Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 29 settembre 2018

p1

p2

gs

Il prof. Giovanni Schillaci

 

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Speedays part two

images

images

Read Full Post »

UIA di Musomeli: a Milena un corso per il rilascio del certificato di abilitazione per l’acquisto di prodotti alimentari

Carmelo Barba

.

(altro…)

Read Full Post »

https://www.legio-i-italica.it/

Read Full Post »

Eccesso di perdono a Lanciano

Renato Pierri

.

“Non provo rabbia, ma un grande dispiacere per tanta violenza inutile. Io li perdono perché questo mi aiuterà a recuperare serenità, ma lo Stato dovrà essere severo”. Così ha detto la signora Niva Bazzan, la donna mutilata dai banditi durante la rapina a Lanciano.

Nello splendido romanzo “La Certosa di Parma”, Stendhal scriveva: “La gioia immorale che gli italiani provano nel vendicarsi proviene della loro potenza d’immaginazione: negli altri paesi la gente non si può dir che perdoni, ma dimentica”.

Ora, è cosa bella che la signora Bazzan non nutra sentimenti di vendetta, però forse parlare di perdono significa passare da un eccesso all’altro. Esprimere anticipatamente la volontà di perdonare il delinquente che non ha mostrato un serio profondo sofferto pentimento, è diseducativo. Gesù chiese il perdono del Padre per i suoi crocifissori, ed aggiunse: “Perché non sanno quello che fanno”; quasi a dire: altrimenti non meriterebbero perdono.

I delinquenti che hanno massacrato di botte i coniugi sapevano bene che stavano compiendo atti criminali. Gesù promise il paradiso non al malfattore crocifisso con lui, che lo insultava, ma a quello che mostrò d’essersi pentito.

Amare i nemici significa volere la loro conversione e il perdono di Dio; ma è il caso di parlare di perdono quando il “nemico” ci ha appena tagliato il lobo di un orecchio, e magari sarebbe disposto a ripetere il gesto infame?

 

Read Full Post »

Read Full Post »

In arrivo per la pesca 16,3 milioni di euro

Nello Musumeci
.

Per fare #pesca ed essere competitivi non servono solo incentivi, ma infrastrutture qualificate per la flotta che in #Sicilia conta oltre 2.700 imbarcazioni e quasi diecimila addetti.

Dalla cultura della rottamazione si passa a quella dell’incentivazione, con una serie di iniziative complementari per accostare al settore anche soggetti che non appartengono direttamente a questa realtà, come gli operatori turistici.

Edy Bandiera Dario Cartabellotta
#governoMusumeci

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: