Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 5 aprile 2019

Rifiuti in consiglio

La rivoluzione del copia ed incolla. Cambiano i nomi dei consiglieri ma restano invariate le tasse.

.

tariIl Consiglio Comunale di Milena il trenta marzo 2019, ha approvato le tariffe sulla tassa di raccolta rifiuti che pesa enormemente sulle tasche dei cittadini.

Nulla è cambiato rispetto all’anno precedente !

Il costo per il servizio, cosi come approvato,  è rimasto alto, per non dire altissimo.

Siamo alla soglia della rivolta fiscale !

E’ cambiato il Sindaco ( mi permetto di dire, in meglio ), è cambiato il Consiglio Comunale ( mi permetto di dire in peggio ), non è cambiato il peso fiscale, ai limiti  dell’impossibile.

tasi-vignetta-di-informarexresistere-300x152

Le nuove ( e vecchie ) tariffe sono state approvate da sei consiglieri su otto votanti, che cosi hanno votato “  Con voti favorevoli n. 6 e n. 2 contrari (Alfonso Cipolla e Angela Falcone) su n. 8 Consiglieri presenti e votanti.”.

Hanno votato per le tariffe,  cosi come sono  pubblicate,  i seguenti consiglieri comunali: Randazzo Giovanni, Vitello Rosaria, Vitellaro Annarita, Oliva Onofrio, Buttaci Gioacchino, Virciglio Giuseppina.

Erano assenti le consigliere Provenzano Maria Giulia e Ferlisi Maria Carmelina, per la minoranza , Modica Salvatore e Mantione Salvatore, per la maggioranza.

Da notare l’assenza di studio e di idee innovative.

Continuano a deliberare con il copia ed incolla.

Un segno di luce si intravede nei banchi di opposizione, con idee nuove ed in linea con i tempi.

Nella maggioranza, non si scorge alcun segno vitale per un salto di qualità in meglio.

Costi altissimi, rispetto ad un risultato deludente.

A mio parere il territorio pubblico comunale si trova in uno stato pietoso che non vale la spesa.

 

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Non prendete impegni per il 28 Maggio pomeriggio, sarà con noi il Vescovo Mario per inaugurare le nuove tele

Parrocchia Immacolata Milena

.

In missione a Torre del greco dal nostro pittore Salvatore Seme alle prese con il completamento delle opere che gli abbiamo chiesto di realizzare

Ecco una piccolissima anteprima dei nostri quadri. Si lavora ma stiamo arrivando alla fine.

Read Full Post »

Ettore Rosato

Siamo riusciti a litigare con Usa e Ue, mentre i francesi stringevano mani e affari. Poi siamo riusciti anche a vendere le arance al mercato che produce un quarto di tutte le arance del mondo (ma questa è la terza volta che Di Maio lo annuncia, anche se l’accordo l’aveva fatto il governo Gentiloni). E i preziosi agrumi arriveranno via aerea e non più su navi. Un merito indubbiamente. Così come aver definito gli accordi sui porti di Trieste e Genova avviati da governi di centrosinistra.


Intanto però i vicini Francesi chiudevano contratti all’altezza di grandi potenze industriali. È che qui andiamo forti sulle chiacchiere ma sui fatti c’è ancora molto da lavorare.

Read Full Post »

Governo Pinocchio

Read Full Post »

.

Tagliamo un traguardo che ci stava particolarmente a cuore, dare vita, in tutta l’Isola, a una rete capillare in grado di fornire un adeguato sostegno a #donne, spesso madri di famiglia, che hanno un disperato bisogno di affrancarsi da un’esistenza in cui dominano inaccettabili soprusi e un profondo disagio.

Avevamo previsto nel bando un meccanismo di assegnazione dei punteggi che privilegiasse quelle zone in cui il distretto socio sanitario non è attrezzato per raccogliere questo tipo di segnalazioni e ciò renderà ancora più funzionale la dislocazione sul territorio di strutture in grado di farsi carico di situazioni divenute insostenibili, offrendo la concreta opportunità di cominciare un nuovo percorso di vita.

#Sicilia #governoMusumeci

Nascono 31 sportelli per #donne vittime di violenza

#Sicilia Piano Antiviolenza Regione Siciliana

Read Full Post »

La droga nel paniere

arresto-carabinieri-paniere

Read Full Post »

Farcire

FARCIRE far-cì-re (io far-cì-sco)

.

Imbottire con un ripieno, specialmente detto di vivande; riempire; dal francese farcir, che è dal latino farcire ‘conficcare, riempire, farcire, rimpinzare’.

Scoprire che, pur attraverso percorsi non immediati, una parola che usiamo come strumento quotidiano era usata in latino alla stessa maniera dà un piacevole senso di continuità coi propri avi, che in questo caso ha un gusto culinario.

Va detto: in latino ‘farcire’ aveva significati più ampi del farcire italiano. Era innanzitutto un introdurre, un conficcare, quindi un riempire, e solo riguardo alle vivande prendeva il significato che ci è meglio noto. In italiano l’equilibrio si ribalta: il farcire culinario diventa il centro, e ha usi figurati satelliti. Peraltro giunge a noi nel Settecento dopo essere stato a lungo conservato in francese (farcir è attestato nel XII secolo), secondo alcuni attraverso una mediazione piemontese.

Abbiamo quindi un verbo che significa imbottire un cibo con un ripieno; e l’imbottitura del farcire non va solo a riempire il vuoto di una cavità (come quella lasciata dal nocciolo nelle olive farcite alla messinese), potendo anche imporre uno spessore aggiunto (come nei panini farciti che quasi non entrano più in bocca, o nelle torte farcite che torreggiano). Con una suggestione che sa ancora del generale significato latino, quindi, il farcire non è solo un riempire, perché s’infila anche in ciò che non è vuoto, ritornando ad essere l’ancestrale conficcare: la forza con cui si caccia l’ultima fetta di provola nella schiacciata richiama quella del boscaiolo che spacca la legna col cuneo.

Questo grande imbottire si fa facilmente figurato – e qui si corrono dei rischi. Perché spesso il farcire viene usato come sinonimo di ‘disseminare’: ma se parliamo di un discorso farcito o infarcito di volgarità o di riferimenti dotti non stiamo evocando un costellare aereo, un disseminare aperto, ma stiamo figurando un discorso come un bignè che si squarcia da quanto ripieno ha, di volgarità o di dottrina. È una parola intensa, vicina all’inzeppare (anche se la zeppa è un riempitivo insignificante), all’impinzare (etimologicamente simile visto che verte sul conficcare); ma la sua cifra unica è che pone un grande accento sul ripieno, sulla farcia o farcitura, il vero valore aggiunto della ricetta e del verbo. Insomma, del racconto farcito di battute la parte che pregustiamo sono le battute.

Testo originale pubblicato su unaparolaalgiorno.it: https://unaparolaalgiorno.it/significato/F/farcire

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: