Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 15 luglio 2017

Contro gli immigrati provenienti dal nordafrica barricate al porto e rivolta

Libero

.

Cattura“Siamo pronti alle barricate davanti al Porto o a incatenarci di fronte ad ogni luogo che l’amministrazione possa prendere in esame per ospitare i migranti”.

Civitavecchia si ribella all’invasione, dalle periferie fino al centro.

I residenti, infatti protestano contro il governo, che sta pensando alla città come attracco portuale per immigrati e richiedenti asilo che salpano in particolare dal Nord Africa.

E non è servito a nulla il fatto che Mario Morcon, capo di gabinetto al Viminale, abbia smentito la possibilità di trasformare il porto in punto di sbarco. La città ha paura, ed è pronta a ribellarsi.

Il problema è logistico. Donata Fanelli, insegnante e volontaria, spiega a Il Messaggero: “Non so quanto Civitavecchia sia pronta dal punto di vista organizzativo ad ospitare ancora migranti”.

images (2)Il punto è che pesa, e tantissimo, il precedente del 2011, quando l’ex caserma De Carolis fu trasformata in un centro di prima assistenza e trasformata in ricovero per più di 700 migranti.

“Li portarono nel cuore della notte – ricorda sempre al quotidiano capitolino Marinella Scaccia, a capo del comitato di quartiere No Migranti – e in meno di un anno successe di tutto: aggressioni, furti, saccheggi, faremo quello che serve, siamo disposti a incatenarci per evitare di rivivere quei momenti”.

Le voci della rivolta si moltiplicano. In prima linea i residenti: “Se pensano di farci rivivere quell’incubo – spiega Bruno Ferraccioli, residente nella piazzetta che guarda la chiesa San Pio X – sarà la rivolta: io accoltellamenti e risse non ne voglio più vedere”. E il prossimo lunedì, due comitati di quartiere andranno in Municipio per chiedere spiegazioni. Civitavecchia, per evitare l’invasione, è pronta a tutto.

Read Full Post »

Sulla ripresa del servizio venatorio va salvaguardato il lavoro di tanti padri di famiglia

Michele Mancuso

.

Il-Commissario-del-Consorzio-tra-Comuni-Rosalba-Panvini-150x150

Il Commissario del Consorzio tra Comuni Rosalba Panvini

Apprezziamo la buona volontà della D.ssa Panvini di riprendere il servizio venatorio nel territorio provinciale, ma così non va per nulla bene.

Prima va salvaguardato il lavoro di tanti padri di famiglia e poi pensiamo al resto!!

La delibera del Commissario deve essere bloccata o quando meno modificata facendo rientrare le guardie che già hanno svolto il suddetto servizio tramite anche la Caltanissetta Service, società in house della ex Provincia. Infatti tale società fu costituita allora per inglobare il servizio venatorio che poi non si preferì esternalizzare tramite istituti di vigilanza.

CatturaDa oltre vent’anni il servizio di vigilanza venatoria venne svolto da guardie giurate tramite società mista. Le suddette guardie hanno espletato corsi di vigilanza venatoria con la provincia e hanno lavorato per conto della provincia fino al 2014 quando la Regione decise di non erogare più finanziamenti.

Le guardie venatorie inoltre nell’arco di questi anni hanno acquisito professionalità in merito al servizio, ma adesso tutto sembra dimenticato. Noi siamo certi che il centrodestra ridarà luce agli enti locali a cominciare dalle province, ma nell’attesa chiediamo e insistiamo affinché l’attuale amministrazione rispetti la dignità dei lavoratori e delle loro famiglie attraverso un concreto impegno per la ripresa delle attività così come concepite e con il personale adatto e preparato.

Read Full Post »

Genova, magistrato vandalo condannato al pagamento di una sanzione, dal Csm solo un ammonimento

Stefano Zurlo
.

ecEzio Castaldi, il magistrato che aveva riempito di colla la serratura di casa del vicino, chiude la partita con la sanzione dell’ammonimento. La punizione più lieve nella scala delle condanne disciplinari. Così hanno stabilito le sezioni unite civili della Cassazione confermando il verdetto del Csm. Castaldi, che a suo tempo aveva avuto un ruolo sia pure marginale nel sostenere l’accusa contro i poliziotti del G8, era stato protagonista di un episodio quasi incredibile: la vandalizzazione delle serrature di un condomino in un palazzo della Genova bene.

Cosa ci fosse sotto non è dato sapere: fatto sta che la vittima, esasperata da precedenti episodi, aveva tappezzato l’appartamento di telecamere. E in pratica aveva predisposto una trappola: aveva piazzato una telecamera ben visibile nel pianerottolo e un’altra, mimetizzata, nello spioncino della porta d’ingresso. E proprio il secondo occhio elettronico aveva documentato le performance della toga: la sera dell’11 agosto 2011 alle 23,10 Castaldi aveva cercato di oscurare con un sacchetto la prima telecamera, stando ben attento a non farsi notare; l’impresa era fallita ma lui non si era dato per vinto.

attakL’indomani aveva ricominciato ad armeggiare con un bastone, riuscendo infine a coprire la telecamera. A questo punto l’altro apparecchio l’aveva immortalato mentre vuotava il tubetto nella serratura e poi, già che c’era, pure nell’inseritore dell’allarme.

Di qui la denuncia che a Palazzo di Giustizia avevano provato invano a non far trapelare. Sul piano penale Castaldi se l’è cavata senza ammaccature: ha pagato la bellezza di 20mila euro, obiettivamente una cifra spropositata per quello che era successo, e l’altro ha ritirato la querela. Dal punto di vista disciplinare, invece, il collegio del Csm ha deciso per l’ammonimento. Una punizione soft, senza particolari conseguenze per la carriera, ma di cui almeno resta una traccia.

Certo, per l’opinione pubblica, che considera i giudici figure al disopra di ogni sospetto, le punizioni sono spesso troppo leggere. E questo a fronte di comportamenti che sembrano usciti dalla fantasia di un romanziere più che dalla realtà: dal giudice che ha fatto invecchiare per anni in una cassa, come bottiglie di vino, provvedimenti urgenti a quello che chiedeva l’elemosina in mezzo alla strada e all’altro ancora che ha cosparso di Nutella i bagni del tribunale. Una collezione inimmaginabile di sciatterie, strafalcioni, errori, puniti il più delle volte con un buffetto.

Read Full Post »

20170710_083341

Read Full Post »

18882106_1431811243524018_9136216649659238772_n

Read Full Post »

Punto a puntate

19884207_1941897692752106_3726204347465585505_n

Read Full Post »

1aaaaasdertt

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: