Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 26 settembre 2013

Niscemi ricorda Maddiona

di Alberto Drago
.
laicl0707a3520130924clE’ stata caratterizzata dall’armonia e dai valori dell’amicizia, della pace, dell’integrazione e della solidarietà la serata musicale siculo-araba intitolata “Scirocco d’amore” che si è svolta presso l’auditorium del Centro “Totò Liardo”, organizzata dai Rotary club di Niscemi (presidente la dottoressa Rosanna Piazza) e di Grammichele (presidente la dottoressa Adriana Privitera).

Tra gli artisti dell’orchestra che si è esibita con note musicali, poesie e canti intrecciati di cultura araba e sicula e che sono state parecchio apprezzate dai 360 spettatori intervenuti alla serata, Aymen Mabruk (voce narrante araba), Stefania Corallo (voce narrante italiana), Kabir Gaztouh (liuto arabo) e Lorenzo Leone (tamburello siciliano e voce).

Nella seconda parte della serata si è esibita tre volte Olfa Chebi, danzatrice del ventre.

Davide Middiona

Davide Middiona

E’ stato anche ricordato il maestro di musica Davide Maddiona, scomparso prematuramente a 46 anni il 3 agosto scorso, il quale doveva essere uno dei protagonisti della serata.

Dirigeva il gruppo “il Piccolo Palco “, si rapportava con i piccoli allievi con l’amore di padre e di guida saggia.

Maddiona è stato ricordato da Maurizio Vicari, dal maestro Rosario Spina che si è esibito alla tastiera e da Totò Pepi che ha dedicato alla memoria una canzone.
Durante la serata si è esibita con due brani al violino anche Monica Maddiona, figlia del compianto maestro Davide. All’insegnante Paola Milazzo, moglie del maestro Davide Maddiona, è stato donato un foulard del Progetto “I pupi” per la lotta contro la Talassemia in Marocco, promossa dal Distretto Sicilia-Malta.

Pubblicità

Read Full Post »

MML sbarca su Facebook.

Pubblicheremo le cose più interessanti senza riferimenti privati.

.

by angelo falletta

by Angelo Falletta

by Anna Fabiola Palumbo

by Anna Fabiola Palumbo

Read Full Post »

Perdere la linea!

Olè! Alici spagnole a buon mercato!

.

aliciBernabè: “Telecom, io non sapevo

In Senato il presidente dell’azienda dice di aver appreso del riassetto Telco dai comunicati stampa.

Il Tesoro valuta le alternative, dopo l’accordo con cui Telefonica sale al 65-70%. Il titolo stamattina scende in borsa. Paese in saldo.

Rapporto sulla competitività in Europa: peggiorano solo Italia e Finlandia di W. GALBIATI e L. PERTICI

IL NUOVO DESIGN

(altro…)

Read Full Post »

Balotelli, il Milan pensa allo psicologo

.

Milan disperatoVuol mandare Supermariodallo strizzacervelli

Il trend è preoccupante. Perchè se è vero che Mario Balotelli e i cartellini gialli sono andati di pari passo fin dall’inizio della carriera calcistica di Supermario, 5 gialli e un rosso dopo quattro giornate di campionato rappresentano un record anche per lui.

Oltrettutto, l’uno-due rifilatogli dall’arbitro Banti domenica sera al termine di Milan-Napoli è costato all’attaccante rossonero ben tre giornate di squalifica, cosa che gli impedirà (in attesa del ricorso della società di via Turati) di giocare la difficilissima sfida previstra tra un paio di settimane a Torino con la Juventus.

In totale, in sei stagioni al massimo livello giocati tra Serie A (Inter e Milan) e Premier league inglese (Manchester City), Balotelli si è beccato 60 cartellini gialli e 6 rossi, per un totale di 24 giornate di squalifica (pari a un girone e mezzo di camionato fuori per squalifica). Qualcosa bisogna fare.

E la misura estrema potrebbe essere quella dello psicologo. Le squadre degli Allievi e della Primavera del Milan hanno infatti a disposizione un ‘tutor’ che si occupa degli aspetti comportamentali dei ragazzi. E visto che Balotelli continua a dimostrare una maturità non superiore a quella di un brufoloso sedicenne con turbe adolescenziali, manie di persecuzione e una tendenza preoccupante alla rissa, non è escluso che venga individuata una figura analoga anche per lui.

Fonte Libero

Read Full Post »

Alleati in guerra (tra loro)

capoULTIMATUM AL PD

.

Se Berlusconi decade,
Pdl e Lega si dimettono

.

I parlamentari azzurri dicono sì per acclamazione: subito dopo il voto in giunta sul Cavaliere, lasciano. E così i leghisti.

Epifani: “Irresponsabili”. Saccomanni: “Letta non cade”.

 

Read Full Post »

Una targa per commemorare due giudici

.

2013-09-26-10-26-33Questa mattina a Canicattì sono stati commemorati i giudici Rosario Livatino e Antonino Saetta e il figlio uccisi dalla mafia uccisi in due barbari agguati.

Livatino venne ucciso il 21 settembre del 1990 sulla SS 640 mentre si recava, senza scorta, in tribunale, per mano di quattro sicari assoldati dalla Stidda agrigentina, organizzazione mafiosa in contrasto con Cosa Nostra. Del delitto fu testimone oculare Pietro Nava, sulla base delle cui dichiarazioni furono individuati gli esecutori dell’omicidio.

liv2Saetta fu assassinato, insieme con il figlio Stefano, il 25 settembre 1988, sulla strada Agrigento – Caltanissetta, di ritorno a Palermo, dopo avere assistito, a Canicatti, al battesimo di un nipotino. Nel periodo 1985-86, fu Presidente della Corte d’Assise d’Appello di Caltanissetta ed è qui che si occupò, per la prima volta nella sua carriera, di un importante processo di mafia, quello relativo alla strage in cui morì il giudice Rocco Chinnici, e i cui imputati erano, tra gli altri, i “Greco” di Ciaculli, vertici indiscussi della mafia di allora, e pur tuttavia incensurati. Il processo si concluse con un aggravamento delle pene e delle condanne rispetto al giudizio di I’ grado. Antonino Saetta poi a Palermo presiedette il processo relativo alla uccisione del capitano Basile, che vedeva imputati i pericolosi capi emergenti Vincenzo Puccio, Armando Bonanno, e Giuseppe Madonia.

(altro…)

Read Full Post »

elaborate da cinque giovani professionisti le tracce per tg e format televisivi

Le sigle di Inter Channel made in Caltanissetta

di valerio martines
.
Totò Venti, Laura Gruttadauria, Francesca Mugavero, Ornella Matraxia e Silvio Zaami

Totò Venti, Laura Gruttadauria, Francesca Mugavero, Ornella Matraxia e Silvio Zaami

Quelli che fanno il tifo per altre squadre o non seguono il calcio, ma lavorano per Inter Channel – la tv nerazzurra di Sky – oh yeah!
Non vedrete la dicitura “Made in Caltanissetta” ma c’è tutto il talento di casa nostra nelle tracce audio, comprensive di musiche ed effetti grafici, che sono già andate in onda sul canale 232, debuttando durante il prepartita Inter-Juventus e venerdì durante Drive Inter con ospite Javier Zanetti.
Quattro sigle selezionate che hanno ottenuto il “via libera” dalla produzione di Inter Channel che lo staff della “MarcoPolo Servizi” di Caltanissetta ha realizzato per il Tg sportivo, per il Countdown del prepartita, per la trasmissione settimanale Mondo Inter e per Drive Inter, un format settimanale.
Dietro questo lavoro che abbina occhio&orecchio ci sono notti insonne, nervi tesi ma soprattutto volti, esperienze e qualifiche: Totò Venti, project media manager che ha elaborato i contributi audio della durata massima di 25 secondi conciliando i canoni di Inter Channel, lo standard di messa in onda su Sky e altre caratteristiche, affiancato dal resto del team composto da Laura Gruttadauria (responsabile relazioni esterne), Francesca Mugavero della direzione commerciale, Ornella Matraxia in veste di responsabile finanza agevolata e Silvio Zaami, che ha gestito la direzione artistica.

ic150x200La partnership tra questo gruppo di giovani professionisti nisseni e l’Inter rappresenta un asse di ferro che avvicina Milano a Caltanissetta, perché di fatto la “MarcoPolo Servizi” diventa la media-factory di riferimento per la stagione appena iniziata. Un partner in più su cui contare per il presidente nerazzurro Massimo Moratti.
Per ciascuna realizzazione, i ragazzi della MarcoPolo Servizi hanno prodotto anche 10 stesure.
Fra le miriadi di proposte ricevute, il regista di Inter Channel ha scelto proprio l’orecchiabilità e l’impostazione delle sigle elaborate dai nisseni, seguendo la linea di restyling dell’immagine da dare al canale. Bingo. Quelli che nonostante il talento e la creatività spesso non sono apprezzati in patria e che riescono a farsi valere fuori da qui, doppio oh yeah!

.

Tentano furto al bar di Anghillà quattro banditi armati di flex ma non sfondanoil vetro blindato

.

LaICL030342720130925CLHa toppato la banda che la notte scorsa ha tentato di svaligiare il bar On the Run dell’area di servizio Esso in contrada Anghillà, lungo la bretella autostradale e già preso di mira altre volte.
Un colpo studiato a tavolino da una banda di professionisti, considerato che era arrivata ben equipaggiata e che aveva preso tutte le precauzioni per non farsi scoprire.
Il raid è stato messo a segno intorno alle 3, orario in cui le telecamere di sorveglianza hanno filmato i banditi incappucciati e con guanti mentre, armati di flex, hanno tagliato la saracinesca nel punto in cui v’è inserito il lucchetto e sfondato il vetro blindato della porta, ma senza riuscire ad abbatterlo.
Un ostacolo che ha impedito di fare irruzione nella caffetteria e rubare sigarette, tagliandi gratta&vinci e altra merce esposta. È ipotizzabile che la banda inizialmente abbia tentato di entrare nel locale accedendo dalla toilette, perchè sono stati trovati segni di effrazione sulla porta esterna.
Quando è scattato l’allarme, sono intervenuti i carabinieri del Nucleo operativo Radiomobile che hanno allertato il titolare, Vincenzo Arnone, che in passato ha subìto altre incursioni ladresche.
Gli investigatori dell’Arma hanno acquisito le immagini registrate dall’impianto di sorveglianza che ha inquadrato i quattro ladri in azione e le modalità con cui hanno tentato di compiere il rififì, cautelandosi di coprire il volto e le mani per non lasciare impronte digitali. Video che ora sarà esaminato con più attenzione dai carabinieri.

Read Full Post »

LaIPCL10183720130923CLTarga commemorativa a Biangardi

.

La manifestazione «La cultura illumina la città» ha coinvolto anche il quartiere anta Croce. Nell’occasione è stata collocata una targa commemorativa a Biangardi in via Re d’Italia e la corona d’alloro (in passato trafugata) sulla colonna del busto del maestro Michele Tripisciano sito nell’omonima piazzetta.

LaIPCL118o3720130923CL«Un bell’esempio, oltre alla partecipazione del sindaco Michele Campisi, lo hanno dato i partecipanti – dice Giacomo Tuccio, presidente del comitato di quartiere -.

Un gran numero di persone, ha preso parte alla manifestazione.

Il Comitato Santa Croce ringrazia l’amministrazione comunale anche il ceto dei Marmisti e il maestro Fiocco per la realizzazione della targa commemorativa».

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: