Feeds:
Articoli
Commenti

romaPazze Idee?

.

Ai tempi dell’antica Roma, dire: “Civis Romanus Sum”, essere cioé cittadino romano, costituiva motivo di vanto e orgoglio; e il fatto incuteva rispetto: guai a toccarne uno!

Oggi non ci si può vantare di dirsi: “Sono Cittadino Italiano” perché ormai abbiamo perso ogni residuo di dignità, “grazie” ai miserandi governanti di questa sfortunata Repubblica; nel caso particolare a quelli attuali (Monti-Letta-Renzi) che hanno abbandonato in barbaro suolo indiano da oltre due anni i due marò connazionali .

imagesRR4F6BANSe da soli non ce la facciamo a farli rispettare e tornare in patria, allora proviamo a farci venire qualche buona idea, almeno. Come questa, per esempio, di far prendere la cittadinanza americana o inglese ai due marò. Scommettiamo che gli Indiani la finirebbero di fare gli indiani e li rilascerebbero immediatamente, con tanto di scuse?

Oppure come quest’altra di bello scambio ad alti livelli: potremmo far prendere il posto dei due marò prigionieri in India alla coppia presidenziale Napolitano – Renzi fino a quando non finirà il processo ai due militari; uno dei quali ieri ha avuto un’ischemia cerebrale: cosa aspettiamo, che ci perdano la salute o, peggio ancora, ci lascino le penne?

P.S. I due presidenti citati potrebbero alternarsi con quelli di Senato e Camera Grasso – Boldrini… e così elencando, pescando via via delle coppie tra i così detti “onorevoli”: facciano un paio alla volta un bel viaggio in India, purché siano immediatamente rilasciati i due marò che verrebbero processati da una corte di un paese “civile”.

P.S. bis. Prima di Napolitano e Renzi, toccherebbe fare da ostaggi ai barbari indiani, alla coppia Monti e Letta.

 «Ma a Milena è in vigore la Tarsu oppure la Tares?»

c. l.)

.

 

INGRASCI’, PROVENZANO. PALUMBO, VIRCIGLIO, PELLEGRINO

INGRASCI’, PROVENZANO. PALUMBO, VIRCIGLIO, PELLEGRINO

Nel Comune è in vigore il regime di tassazione Tarsu o Tares?

Se vige il regime Tares, come mai l’amministrazione comunale non ha applicato la deroga a tale regime reintroducendo, per l’anno 2013, il regime Tarsu così come previsto dalla normativa vigente e così come hanno fatto la stragrande maggioranza dei Comuni del comprensorio?

Se invece vige il regime Tarsu, come mai l’amministrazione, pur avendone facoltà di legge, ha preferito aumentare la tariffa, a danno dei cittadini, anziché intervenire per la copertura dei costi del servizio con somme a carico del bilancio comunale derivanti della fiscalità generale del Comune?

Quale è l’ l’importo reale, riferito all’anno 2013, dell’ammontare complessivo del costo relativo al nostro Comune dalle risultanze dell’Ato Cl1?

Sono state queste le domande che il gruppo consiliare di minoranza ha posto al sindaco in una interrogazione.

taresIl sindaco Vitellaro in consiglio ha risposto: «Nella determinazione del costo dell’immondizia si sono presi in considerazione la quantificazione fatta dall’Ato Cl1 in base al progetto presentato dallo stesso e la discriminazione della quota che va allo Stato e alla Provincia. Il costo del servizio, con la vecchia Tares, gravava sui cittadini». Nel corso della discussione è anche intervenuto il responsabile dell’area finanziaria del Comune che ha evidenziato: «Il costo del servizio è a totale carico dei cittadini; si sono registrate entrate per 410 mila euro». Il sindaco ha detto che si sta definendo il regolamento per la Iuc ponendo particolare attenzione alle persone sole, ai residenti all’estero e categorie disagiate.

Il Consigliere Palumbo lamenta che a un documento presentato in merito non è stata data risposta e chiede che gli venga data risposta.

.

LEGGI IL  VERBALE ORIGINALE

Continua a leggere »

Un po’ di RELAX

abc.

Qual è la frase giusta?

  1. “E’ la terza volta che chiamo il conto al cameriere”.

  2. “Il nostro maestro ha una preferenza per Giovanni”.

-

Soluzione

Continua a leggere »

imagesDJE437MDImpegno di spesa per la posta

.
Il Comune, dovendo impegnare le somme necessarie per consentire la spedizione della corrispondenza ufficiale, avvalendosi di un conto di credito per l’affrancatura della posta ordinaria e raccomandata, regolarmente aperto da diversi anni presso il locale Ufficio Postale, ha assunto l’impegno di spesa per consentire la gestione della corrispondenza per il 2014.

L’impegno ammonta a 500 euro.

-

imagesYSRSW0PAEconomia di spesa per la mensa scolastica di 2 anni

.
L’amministrazione comunale di Milena, guidata dal sindaco Vitellaro, ha definito quelle che sono risultate le economie di spesa riferite al 2013 e al 2014 per quanto concerne il servizio di mensa scolastica.

Tali economie di spesa ammontano a 2.126 euro per il 2013 e a 9.573 euro per il 2014, per un totale di 11.699 euro.

—————–

22,30

Alle 22:30 del 2 settembre 2014

Sepolti dai documenti

 Importante conservare i documenti

Gaetano Bonaventura

untitledSiamo sommersi dalla carte.

Documenti fiscali, bollette, ricevute, scontrini, contratti di lavoro, dichiarazioni dei redditi, multe, fatture, è chi più ne ha più ne metta…Bravo chi riesce a tenerli tutti in ordine e a raccapezzarcisi quando serve ritrovare il documento giusto al momento giusto! Questioni di organizzazione, certo, ma per non appesantire troppo cassette armadi anche un bel repulisti può essere utile. Perché anche i documenti, dopo un po’ di tempo, scadono e diventa inutile tenerli a casa.

Scontrini. Partiamo dai semplici scontrini: in linea generale, vanno conservate 24 mesi dall’emissione tutti gli scontrini relativi all’acquisto di quei beni per i quali sia possibile richiedere la garanzia. Altri scontrini da tenere sono quelle delle spese mediche, in vista della dichiarazione dei redditi. Stesso discorso  per le ricevute di pagamento di una certa entità. Il fisco potrebbe chiederci conto di spese occasionali significative. In ogni caso, val la pena archiviare gli scontrini “più importanti”fotocopiando o scansionandoli, perché la carte chimica tende a sbiadire.

Dichiarazioni dei redditi: Sono i principali documenti fiscali, quindi è il caso si tenerli ben custoditi. Il fisco ha tempo fino al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione per contestarla o chiedere chiarimenti. Ma nel caso si sia provveduto a fare opere di ristrutturazione edilizia e si sia chiesto il recupero delle percentuale stabilità dalla legge, bisogna conservare la dichiarazione per dieci anni.

imagesT18F54L4Ici e IMU. Le ricevute delle tasse sulla casa vanno messe da parte per cinque anni: è questo il lasso di tempo in cui il fisco può fare controllo su queste imposte che riguardano gli immobili di proprietà.

Multe. Dipende chi vi ha multato. Se l’infrazione è stata rilevata da carabinieri o polizia stradale dovete custodire la ricevuta per almeno cinque anni, mentre basteranno due per le violazioni accertate dalla polizia municipale. Per queste ultime, tuttavia, vale la data dell’iscrizione a ruolo della multa, non quella dell’infrazione.

Bollo auto. Tre anni è il tempo che
la Regione si riserva per accertare il pagamento del bollo auto, ma è sempre meglio tenersi larghi e conservare bolli e ricevute anche più a lungo.

Cinque anni. Quando si ha a che fare con le spese della casa, la questione è semplice: vale la regola dei cinque anni. Infatti vanno archiviate per cinque anni le ricevute del pagamento del mutuo; le bollette delle diverse utenze (telefono, gas, acqua, luce); le ricevute delle spese condominiali; le ricevute del canone di affitto.

 

L’EURODEPUTATO AZZURRO CICU, ELETTO NEL COLLEGIO SICILIA-SARDEGNA, OPTA PER LA VECCHIA POLITICA DEI ‘COMPARI’. CRITICO MICHELE MANCUSO: “SEGNALE NON POSITIVO PER I GIOVANI”

LinkSicilia

.

Pippo Fallica

Pippo Fallica

L’eurodeputato azzurro eletto nel collegio Sicilia-Sardegna, Salvatore Cicu, chi si ‘carrozzìa’ tra Bruxelles e Strasburgo? Pippo Fallica, già parlamentare nazionale, già braccio destro di Gianfranco Miccichè.

La nomina di Fallica in versione ‘europa’ non piace al vice coordinatore regionale di Forza Italia, Michele Mancuso che così commenta: “Prendiamone atto, ma non lamentiamoci quando la gente comune prende le distanze dalla politica, quando diserta le urne, quando pur di cambiare vota chiunque purché contro”.

Michele Mancuso

Michele Mancuso

Quindi la stoccata diretta proprio a Fallica: “A mio avviso accettare un ruolo del genere è stata una scelta infelice oltre che un segnale non positivo. Immaginate i tanti giovani laureati siciliani che sensazione proveranno a sentirsi Italiani in Europa dopo aver letto di nomine come queste. Altro che lingue straniere!”.

“Forza Italia è un grande partito con una classe dirigente brillante che saprà certamente avviare un serio dibattito all’insegna dei tempi”, dice Mancuso, quasi per consolarsi. Quindi, rivolgendosi a Fallica. conclude: “Per cominciare, sarebbe il caso di dimettersi da responsabile degli enti locali del partito e lasciare spazio a figure superpartes”.

Continua a leggere »

XIII Giornate della Memoria

.

Giornate-della-Memoria-Mussomeli-2014-235x325Dal 4 al 6 settembre tornano “Le giornate della memoria” arrivate all’edizione numero tredici.

L’iniziativa, ideata e coordinata da Francesco Paolo Amico, comincerà il 4 settembre al Palazzo Sgadari, con il ricordo di tre esimi personaggi: monsignor Giovanni Spinnato, in occasione del venticinquesimo anniversario della sua morte, padre Domenico Canalella, nel centenario della sua nascita e lo scrittore Paolo Giudici.

Il giorno seguente, nella sala Pierino Imperia della Bcc “San Giuseppe” verrà consegnato l’ottavo riconoscimento Ager Sicanius Mingoia Gervasi a don Salvatore Callari.

Ma di sicuro il momento più importante verrà toccato sabato 6 settembre, nella chiesa di Santa Maria, con il pomeriggio dedicato a Carmelina Pellitteri, “uno strumento luminoso di Dio a servizio degli altri” a cura di Rori Cigna. La focolarina, in odore di santità, morta 15 anni fa. In servizio presso l’Ospedale «Maria Immacolata Longo» di Mussomeli, Carmelina Pellitteri fu caposala della Pediatria, focolarina, cattolica praticante assai apprezzata ed amata dalla gente. Per suo desiderio, alla sua morte, le campane suonarono a festa.

Interverranno il sindaco Salvatore Calà, l’assessore Enzo Nucera, Rori Cigna del Movimento dei Focolari. Ed ancora previste le testimonianze di Zina Castronovo, Vincenzo Mistretta, Pippo Ardilio, Pierenzo Costanzo, don Pietro Genco, don Alfonso Incardona, don Salvatore Taffaro, don Sebastiano Lo Conte e Calogero Caltagirone della Lumsa.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 123 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: