Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 6 maggio 2019

sg2

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Un manipolo di taglia/alberi si aggira in paese

.

WhatsApp Image 2019-05-02 at 18.51.30

Verrebbe da dire: “ ci risiamo “.

Come un evento ciclico, all’orizzonte di  questo luogo, è arrivato un manipolo falso/futurista e cementiero che con asce e/o seghe meccaniche vuole tirare giù, espiantare, sradicare (uccidere) un albero impiantato al centro di una piccola piazza dalla collettività locale.

Intorno agli anni novanta, si volle dare un segno tangibile all’avvenuta dichiarazione di gemellaggio tra Milena ed Aix les Bains, dedicando una piazzetta,  alla cittadina francese. Per dare un segno ancora più incisivo e perenne che potesse legare passato, presente e futuro, al centro della piazzetta si volle impiantare un albero.

L’albero ha un significato simbolico immenso: significa radicamento del concetto nella società e crescita verso l’alto e verso il futuro, comunicando la voglia e la necessità di andare sempre avanti, restando ben piantati al suolo.

Oggi all’orizzonte di questo luogo, fanno capolino voci, (almeno per ora), secondo cui il nuovo manipolo dei tagliaboschi ha deciso lo sradicamento dell’albero, per sostituirlo con una targa (immagino ancorata su una piattaforma in cemento o qualcosa di simile).

L’albero è un essere vivente.

Il cemento o la stele in marmo o in cemento è natura morta. E’ difficile immaginare il futuro con una natura morta anche se artistica.

Finora sembrano circolare solo dicerie in merito. Io come tanti altri, aspettiamo gli atti amministrativi, con le ragioni del taglio e del cambio di immagine del luogo. Quell’albero in quella piazza è una icona del paese. E, nessuno, nemmeno il re di Prussia ed il suo palafreniere possono tagliare un simbolo vivente del paese come fosse una cosa di loro proprietà.

images

Porti, chi può, l’evento in Consiglio Comunale, ne discutano coinvolgendo la gente residente, dandone comunicazione ai residenti nella cittadina francese, chiedano un parere ai Sindaci ed agli amministratori del tempo .

L’esercizio della democrazia è doveroso, ove si rischia ogni giorno di perderne le tracce per inseguire le velleità donchisciottesche dei vari capitan fracassa  che si aggirano con le asce in spalle a minacciare tutto ciò che il vento scuote e non riesce a buttar giù.

Prima di tagliare le piante storiche sarebbe meglio coprire le buche che come tanti mosaici abbelliscono le strade del paese.

Io mi permetto di gettare una simbolica pietra nello stagno politico locale: mi auguro che tanti sassi  (altrettando  simbolici)  colpiscano la ragione di chi ha il potere di vita e di morte di questo splendido albero, patrimonio verde del paese che lo ha adottato ed impiantato, in tempi diversi e con uomini diversi, che piantavano e non tagliavano.

Read Full Post »

Read Full Post »

Progetto Intercultura al Virgilio: Storia, tradizioni e arte culinaria della Romania

Prof.ssa Franca Rotolo *

.

Il 16 aprile u. sc. si è celebrata, presso l’IISS Virgilio di Mussomeli, la fase conclusiva del Progetto ‘Intercultura’ alla presenza della D. S. dott.ssa Calogera Genco, dei genitori degli alunni, dei docenti della II A IPSEOA.

Il progetto, nell’ambito dell’Educazione plurilingue ed interculturale, nel rispetto di quanto previsto nel PTOF, mira a diffondere, tra gli studenti del biennio a cui è rivolto, un atteggiamento positivo in ordine al riconoscimento dell’altro e allo scambio interculturale.

Alla buona  riuscita del progetto stesso hanno contribuito senz’altro  i genitori degli alunni rumeni, invitati a raccontare il proprio vissuto,  la storia del loro Paese e, infine, a farci conoscere le ricette tradizionali della Romania.

Una fase molto significativa si è svolta nel laboratorio di cucina dove gli alunni della II A, guidati dai genitori e sotto la supervisione del docente di cucina Rosario Frisina, hanno preparato i piatti della tradizione culinaria rumena.

Grande l’entusiasmo dimostrato da tutti i partecipanti durante questa eccezionale esperienza   di laboratorio. Hanno preso parte all’attività di cucina gli alunni: Stircu, Canalella, Gervasi, Genco, La Piana; dell’allestimento della sala si sono occupati gli alunni: Sorce e Di Giovanni coadiuvati da alcuni alunni della II B IPSEOA; l’ accoglienza invece è stata curata dalle alunne: Amore, Di Cara, Spoto e Orlando che hanno inoltre  illustrato con cartelloni e  le slide per far conoscere la storia e le tradizioni della Romania.

Il momento clou del progetto è stato sicuramente  quello conviviale della degustazione del ricco buffet che si componeva di varie specialità.

Per iniziare gli antipasti: pastrami, salumi, cascaval, telemea, pomodoro, brinza de burduf, kaizer, drob de funghi, caponata; i piatti unici: mamaliga  (polenta), mici o mititei (polpette di forma cilindrica alla piastra), tochitura de porc ( carne di maiale servita con senape), sarmale (involtini di carne e riso avvolti in foglie di verza), fasole cu carnati  (fagioli con salsicce); e per finire i dolci: placinta ( torta con ricotta e uvetta), cozonac (dolce rumeno tipico delle feste di Natale e Pasqua), amandina (torta al cioccolato fondente e ripiena di cioccolato con crema al caramello, si prepara a Capodanno), oua rosii (uova rosse, simboleggiano il sacrificio e il sangue di Cristo, si preparano per la Pasqua).

La degustazione è stata percepita come una festa per gli occhi e per il palato, ma è stata anche una condivisione gioiosa e allegra che ha coinvolto tutti i presenti, creando un’atmosfera familiare in un clima di perfetta integrazione.

 * Docente di Diritto ed Economia Coordinatrice IIA IPSEOA

Read Full Post »

Igiene delle mani, diventa “virale” video di medici e infermieri siciliani

.

Personale sanitario e non della Fondazione Giglio di Cefalù, sulle note di “Una vita in vacanza” e con il testo opportunamente rielaborato, in una coreografia per «un mondo diverso senza sporco e batteri dove se ti lavi le mani, fai del bene al domani».

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: