Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 7 dicembre 2008

lista-ssl-provenzano4RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Gruppo Consiliare
Solidarietà – Sviluppo – Legalità

Milena, 04.12.2008
OGGETTO : Procedura per la nomina del Difensore Civico.
Al Sig. Sindaco del Comune di Milena
Al Presidente del Consiglio Comunale
Via Rimembranza, 24  Milena

Vista la delibera di Consiglio Comunale del 25/11/08 nr.51 avente per OGGETTO: NOMINA DIFENSORE CIVICO;

Considerato che non è stato possibile procedere alla nomina del Difensore Civico per le motivazioni contenute nella delibera di C.C. sopracitata;

Considerato che la procedura relativa all’avviso cui fa riferimento la delibera di C.C. nr. 51 non ha prodotto alcun effetto.

Per quanto sopraesposto il sottoscritto capogruppo della lista Solidarietà-Sviluppo-Legalità

RITIENE

al fine di accelerare la procedura per la nomina del Difensore Civico, che si debba indire, senza alcun indugio, un nuovo avviso o tutto al più riaprire i termini per la presentazione di nuove istanze.

Pertanto, si invita, il Presidente del Consiglio Comunale ed il Sindaco, ciascuno per le proprie competenze, ad attivarsi in tal senso.

Il gruppo consiliare
Giovanni Randazzo, capogruppo

Annunci

Read Full Post »

180px-queen_of_montenegro

Milena Vukotic, regina del Montenegro

Milena del Montenegro fu la prima regina del Montenegro. Figlia di una famiglia che aveva larga influenza nell’area montenegrina, fu sposa a Nicola I del Montenegro. Dal matrimonio nacquero 12 figli, ben 9 femmine; di queste ultime 6 andarono in spose a famiglie reali o aristocratiche d’Europa permettendo l’accesso del Montenegro agli affari politici europei. Elena (1873-1952) sposò Vittorio Emanuele II. Milena non nascose la sua avversione all’abiura della religione ortodossa pronunciata dalla figlia Elena al fine di sposare con rito cattolico l’erede al trono italiano. Oggi, i resti della famiglia reale montenegrina si trovano a Cettigne, ex capitale del Montenegro.

Quindi il nome di Milena è stato un gentile omaggio alla suocera di Vittorio Emauele II o se preferite alla madre della regina Elena. Tutti conoscono il seguito della storia e l’alternarsi delle denominazioni del nostro giovane paese. Pochi ne sanno i perchè e le persone che ne furono i responsabili. Gradiremmo che qualche storico vero (che è quello che investiga i fatti e non si limita a raccontare storia) un giorno ce li faccia conoscere. Attualmente ci chiamiamo Milena come omaggio alla regina madre. In futuro, se democraticamente con  un referendum si verificassero le condizioni, potremmo ritornare a chiamarci “Milocca”; ma questa è solo una nostra opinione.

sar

S.A.R. SERGIO PRINCIPE DI JUGOSLAVIA

L’illustre ospite è giunto a Milena con qualche ora di ritardo, come si conviene ai personaggi celebri.  Il principe Sergio è stato ricevuto ufficialmente, nella sala Falcone Borsellino della biblioteca comunale, dalle Autorità religiose e civili, dai signori Consiglieri Comunali e dal Sindaco Giuseppe Vitellaro; il cui zio, prof. Antonio Vitellaro, ha rammentato la storica vicenda legata alla denominzione del nostro paese da Milocca a Milena. Non ha voluto mancare all’appuntamento il Presidente del Consiglio Provinciale, Michele Mancuso, che ha rivolto a SAR il Principe un caloroso benvenuto  accompagnandolo con un  appropiato intervento.

Dopo un breve tour turistico, il nobile Principe Sergio è stato invitato a pranzare presso una nota struttura locale, che ospita anziani, circondato dalla riverenza dei commensali che erano  noti esponenti di riguardo della comunità.

Al cronista dispiace annotare che non si siano trattenuti al principesco banchetto i consiglieri di minoranza e lo stesso presidente del consiglio provinciale ma, evidentemente, avevano altri e più importanti impegni.  Dispiace pure annotare che, forse per colpa dell’ora del pranzo, non ci sia stata quella cornice di folla che, normalmente, fa corona ai principi. Emanuele Filiberto docet.

(altro…)

Read Full Post »

Milena -  Scuola media L. Pirandello

Milena - Scuola media L. Pirandello

Alla Redazione di Milocca -Milena Libera

già ieri avevo in mente di scrivere qualcosa a proposito dell’allarmismo che avrebbe procurato l’articolo della redazione a proposito dei sopralluoghi e delle confidenze ricevute dai tecnici; non l’ho fatto solo perchè sopraggiunti impegni personali mi hanno impedito di mettermi alla tastiera ma puntuale ecco le paure che arrivano, così come temevo. Avrei voluto rilevare, lo faccio ora, come nell’articolo si faccia riferimento prima alla possibilità che le infiltrazioni possano mettere a rischio l’integrità di una parte della struttura scolastica (la cosiddetta confidenza) poi si definisce la scuola addirittura pericolante; la stessa cosa viene riportata sul giornale La Sicilia di oggi trascivendo ciò che è apparso su questo sito. Cara redazione, a fronte della volontà dichiarata di non diffondere panico sei riuscita nell’esatto contrario il momento in cui fai apparire le tue considerazioni personali (scuola pericolante) come facenti parte di quelle confidenze che i tecnici che hanno effettuato il sopralluogo ti hanno partecipato. Personalmente non so cosa sia scritto nel verbale di sopralluogo ma non sarebbe male procurarsi di dare le notizie (magari citando fonti ufficiali invece che semplici confidenze) distinguendole in maniera netta dalle ipotesi. Grazie per il servizio reso ma mi auguro che il catastrofismo di Meredith rimanga isolato, almeno fino a quando non sapremo qualcosa di più preciso …… auguri

———————————————————————————————

Caro Kenning, con questi chiari di luna e false ipocrisie non arriveremo mai da nessuna parte, figurati a realizzare il famoso, a parole, bene comune. La tua lettera però solleva un problema vero e attuale su alcuni limiti che la informazione seria e coscenziosa non dovrebbe superare.  A proposito di raccontare “verità” noi lo facciamo ogni giorno. Tu comincia ora.

Come fai a dire che siamo stati informati dai tecnici che hanno fatto il sopralluogo SE NON E’ ASSOLUTAMENTE VERO? Speriamo che te la sia inventata di sana pianta questa balla, ma scrivere bufale non è giusto.  Non  dovresti tirare in ballo persone “innocenti”, altre sono state le fonti. Che ci guadagni a fare intendere che questi professionisti avrebbero violato il loro segreto? Perchè crei  inutili polveroni? Ci siamo limitati a raccontare il vero. Non ti basta?  Noi siamo quelli che quando girava la notizia del fantasma e degli esorcisti venuti in paese per scacciare i demoni non ne abbiamo fatto cenno, per non procurare allarmismi inutili su fatti “da provare per credere”.  Noi siamo quelli che, saputo della  palestra bagnata e un vetro rotto, non ne abbiamo fatto alcun cenno. Ma davanti al rischio d’instabilità dell’edificio scolastico e ricordando i morti che ci sono stati (fatti veri) abbiamo ritenuto doveroso e giusto informare e dare la notizia ai cittadini, perchè i figli vengono prima d’ogni altra cosa, per non parlare della tutela della salute di chi lavora, vive e opera a scuola. Qual è il (tuo) problema? Continua a frequentarci e ci apprezzerai per quello che siamo non per quello che tu pensi – sbagliando – che noi saremmo. Milena Libera

——————————————————————————————-

Per i nostri bloggers.

Postiamo l’art. firmato da Roberto Mistretta – gornalista e scrittore coi fiocchi – che non ha copiato questo blog, ne ha solo fatto cenno per dovere di cronaca. Il serio giornalista non si è limitato a leggere il nostro blog, ma per serietà professionale, ha intervistato il sindaco, il quale parla -senza mezzi termini- di “voragine sotterranea di estensione indeterminata da verificare e di chiusura della palestra e di un’ala della scuola.

In seguito a questa lettura Kenning non avrebbe dovuto accusarci di allarmismo. Noi comunque rifiutiamo questa accusa e andiamo avanti. Comunicare senza problemi, è il nostro motto.

MILENA. Chiusa a scopo precauzionale la palestra e un’ala della scuola media “Luigi Pirandello” diretta dalla prof Valeria Vella, a seguito di un allagamento che potrebbe pregiudicarne la stabilità strutturale.
Conferma il sindaco Peppuccio Vitellaro: «In pratica s’è aperta una voragine nella zona esterna adiacente la palestra. La direzione scolastica ha informato l’amministrazione comunale e immediatamente abbiamo effettuato un  sopralluogo coi tecnici comunali. Ho anche chiesto l’intervento della Protezione civile al responsabile provinciale ing. Morgana e del Genio civile. Venerdì mattina è stato quindi effettuato questo sopralluogo congiunto ed è stata transennata la zona retrostante della palestra per evitare che i bambini
potessero continuare ad andare in quella zona. Abbiamo quindi redatto un verbale dove si specifica che si è ritenuto di chiudere cautelativamente la palestra e un’ala della scuola al fine di potere effettuare i saggi relativi alla verifica strutturale e all’entità delle infiltrazioni. L’altra ala però rimarrà aperta – continua il primo cittadino di Milena – e la dirigente scolastica sta verificando come potere sistemare gli studenti, circa 200, per evitare un loro trasferimento in altra struttura. La voragine in sé non è molto grande ma sotto si allarga come una caverna, da qui le nostre precauzioni a tutela e salvaguardia dei ragazzi e del personale scolastico tutto. Le infiltrazioni d’acqua ritengo che si siano originati da alcuni anni a questa parte ma essendo sotterranee non si notavano in superficie, adesso però il problema è venuto alla luce. Per altro erano già state presentate delle richieste all’assessorato per la messa in sicurezza della scuola media, ed alla luce di quanto accaduto, solleciteremo ufficialmente l’assessorato affinché dia la priorità a tali progetti, specie in un momento delicato come questo per quanto riguarda la sicurezza nelle scuole».

Di tale problematica si è anche occupato il blog milocca libera. «Oggi – scrive il curatore del blog – fonti credibili ci riferiscono di un via vai di tecnici e amministratori che si recano sul posto. Avrebbero riscontrato segni di infiltrazioni piovane che potrebbero mettere a serio rischio l’integrità della palestra e del versante est della scuola media “Luigi Pirandello”.
Pare che l’acqua si perda dai pozzetti e si diffonda sotto il pavimento della palestra. Di fronte al minimo rischio per gli studenti, i docenti e il personale della scuola, preferiamo che si chiuda la palestra e, se necessario, la parte della scuola pericolante. Niente vale di più della salute e della vita».
Da LA SCUOLA MEDIA «PIRANDELLO» DI MILENA ROBERTO MISTRETTA

Read Full Post »

CL - Prefettura / Provincia Regionale

CL - Prefettura / Provincia Regionale

DA CALTANISSETTA SPUNTI DI RIFLESSIONE  PER MILENA

Alla Provincia il Difensore lo vogliono così… E’ stato emesso dalla Provincia Regionale di Caltanissetta il bando per l’elezione del nuovo difensore civico dell’Ente.

Dovrà essere scelto tra i cittadini aventi i requisiti di eleggibilità a consigliere provinciale, residente nel territorio provinciale da almeno 5 anni, in possesso di laurea in Giurisprudenza o equipollente.

Le candidature dovranno essere suffragate da almeno cinquecento firme dei cittadini elettori della provincia, autenticate nei modi di legge, e dovranno essere accompagnate da dettagliati curricula.

Al difensore civico spetta un compenso fissato nella misura del 50% dell’indennità di carica prevista per il presidente della Provincia, nonché il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate per l’espletamento delle funzioni inerenti alla carica.

Le istanze, debitamente sottoscritte, con allegata fotocopia del documento d’identità, corredate dai curricula e dalle firme autenticate dei sottoscrittori, dovranno pervenire, a pena di esclusione, entro e non oltre le ore 11,30 del trentesimo giorno successivo alla pubblicazione del bando all’Albo pretorio della Provincia, avvenuta in data 28 novembre 2008, e quindi entro le ore 11,30 di lunedì 29 dicembre 2008 (cadendo il trentesimo giorno di domenica); dette istanze dovranno essere contenute in busta chiusa e sigillata ed indirizzate alla Provincia Regionale di Caltanissetta, Viale Regina Margherita, 28, con espressa dicitura: “Elezione del Difensore Civico”. La mancata dicitura di cui sopra, la mancanza della sottoscrizione dell’istanza e delle sottoscrizioni autenticate degli elettori comporteranno l’esclusione.

Il bando è stato trasmesso ai Comuni della provincia per la pubblicazione ed è inoltre consultabile sul sito dell’Ente www.provincia.cl.it/

Read Full Post »

San Marco

San Marco

"San Giovanni Battista" - Olio su tela, cm 185x114  El Escorial, monastero (Sala Capitolare)

Tiziano Vecellio: "San Giovanni Battista"

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 1,1-8.

Come è scritto nel profeta Isaia: Ecco, io mando il mio messaggero davanti a te, egli ti preparerà la strada.

Voce di uno che grida nel deserto: preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri, si presentò Giovanni a battezzare nel deserto, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.

Accorreva a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.

Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, si cibava di locuste e miele selvatico e predicava: «Dopo di me viene uno che è più forte di me e al quale io non son degno di chinarmi per sciogliere i legacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzati con acqua, ma egli vi battezzerà con lo Spirito Santo».

(altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: