Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 2 settembre 2013

«L’isola pedonale quotidiana penalizza i negozianti a Milena»

di c. l.)

.

4Nel periodo estivo la Via Nazionale, una delle arterie più trafficate del centro storico del paese delle “robbe”, viene chiusa al traffico. Un provvedimento che l’amministrazione comunale ha motivato col fatto che, con l’arrivo della bella stagione, i cittadini hanno bisogno di una strada in cui poter liberamente e serenamente passeggiare senza dover fare i conti con auto e motorini vari. Inoltre in periodo estivo Milena si popola di tanti emigrati e ci sono diversi spettacoli del cartellone di “Milena Estate”.

Tuttavia, se questa soluzione fa la gioia di tanti milocchesi, scontenta alcuni operatori commerciali della zona, principalmente baristi e ristoratori.

Quest’anno la chiusura al traffico è stata disposta dal 13 luglio all’8 settembre in concomitanza con il rientro per ferie degli emigrati e lo svolgimento delle manifestazioni nell’ambito della Estate 2013. Alcuni esercenti hanno però lamentato il fatto che, a loro modo di vedere, solo quando ci sono manifestazioni o spettacoli si registrerebbe la reale esigenza di una chiusura al traffico della Via Nazionale, mentre quando ciò non si verifica, il traffico verrebbe chiuso creando disagi per i lavoratori del commercio secondo cui si scoraggerebbe chi avrebbe intenzione di frequentare i loro locali dovendo gli stessi parcheggiare ad una certa distanza.

VITELLARO

VITELLARO

Da qui la proposta degli stessi operatori: se il picco di affluenza degli emigrati si registra nei primi 20 giorni di agosto, perché chiudere al traffico la Via Nazionale per 58 giorni? Non sarebbe più opportuno ridurre la chiusura al traffico dell’arteria viaria solo nei periodi di effettiva affluenza consentendo, negli altri periodi estivi, nei quali tale affluenza non si registra, il ritorno alla normalità?

Considerazioni ritenute legittime da parte degli operatori il cui auspicio è che il sindaco possa in qualche modo venire loro incontro valutando la possibilità di una eventuale modifica del provvedimento di chiusura al traffico riducendone la durata.

Pubblicità

Read Full Post »

Donna di Gela ricoverata a Enna

Affetta dalla sindrome della mucca pazza

.

imagesCAZ1OTV4Un ceppo della sindrome della mucca pazza ha colpito una donna di Gela.

L’amara scoperta per la donna è giunta qualche giorno fa quando presso l’ospedale «Umberto I» di Enna, dopo mirati accertamenti da parte dei medici, è stata diagnosticata la sindrome di Creutzfeldt-Jacob (Mcj), meglio conosciuta come la sindrome della mucca pazza.
Una patologia che ha colpito il sistema neurologico della paziente che per quasi un mese è stata sottoposta ad indagini diagnostiche fino a quando al marito i medici hanno potuto far altro che comunicare l’agghiacciante verità.
La donna, secondo i referti medici, è affetta dalla sindrome della mucca pazza, quindi per lei adesso inizieranno le prime difficoltà neurologiche.

imagesCADJEUGHLa donna è stata dimessa dall’ospedale del quartiere Sant’Anna qualche giorno fa ed ora è il marito che si sta prendendo direttamente cura di lei, nella loro abitazione di Piazza Armerina. L’uomo, peraltro, è un medico gelese che svolge servizio all’Asp di Caltanissetta.
Le condizioni di salute della donna attualmente non sono pessime, anche se il quadro clinico potrebbe degenerare come si è verificato in passato per casi analoghi. Secondo l’enciclopedia medica, infatti, la sindrome di Creutzfeldt-Jacob degenera facilmente in meno di dodici mesi e le conseguenze possono essere devastanti.

Read Full Post »

I dubbi del non più giovane Verdi sulla nomina a senatore a vita

.

imagesCADZMBRPVerdi partecipò attivamente alla vita pubblica del suo tempo. Fu membro del primo parlamento del Regno d’Italia (1861-1865), eletto come Deputato nel Collegio di Borgo San Donnino, l’attuale Fidenza ed anche consigliere provinciale di Piacenza. Era un patriota convinto, anche se nell’ultima parte della sua vita traspare, dall’epistolario e dalle testimonianze dei suoi contemporanei, disillusione e disincanto.

In epoca monarchica, nel Senato della Repubblica sedette anche Giuseppe Verdi nominato senatore a vita nel 1874. E andò in crisi. Scriveva infatti alla contessa Clarina Maffei:

“Ma, a dirla qui fra di noi, non era meglio che un altro andasse ad occupare quel posto? Cosa ho fatto io? Non so che dire; o per dir meglio, dirò che è un grande imbarazzo per me, e non giova a nessuno. Se altri mi sentissero direbbero che sono scortese e ingrato”.

Ma erano altre epoche e altri uomini.

Verdi morì a Milano in un appartamento dove era solito alloggiare dal 1872 al Grand Hotel et De Milan alle 2:50 del 27 gennaio 1901, a 87 anni. Era venuto nella città lombarda per trascorrervi l’inverno, come faceva da tempo. Colto da malore, spirò dopo sei giorni di agonia. Nei giorni che precedettero la morte di Verdi, via Manzoni e le strade circostanti vennero cosparse di paglia affinché lo scalpitio dei cavalli e il rumore delle carrozze non ne disturbassero il riposo. Il Maestro lasciò istruzioni per i suoi funerali: si sarebbero dovuti svolgere all’alba, o al tramonto, senza sfarzo né musica. Volle esequie semplici, come semplice era sempre stata la sua vita. Le ultime volontà del compositore vennero rispettate, ma non meno di centomila persone seguirono in silenzio il feretro.  Venne sepolto a Milano presso la Casa di Riposo per i Musicisti che lui stesso istituì.

In grigio testo tratto da wikipedia

Read Full Post »

Monito della Russia: Guarda che con me non attacca! 

1qwwwvvdi Roberto Mangosi

.

Gli Usa proprio non sanno resistere alla tentazione di bombardare.

Magari poche bombe, per pochi giorni, ma il bisogno è irresistibile.


Cari americani, il terrorismo limitato è conveniente

Attilio Doni
.
imagesCADCG42WCari americani, in fondo non è malvagia l’idea di fare del terrorismo limitato. Uno stato fa ciò che conviene, a prescindere dalla sua giustezza. Non è sempre stato così?
Una quantità limitata di bombe devastanti sul territorio siriano, sortiranno il loro effetto.
Terrorizzeranno ancor di più i civili, soprattutto i bambini già terrorizzati, devasteranno ancor più il territorio già devastato, ammazzeranno un numero (limitato) di persone a causa degli inevitabili effetti collaterali (limitati), e questo indurrà Assad, in pena per il suo popolo, a pentirsi amaramente d’aver fatto uso d’armi chimiche (sempre che sia vero), e a promettere che non lo farà mai più, mai più.
Ma il terrorismo limitato ha anche un altro vantaggio: non mette a repentaglio la vita dei vostri soldati:  non vedrete rientrare militari nelle bare. Inoltre la reazione delle nazioni contrarie al vostro intervento, pure sarà limitato.
Certo, conviene anche facciate ogni sforzo per dare ad intendere alla gente che fate ciò che è giusto, e non ciò che vi conviene.

Read Full Post »

Con l’attenzione selettiva il tuo cervello ha il potere di ingannarti

Non è così come pare

.

cervelloQuando guardi l’immagine a fianco, infatti è PROVATO che il 99% degli uomini, ad un primo sguardo, non pensa subito ad un semplice divano, ma a ben altro: al lato B della donna.

Perché? E’ tutta questione di “cosa sei stato programmato a vedere”

Questo dimostra che il cervello utilizza quella che in gergo si chiama… “Attenzione selettiva”

Ovvero il cervello NOTA ciò che è programmato per notare, e NON NOTA ciò che non è programmato per notare. Dunque vale la pena chiedersi:

illusione

QUANDO LE APPARENZE… INGANNANO!!!

– cosa ti hanno PROGRAMMATO a vedere e cosa a NON vedere?
– quante opportunità non stai vedendo ora, che sono proprio sotto i tuoi occhi?
– Sei proprio sicuro che il mondo, come lo conosci, sia la realtà? Sei sicuro che stare bene finanziariamente sia difficile? O che sia difficile trovare l’anima gemella? O che sia faticoso stare in forma?

Come far lavorare il tuo cervello come un alleato verso la realizzazione dei tuoi desideri. Il cervello, addirittura più dei muscoli, si può allenare.

Oggi un esclusivo documentario svela i 3 pattern tipici della mente delle persone di successo di tutto il mondo, trovati dopo una ricerca ventennale.

(altro…)

Read Full Post »

ABOLIZIONE DELL’IMU

imagesCAUFDBTSPiù giusto rendere la tassa “facoltativa”

di Albino Pillon

.

L’abolizione dell’Imu è un errore.

Con più coraggio sarebbe stato sufficiente rendere la tassa non obbligatoria in modo da dare la possibilità ai vari Epifani, Monti, Fassina, Saccomanni e ai loro sostenitori di far valere la propria coerenza politica versando volontariamente la loro parte di Imu.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: