Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 17 luglio 2017

acqua rub

acquarubinetto-acqua

Annunci

Read Full Post »

 

montedoromontedoro

Read Full Post »

Crocetta si rifugia nell’immunità parlamentare per sfuggire a Musumeci. E D’Alia lo molla…

I Nuovi Vespri

.

Ecco due notizie sul presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, che vanno commentate.

La prima ci fa capire che è veramente Crocetta.

La seconda dà la misura politica degli ex democristiani che, esattamente cinque anni fa, lanciavano la proposta di Crocetta candidato alla presidenza della Regione del centrosinistra in opposizione a mezzo PD, che dell’allora europarlamentare eletto proprio nelle file del Partito Democratico non ne voleva proprio sapere.

.

Cominciamo dalla prima notizia.

Cinque anni fa, durante la campagna elettorale per le elezioni regionali, Crocetta, allora candidato del centrosinistra, accusò Nello Musumeci, allora candidato di un ‘pezzo’ del centrodestra, di essersi messo d’accordo, sottobanco, con Gianfranco Miccichè per la realizzazione dei termovalorizzatori.

Ricordiamo che, allora, proprio sui termovalorizzatori che avrebbero dovuto vedere la luce in Sicilia, era in corso un’inchiesta della magistratura con l’ipotesi di infiltrazioni mafiose.

La tesi di Crocetta, oltre a non essere suffragata da prove, era politicamente sbagliata. Anche Gianfranco Miccichè, infatti, era candidato alla presidenza della Regione, sostenuto dall’allora presidente della Regione uscente, Raffaele Lombardo.

La candidatura di Miccichè aveva un preciso significato politico: rompere l’unità de centrodestra siciliano, ‘killerare’, sotto il profilo politico e, soprattutto, elettorale Musumeci e, di fatto, favorire elezione di Crocetta: cosa puntualmente avvenuta.

Musumeci – che ovviamente non poteva accettare di essere accusato di affarismo, per giunta in un’operazione, quella dei termovalorizzatori, dove si stagliava anche l’ombra della mafia, si è rivolto alla Giustizia. Insomma, ha querelato Crocetta per diffamazione a mezzo stampa.

E qui la sorpresa: Crocetta, l’uomo della ‘legalità’ e dell’antimafia, invece di presentarsi faccia a faccia contro Musumeci per sostenere quanto aveva affermato in campagna elettorale, si è rifugiato dietro il paravento dell’immunità parlamentare, come hanno sempre fatto gli esponenti della vecchia politica.

Al momento in cui lanciava un’accusa contro Musumeci, Crocetta era europarlamentare. E così si è difeso, andando dai giudici e dicendo: “Signori, io al momento in cui lanciavo le accusa a Musumeci, avevo l’immunità parlamentare”.

Bella, questa, no? In genere, i parlamentari non sono perseguibili per ciò che dicono durante l’esercizio del mandato parlamentare, cioè per ciò che affermano in Parlamento. Crocetta non ha accusato Musumeci in un dibattito parlamentare, ma nella campagna elettorale per le elezioni regionali. Accuse non dimostrabili, a quanto pare: altrimenti non si sarebbe trincerato dietro l’immunità parlamentare.

La commissione dell’Unione Europea ha riconosciuto l’immunità a Crocetta. Ma – è questa la vera notizia – l’immunità, in questo caso, non è automatica come l’immunità di un parlamentare italiano. In parole più semplici, il giudice avrebbe potuto non tenere conto di quanto stabilito dalla Commissione Jure dell’Unione Europea…

E Musumeci? Da quello che si dice continuerà, non sappiamo con quali forme, a chiedere giustizia.

.

D’Alia e Crocetta

La seconda notizia – che non è, politicamente, ‘meno interessante’ della prima – riguarda Giampiero D’Alia, che da ministro a leader dell’UDC siciliana è diventato “coordinatore nazionale dei Centristi per l’Europa” (D’Alia, è noto, non è più nell’UDC, perché la segretaria nazionale di questo partito ha tolto il simbolo allo stesso D’Alia e ai suoi amici).

D’Alia, per la cronaca, è il politico che, nell’estate di cinque anni fa, fu il primo a lanciare la candidatura di Crocetta alla presidenza della Regione siciliana per il centrosinistra (“Mi sento molto onorato dell’indicazione venuta dall’UDC”, disse Crocetta).

Insomma, è a D’Alia e al suo ormai ex partito che i Siciliani debbono essere ‘grati’ per avere avuto ed avere ancora per qualche mese Crocetta presidente della Regione siciliana!

Ma il bello deve ancora arrivare. Come per l’immunità parlamentare, chiesta e ottenuta dall’allora europarlamentare del PD, Crocetta, per fatti che nulla hanno a che vedere con il Parlamento europeo, oggi D’Alia chiede che il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione siciliana presenti “discontinuità” rispetto all’esperienza di Crocetta…

Siamo veramente alle comiche finali del centrosinistra siciliano: dopo averlo proposto alla guida della Sicilia, dopo averlo votato e fatto votare alle elezioni regionali di cinque anni fa, dopo averlo difeso, all’Assemblea regionale siciliana, da due o tre mozioni di sfiducia, dopo aver fatto parte, per cinque anni, dei tre Governi regionali di Crocetta con assessori a lui vicino, D’Alia chiede un candidato di centrosinistra alla presidenza della Regione che presenti “discontinuità” rispetto a Crocetta…

Per dire e fare certe cose ci vuole veramente una faccia di bronzo…

Read Full Post »

“Urgente vertice con prefettura e sindaco Agrigento su centro migranti”

Alessandro Pagano

.

“Agrigento è la prossima città che rischia di esplodere per le tensioni sociali dovute all’invasione di profughi, richiedenti asilo e clandestini. Le istituzioni locali probabilmente stanno sottovalutando un fenomeno che sta per diventare esplosivo.

Per esempio un nutritissimo gruppo di agrigentini  segnala che a breve un intero albergo in disuso e situato in pieno centro urbano possa essere adibito ad ospitare non si sa quanti minori immigrati non accompagnati, in aggiunta ai migranti già ospitati in altre parti della città.

I residenti, preoccupati e allarmati, hanno dato vita ad alcuni comitati spontanei, di via Giovanni XXIII e di viale della Vittoria, in dissenso con questa decisione. Hanno provveduto, inoltre, a una raccolta firme con la presentazione di una istanza al Comune per l’accesso agli atti per verificare la sussistenza nell’ex albergo dei requisiti tecnici ed urbanistici.

Considerato il posto e la capienza dell’immobile, c’è la seria probabilità che questo hotel si trasformi in un ghetto all’interno di un quartiere urbano, stante l’assenza di molti requisiti tecnici, con zero possibilità di integrazione per gli ospiti i quali, anzi, saranno facile preda della delinquenza.

È quindi il forte rischio che questa situazione possa esasperare gli animi, creare tensioni e problemi legati alla sicurezza e all’ordine pubblico. La decisione sulla città potrebbe essere presa d’imperio e in totale contrasto con la comunità ospitante.

FIRETTO – PAGANO

Il sindaco Firetto sostiene che non può fare nulla ma le esperienze di molte realtà in Italia e in Sicilia dimostrano che, nel rispetto delle regole, molte cose si possono fare per evitare il peggio.

I sindaci leghisti – ma anche quelli siciliani ultimamente – hanno alzato le barricate di fronte a una accoglienza insostenibile e coatta. Perché di questo si parla, di insostenibilità.

Per tal motivo, nel dare pieno sostegno alle attività e alle iniziative dei comitati spontanei, chiedo ufficialmente alle autorità competenti la convocazione di un vertice in Prefettura con il prefetto Nicola Diomede, il sindaco Calogero Firetto, il sottoscritto e i rappresentanti del comitato, al fine di risolvere questa situazione, che non può essere tollerata, in sinergia e nel pieno rispetto dei cittadini di Agrigento”.

“Noi con sindaci messinesi, e l’Anci?”

 

 .

CatturaNoi siamo con i sindaci messinesi che protestano contro l’incapacità e l’arroganza del governo di fronte all’invasione di clandestini.

Tutta la Lega-Noi con Salvini, rappresentata da Angelo Attaguile che questa mattina ha portato personalmente il proprio sostegno ai primi cittadini del posto riuniti in assemblea.

Vorremmo sapere, invece, da che parte stanno il presidente nazionale Anci Antonio Decaro e il responsabile regionale Leoluca Orlando. Complici anche loro di questa invasione, stanno prendendo in giro gli stessi sindaci che dovrebbero salvaguardare. Premesso che il piano accoglienza del governo andrebbe stracciato e tutti i sindaci dovrebbero rivoltarsi, è evidente che il tetto di 2,5 migranti per ogni mille abitanti non viene mai rispettato. Senza dimenticare l’umiliazione e i soprusi che i primi cittadini sono costretti a subire ormai quotidianamente.

A Decaro e a Orlando non resterebbe dunque che rassegnare le dimissioni. Al sindaco di Castell’Umberto Vincenzo Lionetto il nostro sostegno e la nostra solidarietà.

 Alessandro Pagano Deputato della Lega-Noi con Salvini.

 

Read Full Post »

1aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Read Full Post »

musso1musso2

Read Full Post »

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: