Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 23 dicembre 2014

 falsiFalso Natal

.

Doveroso come sempre, ma forse anche più di sempre, l’augurio di un sereno Natale e di un felice anno. Un dovere espresso in questo periodo solo per … coincidenza, ma che sempre sentiamo intimamente poiché ci auguriamo e speriamo che il clima natalizio, non solo quello festaiolo, possa essere sempre presente nei cuori di ognuno di noi.

I colori, gli addobbi, le vacanze, i viaggi, perfino gli odori ed i sapori in questo periodo riescono a coinvolgerci più che in ogni altro periodo dell’anno. L’atmosfera di religiosità, poi, contribuisce ad esaltare quelle sensazioni che proviamo dentro in ogni situazione, in ogni circostanza, in ogni luogo: ci sentiamo più buoni, più propensi a relegare nel dimenticatoio gli affanni fisici e mentali cui ogni giorno siamo costretti dallo stress lavorativo, dalle incombenze familiari, ma anche dalle consuetudini e dalle abitudini del quotidiano. Insomma, il Natale ci entra dentro anche a non essere credenti o praticanti. Il Natale è un’emozione che ci porta a vedere il mondo con colori tenui e rilassanti, è un convincimento che ci libera dai cattivi pensieri a dalle sensazioni sgradevoli, è un atto di volontà che ci aiuta a vivere così come sempre dovremmo.

falsPer Natale riusciamo perfino, argomenti di questi giorni, a fare regalie agli extracomunitari ospitati nelle nostre comunità, a far visita agli anziani, agli ammalati, agli ospiti delle case di riposo. Alcuni espletano l’atto di bontà che il periodo richiede andando a messa, mostrando generosità nella raccolta di fondi per i bisognosi, offrendo cene e/o scambiandosi doni … a Natale.

A Natale … e sì, perché negli altri giorni invece … … … negli altri giorni siamo irriconoscibili, negli altri periodi non abbiamo tempo, nelle altre circostanze dobbiamo pensare ad altro: impegni, interessi, affari, doveri.

Siamo irriconoscibili nel resto dell’anno o lo siamo a Natale?

Certo che se per 360 giorni all’anno ci comportiamo così come d’abitudine (nessun intento di giudicare nessuno!) e poi in quei tre-quattro giorni di Dicembre e, forse, anche in qualche altro breve periodo dell’anno (le cosiddette feste comandate) cambiamo atteggiamento … beh, ci sorge il dubbio che diventiamo altro, ci mostriamo diversi da come effettivamente siamo non quando agiamo normalmente, ma quando operiamo in modo difforme da come facciamo per tutto il resto dell’anno.

falseNon per nulla ci stupiamo se sentiamo che tizio o caio ha dato una certa somma in beneficenza o che abbia invitato 20 poveracci a cena la sera di Natale e non invece quando sappiamo che c’è gente sottopagata, che evade le tasse o ancora gente che truffa.

Ancora una volta le apparenze la fanno da padrona a scapito di un agire sempre corretto, a fronte di un operare al di fuori dei canoni della morale, dell’etica, della giustizia.

L’augurio che vogliamo fare è rivolto a tutte quelle persone che pensano di imbrogliare gli altri, ma probabilmente anche loro stessi, agendo ed operando in un modo quando invece la loro indole, il piacere ed il desiderio vergono in tutt’altra direzione.

falsarÈ un augurio rivolto a chi non ha il coraggio di essere sempre se stesso, a Natale o a Luglio, e cambia atteggiamento e comportamento in funzione del periodo dell’anno, della circostanza, della propria e personale convenienza. L’augurio natalizio lo vogliamo rivolgere a chi si nasconde dietro al dito dell’ipocrisia e della falsità, a chi pensa a una cosa e ne fa un’altra, a chi dice e poi non fa, a chi promette e ripromette e alla fine fa in modo che il risultato sia esattamente il contrario di quanto predicato.

Poco importa se si ha il naso grosso ed aquilino, i capelli crespi, se si è arroganti e presuntuosi, se si è ingordi o attaccati al denaro in maniera morbosa, se si ritengono i beni materiali più importanti degli affetti, dell’onestà, della sincerità, della lealtà.

L’augurio è che tutti si riesca ad essere se stessi sempre.

23 dicembre 2014 ore 16:36

23 dicembre 2014 ore 16:36

Read Full Post »

Ciuccio scalcia zebra

Il Ciuccio vince la Supercoppa

.

nap

di Jacopo Manfredi

 

BENITEZ, INTUIZIONE DE GUZMAN – Se da un lato Allegri è andato sul sicuro varando la formazione-tipo con il ritorno di Bonucci e Pogba e con Vidal preferito a Pereyra nel ruolo di trequartista, sul fronte opposto Benitez, a sorpresa, ha scelto de Guzman al posto di Mertens sulla trequarti e ha preferito Gargano a Jorginho a centrocampo. Due mosse inattese ma che alla fine si sono rivelate determinanti.

E’ SUBITO TEVEZ – Nemmeno il tempo di sistemarsi in campo che la Juve è passata, sfruttando un pasticcio della difesa del Napoli. Su un innocuo lancio lungo, Albiol e Koulibaly si sono scontrati per allontanare la sfera di testa e, involontariamente, hanno lanciato verso l’area Tevez che non si è fatto pregare due volte per mettere a segno il 14° centro stagionale.

220446268-e87a7157-97cd-4e38-a0c3-1bae7ad174c7PALO DI HAMSIK – Il Napoli ha reagito con rabbia ma il palo, su un sinistro dal limite di un vivace Hamsik, gli ha negato l’opportunità di rimettere subito (15′) la sfida sui binari della parità. Gli azzurri hanno insistito, sfruttando le costanti discese a sinistra di Ghoulam e i buoni movimenti degli avanti, ma la Juve non è stata a guardare replicando colpo su colpo grazie, in particolare, agli ottimi spunti in ripartenza di Lichtsteiner e alle sponde di Vidal e Llorente. Ne è venuta fuori una gara divertente con occasioni da ambo i lati. Gli azzurri hanno impensierito Buffon ancora con Hamsik e poi con un destro a giro di Higuain, i bianconeri hanno risposto tenendo costantemente in allerta Rafael con i tiri da fuori di Tevez e Pirlo e con un diagonale di Lichtsteiner.

HIGUAIN, PALO E GOL – Per cambiare passo il Napoli ha atteso l’avvio della ripresa. E dopo aver visto Callejon mancare il bersaglio a tu per tu con Buffon e Higuain colpire un palo con un pallonetto, ha acciuffato l’agognato 1-1 al 68′ approfittando di una Juve non ancora rimessasi bene in campo dopo il cambio deciso da Allegri (Pereyra per Pirlo): de Guzman ha saltato tre uomini sulla sinistra e ha pennellato un cross al bacio per Higuain che di testa ha insaccato da pochi passi.

TEVEZ RIPORTA AVANTI LA JUVE – La Juve ha reagito con la forza e la classe dei numeri uno e il Napoli si è visto costretto a mettersi sotto schiaffo. Solo l’imprecisione di Tevez, Llorente e Vidal hanno consentito agli azzurri di portare la sfida ai supplementari. Qui i bianconeri hanno insistito e, dopo aver sciupato altre 4-5 palle-gol, sono meritatamente tornati avanti al 106′ grazie ad un’altra perla di Tevez, bravo a sfruttare un’azione personale di Pogba.

221648840-1aa138f7-6963-4b77-9a0d-f1c190f1b9f4HIGUAIN, LA ZAMPATA DEL CAMPIONE – Alle corde per mezz’ora, d’incanto il Napoli si è riacceso. Ha mancato due occasioni d’oro con Higuain e Callejon, presentatisi davanti a Buffon, ma alla terza occasione, al 118′, ha fatto centro: su un cross dalla destra di Gargano, “el Pipita” si è scaraventato come un falco e con un bel destro in spaccata ha insaccato regalando agli azzurri i rigori.

PADOIN, ERRORE DECISIVO – Nella lotteria dagli 11 mt Tevez non ha capitalizzato l’iniziale errore di Jorginho spedendo il pallone sul palo. Poi è toccato a Chiellini e Pereyra non approfittare di due prodezze di Buffon sui tiri di Mertens e Callejon. Koulibaly ha ringraziato e al resto ha pensato Rafael compiendo una prodezza su Padoin. E così stasera la festa si fa a Napoli.

JUVENTUS-NAPOLI 7-8 dcr (1-0, 0-1, 0-0, 1-1)

Juventus (4-1-3-2): Buffon 8; Lichtsteiner 6,5 (33′ st Padoin 5), Bonucci 5,5, Chiellini 6, Evra 6; Pirlo 6,5 (21′ st Pereyra 5); Marchisio 5,5, Pogba 7, Vidal 6,5; Llorente 7 (1′ sts Morata 6), Tevez 7,5. (30 Storari, 34 Rubinho, 5 Ogbonna, 7 Pepe, 11 Coman, 12 Giovinco, 38 Mattiello, 41 Romagna): All.: Allegri.

Napoli (4-2-3-1): Rafael 8,5; Maggio 6,5, Albiol 6, Koulibaly 6,5, Ghoulam 7; David Lopez 6 (1′ pts Inler 6), Gargano 6,5; Callejon 5,5, Hamsik 6,5 (33′ st Mertens 5), De Guzman 7 (1′ sts Jorginho 5); Higuain 9. (45 Andujar, 4 Henrique, 5 Britos, 15 Colombo, 16 Mesto, 22 Radosevic, 60 Romano, 91 Zapata). All.: Benitez.

Arbitro: Valeri di Roma 7.

Reti: nel pt 5′ Tevez; nel st 23′ Higuain; nel sts 2′ Tevez. 13′ Higuain.

Sequenza rigori: Jorginho (parato), Tevez (palo), Ghoulam (gol), Vidal (gol), Albiol (gol), Pogba (gol), Inler (gol), Marchisio (gol), Higuain (gol), Morata (gol), Gargano (gol), Bonucci (gol), Mertens (parato), Chiellini (parato), Callejon (parato), Pereyra (alto), Koulibaly (gol), Padoin (parato).
Ammoniti: Higuain, Callejon, Mertens, Pereyra, Albiol, Ghoulam per gioco falloso, Tevez per comportamento antiregolamentare.
Angoli: 8-3 per la Juventus.
Spettatori: 15.000.

 

221648840-f56c6ea3-cf60-4c77-ac9a-b7bc0989f48f

LE PAGELLE

===JUVENTUS===

Gianluigi BUFFON 8 – Da vero fuoriclasse salva il risultato al minuto 111 sulla bordata di Higuain con una parata a mano aperta e sulla fesseria due minuti più tardi di Bonucci. Poi, come se non bastasse, para tre rigori… ma i compagni evidentemente non la vogliono vincere. A quasi 37 anni è ancora lui il vero fuoriclasse della Juventus.

(altro…)

Read Full Post »

McAfee ha stilato un elenco per mettere in guardia i potenziali “allocchi” che potrebbero cadere nella rete dei malviventi

.

Acquisti di Natale su Internet ecco le 12 truffe dei cyber-criminali

Anna Rita Rapetta

.
macIl Natale si avvicina e i cyber criminali si rimboccano le maniche per gli straordinari approfittando della maggiore propensione dei consumatori agli acquisti online. Per fare shopping on line in tutta sicurezza ed evitare fregature è possibile affidarsi all’elenco delle “12 truffe di Natale” del 2013 stilato da McAfee – nota azienda produttrice del famoso antivirus – per informare il pubblico sulle truffe più comuni che i criminali utilizzano durante la stagione delle vacanze per approfittare di quei consumatori che fanno acquisti utilizzando i loro dispositivi digitali.

Grazie a queste truffe, i criminali informatici rubano informazioni personali, guadagnano denaro velocemente e diffondono malware all’insaputa degli utenti.

rubLa prima truffa riguarda le applicazioni pensate per i dispositivi mobili come quelle che utilizzano foto di celebrità o marchi aziendali. La truffa del secolo riguarda i FakeInstaller, ossia quegli installer che fanno credere all’utente di poter inviare sms gratuitamente verso dei numeri a pagamento.
Quante volte vi siete imbattuti in annunci pubblicitari con delle offerte natalizie? Questi sono i primi tra i più grandi fake della rete. La vittima cliccando sui link andrà in contro a spam, virus, malware, trojan e quanto altro ancora. Sulla rete esistono numerosi falsi siti web con offerte di viaggio per coloro che vogliono trascorrere un buon Natale all’estero. State alla larga da questo genere di siti web in quanto richiedono l’installazione di un software o la compilazione di dati personali per la prenotazione.
Altra pericolosa minaccia segnalata da McAfee riguarda le cartoline elettroniche per gli auguri di Natale che spesso celano in esse dei malware, trojan ed altre minacce. Il consiglio: non aprite alcun allegato.

gtaProseguendo troviamo i giochi da scaricare. Se trovate versioni complete di Gta o giochi noti evitate di scaricarli in quanto sono stracolmi di malware.
Se vi arriva una notifica proveniente da un ipotetico servizio che vi avvisa dello stato di una spedizione o acquisto da voi non effettuato, McAfee invita a stare alla larga.

Anche le gift card potrebbero essere un facile modo da parte dei lestofanti per attirare quanti più allocchi possibili. Prima di cliccare su un’offerta esclusiva è meglio pensarci su due volte.

regDurante le vacanze, molti utilizzano gli sms per augurare un buon Natale o un Buon inizio anno. I truffatori sfruttano questo per prelevare dalle vittime il maggior numero di fondi, per cui state attenti agli sms di cui non conoscete il destinatario. Quando volete effettuare delle donazioni assicurarvi che i fondi arrivino realmente a destinazione. Gli innamorati in questo periodo dell’anno sono molto bersagliati dai cyber criminali. Prestate attenzione ad email, messaggi, notifiche e quanto altro riguardante regali, auguri o offerte per un Natale indimenticabile con il vostro partner.

L’ultimo avviso di McAfee è quello di prestare particolare attenzione ai rivenditori online fasulli che promettono di acquistare prodotti e regali di vario genere per un costo inferiore al normale.

Read Full Post »

Lega Nord

Tutti gli ex di Berlusconi, Fini e Alfano che saliranno sul carro di Matteo Salvini al Sud

salviSalvini: “Lega Nord al Sud? Sui riciclati mi affido a padre Pio…”

Matteo Salvini ha appena presentato a Roma il suo sbarco nel centro-sud.

Spiega: “Noi con Salvini è un progetto che si apre a chi non ha mai fatto politica.”.

Con Spalle al Muro per LiberoTv “l’altro Matteo” ha spiegato come farà a evitare di imbarcare i riciclati di mezza Italia.

Salvini sbarca anche a Milena

Salvini sbarca anche a Milena

Si tratta di pesci grossi e anche di piccola taglia.

Come fa ad evitare le infiltrazioni? Sarà difficile che in un curriculum uno scriva: “Sono stato della Banda della Magliana fra il 1980 e il…”, no?

“Intanto la fedina penale noi la chiediamo a tutti. E’ un pre-requisito. Poi chi non ha esperienza politica aderisce fin da subito. Gli eccessivi salti della quaglia non mi appassionano. Quindi se uno ha cambiato due, tre, quattro partiti… noi non saremo il quinto. Se invece arriva il sindaco, il consigliere comunale, il consigliere regionale per bene, della lista civica…”.

Il dibattito nel centrodestra è aperto: Salvini deve essere il nuovo leader dei moderati? Il Cav per il momento dopo averlo incoronato “goleador” del centrodestra ha cercato di fare marcia indietro parlando anche di altri probabili leader nello schieramento del centrodestra. Ma c’è curiosità per capire cosa ne pensano gli elettori moderati di un cambio della guardia nella leadership del centrodestra. Un sondaggio Ixè per Agorà prova a dare una risposta.

(altro…)

Read Full Post »

Al Concerto di Natale

concero natale

Read Full Post »

Iraq, arrestato jihadista italiano: “Occidente, ti distruggo”

.

islam sangueGiampiero F. è italiano, è nato 29 anni fa in Calabria ma cresciuto a Bologna, persona “sensibile e problematica”. E da qualche mese convinto jihadista, scappato in Medio Oriente per combattere insieme ai tagliagole di Al Baghdadi nello Stato Islamico. Prima in Siria, e ora in Iraq, dove è stato arrestato ed è detenuto in una prigione di Baghdad. E’ Repubblica a raccontare la storia di Giampiero il jihadista, vita difficile la cui svolta è avvenuta a sei anni fa a Granada, in Spagna. Prima, da ragazzo a Bologna, si avvicina ai circoli islamici frequentati da giovani maghrebini. Si tratta di “ambienti contigui” alle cellule terroristiche già presenti in Europa.

Il pestaggio in Spagna – Il ragazzo entra in contatto con estremisti attivi, frequenta siti e forum come Sharia4, se ne va in Spagna, vive sulle panchine di Granada da “vagabondo”, come viene segnalato dalle autorità iberiche. Grande, grosso, capelli rasati e barba lunga, da islamico radicale. Nel 2008 una banda di otto ragazzini annoiati lo pesta per strada, procurandogli contusioni curabili in 90 giorni. Quando le autorità lo cercano per comunicargli il risarcimento di 3mila euro, Giampiero si è già dato alla fuga. Va in Turchia, porto franco per tutti gli aspiranti terroristi islamici o per chiunque voglia entrare in Siria per combattere Assad, e a inizio degli anni Dieci arriva il cambio di marcia. In Siria ci entra davvero, combatte, aderisce allo Stato islamico.

imagesEGHSDRMRLe minacce: “Occidente ti distruggo” – Su Whatsapp scrive agli altri compagni di lotta frasi di questo tenore: “E’ iniziata la mia lotta contro l’Occidente predone”, “Occidente ti distruggerò”, “Islam libertà per i popoli oppressi”, “Lottiamo fino alla fine per liberare le terre schiacciate dalla violenza occidentale”. Ora, come detto, è stato catturato in Iraq dall’esercito regolare ed è detenuto a Baghdad. Dall’Italia i parenti sconvolti cercando di difenderlo: “Sono convinta che qualcuno gli abbia fatto il lavaggio del cervello approfittando della sua fragilità, inculcandogli queste idee”, dice una zia rimasta in Calabria. “E’ stato arrestato perché è entrato in Iraq senza visto. Hanno detto che è un terrorista ma lui non c’entra niente con queste cose brutte”, spiega disperato il padre. Quel che è certo è che Giampiero è un “lupo solitario”, spinto alla sua folle missione e “disposto al sacrificio finale” più dalla voglia di riscattare un’esistenza difficile e dall’istinto ribelle che dalla convinzione e dalla fede islamica. Ma sono segnali da non sottovalutare, perché oltre a lui ci sono altri quaranta italiani “convertiti”, pronti a dichiarare guerra all’Occidente. E all’Italia.

Fonte: Libero

Read Full Post »

I am Renzi Cesare

DIVIDE ET IMPERA

Read Full Post »

albero

Read Full Post »

Buon Natale con… Smartband

Smartband

Questi braccialetti hanno lo scopo di tenere sotto controllo l’attività fisica: è particolarmente indicato per persone che praticano regolarmente sport e hanno voglia di monitorare i propri risultati.

bracciali

Costo: a partire da 100 euro – Guardalo qui.

Read Full Post »

1

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: