Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 1 maggio 2017

1° Maggio 2017

1aaaqwer

1aaaaaqwsfg

1aaaaaaasffg

18238043_1593437380727738_5920128577268628750_o

(altro…)

Read Full Post »

Labor felix

13125036_1092887837434683_2531010884372403505_n

Read Full Post »

Le mille facce della menzogna

.

Viviamo in una delle epoche più sorprendenti per quel che riguarda il digitale, la tecnologia, la scienza, tant’è che per il nostro benessere vengono create app di tutti i generi, a misura d’uomo … come si suol dire.

Aree Wi-Fi free per connettere le nostre esistenze e per agevolare i rapporti anche a chilometri di distanza, per viaggiare, per muoversi in tutta libertà senza limiti né confini. Traduttori, mappe, autisti, informazioni, ristoranti insomma una società che è sempre in bilico tra il reale e il virtuale e, pensiamo noi, in crisi di identità per comportamenti stereotipati oramai diffusissimi.

Insomma abbiamo messo tutti delle maschere reali per identificarci nel ruolo che ci siamo creati virtualmente, forse un po’ per esorcizzare paure e frustrazioni e, forse, anche per l’impellente quanto contradditoria necessità di combaciare con una estrema immagine idealizzata che si vuole rimandare all’altro … al passo con i tempi.

Noi riteniamo, ma non possiamo avere la certezza assoluta, che questo sia un passo verso un annullamento della propria vera identità, tutti attori, tutti personaggi che interpretano a modo proprio una evoluzione rapidissima e sfuggente.

Nei nostri articoli abbiamo di volta in volta affrontato argomenti diversi, dipendeva e dipende sempre dal momento storico che ci ha indotti a riflettere, anche oggi … siamo costretti ad affrontare la consapevolezza della società che cambia e si adatta alle novità.

Solo che a noi il dubbio viene comunque, noi che abbiamo sempre creduto nei valori quali l’onestà, l’integrità, la legalità che dovrebbero essere alla base di un vivere civile ci siamo resi conto che alla fine di tutta questa marea di informazioni e bombardamenti virtuali, forse l’unica cosa che non cambia è proprio la mentalità.

Si certo possiamo avere mille profili, facebook, instangram e similari, pubblicare foto e video su tutto quello che ci pare e poi … e poi accorgerci che in definitiva quando si tratta dei propri interessi, tutto si dissolve!

Non c’è maschera che tenga nel momento in cui ci toccano di persona, il peggio è quando si tratta della sfera economica, apriti Cielo! Perfino quelli che dello sporco denaro ne hanno rigettato il valore, cambiano carattere e mostrano tutta la mostruosità fino a quel momento tenuta a bada o da una facciata di ipocrita perbenismo o dalla immagine creata ad arte dal proprio profilo … virtuale.

Ecco che a noi scatta immediatamente la domanda: Siamo davvero sicuri di aver a che fare con delle persone pronte a rispettare le regole, la legge pensando al bene della cosa pubblica anziché all’interesse privato?

No, perché il dubbio sorge spontaneo, eccome se sorge.

Non è che per caso, sotto all’apparente nuvoletta di bontà e senso civico, si nascondono altre inqualificabili “virtù”? Perché a volte anche sotto i tappeti si nasconde la sporcizia, ma non si vede …

Magari dietro le belle parole non c’è davvero quella sete di giustizia e di altruismo, magari dietro l’invocazione della santa onestà non è compresa la propria … magari dietro l’orazione della sacra lealtà non è contemplata quella personale, magari … magari … magari è proprio la società che non è veramente pronta al cambiamento, forse siamo proprio noi a non volere una comunità veramente “legale”.

Perché alla resa dei conti l’imbrogliuccio, l’escamotage … fa comodo, piace un po’ a tutti!

Cerchiamo di pensarle tutte per farci convinti di non aver preso un abbaglio e di esserci veramente sbagliati. Perché poi dietro le parole poi ci sono i comportamenti e quelli non mentono, le parole le possiamo fraintendere, ma i comportamenti sono inequivocabili, non possono essere confusi o fraintesi …

Se le persone che predicano questi valori e si battono per gli altri, per la comunità, poi sono le stesse che si qualificano per “piccoli” atti di slealtà o disonestà quotidiana … crediamo fermamente che abbiamo a che fare con due facce uguali della stessa medaglia … c’è poco da discutere!

Facile è pretendere dagli altri ciò che neanche noi stessi lontanamente conosciamo! Facile è puntare il dito quando non riguarda noi stessi! Facile e conveniente indossare quelle benedette maschere e camminare allegramente indisturbati pensando di avere preso in giro tutti, grazie all’intelligenza, grazie alla furbizia, alle strumentalizzazioni, alla grande arroganza di “sentirsi” qualcuno quando invece si e solo … cattiveria e malvagità allo stato puro. Pessimi attori di pessima sceneggiatura di film surrealista!

Che poi questa gente ci fa venire anche il dubbio di avere realmente sbagliato, sono talmente abili nell’insinuare, nel sottintendere, nello spostare l’attenzione che per qualche attimo, interminabili attimi, si potrebbero vedere vacillare tutte le certezze. Le pretese diventano obblighi e la prepotenza diventa prassi!

Strano come predichino bene … agli altri … il rispetto delle regole quando invece per questa gente le regole non esistono e detestano chiunque abbia un potere sovraordinato. Quando sono gli altri ad infrangere le regole: ghigliottina e pena di morte, ma per loro stessi indulgenza e … “giusto così”, giustificazioni a go go!

Noi pensiamo che non si possa tollerare la disonestà di alcune persone, la prepotenza e l’arroganza, un discorso è rivendicare dei diritti o professarsi ligi, probi e senza macchia, un’altra faccenda è credere di esserci riusciti ad imbrogliare tutti e che tutto sia dovuto! Non è raro vederli sciorinare discorsi “teologicamente corretti” e poi scoprire che ognuno è quello che gli altri non vedono.

Siamo tutti onesti, ma se riusciamo ad aggirare l’ostacolo, a pagare di meno o a trovare il cavillo … non paghiamo la multa. Evviva!

(altro…)

Read Full Post »

Corretti stili di vita tra giovani: conoscere e prevenire le conseguenze generate dal fenomeno

Celestino Saia

.

ALCOLISMO

IMG_0590Sabato 29 aprile, presso la sede dell’I.I.S.S.  “Virgilio” di Mussomeli si è svolto un evento sulla prevenzione e conoscenza dell’uso e abuso di alcool tra i giovani.

L’evento è stato  organizzato dal Dirigente Scolastico Calogera Genco in collaborazione con il Rotary club Mussomeli “Valle del Platani” ed ha avuto come relatori alte cariche amministrative, militari e distrettuali rotariane.

Il Virgilio nella sua offerta formativa è da sempre sensibile alle attività inerenti le problematiche che affliggono i giovani, come la droga e l’alcool, e da sempre, si è prodigato nel curare l’aspetto non solo didattico ma anche  preventivo in riferimento alle problematiche giovanili molto diffuse nel periodo adolescenziale.

Tale servizio è stato svolto con il supporto collaborativo del SERT (mediante la presenza permanente di uno sportello CIC curato da personale medico-sanitario).

Gli oltre 650 ragazzi dell’istituto sono stati preparati propedeuticamente dai docenti di Scienze Celestino Saia, Angelo Manta e Calogero Sorce, sia da un punto di vista didattico sia da un punto di vista normativo, alla luce dei nuovi disegni di legge in materia di danni a causa di guida di veicoli a due/quattro ruote in stato di ebbrezza o con valori etilometrici superiori a quelli consentiti dalle norme.

Il presidente del Rotary per l’A.R. 2016-2017, Sonja Barba, con l’ausilio del suo Direttivo (Giuseppe Di Carlo, Giuseppe Corbetto, Alfonso Cardinale, Maria Carmela Falletta, Giuseppe Testa, Calogero Ferlisi e  Vincenzo Pavone),  si è prodigata per far arrivare a Mussomeli il camper rotariano del “Distretto 2110 Sicilia – Malta”, “Amico contro l’alcolismo – Vivere il Rotary…cambiare vite”, che si è posizionato  presso il cortile interno della scuola dove, con la consulenza del Dottor Calogero Ferlisi, si è svolta la prima fase dell’attività.

IMG_0578Infatti alcuni ragazzi del biennio, volontariamente si sono sottoposti alla misurazione del tasso etilometrico mediante l’utilizzo di un kit similare a quello utilizzato dalle forze dell’ordine per fare i controlli di routine.

La seconda fase dell’evento si è svolta in auditorium, con la presenza degli alunni del triennio (intorno alle trecento unità).

Qui il presidente del Rotary Sonja Barba ha presentato i relatori e ha sottolineato l’importanza della manifestazione e la disponibilità del club service ad essere vicino e collaborativo con la principale agenzia educativa del territorio: “la scuola”.

IMG_0614Ringraziamenti per la realizzazione dell’evento sono stati fatti dal sindaco Giuseppe Catania che ha evidenziato la sensibilità e la volontà alla partecipazione attiva dell’amministrazione alle attività educative e preventive come quelle organizzate oggi.

Successivamente il Dott. Renato Gattuso (Presidente della commessione distrettuale del Rotary per il disagio giovanile) ha apportato il suo contributo da un punto di vista medico, mostrando attraverso numerose slides  gli effetti devastanti che dell’alcool non solo a livello neurologico ma anche a carico dell’apparato digerente, dalla bocca all’intestino e ai relativi organi annessi come fegato e pancreas.

IMG_0620Il Capitano dell’Arma dei Carabinieri della stazione di Mussomeli, Luigi Balestra, ha sottolineato l’importanza della realizzazione di tali eventi in quanto la conoscenza e la prevenzione devono essere il primo apporto che le agenzie educative presenti nel territorio devono fornire ai giovani.

Pertanto ha ribadito il pericolo rappresentato, non solo per se stessi ma soprattutto per gli altri, da chi guida in stato di ebbrezza che può provocare danni  permanenti o addirittura mortalità alle vittime degli incidenti. Inoltre ha precisato che l’attività di repressione, attraverso verbali o ritiro di patenti , è  inevitabile ma,  al contempo, ogni qualvolta che viene preso un provvedimento, lo stesso rappresenta un insuccesso per l’intera comunità.

Pertanto eventi come quello organizzato devono rappresentare non giornate isolate ma un punto di partenza che deve coinvolgere tutte le agenzie educative presenti nel territorio.

(altro…)

Read Full Post »

Primarie PD Milena

.

Votanti 408 Schede Nulle 4

Read Full Post »

DOPO LA BREXIT SI ANNUNCIANO TEMPI DURI PER GLI EUROPEI RESIDENTI NEL REGNO UNITO

Franco Petraglia

.

In Inghilterra (mia amata terra che mi ha ospitato per circa 10 anni) cominciano a manifestarsi  dolorosi  “mal di pancia” per  gli europei residenti in quel Paese dovuti alla Brexit. Malgrado le assicurazioni ufficiose dei politici anglosassoni, la situazione non è ancora limpida.

Non si  sa ancora se il governo concederà gli stessi diritti di cui gli europei hanno goduto finora.

In attesa di un chiarimento tardivo, molti si affrettano a regolarizzare la loro posizione di residenti ricorrendo a una domanda ufficiale molto complessa che si chiama “Permanent Residence”.

images (7)La vera questione, però, è che molte categorie di cittadini rischiano di essere esclusi, in particolare chi non ha un’attività fissa come studenti, disoccupati, casalinghe etc. Ciò perché c’è bisogno di un’assicurazione medica privata e tantissimi ne sono sprovvisti. Una mia zia residente a Brighton mi riferisce che serpeggia una vera e propria  inquietudine dovuta a questa faccenda.

L’altro problema non trascurabile: il vasto razzismo strisciante antieuropei: persone a cui si nega il mutuo o case in affitto o sentirsi chiedere la “permanent residence “da parte di enti pubblici.

Mi auspico che il Primo ministro britannico, Theresa May, sappia vedere nella giusta luce e, da rappresentante di un Paese civile e di antica democrazia, conceda gli stessi diritti  agli  europei anche dopo la Brexit: per me una scelta infelice fatta dal popolo inglese.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: