenti al Baratto amministrativo si sono detti contenti di prestare la loro opera per la cominità.

Anche il nostro Comune potrebbe entrare nell’elenco sempre più numeroso di quelli più virtuosi e sensibili. Ma finora, nonostante le nostre continue sollecitazioni dal 2019 ad oggi, il Sindaco per ignoti motivi che sarebbe doveroso rendere pubblici, si rifiuta di accedere a questo sistema che viene incontro ai più bisognosi, al comune stesso perché, grazie al lavoro socialmente utile dei cittadini più bisognosi, si terrebbe il paese pulito e in ordine.

Oggi le nostre sollecitazioni si fanno più pressanti perché si è aggiunto un altro motivo non meno importante: non si può caricare sui cittadini che hanno pagato la tari (a volte con pesanti sacrifici) pure l’importo di quanti non hanno pagato la tassa sui rifiuti! E’ ingiusto e immorale.

Al fine di consentire una giusta ripartizione delle tasse, per venire incontro ai più bisognosi, perché si puniscano soltanto quanti potendo pagare non lo fanno, i Consiglieri comunali del gruppo “Milena Domani” Alfonso Cipolla, Angela Falcone, Maria Carmela Ferlisi e Maria Giulia Provenzano chiedono al Sindaco e alla sua Giunta il ricorso urgente al Baratto Amministrativo.

Si conta anche nel suo intervento perché, in qualità di Presidente del Civico Consesso, faccia rispettare e rendere esecutiva la decisione unanime del Consiglio Comunale di Milena sul Baratto Amministrativo e che si evitino comportamenti omissivi che si ripercuotano nei confronti dei contribuenti di Milena che non possono sopportare di pagare anche per chi non paga le tasse al Comune.

A nostro parere bisogna al più presto accedere al Baratto Amministrativo seguendo l’apposito Regolamento se vogliamo dare la giusta risposta ai cittadini più bisognosi.

(altro…)

Read Full Post »

«Tassa rifiuti: troppi evasori a Caltanissetta, bisogna agire»

FEDERICA MILANO

.

ImmagineMancuso-Milano-Gnoffo.jpeg_920x450

Nadia Gnoffo, coordinatrice provinciale – Federica Milano coordinatrice comumale di Caltanissetta con l’on.le Michele Mancuso

Da notizie informali si apprende dell’elevato numero di cittadini che non effettua la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, non essendo nemmeno in possesso dei diversi contenitori dove conferire detti rifiuti, non avendoli mai richiesti a causa della mancata registrazione presso le competenti strutture.
Parimenti costoro, a maggior ragione, non conferiscono detti rifiuti alle varie piattaforme di raccolta, fisse e mobili, esistenti in città, allo scopo di beneficiare degli sgravi conseguenti.
Questo fenomeno, probabilmente dovuto al fatto che, così facendo, ci si illude di non pagare la relativa Tari, determina la spiacevole conseguenza dell’abbandono di detti rifiuti in aree non pertinenti o in contenitori altrui con la ulteriore conseguenza della irrogazione di pesanti multe a chi viene sorpreso (anche a mezzo di videocamere) in tali illecite attività.
Considerato che, alla fine, il costo del servizio viene scaricato comunque sugli utenti virtuosi e considerato, inoltre, che, il più delle volte, la mancata registrazione dipende dalle precarie condizioni economiche degli inadempienti, mi chiedo se non sarebbe il caso che il Comune deliberi di esentare dal pagamento della Tari, o comunque la contenga nel minimo indispensabile, le fasce meno abbienti, individuando il relativo limite reddituale, così da consentire a detti utenti di registrarsi egualmente, munendosi dei relativi contenitori e così evitando l’abbandono dei rifiuti per strada o in altri luoghi pubblici.

La mia è solo una riflessione su cui mi auguro si apra un franco e costruttivo dibattito.

FEDERICA MILANO – Coordinatrice cittadina di Azzurro Donna Forza Italia

Read Full Post »

n2

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: