Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 22 marzo 2018

Quelli che stanno veramente dalla parte dei Cittadini

Alfonso Cipolla

.

Martedì mattina era il solito giorno del mercato settimanale che si svolge in via Ragazzi del 99 dove c’è il parco urbano intitolato a Sandro Pertini. Lì arrivano da ogni parte commercianti ambulanti a bordo dei loro furgoni pieni di ogni genere di mercanzia e di generi alimentari. I prezzi bassi richiamano centinaia di milenesi, in gran parte donne, alla ricerca di qualcosa a buon mercato.

Il mercato si riempie di gente che vi accorre in fila da ogni parte del paese. Gli uomini generalmente sono al lavoro in campagna o fuori paese lasciando le case vuote e a volte incustodite: un’ottima scusa per fare arrivare a Milena persone sconosciute alla ricerca del colpaccio, dello scasso che precede il furto.

Chi si oppone alla delinquenza? Chi cerca di prevenire i furti o di arrestare i ladri? La risposta è ovvia ed è una sola: i carabinieri che, per un pugno di pochi euro, mettono a rischio la loro incolumità per il bene di tutto il paese. Visto che sono i soli a farlo meriterebbero di essere “aiutati” proprio da noi tutti, segnalando loro ogni persona e mezzo sospetti.

prontoQuesto blog non si stanca mai di rivolgere l’invito ai Cittadini a segnalare – anche anonimamente – ogni fatto strano e sospetto.

Aiutati che Dio t’aiuta recita un proverbio. Ora i carabinieri non sono “dei”, però sono gli unici “santi” che possono aiutarci a difendere le nostre persone, le nostre case le nostre cose.

Ed è grazie alla nostra insistenza, che ultimamente, qualche Cittadino (con la “C” maiuscola) comincia a collaborare e si intravedono i risultati positivi, come martedì mattino quando qualcuno ha notato una macchina piena di gente forestiera e dalle brutte facce viste qualche settimana fa in giro (d’ispezione) per il paese.

Nel giorno del mercato tre persone, forse le stesse, sono state viste girare alla circonvallazione su una Panda blu ed è scattato l’allarme cittadino che, unito al servizio di perlustrazione dei giovani e attivi carabinieri di Milena guidati dal M.llo Vincenzo Butera, hanno consentito di fermare la vettura in corso P. Nenni nelle vicinanze di un noto forno.

I tre individui sospetti sono stati presto identificati: si trattava di svaligiatori seriali (presumibilmente con una sfilza di reati contro il patrimonio a carico), dall’accento catanese in trasferta a Milena con in macchina gli “arnesi di lavoro” per compiere razzie nelle nostre case.

E’ finita come meglio non poteva: i tre malviventi non hanno putato rubare nelle case del nostro paese e sono state segnalati all’autorità giudiziaria.

La conclusione di questa operazione condotta dalla Benemerita è riassumibile in uno slogan: “Aiutiamo i Carabinieri ad aiutarci” collaborandoli con il segnalare loro tutte le facce e le macchine sospette, realizzando una vera e propria rete di “vigilanza cittadina attiva” .

Concludiamo con un doveroso e sentito ringraziamento ai giovani militari sotto la guida del M.llo della caserma dei Carabinieri.

1815

MML nel Mondo alle 18:15

 

 

PS. Alla prossima Amministrazione chiediamo…

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Raduno di Lamentatori a Delia

.

IMG-20180321-WA0019

Si è svolto a Delia il Primo Raduno dei Lamentatori “Tra Cantu e Chiantu” a cui hanno partecipato i cantori di Milena, Mussomeli, Serradifalco, Butera, Riesi, Santa Caterina Villermosa e Delia.

I sette Gruppi hanno sfilato e cantato le lamentazioni per le vie del paese confluendo poi nella Chiesa Madre dove, dopo la Santa Messa, hanno di nuovo intonato alcune “Parti della Settimana Santa.

Le esibizioni sono state molto apprezzate dai presenti. Al termine della serata a tutti i Gruppi è stata consegnata una targa ricordo dell’evento.

IMG-20180321-WA0016

Dei Lamentatori di Milena erano presenti (da sinistra): Carlo Petix, Luca Mulè, Gioacchino Cassenti, Piero Falcone, Salvatore Scozzaro, Salvatore Di Marco, Salvatore Palumbo, Vittorio Lombardo, Pietro Ferlisi, Paolino Falletta, Di Marco Salvatore, Stefano Cassenti, Carlo Diliberto.

I Lamentatori di Milena, soci del “Circolo Ricreativo, Culturale, Democratico Milenesi” sono stati accompagnati dalla presidente Ornella Arnone, dalla vice presidente Sandra Maria Cipolla, dalla segretaria Assunta Ingrascì e dal maestro Anna Cassenti responsabile del Gruppo.

 

(altro…)

Read Full Post »

1qweeeee

Giornata internazionale dell’acqua, ecco come la Sicilia spreca un bene prezioso. Tra consumi sbagliati e reti colabrodo, i costi per i siciliani restano tra i più alti del Paese

di Giuseppe Bianca

.

Palermo – La cultura del consumo dell’acqua e i comportamenti virtuosi dei siciliani, ad oggi, rimangono una variabile poco percepita. Nei giorni dell’emergenza idrica a Palermo, quando sembrava imminente e inevitabile la turnazione e il razionamento del servizio, l’istantanea scattata fissava l’immagine della corsa all’acquisto di serbatoi e piccole cisterne. Ne dà conferma Gianfranco Zanna presidente di Legambiente in Sicilia: «La gente trova subito il modo di risolvere il suo problema. Manca una visione e una dimensione sociale di come si razionalizzano gli usi e si limitano gli sprechi».

Giornata internazionale dell'acqua, ecco come la Sicilia spreca un bene prezioso

I consumi

In altre parole, al di là del civismo su cui poter contare, occorre stabilire una relazione tra un corretto uso e l’organizzazione funzionale del servizio idrico. Se la risorsa viene fatta pagare chi consuma è sensibile. Dal “ chi più inquina al più paga”, al parafrasato “chi più consuma più paga”. Per quanto possa apparire banale, il miglior deterrente dunque passa da contatori che siano funzionanti, che si debbano poter leggere e da una capacità di riscossione ottimizzata. Del resto, la realtà è in costante e profondo mutamento. Il clima sub tropicale in Sicilia risulta sempre più caratterizzato da piogge brevi e intense. Piove cioè di meno e piove male. Negli ultimi tre anni i volumi di pioggia caduti in Sicilia sono diminuiti in media ogni anno del 30%. La vita dei laghi artificiali con le potenziali ricadute in termini di dissesto idrogeologico, rischia di accorciarsi della metà.

I costi

In compenso il costo dell’ utenza dell’acqua in Sicilia rimane purtroppo tra i più alti di tutto il Paese, arrivando a sfiorare la media di cinquecento euro in un anno. La dispersione arriva di poco sotto il 50% e le reti idriche sono più o meno datate anni’90 ed è cresciuta negli ultimi dieci anni, passando dal 36 al 45 %, un fenomeno più rilevato nella parte interna della Sicilia, dove il quadro è desolante. Ad Agrigento, Enna e Caltanissetta si pagano circa 500 euro l’anno, contro una media nel Paese pari a 376 euro. Il quadro della provincia di Agrigento è significativo nell’analisi dei suoi numeri. Le perdite raggiungono il 62,43% nel Comune di Favara, il 57,24 a Grotte, il 53,6% a Licata.

Le perdite

A Porto Empedocle su una popolazione residente di 17.044 persone sono 8.186 le utenze e 6390 le famiglie. Il volume giornaliero immesso è di 4.637 metri cubi. Le perdite arrivano al 56,04%. Più bassa la dispersione a Racalmuto (37,69%), mentre sale all’81,62% a Sambuca di Sicilia. Sciacca si ferma al 61,75%. Agrigento con portate medie di 216 litri a secondo ha un volume immesso di 18.698 metri cubi, un volume giornaliero fatturato di 8.313 metri cubi con una differenza di perdite del 55%.

 

(altro…)

Read Full Post »

 

Venerdì 23 marzo al Palazzo dei Filippini, h.16, si terrà il convegno, ideato e organizzato da Accademia di Belle Arti di Agrigento

EDUCARE ALLA BELLEZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO

Daniela Gambino.

Sono previsti interventi del direttore dell’Accademia Michelangelo, Alfredo Prado. Saluto del sindaco. Relazioni di docenti e storici dell’arte. I lavori si chiuderanno intorno alle 19,30.

Read Full Post »

Read Full Post »

Milena Fashion

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: