Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 2 luglio 2014

Lamentele per la refezione scolastica

.

minoranzaI cinque consiglieri comunali di Milena in Comune Ingrascì Concetta, Palumbo Gioacchino, Pellegrino Rosalba, Provenzano Rosa, Virciglio Giuseppa, hanno interrogato il Sindaco, la Presidente del Consiglio comunale e il Segretario comunale sui disagi nella refezione scolastica e chiesto se l’amministrazione comunale ha in programma la sostituzione dell’attuale sistema di gestione che è stato dimostrato essere inadatto e inadeguato.

In una lettera il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Milena e Campofranco in data 05.03.2014 aveva segnalato l’esistenza di molte, e reiterate disfunzioni nell’erogazione del Servizio, lamentate dai docenti e dai genitori degli alunni.

MENSASette giorni dopo c’era stata una nota di riscontro con la quale si cerca di giustificare gli inconvenienti evedenziati. Senza però mettere a tacere le voci che le famiglie interessate all’erogazione del servizio mensa, per le classi della Scuola dell’Infanzia, della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di I gr. vengono penalizzate dal fatto di sostenere il costo del ticket mensa, e dal ricevere in cambio un pessimo servizio.

milena-in-comune2Pertanto il Gruppo Consiliare Solidarietà Sviluppo e Legalità ritiene che il Servizio di mensa scolastica per il prossimo anno scolastico andrebbe rivisto, ripensato, migliorato e finalizzato al raggiungimento di quei livelli minimi di accettabilità da parte dei fruitori.

In conclusione chiede di conoscere ed interroga per conoscere se l’amministrazione comunale ha in programma la sostituzione dell’attuale sistema di gestione che è stato dimostrato essere inadatto e inadeguato.

(altro…)

Pubblicità

Read Full Post »

Quelli che ci mettono la faccia e quelli che la nascondono

.

v1

QUELLI CHE NASCONDONO LA FACCIA…

Come al solito gli agenti di polizia scendono in strada per punire gli autisti che non rispettano i limiti di velocità.

C’è chi lo fa con senso del dovere senza alcun interesse se non il rispetto del codice della strada e la prevenzione di gravi incidenti, rispettando per primo le regole e c’è chi invece viene mandato dal datore di lavoro a tendere agguati agli autisti con il solo scopo di riempire le casse comunali.

Ieri mattina sulla scorrimento veloce che da Agrigento porta a Palermo c’era una (la solita) pattuglia di vigili urbani poco oltre il bivio di Campofranco “imboscata” come facevano i banditi di una volta. Due vigili urbani (fuori dalla loro urbe), nascosti e non bene in vista come prevede la legge. Fatta la foto agli ignari autisti, poi la mandavano a domicilio con l’ingiunzione a pagare. La foto che pubblichiamo può essere usata a far eventuale ricorso in quanto quei due vigili non erano posizionati su strada ma ben nascosti lontano dalla carreggiata.

imagesONKO0I36

… E QUELLI CHE NON LA NASCONDONO

Sulla stessa strada a scorrimento veloce (non comunale), al bivio di Bolognetta, bene in vista c’era un’altra pattuglia composta da due agenti della Polizia Stradale. Uno dei due stava puntando con il telelaser le vetture che procedevano più veloci delle altre.

Ci piace pensare che accertata la violazione del limite di velocità, se possibile, il collega del “puntatore” possa aver fermato il conducente per contestargli in diretta l’infrazione.

Ma se anche la multa arrivasse dopo per posta, cambierebbe poco e niente perchè quella pattuglia stava facendo il suo dovere senza nascondersi come dei banditi e senza l’interesse a spillare quattrini  per arricchire il comune di turno alla gente che non sopporta questo modo vigliacco di agire, ma è scoraggiata a reagire per la laboriosità dei ricorsi che comportano perdita di tempo e denaro.

I signori prefetti, se a conoscenza di questi episodi di imboscamento segnalati, potrebbero intervenire per richiamare sindaci e poliziotti municipali al rispetto delle regole? E i politici potrebbero fare una legge di un solo rigo togliendo dalle mani dei sindaci e dei loro vigili questa arma iniqua, limitando il loro raggio di azione alle strade del proprio territorio comunale?

Read Full Post »

Commerciante condannato per calunnia

v. p.)

.

sottileAveva accusato il compaesano Paolino Di Marco di essersi impossessato di quattro panchine di ghisa, ma quell’accusa era risultata infondata ed ora il giudice monocratico Marco Sabella ha condannato il commerciante Denis Sottile a 1 anno e 4 mesi per il reato di calunnia.

Nel settembre 2012 Sottile denunciò di avere subito il furto di quattro panchine dal suo esercizio commerciale, ma era venuto a galla che quelle panchine erano state cedute regolarmente ad Eugenio Di Marco (fratello di Paolino) per il pagamento di un debito e poi Eugenio le aveva affidate al fratello in attesa di trovare uno spazio dove collocarle.

La Procura ha chiesto il minimo della pena per Sottile, mentre il legale di parte civile di Paolino Di Marco, l’avvocato Giuseppe Dacquì ha chiesto la condanna ed il risarcimento danni, concesso dal giudice.

L’avvocato difensore Francesco Caltagirone aveva insistito per l’assoluzione e presenterà appello.

Read Full Post »

1904059_10203050218489189_9067310933620430266_n

Milena 31 Maggio Festa alla Madonna di Lourdes al Villaggio Cesare Battisti

Read Full Post »

images6ZSJ3IM7

 

Read Full Post »

Il Sap denuncia: “Cinque poliziotti con la Tbc dopo gli sbarchi”

.
tbc

“Cinque poliziotti in servizio a Catania sono risultati positivi al test di Mantoux che attesta la presenza di infezione tubercolare e quindi di Tbc: tutto questo perché il ministero dell’Interno e il dipartimento della Pubblica sicurezza hanno tenuto nascosto, per circa venti giorni, il fatto che durante
uno degli sbarchi di immigrati avvenuto i primi di giugno è stata riscontrata la presenza di infezione Tbc in uno degli stranieri”.

È quanto denuncia il Sap, sindacato autonomo di Polizia, che sta valutando “azioni giudiziarie a tutela del personale in divisa e dei propri iscritti”.
Spiega il segretario generale del Sap, Gianni Tonelli: «tra maggio e giugno sono sbarcati al porto di Catania circa 2.659 immigrati. Tutti i servizi sono stati effettuati dai poliziotti senza adeguata profilassi preventiva, senza protezione individuale e senza una cabina di regia da parte della prefettura, che nei fatti ha lasciato tutti allo sbando”.

imagespolE “in uno di questi sbarchi, esattamente quello avvenuto ai primi di giugno, è stata accertata la presenza di
un soggetto affetto da Tbc”.

Il Sap accusa: “Per oltre venti giorni c’è stato silenzio assoluto da parte della nostra amministrazione; poi, tutto il personale impiegato in quei servizi è stato sottoposto al test di Mantoux, che ha riscontrato la presenza di una infezione tubercolare latente. La questura di Catania ha informato i colleghi interessati, 5 persone, che ci sarebbe voluto un mese per fare le analisi oppure avrebbero dovuto provvedere in proprio. Uno scandalo, una vergogna
senza fine», denuncia Tonielli che annuncia: “La prossima settimana incontrerò il ministro dell’Interno Alfano, al quale chiederò spiegazioni”.

Read Full Post »

INAUGURAZIONE CASA DELL’ACQUA A MONTEDORO

vallonewebtv

.

montedoroIl Comune di Montedoro, nell’ottica dell’aumento dei servizi alla comunità, inaugurerà la prima Casa dell’Acqua della provincia di Caltanissetta lunedì 4 agosto alle ore 19.00, in Piazza Europa.

Realizzata e gestita dalla Eco.Bio.Geo S.r.l.s, in collaborazione con Cillichemie di Milano, la moderna fontana di Piazza Europa sarà a disposizione di tutti i cittadini che vogliono riappropriarsi di un bene prezioso a costi ridotti. Infatti l’acqua, disponibile tutti i giorni, 24 ore su 24, sarà refrigerata, filtrata, igienizzata e disponibile anche in versione gasata al costo di soli 5 centesimi al litro.

caIl progetto voluto fortemente dal vicesindaco Renzo Bufalino avrà, pertanto, oltre agli indubbi vantaggi economici per chi decide di bere acqua erogata dalla fontana – si calcola un risparmio di € 250 l’anno per famiglia rispetto all’acquisto in bottiglia – contribuirà a promuovere il concetto di “mondo sostenibile” e a proteggere l’ambiente, riducendo il consumo e lo smaltimento di rifiuti plastici.

Si potrà prelevare l’acqua attraverso l’uso di una card magnetica ed inoltre saranno previste delle fasce orare “premium” (dalle ore 5.00 alle ore 7.00 e dalle ore 22.00 alle ore 3.00) in cui la fontana erogherà 1lt di acqua liscia gratis.

Con l’inaugurazione della Casa dell’Acqua Montedoro conquisterà un altro primato: sarà il più piccolo comune della Sicilia a disporre di una “fonte a km 0”.

Read Full Post »

Festeggiata Maria Di Prima

 E’ in pensione: festeggiata la maestra Maria Di Prima ora farà la catechista

Festa grande, lo scorso sabato sera a Montedoro, per celebrare il pensionamento della maestra Maria Di Prima, insegnante della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Milena e Campofranco. Proprio lei ha voluto condividere con amici e colleghi il coronamento della sua carriera scolastica spesa in gran parte a Bompensiere, dove il suo impegno ha avuto i maggiori frutti nelle generazioni di giovani che oggi, da adulti, e sono tanti, la ringraziano per l’esempio e i suoi insegnamenti di vita.

IMG_2866

Non potevano mancare gli aneddoti e i ricordi della sua attività didattica svolta con passione e senza risparmio di energie né di tempo.

“Gli alunni e i colleghi che hanno avuto la fortuna di incontrarla – hanno chiosato le colleghe – hanno individuato in lei un punto di riferimento saldo e una fonte di saggezza e di esperienza vissuta. Ciò è emerso anche dalle parole della collega Brigida Diliberto che ha evidenziato le peculiarità di Maria, definendola “insegnante instancabile e responsabile efficiente per diversi anni del plesso di Bompensiere.

Il dirigente didattico prof Giuseppe Morreale ha avuto parole di apprezzamento per la maestra-mamma che si è distinta per le sue qualità professionali ed umane. Con lui c’ erano presenti anche i dirigenti in pensione prof. Vincenzo Nicastro e Carolina Taibi di Campofranco che hanno onorato con la loro presenza la maestra Maria.

Alla neo pensionata Maestra Maria è arrivato il messaggio corale ed augurale di tutte le colleghe, ”affinché possa ancora per tanti anni allietare e arricchire il cammino di tutte le persone che incontrerà nella sua vita da mamma, nonna, amica e, non ultimo, da catechista dei giovani della sua Montedoro”.

 

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: