Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 7 dicembre 2011

Ministri e politici fanno finta di non capire…

Postato da: Bruno

.

CARI MINISTRI

non ci paragonate alla GERMANIA dove non si pagano le autostrade, i libri di testo per le scuole sono a carico dello stato sino al 18° anno d’eta’, il 90 % degli gli asili e nido sono aziendali e gratuiti e non ti chiedono 400/450 euro come gli asili statali italiani !!

IN FRANCIA
le donne possono evitare di andare a lavorare part time per racimolare qualche soldo indispensabile
in famiglia e percepiscono dallo stato un assegno di 500,00 euro al mese come casalinghe piu’ altri bonus in base al numero di figli .

IN FRANCIA
non pagano le accise sui carburanti delle campagne di napoleone, noi le paghiamo ancora per la guerra d’abissinia!!

NOI CHIEDIAMO A VOI POLITICI
che la smettiate di offendere la nostra intelligenza, il popolo italiano chiude 1 occhio, a volte 2, un orecchio e pure l’altro ma la corda che state tirando da troppo tempo si sta’ spezzando.

All’estero le frequenze televisive si pagano e non si regalano.
All’estero la tassa ci concessione annuale per le televisioni è 5 volte quella italiana.
All’estero le tasse tipo ICI le pagano tutti comprese le Chiese e le varie confessioni religiose.
All’estero se vuoi usare il SUV in città, poiché ingombrante e inquinante, devi pagare una tassa speciale.

BASTA COL FAVORIRE SEMPRE I SOLITI NOTI

LO STATO chiede di aumentare l’età delle pensioni perché in EUROPA tutti lo fanno.

NOI CHIEDIAMO IN CAMBIO:
di arrestare tutti i politici corrotti , di allontanare dai pubblici uffici tutti quelli condannati in via definitiva perché in EUROPA tutti lo fanno, o si dimettono da soli per evitare imbarazzanti figure.

NOI CHIEDIAMO
di dimezzare il numero di parlamentari perche’ in EUROPA nessun paese ha così tanti politici !!

NOI CHIEDIAMO
di diminuire in modo drastico gli stipendi e i privilegi a parlamentari e senatori, perché in EUROPA nessuno guadagna come loro.

NOI CHIEDIAMO
di poter esercitare il “mestiere” di politico al massimo per 2 legislature come in EUROPA tutti fanno !!

NOI CHIEDIAMO
di mettere un tetto massimo all’importo delle pensioni erogate dallo stato (anche retroattive), max. 5.000, 00 euro al mese di chiunque, politici e non, poiche’ in EUROPA nessuno percepisce 15/20 oppure 37.000,00 euro al mese di pensione come avviene in ITALIA

NOI CHIEDIAMO
di far pagare i medicinali visite specialistiche e cure mediche ai familiari dei politici poiche’ in EUROPA nessun familiare dei politici ne usufruisce come avviene invece in ITALIA dove con la scusa dell’immagine vengono addirittura messi a carico dello stato anche gli interventi di chirurgia estetica, cure balneotermali ed elioterapioche dei familiari dei nostri politici !!

Continua ……

Read Full Post »

The End

E’ finita! Come diceva il campeggiatore, è l’ora di togliere le The end.

 
.
 
 
Per l’Italia è la fine.
Vogliono farci credere di essere i nostri salvatori, invece sono i nostri carnefici.
 
La promessa di far pagare chi non ha mai pagato si è rivelata – come previsto – una grande bufala.
 
Pagheranno i più deboli e da sempre tartassati … 
sempre i soliti.
Ed il frutto della rapina se lo metteranno in tasca loro … 
sempre i soliti.
  

Read Full Post »

Fiorello e il profilattico

di Antonella De Gregorio

«Chiamatelo come vi pare, l’importante è che lo usiate». Polemico, irriverente, divertente, nell’ultima puntata del suo show, «Il più grande spettacolo dopo il weekend», Fiorello ha messo in scena un vero e proprio inno al profilattico.

Non solo lo ha nominato più volte – contro il diktat interno alla Rai che, in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids, il primo dicembre, aveva reso tabù il termine – ma ne ha fatto uso per gag esilaranti, ha incitato la platea a scandire in coro «Pro-fi-lat-ti-co» e ci ha fatto un rap con Jovanotti.

«E’ un errore sicuramente – ha spiegato Fiorello davanti al direttore di Raiuno, Mauro Mazza, riferendosi alla censura – Perché in Rai si può dire profilattico».

 E ancora: «Ma pensate che con questa cosa, facile facile, non si prendono le malattie. Non si prende l’Aids. Incredibile eh?». Il tono è ironico, l’argomento serio. E Fiorello ci scherza sopra, ma mette a fuoco l’essenziale: «Il profilattico salva la vita! E’ come il “Salva la vita Beghelli”. Potremmo chiamarlo “Salvalavita Pischelli”».

«CATTIVO GUSTO» – Non ha apprezzato Famiglia Cristiana. Che boccia il «finale di cattivo gusto».
GOLIARDIA RETRODATATA – «Trasformare la dialettica sull’Aids, sulla prevenzione, sui mali dell’Africa – si legge sul sito – in cori ridanciani, invitare il pubblico a sghignazzare, tirarla lunga con battute e allusioni, scivolare sul pruriginoso, questa non è trasgressione. È goliardia retrodatata, cattivo gusto. E mancanza di rispetto per le famiglie, a cominciare da quei tanti ragazzi che d’abitudine non seguono la tv ma accorrono quando c’è Fiorello. Che non sa di essere in cattedra e, per una volta che fa lezione, straparla».

«GRAZIE A FIORELLO» – Di tutt’altro tenore i commenti delle associazioni Nsp, Equality Italia e Gay Center, che ringraziano Fiorello e insieme a lui a Luciana Littizzetto, Roberto Benigni e Jovanotti.

Le performance di artisti che «hanno espresso il loro parere», parlando dell’uso del profilattico, «valgono ben più di centinaia di campagne d’informazione di prevenzione all’Aids e alle malattie sessualmente trasmissibili», sottolinea Rosaria Iardino, presidente di Nps e responsabile salute Equality Italia.

«Ora tutta la Rai – conclude – deve impegnarsi a fondo al tema di una corretta e diffusa informazione rispetto a questo tema, da anni colpevolmente dimenticato» «Il messaggio degli artisti arriva soprattutto ai giovani, fascia che di più ha bisogno d’informazione sul tema dell’Aids – ricorda Fabrizio Marrazzo portavoce del Gay Center -.

La citazione di Fiorello del preservativo come “Salvalavita Pischelli” è geniale – conclude – perché rimarrà come tormentone e permetterà a noi operatori sociali di veicolare un messaggio in modo scherzoso e diretto, utile a salvaguardare la salute di molti ragazzi».

Read Full Post »

Lo gnorri

Dilemma politico

 
di Elisa Merlo
 
.
 
Un signore che fino a ieri ha fatto parte di un governo grazie al quale i ricchi sono diventati più ricchi e i poveri più poveri, e oggi con angelico sorriso raccomanda al nuovo presidente del Consiglio che le misure contro la crisi non facciano pagare chi ha sempre pagato, è un figliuol prodigo, oppure un fariseo ipocrita?
 
 

Read Full Post »

IL PAPA ACCENDERÀ L’ALBERO DI NATALE PIÙ GRANDE DEL MONDO CON UN CLIC DAL SUO COMPUTER

da A sua immagine

.

Sarà il Papa ad accendere l’albero di Natale più grande del mondo.

Accadrà il 7 dicembre nella città di Gubbio ma la cosa straordinaria è che Benedetto XVI accenderà l’albero dalla sua abitazione in Vaticano.

Per l’evento il Papa userà il proprio tablet pc, premendo un pulsante virtuale collegato al meccanismo reale adibito all’accensione.
L’inizio della cerimonia è previsto per le 17.45.

Alle 18.30 il pontefice si connetterà in video conferenza con Gubbio per il suo intervento, un messaggio a tutti gli eugubini, tra cui vi saranno i volontari che da 30 anni si preoccupano di questo importante allestimento, che prenderà forma sul monte Ingino.

La sagoma luminosa dell’abete natalizio è disegnata da 260 punti luce e colorata all’interno da altre 270 lampade. La stella cometa è disegnata da 200 luci e si sviluppa su una superficie di mille metri quadrati, il tutto per un’altezza complessiva della creazione luminosa di 650 metri e una larghezza di 350.

Read Full Post »

COME CALCOLARE LA NUOVA ICI

 
di Marco Ratti

.

Bye bye Ici, arriva l’Imu. Abbandonata l’Imposta comunale sugli immobili, la novità 2012 si chiama Imposta municipale unica e graverà su tutti i proprietari di casa. Le aliquote saranno diverse a seconda che si tratti di residenza principale o di seconda abitazione. Inoltre, sempre in materia immobiliare, è stata prevista una rivalutazione degli estimi catastali del 60% circa. In tutto, le nuove imposte sulla casa dovrebbero valere una decina di miliardi di euro, su un totale di 30 miliardi di euro lordi (20 miliardi netti) della manovra approvata ieri dal Consiglio dei ministri. L’imposta sarà in vigore a partire dal 1° gennaio del prossimo anno, con un anticipo di due anni rispetto ai tempi previsti inizialmente.

[Tagli, tasse e lotta all’evasione: la manovra in pillole]

L’aliquota base è del 7,6 per mille, ma con differenze importanti in base al tipo di abitazione e alle scelte dell’ente locale. Per quanto riguarda le prime case, infatti, non si va oltre al 4 per mille e l’amministrazione può decidere di modificare questo valore facendolo scendere fino al 2 per mille. Inoltre, chi possiede una sola cosa, ha diritto anche a una detrazione “fino a concorrenza del suo ammontare” di 200 euro.

I comuni possono intervenire anche sulle aliquote previste per le seconde case. In questo caso, la manovra prevede la possibilità di aumentare o diminuire l’aliquota del 3 per mille: l’aliquota utilizzata per il calcolo dell’Imu sulle seconde case, dunque, può andare dal 4,6 al 10,6 per mille.

L’altra novità che va a incidere parecchio sul calcolo dell’Imu è il deciso aumento dei moltiplicatori del valore catastale. Fino ad ora, infatti, per ottenere il valore bisognava moltiplicare la rendita catastale per 100 per tutti i fabbricati appartenenti ai gruppi A, B e C, mentre ora si passa a 160. In altre parole, i nuovi moltiplicatori agiscono come una rivalutazione degli estimi catastali di circa il 60%.

(altro…)

Read Full Post »

CORO FAI DA TE

di C. B.

.

L’altra sera, presso la parrocchia Madonna della Luce, è stata celebrata una solenne liturgia eucaristica, in occasione della festività di Santa Cecilia, protettrice della musica e dei musicisti.

Il coro parrocchiale acquavivese si è adeguatamente preparato, come del resto fa abitualmente, in preparazione di solennità liturgiche, riservando un’attenzione particolare nella scelta dei brani da eseguire.

Un coro parrocchiale “fai da te”. C’è da dire che sono 25 i componenti del coro che, sotto la spinta ed il coordinamento del dinamico arciprete don Francesco Novara, attraverso questi incontri musicali accrescono il proprio bagaglio culturale, assai utile alla crescita sociale ed individuale. Coniugare, poi, un momento squisitamente religioso con un momento di aggregazione sociale, favorisce e stimola il piacere dello stare insieme.

La festa di Santa Cecilia, dunque, ha spezzato così il monotono ritmo della quotidianità che, nel paese delle circa mille anime, è maggiormente sentito. Basti pensare che ad Acquaviva, nel 2010, non c’è stata nessuna nascita e che, nel 2011 fino a tutt’oggi, solo tre bimbi sono venuti al mondo.

(altro…)

Read Full Post »

Ci scambiano per un’agenzia

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: