Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 1 dicembre 2011

Se lo conosci lo eviti, se lo eviti non ti uccide!

.

In Italia ogni tre ore c’e’ un nuovo contagio con il virus dell’Hiv.

.

3 mila i nuovi casi ogni anno, ci si infetta di piu’ al centro-nord rispetto al sud-isole e nel 2010 quasi una persona su tre diagnosticate come HIV positive e’ di nazionalita’ straniera.

I dati sono stati presentati al Ministero della Salute in occasione della presentazione delle iniziative per la giornata mondiale contro l’Aids che si svolgera’ il primo dicembre. Nel 2010 la maggioranza delle nuove infezioni e’ attribuibile a contatti sessuali non protetti, che costituiscono l’80,7% di tutte le segnalazioni.

Le persone che hanno scoperto di essere HIV positive nel 2010 hanno un’eta’ media di 39 anni, per i maschi e di 35 anni per le femmine. Oltre un terzo delle persone con una nuova diagnosi di HIV viene diagnosticato in fase avanzata di malattia, e presenta una rilevante compromissione del sistema immunitario. Queste persone che scoprono di essere HIV positive in ritardo hanno mediamente piu’ di 40 anni di eta’, hanno contratto l’infezione prevalentemente attraverso contatti eterosessuali, e sono piu’ spesso stranieri.

Le persone che ignorano di essere infette) e’ aumentato passando da 135.000 casi nel 2000 a 157.000 casi nel 2010, principalmente per effetto della maggiore sopravvivenza legata alle terapie antiretrovirali che comportano un aumento progressivo del numero delle persone viventi HIV positive.

Gli aspetti-chiave dell’infezione e della gestione del malato

di Giovanna Genovese

«Possibili strumenti per far emergere il sommerso attraverso strategie di offerta attiva al test Hiv; aderenza alla terapia antiretrovirale; valore intrinseco clinico e sociale e impatto sulla qualità di vita del paziente; infezione da Hiv nella popolazione immigrata, studio dei sottotipi virali.

Sono gli aspetti chiave dell’infezione da Hiv e della gestione del malato inseriti in progetti proposti in tutt’Italia da Università, ospedali, Irccs, Asl, Associazioni dei malati, società scientifiche e istituzioni che – come dice la dottoressa Barbara Ensoli, direttore del centro nazionale Aids dell’Istituto superiore di Sanità e vice presidente della commissione nazionale per la lotta contro l’Aids – rappresentano un aspetto interessante per incentivare la ricerca e per l’elevata probabilità di ottenere risultati scientifici rilevanti».

Analizziamoli dunque questi aspetti-chiave dell’infezione e partiamo dalle strategie di offerta attiva del test Hiv.

Barbara Ensoli

«Nel nostro Paese – dice la dottoressa Ensoli – i dati epidemiologici che emergono dalla sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da Hiv sottolineano la necessità di concentrare l’attenzione su alcuni gruppi di popolazione cosiddetta vulnerabile allo scopo di determinare la percentuale e le modalità di accesso ai test diagnostici. Solo attraverso l’acquisizione di queste informazioni preliminari è infatti possibile indirizzare una adeguata strategia di offerta attiva del test per la diagnosi di infezione da Hiv».

(altro…)

Read Full Post »

Il sorteggio degli anziani

UN’ALTRA GARA CON IL RIBASSO DEL 100% NELL’ERA DEL SINDACO VITELLARO, L’UNICO A GUADAGNARE QUASI 8.000 EURO ALLA FACCIA DI DUE DITTE CHE GIOCANO A SCORNARSI. UN’ALTRA PAGINA DEGNA DELLE MIGLIORI NOVELLE DI PIRANDELLO

.

Pirandellopolis, il paese delle gare “a perdere”

.

Il fatto che andiamo a commentare – anzi il fattaccio perchè non è una cosa nè bella nè morale quella di speculare sugli altri – è che anche quest’anno la pur doverosa gara tra due ditte che si contendono  l’assistenza agli anziani, è finita male, anzi malissimo a tutto svantaggio dei partecipanti, mentre senza arrossire l’amministrazione comunale incassa 7.818 euro riferiti agli oneri di gestione  parte dei quali, con un ribasso normale, sarebbero di spettanza delle ditte partecipanti.

Per la cronaca la gara tra l’uscente Luce del Sole di Calogero Venturelli e la contendente Milena Work è stata vinta da quest’ultima che, in quest’anno che non ha lavorato, ha cambiato il presidente: al posto di Salvatore Schillaci, il consigliere comunale, ora c’è una donna, la signorina Calogera Falcone.

Si ripte la farsa che da due anni fa ridere e rodere le persone per bene di Milena e dintorni che si domandano: ma è una cosa buona e giusta che un’amministrazione comunale incameri tutto il  legittimo guadagno che spetterebbe ad una ditta?

Le persone di buon senso continuano a chiedersi se non si possa preparare un bando diverso che eviti ribassi vergognosi del 100%e che preveda altri criteri di selezione di merito come pacchetti di iniziative diverse da offrire agli anziani da assistere da sottoporre ad una seria valutazione in modo da mettere fine a questa farsa pirandelliana che non fa onore al paese.

E, soprattutto, in modo da evitare che un domani si possa arrivare dalla farsa alla tragedia. Le persone per bene temono infatti che per l’avvenire le ditte che oggi si scornano al punto di rinunciare al 100% degli oneri di gestione un domani si stufino di ingrassare le casse comunali e per non farsi più fregare il loro legittimo guadagno da un sindaco che fa il finto tondo e gongola nell’incamerare qualche cosa che non è sua e che dovrebbe restare nel guadagno dei partecipanti, possano cercare e trovare rimedi anche poco ortodossi, qualcosache scivolerebbe sul piano dell’illegalità.

Qui se ne parla non per istigare a delinquere ma si vuole trattare in maniera scolastica la tematica con il fine di costringere chi di dovere ad una seria riflessione, a comportarsi bene e farla finita con lo sfruttamento dei lavoratori. Proviamo quindi, nell’attesa di un bando migliore legittimo e giusto, ad immaginare come i contendenti potrebbero fregare l’amministrazione e a non perdere il giusto guadagno.

Proviamo con un esempio: le ditta X potrebbe accordarsi con la ditta Y nel fare una identica offerta bassissima, tipo il ribasso dell’1% (invece di questo incredibile 100%), poniamo l’1%. Si arriverebbe quindi al sorteggio che determinerebbe la vincente. In questo caso il comune nella persona del suo legale rappresentante non ci guadagnerebbe niente. Quindi nel caso in ipotesi l’unico a perderci questa volta sarebbe il sindaco che non incasserebbe nessuna cifra sulle spalle dei lavoratori.

E degli anziani. Degli anziani perchè? Perchè probabilmente per recuperare i 7.818 euro a perderci qualcosa sarebbero solo loro.

E’ questo che si vuole? E’ queato che si permette? E’ questo che vuole l’amministrazione guidata dal sindaco Vitellaro che, sulla stampa – forse non capendo appieno la gravità di questo ribasso al 100% – pavoneggiandosi riesce a dichiararsi contento di potere incamerare per intero questa cifra con la scusa di potere fare altre cose utili al paese.

«Non posso che ritenermi soddisfatto – dichiarava alla stampa nel 2010 – anche perché, con i soldi risparmiati, potremo eventualmente utilizzarli per migliorare altri servizi».

Dimenticava e dimentica che non è giustificabile fare del bene con i soldi degli altri!

(altro…)

Read Full Post »

EquItalia

 

Equità anche nel tempo

 
di Veronica Tussi
.
 

L’equità nei provvedimenti contro la crisi, non riguarda anche i tempi?

Voglio dire: i sacrifici delle famiglie che stentano già a tirare avanti, saranno contemporanei ai sacrifici delle famiglie ricche?

In realtà, sarebbe più giusto, per una reale equità, che i sacrifici (se così potranno mai chiamarsi) dei ricchi precedessero quelli dei poveri.

Read Full Post »

Perchè non scrivono più leggibili le scadenze delle medicine?

Cosa c’è sotto?

Perchè fare rischiare un avvelenamento a chi ha problemi di vista?

Il nuovo governo faccia stampare la scadenza ben visibile almeno quanto il nome del prodotto 

Read Full Post »

Capita di vedere, anche nei film, la scritta Washington  D.C. Da un breve sondaggio risulta che il 90% sconosce il significato di  “D.C.” ecco il motivo di questo post.

 

Washington è la capitale degli Stati Uniti d’America.

Washington si trova sulla costa est degli Stati Uniti a circa 50 km dal mare, a sud dello stato del Maryland, a nord dello stato della Virginia e a 374 km circa a sud di New York City.

L’area metropolitana di Washington si riferisce al District of Columbia più 7 contee del Maryland (Anne Arundel, Calvert, Charles, Frederick, Howard, Montgomery e Prince George’s), 5 contee della Virginia (Arlington, Fairfax, Loudon, Prince William e Stafford) e 5 città autonome della Virginia (Alexandria, Fairfax, Falls Church, Manassas e Manassas Park).

Washington, nota anche come District of Columbia (D.C.), è la capitale degli Stati Uniti d’America, con una popolazione di 601.723 abitanti (5.582.170 abitanti nell’area metropolitana) coincidente col distretto federale previsto dalla Costituzione dell’Unione.

L’area metropolitana di Washington deborda dai confini del distretto, estendendosi anche su 7 contee del Maryland (Anne Arundel, Calvert, Charles, Frederick, Howard, Montgomery e Prince George’s), su 5 contee della Virginia (Arlington, Fairfax, Loudon, Prince William e Stafford) e su 5 città autonome dello stesso Stato (Alexandria, Fairfax, Falls Church, Manassas e Manassas Park). Gran parte dell’area è collegata da un servizio di metropolitana.

Hanno sede a Washington le principali istituzioni di governo degli Stati Uniti (Presidente, Congresso, Corte Suprema), molti ministeri ed enti federali, e alcune organizzazioni internazionali, tra cui la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e l’Organizzazione degli Stati Americani.

In origine, la città di Washington e il distretto di Columbia avevano personalità giuridiche distinte, ma nel 1871 il District of Columbia Organic Act deliberato dal Congresso dissolse tutte le previgenti autorità, inclusa la Città di Georgetown e la Contea di Washington, sottoponendo l’intero territorio dapprima ad un unico governatore di nomina presidenziale, e dal 1874 ad un triumvirato composto da due politici ed un ingegnere. Da quel momento, la Città di Washington e il Distretto di Columbia divennero la stessa entità.

(altro…)

Read Full Post »

Leggeri come fiocchi di neve…

LEGGERI COME FIOCCHI DI NEVE

di Carmen Di Lorenzo

.

Erano tempi di fiocchi di neve

la leggerezza danzava innocente

tra betulle e abeti

ai colori delle aurore, case rosse

di legno e camini accesi, risate bionde

e riccioli ribelli.

Il candido manto ai raggi del sole luccicava

e luccicavano le speranze e l’anima

al silenzioso silenzio che dominava la valle

della vita precedente.

Vita tanto lontana tanto che

se non fosse per la nenia e il canto

per la saga e la fata, sarebbe potuto essere

il sogno leggero del velo.

Poi

…..

il vuoto che precede il tuono

il cielo rovescia acqua e fango

sommergendo la spensieratezza passata.

(altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: