Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 20 settembre 2013

MML vale 5 Milioni !

imagesCAAFG137imagesCAW4Q38R

mmlr

5 MILIONI DI VISITE GIOVEDI’ 19 SETTEMBRE 2013 ORE 20:21

mml

Numero di visite negli ultimi 365 giorni. In bianco le “poche” nazioni non ancora raggiunte da MML. Un traguardo che nessuno si sarebbe mai sognato possibile.

SCOPRI I POST PIU’ LETTI!

(altro…)

Read Full Post »

kyengeBasta Cecile !

di Giancarlo Castoldi

.

Io non sopporto più il ministro Kyenge. E non c’entra nulla il colore della pelle, potrebbe essere verde, azzurra, non è certo questo il problema. E’ quello che dice.  Adesso dall’estero dove si trova, immagino per un viaggio dovuto alla sua funzione istituzionale, si lascia andare a dichiarazioni nelle quali dice che gli italiani non sono razzisti, hanno la memoria corta vanno rieducati, perchè non si ricordano che anche gli italiani sono stati emigranti.

Certo gli italiani sono stati migranti, ma il paragone finisce nella parola “migranti”.

famiglia_italiana_emigrantiGli italiani non sono stati protagonisti di una invasione di massa incontrollata di un altro Paese. I migranti italiani del Veneto, del Piemonte, del Friuli e in gran parte anche quelli provenienti dalle regioni meridionali sono andati in America o in Australia con flussi programmati e controllati e non su barconi. Venivano sottoposti a rigide regole che rispettavano. Non invadevano le piazze dei centri storici sdraiandosi nullafecendo sulle panchine a spiluccarsi con le mani i piedi nudi. Non spacciavano, non scippavano, non rendevano la vita impossibile agli autoctoni. Non occupavano ogni sacrosanto giorno le pagine di cronaca nera con le loro imprese.

Ma la signora dove vive? Li vede i telegiornali? Conosce la percentuale di extracomunitari che affollano le carceri italiane e che sono la casua primaria del sovraffollamento?

.

pmQuando l’emigrazione non era selvaggia

di Miranda Remini

.

Cecile Kyenge: la ministra neanche dalla Colombia smette di parlare, più che parlare, di dire stupidaggini.

Ora attacca l’Italia della quale è minIstro dell’attuale governo, dichiarando che “ha la memoria corta”. E’ vero che è giovane ma, se si prendesse la briga di leggere qualche libro di storia, saprebbe che gli italiani che sono andati in America dovevano avere un connazionale che garantiva per loro; arrivati in America erano messi per 40 giorni sotto osservazione sanitaria. Bene faceva l’America a comportarsi in quel modo, non come da noi che arrivano a migliaia e dei quali non sappiamo nulla, di dove provengono, come si chiamano, quanti anni hanno, qual è il loro vissuto.

Read Full Post »

https://milocca.wordpress.com/2013/09/13/istigati-a-delinquere-dal-pm/

Quei quattro carabinieri non erano doppiogiochisti

Valerio Martines

.

mlloNessuna collusione con i clan Cenicola-Riggi di Lucera, nel foggiano, al punto da depistare le indagini su di loro. Risultato: tutti assolti con formula piena.

«Il fatto non sussiste» ha deliberato in camera di consiglio la Corte d’Assise di Foggia, che ieri ha scagionato il maresciallo aiutante dei carabinieri Giuseppe Sillitti, nisseno di 46 anni, e i suoi colleghi Luigi Glori, Michele Falco e Giovanni Aidone, ritenuti estranei a vario titolo dalle accuse di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati, favoreggiamento aggravato, estorsione e minacce.

Innocenti per i giudici, colpevoli invece per il pubblico ministero Alessio Marangelli che aveva chiesto la condanna di tutti i militari dell’Arma finiti sotto processo, sollecitando 6 anni di reclusione per il maresciallo Sillitti.

marangelli_seccia14062011I quattro carabinieri erano in servizio al Nucleo operativo di Lucera e un anno fa vennero incriminati nell’inchiesta “Reset” con accuse infamanti insieme a boss e gregari. Ma è stato il Tribunale del Riesame di Bari, e poi la Cassazione, ad annullare le ordinanze di custodia cautelare al sottufficiale di Caltanissetta e ai suoi colleghi, rimettendoli in libertà per mancanza di gravi indizi. Giuseppe Sillitti rimase detenuto per 23 giorni nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere e successivamente fu reintegrato in servizio alla Compagnia di Foggia, dove attualmente è effettivo. «È la fine di un incubo, ero sicuro che la mia innocenza e quella dei miei colleghi sarebbe stata dimostrata com’era già evidente fin da subito», s’è limitato a dire Sillitti, commosso quando il presidente Antonio De Luce ha letto il dispositivo che lo tirava fuori dal tunnel giudiziario in cui era piombato.

(altro…)

Read Full Post »

rotazione

17575 Concordia 3 KS

Read Full Post »

Centro diabetologia pediatrica promosso a livello regionale

di Valerio Cimino

Il dott. Alfonso La Loggia

Il Centro di diabetologia pediatrica dell’Azienda sanitaria di Caltanissetta è stato individuato dall’Assessore regionale per la salute quale centro di riferimento regionale per le province di Agrigento Caltanissetta ed Enna. Il centro, diretto dal dott. Alfonso La Loggia, è l’unico dei quattro a non far parte di una struttura ospedaliera a dimostrazione dell’altissimo livello di professionalità raggiunta. Gli altri centri sono nel Policlinico V. Emanuele di Catania (CT-SR-RG), nel Policlinico Martino di Messina (ME) e nell’Ospedale dei bambini “Di Cristina” di Palermo (PA-TP).

Vi sono diverse forme di diabete. Quella di tipo 1 è la forma più frequente in età pediatrica per la quale si prevede, entro il 2020, un aumento del 70% dell’incidenza nella fascia di età fino a 14 anni e un raddoppio in quella da 0 a 4 anni a causa della brevità dell’allattamento al seno, di svezzamento precoce, stress, pubertà anticipata, iperalimentazione, ecc.

imagesCA85JG1FIn provincia i minorenni diabetici che fanno uso di insulina sono 97 (54 maschi e 43 femmine) su un totale regionale di 1.658, mentre solo 7 fanno uso di antidiabetici orali (4 maschi e 3 femmine) su un totale regionale di 388 giovani pazienti.
Il diabete di tipo 2 è meno diffuso e colpisce soprattutto adolescenti obesi. Altre due forme, il diabete Mody (Maturity Onset Diabetes of the Young) e quello neonatale sono molto rari.
La nuova rete per la diabetologia pediatrica comprende anche un livello “base” curato dai pediatri di libera scelta e un livello “specialistico” che, insieme, hanno l’obiettivo di garantire una normale qualità e quantità di vita, di prevenire le complicanze acute e croniche.

Read Full Post »

PIERO PELU’ DEMOLISCE MATTEO RENZI

da contro*corrente

.

CLAMOROSO messaggio del cantante Piero Pelù su Facebook. Lo riportiamo di seguito. Vedere per credere…

Dalla pagina Facebook ufficiale di Piero Pelù. Il cantante ha condiviso questo messaggio, mandando in visibilio i Fan:

schermata380 MATTEO RENZI, il sindaco più latitante della storia di Firenze, ora si sente la vittoria in mano per le prossime imminenti elezioni politiche nazionali, è riuscito con perseveranza certosina e promesse fantascientifiche a mettere tutti d’accordo all’interno di quel buco nero della politica che è il P.D. (non è l’acronimo di una bestemmia ma ci si avvicina molto), anche il volpone D’Alema si sta inchinando al nuovo che avanza.

Bene, aria nuova o aria fritta?1236238_588406811223904_184452628_n Il rampante Renzi sa bene di politica fatta all’italiana ma soprattutto sa benissimo cos’è il marketing applicato ad essa (da buon berluschino altro non può fare) e così quando arringa il suo fan club ai comizi o va in tivvù fa il toscanaccio con la lingua biforcuta, diventa tagliente, fa “impazzire” il povero Vespa, c’ha una battuta per tutti, risulta simpatico e coinvolgente. La massa forse gli sta credendo davvero e lo voterà, come leader dell’amorfo P.D. lo voteranno sia da destra che da sinistra.

“Asfalteremo il PDL!!!” è una delle sua ultime chicche riprese da qualsiasi massmedia italiano. Bene Matteo asfaltali tanto stanno alla frutta, ma allora asfalta pure tutti i mafiosi che ci stanno attaccati come sanguisughe da 60 anni, asfalta tutti i massoni che in quanto a lobbismo marcio non sono secondi a nessuno, asfalta tutti quelli come Marchionne, asfalta le lobby farmaceutiche, asfalta gli spacciatori in giro ad ogni anglo di strada, asfalta chi gli dà la roba da vendere, asfalta anche quello che ora non mi viene in mente così magari mi stupisci per una volta.

Ma siccome so che non asfalterai niente e nessuno di queste voci (con calma capiremo il perchè) allora come cittadino\contribuente di Firenze ti chiedo se, finito questo mondiale di ciclismo, sarai in grado di asfaltare (o lastricare) le migliaia di pericolosissime buche che ci sono nelle strade della mia amata città. Grazie dell’attenzione.

La risposta del rottamatore non si è fatta attendere.

Con tutti i limiti e i problemi che abbiamo avuto, le buche che abbiamo coperto in questi anni non hanno avuto paragoni rispetto ai 40 anni precedenti. Chi sta a Firenze sa che in questi quattro anni abbiamo compiuto il più grande sforzo di manutenzione delle strade mai realizzato. C’è ancora da fare e nei prossimi sei mesi gli interventi sulla manutenzione stradale saranno numerosi”.

Read Full Post »

Alba sicula

Armando Carrubba

a cura di Armando Carruba

Unni spunta ‘u suli ‘a matina?

di Angela SACCONE

.

Unni spunta ‘u suli ‘a matina?
ddo’ livanti spunta certamenti,
quarìa ‘a terra, l’aria è fina
‘n celu acchiana lentamenti.
‘U viru spuntari da me’ casuzza
supra ‘i muntagni ‘mmenzu a vigni.
‘u campu è granni, l’aria frisca
sta biddizza ‘i unni vinni?
imagesCAO8JOP0Chista è ‘a terra c’haiu ‘ntò cori
duci, bedda e china d’amuri,
senza duluri e mancu lamenti
senza tristizza e patimenti
travagghiu senza malincunia
ma ccu piaciri e maistria.
Ca! canusciu di nicaredda
l’amuri ppi sta vita bedda
Ca! mi vogghiu maritari
ppi famigghia e figghi aviri,
ssi tuttu chistu nun si po’ avvirari
stu mé travagghiu cco’ fazzu a fari?

Read Full Post »

Treni/5 La Caldaia I

caldaia

(altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: