Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 4 novembre 2014

DA COSI'...

DA COSI’…

moto p

… A COSI’

pmt

IL SOGNO – un paese civile a misura dei cittadini

Pubblicità

Read Full Post »

Un simpatico 4 Novembre

1qassss

Read Full Post »

azzAntigono e il filosofo

Anna Piano

.

Il generale Antigono, che doveva succedere ad Alessandro il Grande ed ereditarne il potere, aveva alla sua corte un filosofo, che un giorno gli chiese del denaro. Si trattava solo di una dracma, ma Antigono rispose così alla richiesta:

Non te la do perché sarebbe troppo poco per un grande condottiero come me”.

“Dammi allora un talento” rispose il filosofo, ben felice di poter chiedere di più.

“Neppure per sogno – replicò allora Antigono – ciò sarebbe troppo per un filosofo!”.

 

i 1000 migliori ANEDDOTI UMORISTICI

Read Full Post »

Empatia

Empatia

di Briciolanellatte

.

chrysanthemumAmedeo varcò il cancello del cimitero con l’aria di dover chiedere il permesso. Dal bouquet che portava in mano, un crisantemo si era staccato dagli altri piegando la corolla a guardare il ghiaino del viale. Era la prima volta che andava a far visita al padre e si sentiva impacciato. Li avevano separati dieci anni di incomprensioni e silenzi, ma ora la sua morte aveva livellato ogni contrasto come la pioggia torrenziale sa fare sulla terra di un campo appena arato.
Fece fatica a trovare il loculo; il cimitero era grande ed era diviso in ali, reparti e sezioni e, per giunta, su piani. Poi lo rinvenne, dietro a un angolo davanti al quale era passato più volte, proprio in faccia a quel mare che il padre aveva tanto amato, una macchia prepotente di blu come l’infinito di un sogno.
Cambiò diligentemente i fiori e si pose davanti alla piastra di marmo con le mani raccolte l’una nell’altra. Avrebbe voluto pregare e invece continuava a leggere su quella lastra il nome e il cognome, l’anno di nascita e quella di morte.

Avrebbe voluto dire o pensare qualcosa e invece osservava i fiori sbilenchi che dondolavano in un equilibrio instabile. Del resto non aveva saputo dirgli granché quando ancora era in vita e ora era sopravvissuta solo la frustrazione per una sorda incomunicabilità che lo aveva reso arrendevole e inerme. Il silenzio parlava per lui, un bel silenzio sussurato, un balsamo per la mente. Le foglie del pioppo tremulo, che in mezzo al giardino abbracciava con la sua ombra quella dei morti, si muovevano senza frusciare; il vento attraversava i suoi rami come poteva fare tra i capelli di una bella signora ammutolita da pensieri irraggiungibili e da un rancore mal coltivato per anni.

Ma di colpo, sorpreso lui per primo, Amedeo cominciò a parlare come non aveva mai fatto. Le parole gli uscirono di getto, inarrestabili, velenose. Erano parole vigliacche, urlate e disperse nel vento indifferente perché più leggere della luce del sole. Poi, come aveva iniziato, smise all’improvviso, ponendosi ancora una volta in disciplinata attesa. E fu allora che avvertì alcuni colpi alla lastra.
Istintivamente fece un passo indietro e alzò davanti a sé le mani come per proteggersi. I colpi si fecero più insistenti fino a quando l’apertura in plastica alla sua sinistra saltò nel vuoto roteando sulle piastrelle, alzando soffici piumini di pioppo. Dal loculo uscì strisciando un signore, sui sessant’anni, vestito con una t-shirt a righe larghe rosso e azzurro e un paio di jeans bluette. Una volta fuori, si levò in piedi con un certa agilità, dandosi una ripulita.
«Questo è un cimitero, sa? È un luogo di silenzio e preghiera. Ha finito con il suo comizio?» gli chiese con aria non troppo severa. Amedeo non riusciva a parlare. Si accorse che aveva gli occhi sbarrati e i denti stretti mentre l’uomo davanti a sé stava raccogliendo con solerzia il giornale da terra e la propria borsa.
«Cosa… cosa ci faceva là dentro?» gli domandò Amedeo.

(altro…)

Read Full Post »

Ma come aprire le uova sode?

.

Certamente il modo più tradizionale è quello di attendere che si siano leggermente raffreddate in modo tale da non scottarsi le dita e procedere pian piano alla rimozione del guscio. Attenzione però perché esistono una serie di piccoli accorgimenti e di piccoli trucchi per sbucciare le uova sode in modo diverso. Siete curiosi di sapere come sbucciare le uova sode con un solo gesto?

Ecco come fare: è davvero semplicissimo.

Dovrete prendere il vostro uovo sodo, poi sistemarlo su un tavolo e con il palmo della mano schiacciatelo portandolo avanti e indietro. Vi sembrerà bizzarro e forse strano, ma con questo semplice e unico gesto avrete sbucciato il vostro uovo. Non vi resterò che togliere il guscio e gustarvelo!

Read Full Post »

gomma2

Brooklin ha un ponte di gomma?

zap&ida

 

Read Full Post »

Occhio al vigile

imagesCAUFENXO

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: