Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 3 luglio 2021

Delia, 272 mile euro per alcuni progetti voluti dal sindaco Gianfilippo Bancheri

.

gbRestauro delle facciate della biblioteca comunale “Luigi Russo” e riqualificazione di via Petilia a Delia. Lavori anche per un centro di accoglienza turistica e ricreativo-culturale – tutto nuovo – nei piani superiori dell’autoparco di via Pola,  ma anche lavori per un centro di accoglienza turistica e ricreativo-culturale. Sono ben 272 mila euro.

Interventi importanti, su iniziativa del capo dell’amministrazione comunale Gianfilippo Bancheri. E progettati dall’Agenzia di sviluppo del Mezzogiorno, guidata da Giuseppe Sciarabba.

Queste opere sono finanziate dal Gal Terre del Nisseno con fondi europei nell’ambito del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Sicilia per un totale di 272 mila euro: 132 mila euro per la casa natale dell’illustre critico letterario, oggi punto di riferimento culturale del paese, 140 mila euro invece per dare vita ad un centro di aggregazione per residenti e visitatori nella direzione dello sviluppo del turismo culturale sulle zone rurali del Gal Terre del Nisseno.

delia biblioteca“Il restauro delle facciate della biblioteca farà risaltare la muratura tradizionale presente nelle costruzioni del centro storico del Comune di Delia senza alterarne le caratteristiche costruttive e funzionali – si legge in una nota stampa -. La riqualificazione della pavimentazione dell’antistante via Petilia, che dall’incrocio di Corso Umberto I ‘sale’ fino all’incrocio con via dei Santi, prevede il rifacimento del sottofondo stradale e della pavimentazione in monostrato vulcanico secondo le tonalità, i colori e i disegni geometrici di quella esistente”.

Il centro turistico e ricreativo-culturale sorgerà grazie alla riorganizzazione funzionale del primo e secondo ammezzato dell’edificio di via Pola. Gli ambienti saranno dotati di sistemi audio e video per proiezioni ed allestimento di mostre ed esposizioni.

Sarà realizzato anche un itinerario tematico integrato con strumenti di promozione turistica e di marketing territoriale. Le attività saranno gestite dal Comune di Delia, che ne garantirà il corretto funzionamento con apposito regolamento e l’apertura giornaliera con orario prestabilito.

“L’obiettivo è quello di creare un luogo d’aggregazione dove fare cultura e promuovere le tradizioni identitarie locali”, dichiara il sindaco Gianfilippo Bancheri.

Read Full Post »

Per i Centri estivi di tutto il Nisseno sono in arrivo 650 mila euro

La Sicilia

.

ceAmmonta a quasi 650 mila euro l’importo che è stato destinato ai Comuni nisseni per i Centri Estivi 2021

A darne comunicazione è stata la deputata alla Camera del M5S, Azzurra Cancelleri.

«Tale somma – ha spiegato la parlamentare – fa parte dei 135 milioni di euro del decreto del ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia che assegna risorse ai comuni italiani, del fondo per le Politiche della famiglia, incrementato per il 2021 dal Decreto Sostegni bis; tali risorse serviranno agli enti per potenziare i centri estivi, i servizi socioeducativi territoriali e i centri con funzione educativa e ricreativa destinati ai minori».

anciLe risorse, come ha precisato la stessa Cancelleri, saranno erogate ai Comuni tenuto conto dei dati relativi alla popolazione minorenne residente sulla base dei dati Istat relativi all’ultimo censimento e saranno esclusi gli enti che hanno espressamente manifestato di non volersi avvalere del finanziamento.
Per altro, quest’anno il tasso di adesione dei comuni siciliani al finanziamento è molto alto, pari al 95,6%, e conferma il forte interesse di questa misura da parte della Sicilia che vedrà assegnarsi un finanziamento complessivo pari a
12.406.500 euro.

«Esprimo grande soddisfazione per l’assegnazione di quasi 650 mila euro ai Comuni della provincia nissena che hanno riconosciuto l’importanza di sostenere le famiglie anche mediante l’offerta di opportunità educative rivolte ai figli: grazie a queste risorse e alla collaborazione degli enti locali e del terzo settore verranno garantiti ai bambini spazi di socialità e di relazione negati negli ultimi mesi dalla pandemia, offrendo così un valido e concreto supporto alle famiglie».

Nel dettaglio queste le somme erogate ai Comuni per un totale di 642.817,72 euro:

  1. palazzo-municipaleAcquaviva Platani (1.915,93)
  2. Bompensiere (903,45)
  3. Butera (9.657,53)
  4. Caltanissetta (151.436,31)
  5. Campofranco (4.891,07)
  6. Delia (9.875,60)
  7. Gela (206.048,09)
  8. Marianopoli (3.785,13)
  9. Mazzarino (27.181,28),
  10. Montedoro (3.193,22)
  11. Mussomeli (23.614,22),
  12. Niscemi (75.437,78)
  13. Resuttano (3.504,75)
  14. Riesi (30.779,48)
  15. San Cataldo (55.219,27)
  16. Serradifalco (13.224,59)
  17. Sommatino (16.448,96),
  18. Sutera (2.180,73)
  19. Villalba (3.520,33).

(altro…)

Read Full Post »

TRA STORIA E RELIGIONE – A CALTAVUTURO UNO DEI PRINCIPALI ESPERTI DEL CULTO DI SAN CALOGERO TRA I RELATORI DEL CONVEGNO DEDICATO ALL’EREMITA.


.

Carlo Petix sabato a Caltavuturo si soffermerà sulla devozione a San Calogero

Walter Guttadauria

.

4D266D82-7A24-49CB-9F1A-21E5E8FCF570-e1531031987733Sabato Carlo Petix, cultore di patrie memorie soprattutto legate alla storia della natia Milena, sarà l’unico rappresentante della nostra provincia ad intervenire al convegno sul tema “Culto dell’Eremita Calogero tra devozione e tradizione” che si terrà nella chiesa madre di Caltavuturo, mettendo a confronto vari esperti proprio sul culto di San Calogero in Sicilia.

Petix interverrà nella prima delle due sessioni del convegno, che durerà l’intera giornata e sarà aperto alle ore 10 dai saluti di Salvatore Di Carlo, sindaco di Caltavuturo, don Krzysztof Kruk, amministratore parrocchiale, e Calogero Castellana, governatore della Confraternita di San Calogero.

c“Scrivo da devoto –Vissuti dell’area Nissena” è il tema dell’intervento di Petix che alcuni anni fa ha dato alle stampe il libro “Il culto di San Calogero nella diocesi di Caltanissetta”.
L’autore – terza generazione di cultori di storia locale e scrittori dopo il padre Arturo e il nonno Giovanni – in questo suo lavoro, ispirato proprio dalla devozione verso il Santo coltivata fin dall’infanzia, ha riportato in apertura notizie sui “Calogeri” in Sicilia (con tale nome erano indicati eremiti, che numerosi approdavano in terra siciliana) per poi trattare del culto di San Calogero di Sciacca, a sua volta molto rinomato.

Fatte queste premesse per meglio indirizzare il lettore verso il contesto storico-religioso della sua ricerca, Petix è passato ad illustrare come l’antico culto si sia diffuso nei paesi della diocesi nissena, facendo premettere il tutto da un capitolo dedicato all’iconografia “calogeriana”: Dopodiché ecco descritte, comune per comune, origini e modalità del culto calogeriano.
L’autore ha attinto notizie direttamente, paese per paese, accompagnato dall’amico poeta Vincenzo Ingrascì, ssistendo alle feste locali e e fotografandone i rituali, insomma una ricerca condotta “de visu” oltre che su antichi testi.

carlo

Read Full Post »

“La Passione nel cuore della Sicilia” esposta nel teminal partenze di Fontanarossa.

Michele Spena

.

Una Varicedda dell’Associazione Piccoli Gruppi Sacri di Caltanissetta in aeroporto a Catania. Il sogno si é realizzato. Da presidente dell’Associazione sono orgoglioso di annunciare alla Città che la “Scinnenza” é esposta nel teminal partenze di Fontanarossa.

Un sogno che si realizza grazie allo straordinario impegno del commissario prof.ssa Giovanna Candura che si é spesa con incommensurabile passione condividendo intensamente con me ogni momento per il raggiungimento dell’obbiettivo.

210114649_4130194450392303_471377083870267562_n

“La Passione nel cuore della Sicilia”, questo il titolo del progetto che é stato realizzato con il supporto fondamentale della Camera di Commercio di Caltanissetta.

Un monitor posizionato accanto alla Varicedda regalerà ai viaggiatori in transito le immagini più belle delle nostre processioni: gli scatti d’autore di Diego Avanzato, Gaetano Camilleri, Walter Lo Cascio, Lillo Micciché e Umberto Ruvolo rese armoniose da un video realizzato da Robero Gallà.

Lunedi mattina il presidente della Regione Nello Musumeci inaugurerà l’esposizione. Una bellissima promozione per Caltanissetta e la sua meravigliosa Settimana Santa.

Read Full Post »

Sicilia, fissata la data delle Amministrative: 46 Comuni al voto il 10 ottobre, ma a Misterbianco, Torretta e Mezzojiuso si andrà alle urne il 24 ottobre, con eventuale ballottaggio il 7 novembre

La Sicilia
.
Quarantasei Comuni siciliani andranno al voto il 10 ottobre (eventuali ballottaggi il 24).
La data è stata fissata dal governo regionale, presieduto da Nello Musumeci, su proposta dell’assessorato alle Autonomie locali.
In tre dei 46 (Torretta e Mezzojuso nel Palermitano e Misterbianco nel Catanese, sciolti per mafia) si andrà alle urne il 24 ottobre, con eventuale ballottaggio il 7 novembre.
  • Agrigento: Canicattì, Favara, Montallegro, Montevago, Porto Empedocle, San Biagio Platani (sciolto per infiltrazioni mafiose);
  • Caltanissetta: San Cataldo (sciolto per infiltrazioni mafiose) e Vallelunga Pratameno (entrambi sciolti per infiltrazioni mafiose);
  • Catania: Adrano, Caltagirone, Giarre, Grammichele, Ramacca;
  • Enna: Calascibetta;
  • Messina: Antillo, Capo d’Orlando, Caronia, Falcone, Ficarra, Floresta, Galati Mamertino, Gioiosa Marea, Mistretta (sciolto per infiltrazioni mafiose), Patti, Rodì Milici, San Marco D’Alunzio, Sant’Angelo di Brolo, Terme Vigliatore, Torregrotta;
  • Palermo: Alia, Montelepre, San Cipirello (sciolto per infiltrazioni mafiose), San Giuseppe Jato, Terrasini;
  • Ragusa: Vittoria (sciolto per infiltrazioni mafiose);
  • Siracusa: Ferla, Lentini, Noto, Pachino (sciolto per infiltrazioni mafiose), Rosolini, Sortino;
  • Trapani: Alcamo e Calatafimi Segesta.

Read Full Post »

Custonaci riparte dalla cultura. Tutto pronto per “Un Borgo di Libri ed Autori”

PRIMAPAGINATRAPANI.IT

.

«Il ritorno alla normalità delle nostre vite deve passare anche dalla ripresa delle attività culturali. Per quanto ci riguarda abbiamo operato per far fare un ulteriore salto di qualità alla nostra rassegna letteraria «Un borgo di Libri ed Autori – Letture sotto le stelle» (curata da Valentina Pipitone), che è divenuto ormai un appuntamento imperdibile dell’estate siciliana. Il fattore culturale assume, pertanto, la veste di un vero e proprio asset fondamentale su cui puntare, sul piano socio-economico, per poter promuovere, attraverso le sue notevoli potenzialità, il riscatto turistico della nostra Isola. Non a caso la manifestazione rientra nel progetto portato avanti dalla «rete trapanese per il turismo di comunità», denominato «Sicilia: eventi e tradizioni del trapanese».

La nuova edizione della rassegna letteraria si terrà all’interno della “Grotta Mangiapane”.

201305155_1018908515545610_7332320635681521902_nL’edizione 2021, che si svolgerà come sempre presso la suggestiva sede dell’«Associazione Museo Vivente» (che organizza il celebre «Presepe Vivente di Custonaci»), prevede quattro presentazioni di libri ed ha ricevuto il patrocinio dell’«Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana», del «Parco Archeologico di Segesta», del «Comitato Provinciale Pro Loco Trapani» e del «Distretto Turistico Sicilia Occidentale»

Nel merito «Un borgo di Libri ed Autori – Letture sotto le Stelle», in omaggio proprio al celebre borgo di Scurati, inizierà (15 luglio) con la presentazione di «Quattro indagini a Màkari»,coinvolgente raccolta di racconti che ruotano attorno all’esilarante figura di Saverio Lamanna (ormai noto al grande pubblico televisivo),di Gaetano Savatteri.

La seconda serata (29 luglio) vedrà come protagonista «La vita in Sicilia al tempo degli emiri», ovvero l’avvincente racconto di Gaetano Basile, rinomato autore teatrale e televisivo, della dominazione araba nell’Isola.

La terza serata (5 agosto) vedrà di scena «L’inverno dei Leoni», con cui Stefania Auci chiude il cerchio della saga sui Florio che ha appassionato tantissimi lettori (100 settimane di posizionamento in classifica, 35 edizioni, oltre 650 mila copie vendute ed in corso di traduzione in 32 paesi).

La quarta serata (19 agosto),che concluderà la rassegna, prevede la presentazione del volume «Donnafugata», che riprende le vicende del casato, tra i più antichi di Ibla, avvenute nell’Ottocento, tra la dominazione borbonica ed i moti di fierezza popolare elegantemente narrate da Costanza DiQuattro.

Anche per quest’anno ci sarà la possibilità di seguire, a partire dalle 21.30, le presentazioni in diretta streaming sulla pagina Facebook del «Centro Studi Dino Grammatico» (www.facebook.com/csdinogrammatico/).

(altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: