Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 8 aprile 2019

Annunci

Read Full Post »

AMEN

MA LIBERACI DAL MALE …

.

È da parecchi giorni che circolano incessantemente alcuni pensieri e non riusciamo a dominarli. Sappiamo di non potere controllare e guidare le considerazioni in quanto frutti naturali del nostro complessivo sentire e pensare. In questo turbinio ci siamo dovuti fermare ed eccoci qui a ricongiungere le immagini e tentare di dare una forma, una struttura alle nostre astrazioni.

Spesso abbiamo cercato di caratterizzare personaggi che più o meno orbitano nelle nostre vicinanze, perlopiù gente poco gradita che, in una qualche maniera, ha urtato la nostra sensibilità o il nostro modo di essere e di pensare.

Abbiamo sempre scritto … e poi via … verso la vita.

Ci siamo resi conto che spesso è l’ego a combinare danni. Ci spieghiamo meglio. Noi riteniamo che sia l’ego il responsabile di alcuni difetti, infatti se questo viene poco poco valutato in maniera imprecisa ecco che sorgono alterazioni comportamentali.

L’ego potremmo definirlo come un sofisticato meccanismo della nostra mente che ci permette di identificarci e di conseguenza vivere attraverso noi stessi. Più lo si alimenta più ci allontana dalla reale consapevolezza, sia che si tratti di un ego prorompente, sia che si tratti di un ego misurato.

Le neuroscienze e la psicologia hanno, nel corso del tempo, dibattuto abbondantemente sull’argomento e non ci guarderemmo bene dal voler affrontare il discorso in maniera scientifica, ma ci piace osservare alcuni individui presumibilmente affetti da disordini identificabili e assimilabili al Sé.

La discordanza tra le proprie convinzioni, autoreferenzialità, e la realtà conduce inevitabilmente ad una approssimativa valutazione con la conseguenza di creare un falso sé, con il quale generalmente alcuni convivono per tutta la vita. Sic!

Noi riteniamo importante, per evitare sgradevoli avventure, vigilare sui nostri comportamenti, osservando attivamente ogni nostra reazione ed eventualmente cambiare la rotta. L’ego purtroppo è cattivo consigliere è, infatti, capace di far deviare le nostre decisioni e le nostre scelte che diversamente avrebbero potuto avere epiloghi dignitosi.

Abbiamo sorriso dopo queste considerazioni perché abbiamo immaginato di poter vedere le persone per come sono veramente e non per quello che vogliono apparire.

Questi, lupi travestiti da agnelli, sono solo degli esseri perversi imbevuti di sé che sono molto bravi a mostrare un candore inesistente per ingannare il prossimo, parlano così bene perché hanno imparato a memoria le parole che la gente vuole sentirsi dire, quindi bisogna affilare le armi per riconoscerli.

Bisogna osservare ciò che non dicono piuttosto! Questa è la prima regola e poi, per quanto possa sembrare banale, ogni tanto si dovrebbe dar retta anche agli altri, a quelli che ci suggerivano … a quelli che conoscevano … (Sic! Sic! E StraSic!)

Ai lupi professionisti che abbiamo avuto l’opportunità di incontrare “auguriamo” di invecchiare presto e male e una volta e per tutte essere inoffensivi, per evitare di fare danni ulteriori. Perso l’allure … perso tutto!

“Auguriamo” di provare cosa significhi fare un lavoro umile e scarsamente dignitoso, affinchè possano ritornare in una posizione originaria e non venire sopravvalutati dalla società.

“Auguriamo” di acquistare quelle condizioni che riflettano esattamente quello che si è dentro, in modo da non fare più del male. Tutti automaticamente e spontaneamente se ne staranno lontani.

Non si tratta di augurare il male intendiamoci, ma di augurare di vero cuore, di poter essere trasparenti per non offendere le persone che ingenuamente e al contrario si approcciano senza filtro alcuno.

Quando si ha l’anima cattiva sarebbe bene che questa riflettesse anche al di fuori, quando si è brutti dentro la bruttura dovrebbe essere manifesta. Chi si adopera per sfruttare la buona fede delle persone andrebbe contrassegnato esplicitamente come criminale, anche perché, per quanto si possa essere scaltri, a volte non si è mai preparati a riconoscere il vorace lupo.

Questi esseri spregevoli che costruiscono una vita sul palcoscenico, si adoperano per azioni benefiche, volontariato, parlano e straparlano di moralità e si ergono a guida, ma in realtà sono carnefici che si appropriano delle parole migliori per incantare il pubblico e meglio manipolarlo. Dal piedistallo parlano sempre di se stessi, si esibiscono in sterili monologhi.

Sono persone dal carisma negativo che fingono empatia, persone incapaci di compiere buone azioni, sfoggiano sorrisi melliflui e spargono perle di saggezza, passano il proprio tempo a consolidare rapporti di tornaconto per meglio sfruttare la gente. Quando poi non possono più farlo ecco che azzannano senza pietà e spariscono.

Arrivisti, egocentrici e spietati. Pretendono di correggere gli altri in base alle loro verità! Turbano la pace, mettono zizzania mostrandosi pii, ben educati e di buone maniere.

Quando però vengono messi in discussione … sbranano!

I nostri auguri possano arrivare a chi ancora vive in queste condizioni, nella speranza che possano un giorno trovare pace, amore, quiete e serenità, tutte cose che non hanno mai avuto la fortuna di conoscere, un po’ per l’ego smisurato, un po’ per chissà quale ragione … Speriamo che venga loro data l’occasione di poter riparare ai danni cagionati e avere la sapienza di poterla riconoscere.

… e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal Male. Amen!

 

Read Full Post »

Read Full Post »

Pover’Italia!

Read Full Post »

Read Full Post »

La delusione dei nostalgici delle mammane

Renato Pierri

.

I nostalgici delle mammane, del prezzemolo e dei cucchiai d’oro che circolavano nella splendida città di Verona, saranno rimasti delusi quando il loro amatissimo ha affermato che la Legge 194 non si tocca. Si saranno sentiti traditi. Ma guardate, signori nostalgici, che il vostro amato ministro, come tutti, è contro l’aborto.

A nessuno piace l’aborto, neppure alle donne che abortiscono piace l’aborto. Per nessuno l’aborto è cosa buona. Si dà il caso però che alle volte per una donna l’aborto diventi una necessità, altre volte è una necessità per l’embrione stesso, qualora, ad esempio, sia portatore di gravissime malformazioni.

Avete mai sentito parlare di una norma morale secondo la quale tra due mali inevitabili è giusto scegliere il male minore? Ecco, la Legge 194 è stata la scelta del male minore. Negare alle donne la possibilità di abortire, oppure addirittura come auspicava Giovanni Paolo II (cfr Evangelium vitae) ripristinare leggi punitive, non sono il male minore.   Non sono le mammane o i cucchiai d’oro e tanto meno il carcere, il male minore.

Read Full Post »

Casa di Cura Regina Pacis, urologia: “E’ finito il tempo dei viaggi della speranza”

San Cataldo. Casa di Cura Regina Pacis, urologia: “E’ finito il tempo dei viaggi della speranza”

La Casa di Cura “Regina Pacis” di San Cataldo (CL) ha dotato l’unità operativa di urologia diretta dal Dott. Francesco Vacirca di un laser al Tullio di 200 Watt, il più potente esistente in atto sul mercato mondiale, finalizzato al trattamento della iperplasia prostatica e neoplasie vescicali e di un Laser ad Olmio di elevata potenza.

Il Dr. Vacirca spiega che “la chirurgia con il Laser al Tullio si traduce in una notevole riduzione del sanguinamento sia intra che post operatorio (anche i Pazienti cardiopatici che fanno uso di cardio-aspirina potranno usufruire della metodica in tutta sicurezza), in una breve degenza -di solito di 24 ore-, in una minor sintomatologia irritativa post-operatoria e nella conservazione delle normali funzioni genito-urinarie.”

Finisce il tempo dei viaggi della speranza per i Pazienti che fino ad oggi hanno scelto di eseguire l’intervento con laser a Tullio presso strutture del Nord.
La Casa di Cura “Regina Pacis” ha dotato inoltre l’unità operativa di urologia di un laser ad Olmio di elevata potenza, il cui uso – come sottolineato dalla Dr.ssa Cammarata – permette di trattare in un’unica soluzione la calcolosi dell’apparato urinario con grandi benefici per il Paziente anche per la mininvasività della metodica utilizzata.
Il direttore sanitario, Dr. Giuseppe Virzì, mette infine in evidenza che “la diagnosi istologica su biopsia super selettiva realizzata con l’uso combinato di un ecografo dedicato e della Risonanza Multiparametrica della prostata eseguita con apparecchio a 3.0 Tesla associata all’uso dei nuovi laser al Tullio da 200 W e laser ad Olmio, realizza il miglior percorso possibile oggi nel trattamento mininvasivo delle patologie chirurgiche delle vie urinarie.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: